Il fatto è noto. “Rottamator” Renzi, il sindaco un po’ pieraccione di Firenze, è stato ad Arcore a parlare con il vecchio da rottamare – forse per un preventivo, e il piddì se n’è avuto per male. 
“O icché tu ci facevi ad Arcore, brutto sudicione?” ha strillato Bersani, come una moglie gelosa, al suo sindaco. 
“O Nini, mica ci sono andato per i bunga bunga”, gli risponde il furbetto, tra gli scrosci di applausi e il “zan, zan” dell’orchestra.
E’ così la politica oggi. Un continuo avanspettacolo, con il segretario del presunto partito d’opposizione a far da spalla al sindaco comico emergente. 
Renzi è andato ad Arcore da Berlusconi. Embé? L’ha fatto per Firenze, mica per piacer suo. Ci si interroghi piuttosto sull’identità dei quattro capponi portati in dono al papi. D’Alema, Bersani, Veltroni e Fassino?
Annunci