A questo punto, se Calderoli chiedesse la castrazione chimica per il premier sarebbe solo un atto di pietà cristiana. Un intervento per Caritas di patria.

Abbiamo capito cos’è il famoso impedimento. E’ il perchè lo voglia a tutti i costi considerare legittimo che non si capisce.

Comunque vada a finire ci rimarrà il dubbio: Berlusconi se le trombava davvero o ce lo faceva solo credere?
Un altro dei misteri d’Italia.
Ho sentito ieri in TV uno psichiatra del PDL sostenere che in Berlusconi c’è appena appena un accenno di delirio di onnipotenza assieme ad un pizzico di depressione. A parte che a me pare più un delirio di impotenza ma, della compulsione a mentire e della confabulazione che mi dice, dotto’?
Abbiamo scoperto che le labbra a gommone stile scafista servono per andare a fare la spesa alla Caritas.
Tra due giorni Ruby compirà diciotto anni. Come regalo le toglieranno i pixel dagli occhi.
Immaginate Obama che telefona al capo dell’FBI intimandogli di rilasciare subito una minorenne portoricana fermata per furto e senza documenti “perchè è la nipote di Fidel Castro”. Sembra uno “Scary Movie” con Eddie Murphy e Leslie Nielsen, vero? Da noi è la realtà.

La D’Addario, che s’è sbattuta tutta la notte e ha rischiato pure la polmonite con le docce gelate, non ha avuto niente. Niente busta.
La scafista, solo per fare presenza, ha avuto (dice) settemila euro di elemosina, un gioiello di Damiani e, pare, un Audi. C’è un parametro illogico, direbbe il professor Cagnato.

Un giorno chiederanno ai bambini a scuola: “Chi sconfisse Silvio Berlusconi?” “Veronica Lario”.

Non dirò niente sul bunga bunga. Solo che, dopo averci privati del piacere di gridare “Forza Italia” allo stadio, ci sta togliendo pure quello di raccontare barzellette e forse tra un po’ anche quello di scopare.
“In casa mia entrano solo persone perbene”. Come disse accompagnando il nuovo stalliere nella scuderia.
Annunci