You are currently browsing the category archive for the ‘dita von teese’ category.

A me pare incredibile e ogni volta me ne stupisco, ma dopo due anni e passa di bloggamenti quotidiani o quasi, c’è ancora chi mi scambia per un uomo.
Eppure, chi passa di qui e legge le note biografiche (che parolone!) sulla destra, può leggere chiaramente “sono NATA”. Dovrebbe essere evidente che parlate con una paperA zoppA.
Me ne stupisco e non so farmene una ragione perchè le papere per me sono naturalmente femmine. Esistono i paperi, si, ma me ne rendo conto dopo, ragionando sul fatto che anche le anatre si riproducono per cui devono esserci maschi tra di loro. Per questo non capisco perchè si pensi che Lameduck sia un paperO.

Chissà perchè capita quasi esclusivamente con i lettori maschi. Noi ragazze ci annusiamo e riconosciamo subito il nostro stile sia di pensiero che di scrittura. Invece loro, quando per esempio ti apostrofano in un dibattito su un forum o chat o ti commentano, nonostante abbiano letto le cose che hai scritto, ti danno spesso del “lui”. “Caro amico, non capisci un cazzo”, oppure “Hai ragione, amico, sei troppo bravo”.

Il fenomeno, come tutte le cose ripetitive, mi incuriosisce.
Non sarà perchè nell’immaginario di Internet IL blogger è maschio e se magari è bravo è maschio due volte? Non voglio pensare che si dia per scontato che le donne, se tengono un blog, lo fanno solo per far sapere al mondo quanti glitters riescono a piazzare su una pagina web.
Lo so che i fantastici primi dieci blogger dell’universo sono tutti maschi e per trovare Black Cat bisogna andare in 11a posizione nella superclassifica delle blogstars.
Tra parentesi, non è curioso che poi tra di loro si chiamino “LE blogstar”, al femminile, anche se sono tutti maschi e, diciamolo alla Tarantino, si fanno un po’ i pompini l’un l’altro?
Saranno pure blogstars ma, l’ho già detto e lo ripeto, senza rancore, chi scrive meglio sui blog con dei contenuti sono le donne. Non c’è niente da fare. Ci sono maschi bravi, per carità, ma le donne sanno scrivere e bene. Bisogna riconoscerlo, cari amici.

Per cui, scusate lo sfogo e l’argomento frivolo da post del sabato sera, ma io sono contenta che quella sera a mio babbo sia partito uno spermatozoo con la X, mi sento molto bene nella pelle di donna, anzi ne sono proprio orgogliosa.
Vorrei suggerire a coloro che ancora, dopo questo post, saranno tentati di prendermi per maschio, di imprimersi bene nella mente, a mo’ di esercizio, l’immagine di Dita Von Teese e, quando mi leggeranno in futuro, mi pensino in reggicalze e bustino. Forse la capiranno.

P.S. Per evitare equivoci e false illusioni, non sono IO quella della foto. E’ Dita.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

A me pare incredibile e ogni volta me ne stupisco, ma dopo due anni e passa di bloggamenti quotidiani o quasi, c’è ancora chi mi scambia per un uomo.
Eppure, chi passa di qui e legge le note biografiche (che parolone!) sulla destra, può leggere chiaramente “sono NATA”. Dovrebbe essere evidente che parlate con una paperA zoppA.
Me ne stupisco e non so farmene una ragione perchè le papere per me sono naturalmente femmine. Esistono i paperi, si, ma me ne rendo conto dopo, ragionando sul fatto che anche le anatre si riproducono per cui devono esserci maschi tra di loro. Per questo non capisco perchè si pensi che Lameduck sia un paperO.

Chissà perchè capita quasi esclusivamente con i lettori maschi. Noi ragazze ci annusiamo e riconosciamo subito il nostro stile sia di pensiero che di scrittura. Invece loro, quando per esempio ti apostrofano in un dibattito su un forum o chat o ti commentano, nonostante abbiano letto le cose che hai scritto, ti danno spesso del “lui”. “Caro amico, non capisci un cazzo”, oppure “Hai ragione, amico, sei troppo bravo”.

Il fenomeno, come tutte le cose ripetitive, mi incuriosisce.
Non sarà perchè nell’immaginario di Internet IL blogger è maschio e se magari è bravo è maschio due volte? Non voglio pensare che si dia per scontato che le donne, se tengono un blog, lo fanno solo per far sapere al mondo quanti glitters riescono a piazzare su una pagina web.
Lo so che i fantastici primi dieci blogger dell’universo sono tutti maschi e per trovare Black Cat bisogna andare in 11a posizione nella superclassifica delle blogstars.
Tra parentesi, non è curioso che poi tra di loro si chiamino “LE blogstar”, al femminile, anche se sono tutti maschi e, diciamolo alla Tarantino, si fanno un po’ i pompini l’un l’altro?
Saranno pure blogstars ma, l’ho già detto e lo ripeto, senza rancore, chi scrive meglio sui blog con dei contenuti sono le donne. Non c’è niente da fare. Ci sono maschi bravi, per carità, ma le donne sanno scrivere e bene. Bisogna riconoscerlo, cari amici.

Per cui, scusate lo sfogo e l’argomento frivolo da post del sabato sera, ma io sono contenta che quella sera a mio babbo sia partito uno spermatozoo con la X, mi sento molto bene nella pelle di donna, anzi ne sono proprio orgogliosa.
Vorrei suggerire a coloro che ancora, dopo questo post, saranno tentati di prendermi per maschio, di imprimersi bene nella mente, a mo’ di esercizio, l’immagine di Dita Von Teese e, quando mi leggeranno in futuro, mi pensino in reggicalze e bustino. Forse la capiranno.

P.S. Per evitare equivoci e false illusioni, non sono IO quella della foto. E’ Dita.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Leggo con interesse della nascita di una nuova rivista bimestrale di stampo conservatore, dal titolo suggestivo, “Con” (da Conservatore, suppongo).
Unica perplessità: riusciranno a venderla anche in Francia facendo rimanere seri gli edicolanti?
Lo so, mi ripeto, ma non posso farne a meno.

Dal dizionario francese e con un interessante campione di citazioni letterarie:

con nom Subst., trivial. Région du corps féminin où aboutissent l’urètre et la vulve. (latin cunnus)
1. fica s.f. (volg)

con, conne adjectif et nom (de conard )
1. Stupido, imbecille, idiota.
2. À la con: idiot, stupide — Histoire à la con.
3. Faire le con: avoir un comportement stupide, faire des choses de peu d’intérêt ou des bêtises.
[Citazioni] “Tu es encore plus con que tu n’en as l’air” (J. P. SARTRE, La Mort dans l’âme, 1949, p. 170)”.
”Je le trouvais con comme la lune (L.F. CÉLINE, Mort à crédit, 1936, p. 155)”.

Potrei infierire ricordando che la suddetta rivista è diretta dall’On. Italo Bocchino ma con l’etimologia mi fermo qua o questo post rischia di diventare troppo intellettuale.

Con la gentile e dotta partecipazione di Dita Von Teese.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 82,518 hits

Categorie