Ultimi aggiornamenti dal baraccone del Gran Circo Italia. Il nano malefico, con l’appoggio fondamentale dell’unico alleato fedele rimastogli, il mostro della palude padana, tenterà in ogni modo di dimostrare che Fini, il turpe traditore, è un corrotto perchè la sua donna ha avuto non si sa in che modo un appartamento a Montecarlo e il cognato si è accomodato in RAI riempiendosi il piatto più volte.
Praticamente, quello che movimentava attricette in RAI per telefono con i vari maggiordomi, perchè doveva ingraziarsi qualche deputato ancora vergine di corruzione, tenterà di convincere gli italiani che, oltre ad essere corrotto e corruttibile, Fini è anche schiavo della figa e nepotista. Ma và? Praticamente una mosca bianca nel PDL, uno scarafaggio sul tappeto bianco. L’unica pecora nera in un gregge di pecorelle candide come la neve.

Questo mentre lui, a proposito di edilizia, ha approfittato dell’ingenuità immobiliare di una marchesina orfana per portarle via la villa di inestimabile valore a prezzo stracciato. E colui che lo aiutò nell’impresa e lo conosce bene, un avvocato di trentadue che lui ne ha, ha spesso fatto intendere di tenerlo per le palle perchè “se mai dovesse parlare” del passato di questo signore…
Insomma, l’unico che detiene veramente il primato della rogna nel PDL si preoccupa di controllare lo stato igienico degli altri e di spulciarli a dovere sulla pubblica piazza. E non dimentichiamo che il vecchio confabulatore deve ancora spiegare a quei babbei che lo votano come ha fatto i soldi dall’oggi al domani, da semplice figlio di bancario e non da figlio di banchiere. Deve ancora raccontare dei suoi rapporti con Dell’Utri e Mangano e una certa Piovra e cosa ci facesse un capomafia nel suo giardino al posto del nanetto d’ordinanza. Giardino di quella stessa villa, en passant, estorta con l’inganno alla ricca orfanella.
Non basta. Il nano deve sciogliere ancora i dubbi che ci attanagliano su un suo possibile ruolo nella strategia della tensione degli anni 90, quella del famoso “patto”, dal quale lui, casualmente, ma proprio proprio per puro caso, ha tratto la sua fortuna politica che dura ormai da quasi un ventennio. Magari sono tutte chiacchiere da bar ma se uno si rifiuta di spiegare, come lui fa da anni, fa pensar male.
Le domande sui suoi rapporti con la Signora Piovra gliele rivolgeva insistentemente anche il tizio della palude, una volta, ma dopo il trauma e l’emiparesi, il poveretto pare aver smarrito anche la memoria. Quando si dice che ad uno gliele vanno tutte dritte. Al nano, s’intende.

Berlusconi potrà dare del cornuto a Fini quanto vuole, ma con quel palco da cervo che si ritrova da par suo ci vorrà tutto il bronzo di una fonderia per ricoprirsene la faccia. Ci riuscirà probabilmente, visto che l’opposizione, sempre all’epoca dei “patti di non belligeranza” gli promise che non gli avrebbe toccato le panzertelevisionen. Quelle che scatenerà contro il traditore e che faranno dire ai cornacchioni: “Povero Silvio!”

Annunci