Ci siamo persi Giulianone Ferrara come ministro della Sanità ma ciò non vuol dire che in tema di laicità e difesa di soggetti in perenne debito di diritti civili, come donne e gay, non dobbiamo farci mancare il meglio.
Il governo uscente, giusto per fare un po’ di terra bruciata dietro di sé, prima di lasciare il palazzo ha lanciato qualche Molotov: Visco con gli elenchi dei contribuenti e la Turco con la sospensione delle linee guida della legge vergogna 40 sulla fecondazione assistita, quella che ha fatto la fortuna dei centri contro la sterilità di Slovenia e Croazia.
Niente paura, come sottosegretaria al Welfare abbiamo Eugenia Roccella, la femminista convertita sulla via del damasco delle poltrone del potere clericale e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla Famiglia, è nientepopodimenoche Carlo Giovanardi, quello che parla come un Guccini in versione reazionaria.
Assieme, i due strenui difensori della vita stanno già pensando di ri-vietare la diagnosi pre-impianto eliminata dalla Turco. Perchè eliminare la talassemia, che è una malattia così interessante? E se poi il bambino nasce deforme o condannato ad una vita di patimenti, che bello, siamo tanto contenti.
Per sicurezza, Mara la venere-ministro dalle gambe pelose veglierà affinchè le pari opportunità non finiscano per sbaglio dalle parti di gay e lesbiche ma rimangano appannaggio di vallette e veline con un grande futuro dietro le spalle.

Se è vero che la mamma dei cretini è sempre incinta da oggi viene introdotto per lei il divieto di aborto. Perchè di cretini non dobbiamo perdercene nemmeno più uno.

Bonus track: per rilassare la tensione dopo certe notizie, cosa c’è di meglio di un pezzo delle L7? Per esempio “Shitlist”?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!