You are currently browsing the category archive for the ‘angelino alfano’ category.

“Il delfino”

“Noi dobbiamo lavorare per un partito degli onesti”. (Angelino Alfano, oggi)

Si sedettero dalla parte degli onesti visto che i posti per i disonesti erano finiti.

(parafrasando B. Brecht)


Prove tecniche di successione. Cosa c’è di meglio di un avvocato, di un prezioso consigliere reclutato tra i fedelissimi yesmen per sostituire l’unico boss virile sul viale del tramonto?
Ho l’impressione però che Isabelito Alfano non riuscirà a fare il miracolo di sostituire il Peron nano al comando della cosca, pardon, del governo. Troppo alto. 
E poi, sapete, in un popolo inscimunito dalla televisione temo si rischi il “Vota Alfano”, “Alfano chi, già? Quello che cantava con Romina?”

Povero Cerottoni, crede davvero che diventerà presidente della repubblica e poi imperatore dell’Universo e infine Dio v2.0, l’ultima release dell’Essere Supremo.  Dopo aver sconfitto i Maya, il cancro e i giudici del tribunale di Milano, s’intende. Del resto, cosa può temere lui, con delle riforme scritte di proprio pugnetto da nientepopodimeno che Angelino?

Pur essendo tutte e tre perfettamente plausibili, solo una delle affermazioni che seguono è assolutamente falsa. Quale?

Angelino Alfano, il nostro Angelinho Pernambucano guardasigilli, ha detto che nel suo progetto di riforma della giustizia, i PM non saranno mai sottoposti ai voleri dell’esecutivo.

Dopo la legge contro clienti e prostitute, Mara Carfagna ha allo studio un decreto legge per rendere fuorilegge i rapporti sessuali orali su tutto il territorio nazionale, come già è previsto dalle leggi di alcuni stati degli USA.

Il TG1, nell’edizione delle 20,00 di ieri sera, ha definito “agghiaccianti” le manifestazioni di giubilo dei dipendenti Alitalia alla notizia del ritiro della CAI dal tavolo delle trattative.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Pur essendo tutte e tre perfettamente plausibili, solo una delle affermazioni che seguono è assolutamente falsa. Quale?

Angelino Alfano, il nostro Angelinho Pernambucano guardasigilli, ha detto che nel suo progetto di riforma della giustizia, i PM non saranno mai sottoposti ai voleri dell’esecutivo.

Dopo la legge contro clienti e prostitute, Mara Carfagna ha allo studio un decreto legge per rendere fuorilegge i rapporti sessuali orali su tutto il territorio nazionale, come già è previsto dalle leggi di alcuni stati degli USA.

Il TG1, nell’edizione delle 20,00 di ieri sera, ha definito “agghiaccianti” le manifestazioni di giubilo dei dipendenti Alitalia alla notizia del ritiro della CAI dal tavolo delle trattative.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Domanda per Angelino. Da domani, se ad una delle quattro cariche dello Stato le si grida ” ‘A impunito!” (variante: ” ‘A immunito!”), è ancora vilipendio o il reato viene depenalizzato, trattandosi di semplice constatazione di dato di fatto?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Domanda per Angelino. Da domani, se ad una delle quattro cariche dello Stato le si grida ” ‘A impunito!” (variante: ” ‘A immunito!”), è ancora vilipendio o il reato viene depenalizzato, trattandosi di semplice constatazione di dato di fatto?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Giuro, è l’ultima volta che ne parlo perchè non se ne può più. Di fronte al Lodo Angelino cosa vuoi che sia un ipotetico lavoro di mandibole ben remunerato?
Dico l’ultima e poi su questo argomento spero calino i provvidenziali veli pietosi e magari una più robusta porta tagliafuoco. L’ultima riflessione che faccio nasce da una questione molto più generale. L’odio tra femmine.
A mo’ di disclaimer, so benissimo che le donne sono capaci anche di amarsi e che non tutte sono delle carogne. Che anche gli uomini, quando vogliono, sanno essere crudeli. Fine del disclaimer.

