Berlusconi tranquillizza e dice che non è Tangentopoli 2. Non è esatto, è una Tangentopoli con le mani sulle televisioni e la stampa per cui potrebbe sempre, volendolo, far credere di non esserlo alla massa di italiani che si bevono tutto purchè coli giù dal teleschermo. Scusate se è poco. Ancora una volta, la mala Pasqua a coloro che non hanno fatto fin dagli inizi, quando il berlusconismo era ancora un polipetto benigno, la legge sul conflitto di interessi.

Se questa non è Tangentopoli ne è comunque un’ottima imitazione. Sono già cadute un paio di testoline assai vicine al premier e c’è una Anemone’s List da 400 nomi sulla quale indagare. Non è un problema. Se ci sono dei sospetti di corruzione, bisogna solo lasciar lavorare i magistrati che decideranno, in base ai riscontri ed alle prove, se si tratta di 400 ladroni o di 400 onesti che ne usciranno con un bel non luogo a procedere.
L’aria che tira attorno al governo è abbastanza mefitica, però. Lo hanno già detto in molti ma giova ripeterlo. Quelli di allora rubavano per il partito, passando anche per fessacchiotti, questi della Casta o Cricca, dai primi riscontri, sembrano farlo per pura perversione personale, per la casa vista Colosseo, per l’appartamento in zona vip, per sistemare i figli, le cognate, i generi e i parenti tutti. Uno spaventoso magnamagna tra pochi eletti – in tutti i sensi. A botte di centinaia di migliaia di euro, alla faccia della crisi e degli operai in CIG che li votano.

L’unica differenza tra ora ed allora è che con la prima Tangentopoli non c’era nessuno che si permetteva di dire che le inchieste erano “una persecuzione giudiziaria”. Tutti erano dalla parte dei giudici perchè questo paese aveva ancora un minimo di senso di pudore e i ladri li sapeva ancora riconoscere.
In un decennio e passa i corrotti e i corruttori sono riusciti ad inculcare nella beoterìa che li vota, grazie alla fottutissima televisione, l’idea che i giudici non cerchino di ripulire dal marcio ma siano dei comunisti, dei politicizzati, dei matti, degli organismi geneticamente modificati, dei baccelloni alieni incaricati dal Lato Oscuro della Forza di eliminare dalla feccia della Terra il più grande imprenditore degli ultimi 150 milioni di anni.

Sarà questione di pelle ma io, a certi livelli, tra l’imprenditore e il giudice, scelgo il giudice. Non nego che vi siano delle mele marce anche nella magistratura come ovunque e difatti si sa che qualche giudice si è fatto ogni tanto corrompere, magari dallo stesso imprenditore. Però quando si pensa a gente come Falcone, Borsellino, a gente ancora oggi in prima fila contro giganti come ‘Ndrangheta, Sistema, Mafia e si sente dire che settori dello Stato, in combutta con i suddetti poteri mafiosi, hanno complottato per farli fuori, ti accorgi di quanto appoggio da parte della pubblica opinione, di tutti noi, abbiano bisogno e del rispetto che è loro dovuto. Quelli che ci hanno lasciato la pelle e quelli che continuano con impegno ad indagare sul malaffare di alto bordo, infischiandosene del “lei non sa chi sono io” abbaiato dai cani da rapina della Casta e dai cani da guardia dietro i grammofoni della stampa e delle televisioni.

Per questo i castamen vorrebbero imbavagliare la magistratura, la stampa giudiziaria – quella che racconta le loro malefatte e, già che ci sono, anche il web che informa, con una pura intimidazione in stile “io sono io e voi….”, soprattutto l’obbligo di rettifica.
Vogliono apporre una grande pietra tombale su ogni possibilità di smascherare le loro porcherie. Hanno perfino il coraggio di parlare di “diritto alla privacy” del cittadino, quando siamo tutti spiati meno loro. Io che vado a fare la spesa da anni nello stesso supermercato sono obbligata a passare la borsa sulla cassa perchè sono considerata una potenziale ladra di merendine, loro che maneggiano assegni in nero per centinaia di migliaia di euro e telefonano ai boss sussurrando “ma quanto mi ami”, vorrebbero l’impunità assoluta e guai a chi si azzarda a metterli in buca.

Questo schifo, questa protervia del malaffare dovrà finire prima o poi. La Legge Bavaglio non deve passare ed è dovere dell’Opposizione (scusate ma sto trattenendo il vomito) fare di tutto, e ho detto di tutto, per impedire che lo scempio venga compiuto nelle sedi istituzionali come il Parlamento. Qualunque cedimento sarà considerato connivenza, lo sappiano.
Poi ci sarebbe Napolitano che non dovrebbe firmarla, nella malaugurata ipotesi che passi, ma lì siamo veramente nelle mani di Dio.

Annunci