La tragedia è che lo stiamo assecondando nel suo delirio, che è circondato da saprofiti opportunisti che sono costretti a dargli ragione qualsiasi assurdità vomiti e che infine legioni di lobotomizzati televisivi rischiano di non riuscire più a distinguere il confine tra follia e realtà. 
Basta. Qui ci vogliono: un paio di nerboruti infermieri psichiatrici, un bel trattamento sanitario obbligatorio e un buon neurolettico.
Restiamo sani (di mente). 
Annunci