Per non farci mancare nulla e se non ve ne foste ancora accorti, oramai l’eversore piduista si esprime soltanto, come Bin Laden, attraverso videomessaggi minacciosi nei confronti delle istituzioni, come ha scritto oggi anche Luca Telese sul “Fatto”.
Per completare il profiling, non è che questo Osama della Brianza, oltre ad essere narcisisticamente fuori controllo, dopo tutte le recenti frequentazioni, stia flippando del tutto identificandosi irrimediabilmente con Gheddafi (il Bin Laden degli anni ottanta), come Norman Bates di “Psycho” si era identificato con sua madre?

Prima l’harem, le danze del ventre, una concezione di Stato più come sultanato spinto che come democrazia occidentale e ora il comportarsi da alqaedista con i proclami deliranti e i seguaci che si farebbero esplodere per lui. Beh, non esageriamo, esplodere per finta, sempre a pagamento o comunque se riescono a farci su una bella cresta.

E’ finito in un’inchiesta  nata per caso da un suo comportamento maldestro e dettato dal suo essere oramai fuori controllo, ossia dalla telefonata in Questura a Milano per far liberare “la nipote di Mubarak”, in realtà la sua amichetta minorenne, e ora si comporta come un colpevole che sa di esserlo ma urla “Non avete le prove, fottetevi!”, come solo i colpevoli fanno. Manca solo il “siete tutti chiacchiere e distintivo”.
Perché sarà pure innocente fino a prova contraria, la presunzione di innocenza e tutto quello che volete ma non si riesce a credere che uno che insulta i giudici a quel modo sia proprio puro siccome un angelo.

Berlusconi crede che qualsiasi cosa detta in televisione possa diventare automaticamente la verità. La sua, ovviamente. Così va in onda tutto pittato e con l’occhio già in rigor mortis a dire che ci ha la morosa, come se avesse ancora quindici anni. E noi dovremmo crederci. Come se avere una morosa o una moglie avesse mai impedito ad un uomo di andare a puttane. “Ma lei era presente”, dice. Come se a volte non fosse proprio la moglie a stare alla cassa nei casini.
Non solo, ma manda in onda colei che è stata una dozzina di notti a casa sua e gli ha fatto un centinaio di telefonate, quella che nell’agenda di una collega era catalogata nientemeno e senza mezzi termini come “Rubbi troia”, nell’apposita trasmissione dell’utile cicisbeo, ad asciugarsi la lacrimuccia con il ditino dall’unghiona ad artiglio e a sparare cazzate lacrimogene come da illustre suggerimento. Certo, noi dovremmo credere ad una che, essendo comunque inequivocabilmente stata a casa sua di notte, ancora minorenne, potrebbe aver preso dei soldi da lui per tacere e negare, lei dice addirittura cinque milioni di euro.

La sua corte dei miracoli mobilitata su tutti i canali per difenderlo va compatita. Il vecchio sgancia e, come dicono le baldracche a pensione completa del suo harem, “finchè c’è lui io mangio”.
I suoi camerieri, reggicoda, lacché, zoccole redente da un posto in Parlamento o in qualche provincia di Berlusconia, posto comunque fisso e dallo stipendio da decine di migliaia,  servi e sguatteri scribacchini, azzeccagarbugli che campano delle infinite parcelle che lui gli procura, e tutti coloro che in questi giorni lo difendono, formano una varia fauna di parassiti sempre più molesti. Madame rifatte che metterebbero la topa sul fuoco per lui. Nullità miracolate da un ministero, fortuna che non gli capiterà più al mondo, che sputano sulla Costituzione e sulle leggi, convinti che il capo li proteggerà sempre. Liberi, per il fatto di essere schiavi del sovrano, di mettersi le dita nel naso in pubblico.

Altro discorso sono coloro che, dall’altra parte dello schermo televisivo, nonostante tutto lo difendono, che lo difenderebbero anche se lo vedessero squartare un bambino di due anni e cibarsi delle sue cicce. Coloro che da sempre confondono la fascinazione per il criminale con l’ammirazione per un leader.

Come Bin Laden ha i suoi simpatizzanti che lo considerano un fico perché è “il principe del terrore”, così Silvio ha quelli che dicono “Si, avrà anche fatto affari con la Mafia, andrà con le minorenni, ma è sempre meglio lui dei comunisti”. Anzi, non c’entrano neppure i comunisti. Lo amano perché con lui sentono che possono trarre il peggio da sé senza vergogna. Possono mentire,  disprezzare i giudici, la legge e i doveri e se maschi, regredire ad uno stato di preciviltà. Quando tira tira, anche se lei é minorenne. E lo dicono tutti contenti in tv, vantandosene, e se hanno delle figlie le accompagnerebbero ad Arcore di persona, anche quelle vergini.
E’ questo il tratto più patologico della questione. Sono perfino peggio di lui, più sociopatici di lui perché non si  pentono affatto delle enormità che dicono. Scrivono tranquillamente, perché ne sono convinti, che le BR avrebbero dovuto ammazzarne di più, di magistrati.
Lui in fondo si agita tanto perché dimostra di sapere che ha commesso dei reati e addosso ha la tarantola del colpevole. A suo modo ha timore della Legge e forse anche timor di Dio. Loro no. Sono i volonterosi carnefici. Quelli che spingerebbero i cadaveri dentro i forni. Perfino a gratis.
La cosa però che mi irrita di più sentire tutte le sere come una insopportabile litania è la sua pretesa di essere stato votato quella volta e per sempre.  “Vogliono sovvertire il voto popolare”. E che palle, basta.  
Lui può contare sul sostegno di circa il 38% degli italiani (se vogliamo tener buono il consenso espresso dalle ultime elezioni del 2008 e i sondaggi seri che provengono dall’estero), cifra che non rappresenta affatto la maggioranza. Che è in realtà quel 62% che non è con lui. E, in un paese normale, potrebbe anche darsi che, democraticamente, alle prossime elezioni lui non venga riconfermato. Senza contare che uno, perché è stato votato, non è per questo emendato dal peccato originale e può fare tutto ciò che vuole. E’ in questo punto che si capisce che è fuori di testa e che avrebbe bisogno di una bella cura del sonno in una clinica svizzera.
Ormai questa è la  guerra santa personale condotta da chi può ringraziare solo chi gli ha lasciato le televisioni da usare a suo esclusivo sollazzo come fa con le escort, ed avere quindi una smisurata platea a disposizione tutte le sere per coglionare i suoi elettori. Per fortuna solo loro perché chi ha imparato a conoscerne le gesta da vent’anni a questa parte lo evita come la peste.
Comunque vadano a finire le cose non vedo come si potrà andare alle elezioni anticipate se prima non si è modificata la legge elettorale, cone le buone o con le cattive. Nessun partito pensi di poter convincere i propri elettori ad andare a votare con questa schifezza che ha consegnato l’Italia a Berlusconi, al suo circo di fenomeni e ai gioppini del Nord.
Ci vuole una legge elettorale che dichiari ineleggibili i detentori di concessioni pubbliche, i pregiudicati, che ristabilisca il diritto degli elettori di eleggersi i propri rappresentanti. Una legge che sbatta fuori le maitresse, le manicure, le sciampiste, i parenti, amici e conoscenti, le amanti e tutti gli utili idioti messi lì solo per sbafare e dire sempre si.
Per ridare un minimo di credibilità a questo povero paese.
Annunci