Ho letto, tra i tanti pareri che hanno fatto esondare in questi giorni i fiumi d’inchiostro, quello che la velenosa tirata contro la Carfagna di Sabina Guzzanti in Piazza Navona sarebbe stata, oltre che un pezzo di satira, un ignobile attacco di una figlia di papà contro una povera proletaria.
Tra Pasolini e Bocca di Rosa, credo che l’interpretazione possibile del rant sia un’altra, molto meno intellettuale. In questi casi è più utile il ricorso all’etologia che alla poesia.

Che certe dichiarazioni di guerra nascano da moti geneticamente determinati lo dimostra, ad esempio, la reazione “piezz ‘e core” di papà Paolo, che ha ricordato quel famoso sketch di Francesco Nuti con i Giancattivi, quello dove lui ad un certo punto diceva: “No, tu la mi’ mamma tu la lasci stare, va bene!?”, ripetendolo in un crescendo di esilarante comicità.
Ecco, la visione di papi ritto di fronte alla Mara che dice:” No, tu la mi’ bimba tu la lasci stare…” è stata una delle più suggestive in tutto l’ambaradan di scambi velenosi tra attrici, soubrettes, avvocati, giornalisti, babbi e figli che ancora ci fa inutilmente discutere, perchè deliziosamente istintiva, geneticamente determinata.

Per rispondere all’ipotesi pasoliniana, se una donna ne colpisce un’altra non c’entra il censo ma il genere. Noi donne soffriamo di un odio congenito nei confronti le une delle altre che ci spinge a forme di violenza gratuita contro le nostre simili. E’ inutile nasconderlo sotto chili di cerone, alla prima occasione viene fuori e ci deturpa il viso come la varicella e può ripresentarsi dopo anni, all’improvviso, come il fuoco di S. Antonio.
Bisognerebbe prendere la gelosia, l’invidia, il rancore e un desidero ferino di uccidere, mescolarli assieme, condirli con odio puro al 100% ed ancora non si riuscirebbe che ad ottenere una diluizione omeopatica della cattiveria di cui è capace una donna che ne prende di mira un’altra.
Il mio non è un discorso moralistico. Non mi vergogno di ammetterlo, le persone che più intensamente ho detestato e detesto sono in massima parte donne.

Gli uomini possono farci del male e noi possiamo odiarli per quello che ci hanno fatto e desiderare di farli fuori con un’unico colpo alla nuca ma l’ultraviolenza fisica e verbale, quella capace dei peggiori abomini, la tortura lenta, la riserviamo solo alle nostre simili. Funny Games, tra colleghe di lavoro ed ex-amiche, come ben sappiamo, diventa una puntata di “Heidi”.

Gli uomini pensano, osservando le donne litigare, che si tratti di semplice gelosia. Che la Sabina, poniamo quest’ultimo caso di cronaca, sia gelosa della Mara perchè la seconda che ho detto è più giovane, carina (de gustibus) e sessualmente prestante.
Gli uomini non capiscono un cazzo, come al solito. Se Sabina ha parlato così di Mara, a parte la satira, è stata colpa probabilmente di un moto inconscio, non c’entra la gelosia. Altrimenti bisognerebbe pensare che Sabina vorrebbe essere al posto di Mara in certi ipotetici approcci con Berlusconi.
Gli uomini non capiscono un cazzo perchè, mentre parlano di gelosia, immaginano le due donne rotolarsi nel fango mentre si strappano i capelli e al pensiero si eccitano.
E’ la sindrome del catfight, una cosa che facciamo a volte solo per compiacerli ma che in realtà non ci appartiene, perchè con la nostra odiata rivale non ci sporcheremmo i vestiti ma la lasceremmo volentieri al rottweiler a digiuno da una settimana.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Giuro, è l’ultima volta che ne parlo perchè non se ne può più. Di fronte al Lodo Angelino cosa vuoi che sia un ipotetico lavoro di mandibole ben remunerato?
Dico l’ultima e poi su questo argomento spero calino i provvidenziali veli pietosi e magari una più robusta porta tagliafuoco. L’ultima riflessione che faccio nasce da una questione molto più generale. L’odio tra femmine.
A mo’ di disclaimer, so benissimo che le donne sono capaci anche di amarsi e che non tutte sono delle carogne. Che anche gli uomini, quando vogliono, sanno essere crudeli. Fine del disclaimer.

