You are currently browsing the category archive for the ‘bonobo’ category.

(La Saga dello Schwanstuck continua. Ovvero: “Luqa , Luqa, Luqa, cosa ti è successo?”)
In previsione della visita a Malta, L’unico problema del comitato di accoglienza al Santo Padre sembra essere la rimozione di questo enorme schwanstuck opera di un artista locale, sito nella città di Luqa e ciò nonostante Ratzi ne abbia uno quasi uguale accanto a casa in Cermania. Per coerenza, vista la forma, rimuoviamo a questo punto anche l’obelisco di Piazza San Pietro. Poi, oltretutto, “obelisco” ricorda troppo la parola “ombelico”.
E, per carità, al santo P. non venga in mente in questa stagione di andare in Giappone.)

Tralasciando la sessuofobia ossessivo-compulsiva che fa vedere pistoloni anche nelle semplici colonne (perchè tale è lo schwanstuck maltese, una colonna), giova ricordare e riassumere in breve le enormità pronunciate nei giorni scorsi da un clero che, di fronte al montare della rivolta mondiale antipedofila e spinto nell’angolo, si fa prendere dall’agitazione e spara a casaccio le più risibili frescacce pseudosociologiche. Hanno detto di tutto. Uno sciocchezzaio sintomo di una ignoranza scientifica da far paura ma che chiama in causa proprio la scienza in modo assolutamente improprio.

Card. Bertone: se vi sono preti che molestano i bambini non è colpa né del voto di castità né dell’obbligo del celibato del clero ma dell’omosessualità. Glielo hanno riferito nientepopodimeno che degli psicologi e sociologi in alcuni fantomatici studi pubblicati chissà dove. Tutti cuggini suoi.
A questo punto mi dovrebbe spiegare, Sua Eccellenza, come si interpreta il fenomeno dei preti che molestano le bambinE, ovvero coloro che compiono atti di pedofilia eterosessuale.
S.E. ha poi rettificato dicendo che intendeva l’omosessualità dei preti e non quella della lobby omosessuale… oops, della popolazione omosessuale in generale ma il risultato non cambia. Rimane il problema dei sacerdoti che molestano non i chierichetti ma le giovani fanciulle.

Andiamo avanti. Quando scatta l’allarme antipedofilo, si allentano anche i più tenaci freni inibitori e rispunta per esempio l’antisemitismo d’antiquariato.
Mons. Babini su “Pontifex”, un giornalino di personaggini più a destra del babbo di Mel Gibson sciorina un rosario di perle antisemite da far invidia a “Der Sturmer”:
Il nazismo li sterminò, è vero, ma loro se l’erano cercata. (Come le donne stuprate perchè indossavano la minigonna. NdA)
Gli ebrei avevano strozzato i tedeschi con le banche. Gli ebrei sono raffinati. E infine, come il gran finale dei botti di Capodanno: gli ebrei sono deicidi. Evvai!

Pontifex è una lettura istruttiva. Vi si può leggere, a caso, che “omosessuali e trans non entreranno nel regno dei Cieli” e cosine come queste:

“Gli ebrei di quel tempo rinnegarono Cristo e lo uccisero, furono deicidi inconsapevoli. Era un popolo di testa dura. Occorre pregare per la loro conversione al cristianesimo. Necessario il dialogo”.

“La povera Elisa Claps uccisa dall’eccessivo modernismo, non sarebbe mai salita lì con l’indagato. La Santissima Chiesa della Trinità non ha colpe. Chi ne chiede la sconsacrazione ha secondi fini ed interessi privati”.

“Bertone su pedofilia e omosessualità fa sante e sagge affermazioni. Si chieda l’intervento del Legislatore e si istituisca il reato di crimine contro l’umanità e di attentato alla riproduzione della razza umana.”

Mi sa che domattina vado a costituirmi. Anch’io, non essendomi riprodotta, rischio l’accusa di attentato alla riproduzione della razza umana.

Tornando alla sessuofobia che si porta bene su tutto ed in ogni stagione, un’altra citazione del simpatico Babini:

“Bisogna trattare coloro che hanno tendenze omosessuali con delicatezza e senza infierire, con misericordia. Ma accettino serenamente la loro croce e la malattia con santa rassegnazione. Altri invece praticano l’omosessualità e persino se ne vantano. A loro dico che persino gli animali rispettano l’ordine della natura e loro no, da questo punto di vista meglio la regolarità degli animali”.

Mo’ Babini te faccio male. Prego fate entrare i Bonobo. I Bonobo sono scimmie assai simili all’uomo, del quale condividono una buona fetta del DNA, con una differenza pari solo all’1,6%, secondo alcuni studi genetici.
La loro struttura sociale è ormai leggendaria:

“La specie è ben caratterizzata come egualitaria, centrata sulla femmina, e usa a sostituire il sesso all’aggressione. Mentre nella maggior parte delle altre specie il comportamento sessuale costituisce una categoria ben distinta, nel bonobo esso è parte integrante di tutte le relazioni sociali – e non solo di quelle tra maschi e femmine. I bonobo fanno sesso praticamente in tutte le possibili combinazioni (anche se tali contatti sono inibiti tra parenti molto stretti). E le interazioni sessuali avvengono tra i bonobo più spesso che tra tutti gli altri primati. Nonostante la frequenza dell’attività sessuale, il tasso di riproduzione dei bonobo in natura è circa uguale a quello degli scimpanzé. Una femmina mette al mondo un solo piccolo alla volta, a intervalli di cinque o sei anni. I bonobo, dunque, condividono con la nostra specie almeno una caratteristica molto importante: una parziale separazione tra riproduzione e sessualità.” (Frans de Waal da Scientific American, marzo 1995, pp. 82-88)

Come dice Caparezza: la scimmia è l’evoluzione dell’uomo.

Allora, se la natura (vogliamo dire Dio?) ha creato una specie animale che pratica abitualmente e senza inibizioni anche l’omosessualità, come la mettiamo con la nostra naturale regolarità?

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 83,041 hits

Categorie