Che ci piaccia o no, è come ci definiscono all’estero. Basta andare a Como Brogeda o a Ventimiglia. E’ la biscia razzista che si rivolta al ciarlatano.
Non gliene frega niente all’americano o al tedesco se siamo nati in terra Padana e facciamo gli schifiltosi con i “terùn”, trattandoli da parenti poveri.
Bresciani, bergamaschi di sopra e di sotto, lumbard assortiti, piemuntès, veneti, furlàn, emiliani, valdostani, trentingrana e sudtirolervolkspartei, finiscono tutti nel calderone.

Mafiosi e terroni, nell’immaginario collettivo internazionale, lo siamo tutti, basta che la nostra auto sia targata “I”. A volte possiamo diventare più affettuosamente mangiaspaghetti, impastapizza, pizza&manduline o broccolino ma la sostanza non cambia. Alla fine saltano sempre fuori i cannoli. Italiani mafiosi.

L’immagine della pupa con boss si riferisce alla famosa serie televisiva “I Soprano” che narra le gesta di una famigghia tipo dell’universo mafioso italoamericano. Grande successo, soprattutto tra i WASP imperiali, ovvero i white americans, coloro per i quali siamo gentaglia appena superiore agli ispanici e un gradino sopra ai neri. Forse ce la giochiamo con polacchi e irlandesi ma non ne sono certa.
Come tutte le fiction sulla Mafia, anche “I Soprano” è un bel concentrato di stereotipi sugli impastapizza, ben peggiore de “Il Padrino”. Eppure, se qualcuno andasse in tv negli Stati Uniti a dire che la realtà dei Soprano non esiste, cioè che la Mafia non esiste e che la serie tv è lesiva della reputazione degli italiani e quindi andrebbe cancellata, penso che sarebbe preso per matto. How do you say “T.S.O.”, man?

Capisco che a qualcuno dia fastidio un’altra celeberrima fiction particolarmente informata sui fatti come “La Piovra”. Avendola rivista tutta di recente – in DVD, per carità, che in televisione non passa più, nonostante sia stata una delle serie di maggior successo della RAI, mi sono resa conto che è uno spettacolo terribilmente angosciante e deprimente.
Nel post che scrissi un anno fa raccontavo pure di Silvio Berlusconi che aveva fatto di tutto per sabotarne le ultime serie, a suo tempo, spalleggiato dal regista italoforzuto Zeffirelli e utilizzando i medesimi argomenti di oggi: fiction lesiva della reputazione dell’Italia.

Vedete, si dà il fatto che soprattutto le serie dalla terza alla sesta raccontino come in una mappata di rognosissime centurie di Nostradamus, tutto ciò che siamo diventati ora, con una dovizia di particolari ed una puntualità di fatti impressionante. Manca solo la discesa in campo di Tano Cariddi e le leggi ad personam per farla franca ma la P2 c’è tutta. Del resto non potevamo pretendere che i pur quasi veggenti sceneggiatori della Piovra potessero immaginare un Tano che, dopo aver strangolato la moglie, non è punibile perchè coperto dal Lodo Alfano.

Tornando all’infamante accusa di essere mafiosi che si attacca come la pece a noi italiani. Visto chi ci rappresenta ultimamente – che non sarà mafioso ma si comporta come tale e dei mafiosi utilizza tutti gli argomenti tipici, compreso il “ma quando mai!” e il “non esiste”, personalmente non me la sento più da un pezzo di offendermi se uno straniero mi dà della mafiosa in quanto italiana. Posso cercare di distinguermi, dire che io non ho nulla a che fare con quella gente ma io sono io, la maggioranza degli italiani è innegabile sia follemente innamorata del modo di fare mafioso e si sia scelta un capo pericolosamente simile al boss dei Soprano. Tranne il sigaro, ovviamente, visto che non fuma.