L’altra sera in uno Speciale TG1 è stato proposto ai telespettatori un paragone oscenamente blasfemo tra il “chi è senza tangenti scagli la prima mazzetta” di Craxi in Parlamento ai tempi di Tangentopoli, la madonnata sui denti a Berlusconi e Gesù Cristo. Credo che sette minuti di compilation di Germano Mosconi in prime time sarebbero state meno offensive per il sentimento religioso e non solo degli italiani. 
Curiosamente però anche Ruby e le altre adultere e maddalene che frequentano il trombatoio di Arcore sono solite chiamare il caimano Gesù Cristo. Con il Vaticano che, ovviamente, non ha niente da eccepire. Forse ha proprio ragione Padre Amorth.
A proposito di Craxi. L’altro giorno, per la serie “Nichi, ci dichi qualcosa di socialista”, il governatore pugliese Lavendo, utilizzando una prosa insolitamente sobria, ha dichiarato che “non si può ridurre la vicenda di Bettino Craxi alla cifra di una vicenda giudiziaria.” Ha ragione. Cosa vuoi che siano 150 miliardi di lire rubati a vario titolo agli italiani? Anche questa affermazione va ad aggiungersi alla mia preziosa collezione di distinguo su Nichi Lavendola.
Se però Nichi intendeva affermare che in confronto agli allievi berlusconidi rettiliani e a tutto il parco di corpivendoli senza vergogna della politica attuale, il maestro Craxi in fondo era un dilettante, sono d’accordo.
Basta non dimenticare che il troiaio attuale nasce proprio negli anni ottanta, assieme al bunga bunga, grazie a Craxi.

Fu proprio Bettino a creare il problema del conflitto di interessi delle televisioni di Berlusconi con la Legge Mammì. Non fu certo, quello, un favore disinteressato. Il Caimano già allora era solito acquistare politici a suon di dobloni e Craxi fu escort assai esosa. 
Oggi, dopo trent’anni di corruzione a peto libero, non si ruba più per il partito (che romanticherìa), come nell’era del  cinghialone garofanato, ma per sé stessi, in un delirio egotistico sfrenato. La corruzione è a conduzione famigliare, bisogna sistemare mogli, figli normali e ab-normal, amanti e parenti vari.
Si vendono tutti, tutti coloro che entrano in contatto con il Grande Corruttore, il quale, in un girotondo di mazzette da far venire il capogiro, compra terzini fluidificanti, puttane ed ex avversari politici con la medesima disinvoltura. Se continua così, nonostante i fantastiliardi, rischia veramente la bancarotta.
Quando ci raccontavano che all’estero un personaggio come Berlusconi, con il suo conflitto di interessi e la sua ricchezza impiegata al fine della corruzione di tutto il corruttibile, non potrebbe mai essere eletto, ci sembrava un’esagerazione da protestanti puritani. Ciò che sta succedendo in Italia è la prova che all’estero hanno ragione. E poi la corruzione è come il vizio del gioco. Si comincia pagando qualche socialista e non si sa dove si va a finire.
Annunci