Ho letto, tra i tanti pareri che hanno fatto esondare in questi giorni i fiumi d’inchiostro, quello che la velenosa tirata contro la Carfagna di Sabina Guzzanti in Piazza Navona sarebbe stata, oltre che un pezzo di satira, un ignobile attacco di una figlia di papà contro una povera proletaria.
Tra Pasolini e Bocca di Rosa, credo che l’interpretazione possibile del rant sia un’altra, molto meno intellettuale. In questi casi è più utile il ricorso all’etologia che alla poesia.

Che certe dichiarazioni di guerra nascano da moti geneticamente determinati lo dimostra, ad esempio, la reazione “piezz ‘e core” di papà Paolo, che ha ricordato quel famoso sketch di Francesco Nuti con i Giancattivi, quello dove lui ad un certo punto diceva: “No, tu la mi’ mamma tu la lasci stare, va bene!?”, ripetendolo in un crescendo di esilarante comicità.
Ecco, la visione di papi ritto di fronte alla Mara che dice:” No, tu la mi’ bimba tu la lasci stare…” è stata una delle più suggestive in tutto l’ambaradan di scambi velenosi tra attrici, soubrettes, avvocati, giornalisti, babbi e figli che ancora ci fa inutilmente discutere, perchè deliziosamente istintiva, geneticamente determinata.

Per rispondere all’ipotesi pasoliniana, se una donna ne colpisce un’altra non c’entra il censo ma il genere. Noi donne soffriamo di un odio congenito nei confronti le une delle altre che ci spinge a forme di violenza gratuita contro le nostre simili. E’ inutile nasconderlo sotto chili di cerone, alla prima occasione viene fuori e ci deturpa il viso come la varicella e può ripresentarsi dopo anni, all’improvviso, come il fuoco di S. Antonio.
Bisognerebbe prendere la gelosia, l’invidia, il rancore e un desidero ferino di uccidere, mescolarli assieme, condirli con odio puro al 100% ed ancora non si riuscirebbe che ad ottenere una diluizione omeopatica della cattiveria di cui è capace una donna che ne prende di mira un’altra.
Il mio non è un discorso moralistico. Non mi vergogno di ammetterlo, le persone che più intensamente ho detestato e detesto sono in massima parte donne.

Gli uomini possono farci del male e noi possiamo odiarli per quello che ci hanno fatto e desiderare di farli fuori con un’unico colpo alla nuca ma l’ultraviolenza fisica e verbale, quella capace dei peggiori abomini, la tortura lenta, la riserviamo solo alle nostre simili. Funny Games, tra colleghe di lavoro ed ex-amiche, come ben sappiamo, diventa una puntata di “Heidi”.

Gli uomini pensano, osservando le donne litigare, che si tratti di semplice gelosia. Che la Sabina, poniamo quest’ultimo caso di cronaca, sia gelosa della Mara perchè la seconda che ho detto è più giovane, carina (de gustibus) e sessualmente prestante.
Gli uomini non capiscono un cazzo, come al solito. Se Sabina ha parlato così di Mara, a parte la satira, è stata colpa probabilmente di un moto inconscio, non c’entra la gelosia. Altrimenti bisognerebbe pensare che Sabina vorrebbe essere al posto di Mara in certi ipotetici approcci con Berlusconi.
Gli uomini non capiscono un cazzo perchè, mentre parlano di gelosia, immaginano le due donne rotolarsi nel fango mentre si strappano i capelli e al pensiero si eccitano.
E’ la sindrome del catfight, una cosa che facciamo a volte solo per compiacerli ma che in realtà non ci appartiene, perchè con la nostra odiata rivale non ci sporcheremmo i vestiti ma la lasceremmo volentieri al rottweiler a digiuno da una settimana.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 81,681 hits

Categorie