Si erano fatti scudo persino di un innocente simbolo dell’infanzia dei quaranta-cinquantenni, il mite Topo Gigio, fatto passeggiare sulle spalle dei bravi (nel senso manzoniano) Bonaiuti e Fazio nel corso di una pantomima di presentazione della campagna di vaccinazione contro il virus-spauracchio H1N1. Fazio, il compare del ministro e marito della caporiona di Federfarma, Sacconi, non aveva giurato sui suoi figli che il vaccino era sicuro, aveva fatto di peggio. Aveva promesso addirittura di vaccinarli tutti. Questo nel momento in cui qualunque medico ti diceva di lasciar perdere questo vaccino realizzato in quattro e quattr’otto e potenzialmente affatto sicuro ma di limitarsi ad usare quello tradizionale stagionale.

Dopo averci scassato la minchia con l’influenza pandemica minaccia mondiale per mesi, avete notato che adesso, sui media prostituiti ai voleri del mercato, non si parla più di influenza suina? Non dovremmo essere nel pieno del famoso picco? Non dovremmo essere tutti a letto non in piacevole compagnia ma accasciati dal virus killer?
Nessuno si chiede dove cazzo è finita la pandemia? Siamo davvero così inscimuniti dai saldi e dai recenti bagordi natalizi da non renderci conto della buggeratura che ci hanno dato? E’ così difficile fare il passo successivo e chiedersi chi ci ha guadagnato e se per caso ci sono delle responsabilità governative in questo enorme spreco di denaro?
Perchè si parla di una cifra enorme: 184 milioni di euro spesi dal governo (a carico delle casse regionali) per una pandemia che non è mai arrivata. Va bene, direte voi, se la pandemia ci fosse stata il governo si sarebbe dimostrato previdente. Giustissimo. Però un conto è tenere alla salute dei cittadini e un altro firmare dei contratti capestro ad esclusivo vantaggio di quella moderna Grande Meretrice che è BigPharma. Il governo polacco, ad esempio, non ha fatto scorte di vaccini perchè non era abbastanza convinto della gravità della minaccia.

C’è un articolo pubblicato sul Fatto Quotidiano che parla dei costi italiani dell’operazione “influenza maiala” e delle milioni di dosi che sono rimaste inutilizzate e che finiranno probabilmente per andare a male. Descrive i contratti, gli accordi, i sospetti di favoritismi e soprattutto rafforza l’impressione che lo scassamento dei mesi scorsi sia stato parte di una grande operazione di marketing virale con l’aggravante di terrorismo a mezzo stampa e diffusione di notizie false e tendenziose.

Ed è qui che capisco sempre meno i miei connazionali. Quando si parla di Sanità pubblica si lamentano in continuazione che non funziona, che ci sono gli sprechi, che è tutta inefficienza, anche quando non è vero. Sempre pronti a maledire medici e infermiere se non scattano sull’attenti per ogni fisima soprattutto dei parenti dei malati.
Va bene che il popolo che ama farsi sodomizzare sempre più a fondo dai nani non saprà mai nulla di questa enorme truffa ed estorsione ai danni della Sanità pubblica, cioè di tutti noi, visto che nessun telegiornale e giornale servo gliela racconterà.
Però costerebbe troppo, a volte, tirare la cordicella e mettere in moto il cervello e farsi delle domande, anche le più semplici: “E la famosa influenza??? Ma non dovevano esserci migliaia di morti?” “I nostri soldi spesi per i vaccini dove sono finiti?”
Macchè, gli italiani non fanno e non faranno una piega.

Ciò che mi manda in bestia è che negli ospedali mancheranno i guanti di lattice e le traverse assorbenti per i letti dei vecchi perchè si sono dovute pagare 24 milioni di dosi di un vaccino inutile al doppio del prezzo normale e indovinate di chi sarà la colpa? Non del conflitto di interessi della moglie di Sacconi; non della remissività dei governi Berlusconi nei confronti delle voglie da ninfomane di BigPharma e nemmeno della sorte che ha sventato la pandemia.
Se mancheranno i pannoloni e staremo mesi in lista d’attesa per la mammografia sarà ancora colpa dei comunisti.

P.S. Non c’entra niente ma è una domanda che mi faccio dall’altra sera. Tutte le alte cariche dello Stato hanno condannato l’attentato mafioso al tribunale di Reggio Calabria. Il presidente Napolitano, il presidente Fini, la vicepresidente della Camera Bindi, il presidente della regione Loiero. Da Berlusconi, presidente incerottato del consiglio, nulla. Non pervenuto. Perchè?
Solo una curiosità.

P.S.2 Sono andata per curiosità, ancora, a cercare sul sito dell’antibufalaio ad honorem, Attivissimo, qualche notizia sulla bufala dell’H1N1. Nulla. Forse è solo questione di tempo. Attendo con ansia.

Annunci