“Par condicio” di Edoardo Baraldi

Questi intolleranti burocrati imburrati sopra e sotto di dogmatismo di stampo servile hanno studiato psicologia. Sono arrivati alla lettera “e”: “effetto recenza”, quel meccanismo mnemonico grazie al quale la gente, fra una serie di cose ascoltate, ricorda meglio l’ultima. “Allora basta avere sempre l’ultima parola!” Gli è piaciuto talmente tanto che hanno chiuso il libro e lo hanno gettato nel fuoco. Non c’era bisogno d’altro.

Intolleranti e ripieni di certezze, quelle del padrone che gli tira gli ossi di bollito sotto il tavolo, appena qualcuno apre bocca e, secondo loro, non dice quello che il padrone vuole sentire, pretendono il “diritto di replica”.
Esso viene conculcato a forza nel campo della politica, dove il berlusconide rettiliano deve sempre avere diritto di replicare ai fatti con una bugia dell’immenso repertorio del nano, e in quello della religione e della morale, dove si segue il precetto cattolico oltranzista dell’abolizione del relativismo, ovvero dei diversi punti di vista.

Pensiamo se il diritto di replica diventasse legge e dovesse essere applicato come prassi in ogni frangente. Se, per esempio, quando si commemora la tragedia della Shoah, si dovesse dare il diritto di replica ai negazionisti. Assurdo, vero?
Oppure se fosse imposto nell’ambito della vita culturale.
Ogni volta che si rappresenta il “Don Giovanni” di Mozart saremmo obbligati, per par condicio, a mettere in scena anche un’opera di Antonio Salieri. In ogni museo, accanto ad un Caravaggio o Tintoretto, bisognerebbe appendere il disegno del figlio treenne del custode, oppure un’opera dei sommi pittori con la bocca e con il piede. Giusto per stemperare la Sindrome di Stendhal.
Nei licei, accanto allo studio del Manzoni e del Leopardi, i temi di Renzo Bossi e le poesie di Sandro Bondi.
Ogni volta che va in onda in tv un film di Kubrick, per par condicio e diritto di replica, un cinepanettone dei Vanzina a random.

E’ la mediocrità al potere, il trionfo del popolo dei sei meno-meno che il nano ha fatto assurgere a popolo della libertà (sua, di fare ciò che gli pare). Mediocrità giunta al successo con l’inganno, rosa dall’invidia verso la vera bravura e terrorizzata dal genio. Prigioniera di una gabbia di menzogna, che difende a spada tratta.. Mediocrità che, per sentirsi viva, ha bisogno dell’ultima parola. Mediocrità con la coscienza sporca che vive perennemente in un clima processuale dove, per carità, che l’avvocato possa replicare in difesa dell’imputato.
Mediocri ed intolleranti, hanno talmente paura che qualcuno, nel salotto di casa sua, ascoltando Beppino Englaro in televisione possa pensare “Però, povero padre e povera figlia, quanti anni di sofferenza. E’ giusto?”, che non ci dormono la notte.
Temono come la morte che il vero e profondo amore di Mina e Piergiorgio Welby, che ha oltrepassato la malattia e la morte, possa far pensare alla coppia davanti allo schermo: “Ma allora l’amore esiste, non è solo bunga bunga. E non c’è bisogno di essere ricchi, belli e stronzi per essere amati”.
Vogliono un popolo di nonpensanti, di ignoranti congeniti che possano mandar giù meglio la menzogna quotidiana servita su un piatto d’argento. Ma non passeranno.
Annunci