You are currently browsing the category archive for the ‘germano mosconi’ category.

L’altra sera in uno Speciale TG1 è stato proposto ai telespettatori un paragone oscenamente blasfemo tra il “chi è senza tangenti scagli la prima mazzetta” di Craxi in Parlamento ai tempi di Tangentopoli, la madonnata sui denti a Berlusconi e Gesù Cristo. Credo che sette minuti di compilation di Germano Mosconi in prime time sarebbero state meno offensive per il sentimento religioso e non solo degli italiani. 
Curiosamente però anche Ruby e le altre adultere e maddalene che frequentano il trombatoio di Arcore sono solite chiamare il caimano Gesù Cristo. Con il Vaticano che, ovviamente, non ha niente da eccepire. Forse ha proprio ragione Padre Amorth.
A proposito di Craxi. L’altro giorno, per la serie “Nichi, ci dichi qualcosa di socialista”, il governatore pugliese Lavendo, utilizzando una prosa insolitamente sobria, ha dichiarato che “non si può ridurre la vicenda di Bettino Craxi alla cifra di una vicenda giudiziaria.” Ha ragione. Cosa vuoi che siano 150 miliardi di lire rubati a vario titolo agli italiani? Anche questa affermazione va ad aggiungersi alla mia preziosa collezione di distinguo su Nichi Lavendola.
Se però Nichi intendeva affermare che in confronto agli allievi berlusconidi rettiliani e a tutto il parco di corpivendoli senza vergogna della politica attuale, il maestro Craxi in fondo era un dilettante, sono d’accordo.
Basta non dimenticare che il troiaio attuale nasce proprio negli anni ottanta, assieme al bunga bunga, grazie a Craxi.

Fu proprio Bettino a creare il problema del conflitto di interessi delle televisioni di Berlusconi con la Legge Mammì. Non fu certo, quello, un favore disinteressato. Il Caimano già allora era solito acquistare politici a suon di dobloni e Craxi fu escort assai esosa. 
Oggi, dopo trent’anni di corruzione a peto libero, non si ruba più per il partito (che romanticherìa), come nell’era del  cinghialone garofanato, ma per sé stessi, in un delirio egotistico sfrenato. La corruzione è a conduzione famigliare, bisogna sistemare mogli, figli normali e ab-normal, amanti e parenti vari.
Si vendono tutti, tutti coloro che entrano in contatto con il Grande Corruttore, il quale, in un girotondo di mazzette da far venire il capogiro, compra terzini fluidificanti, puttane ed ex avversari politici con la medesima disinvoltura. Se continua così, nonostante i fantastiliardi, rischia veramente la bancarotta.
Quando ci raccontavano che all’estero un personaggio come Berlusconi, con il suo conflitto di interessi e la sua ricchezza impiegata al fine della corruzione di tutto il corruttibile, non potrebbe mai essere eletto, ci sembrava un’esagerazione da protestanti puritani. Ciò che sta succedendo in Italia è la prova che all’estero hanno ragione. E poi la corruzione è come il vizio del gioco. Si comincia pagando qualche socialista e non si sa dove si va a finire.
Sentite questa perchè, come si dice dalle mie parti “ha i maroni”, è troppo grossa. Mi meraviglierei se ci fosse ancora qualche signore su nel cielo stasera, perchè oggi li ho tirati giù tutti, come un Germano Mosconi in grande spolvero.

Ricevo oggi una raccomandata dall’INPS che mi intima, in quanto legittima erede di mia madre, titolare di pensione sociale numero ecc. ecc. di pagare, entro 30 giorni dal ricevimento della presente, la somma di € 690,00.
Il motivo? “A titolo di restituzione di somme non spettanti risalenti all’anno 2002, a causa di ricalcolo maggiorazione sociale per limiti di reddito”.

Cioè, a mia madre nel corso del 2002 dettero qualche euro in più di aumento di pensione ma siccome oggi si sono accorti che non le spettavano e lei è scomparsa nel 2007, per cortesia che gli eredi se ne facciano carico.

Ieri si parlava di quella famosa maggiorazione delle pensioni sotto i 500 euro, le “pensioni ad un milione al mese” millantate e stambureggiate su tutte le piazze d’Italia dal nano di plastica qualche anno fa, mi pare proprio nel 2002.
Noi non facemmo domanda perchè i miei genitori non rientravano per poco nel limite di reddito complessivo famigliare ma mi pare di ricordare che a mia madre arrivò comunque, qualche mese dopo e non richiesto, un minimo aumento di pensione sociale.
Non sarà mica quello che rivogliono indietro?

Fatto salvo che mi rivolgerò al sindacato per avere lumi a riguardo della richiesta dell’INPS, mi piacerebbe sapere a quanti sono arrivate lettere di questo tipo. Non dovevano piuttosto restituirci da anni il famoso fiscal drag, a noi dipendenti e pensionati? Che fine ha fatto la lotta all’evasione fiscale, che dovrebbe impedire ad un ente pensionistico di andare a chiedere soldi ai morti o ai loro eredi, senza provare la minima vergogna?

Come dicevo prima, dall’indignazione ho battuto il record mondiale di bestemmia aggravata e continuata.
Per colmo di sventura, mi è toccato inoltre ascoltare il nano per tv dire agli italiani, con la faccia che tiene, che non devono posticipare l’acquisto della nuova macchina “perchè c’è la crisi”, ma devono spendere, spendere, spendere senza paura.
Ecco, se mi toccherà pagare veramente l’estorsione ai danni della buonanima della mia mamma, tra trenta giorni, proprio sotto Natale, mi sarò già fottuta la tredicesima, dio berlusconi.

C’è una splendida maledizione ebraica che dice: “Che possano cadervi tutti i denti, tranne uno. Per il mal di denti”.
Voglio e posso fare di meglio e la dedico a Lorsignori, cioè a coloro che devono raccattare soldi per salvare le banche, gli sfruttatori, gli speculatori, i furbetti dell’Alitalia, insomma i loro amici; a chi dice “vorrei farvi diventare tutti miliardari come me ma, che sfiga, non avete abbastanza soldi da darmi” e anche e soprattutto a chi li ha votati e ancora oggi dice che “Berlusconi ha aumentato le pensioni.

“Che possiate trasformarvi in enormi buchi di culo, che possiate essere tormentati da emorroidi interne ed esterne, erisipela, ragadi e fistole anali e, una volta sul punto di scoppiare, che possiate essere invasi e sodomizzati da una razza aliena di cazzi giganti”.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sentite questa perchè, come si dice dalle mie parti “ha i maroni”, è troppo grossa. Mi meraviglierei se ci fosse ancora qualche signore su nel cielo stasera, perchè oggi li ho tirati giù tutti, come un Germano Mosconi in grande spolvero.

Ricevo oggi una raccomandata dall’INPS che mi intima, in quanto legittima erede di mia madre, titolare di pensione sociale numero ecc. ecc. di pagare, entro 30 giorni dal ricevimento della presente, la somma di € 690,00.
Il motivo? “A titolo di restituzione di somme non spettanti risalenti all’anno 2002, a causa di ricalcolo maggiorazione sociale per limiti di reddito”.

Cioè, a mia madre nel corso del 2002 dettero qualche euro in più di aumento di pensione ma siccome oggi si sono accorti che non le spettavano e lei è scomparsa nel 2007, per cortesia che gli eredi se ne facciano carico.

Ieri si parlava di quella famosa maggiorazione delle pensioni sotto i 500 euro, le “pensioni ad un milione al mese” millantate e stambureggiate su tutte le piazze d’Italia dal nano di plastica qualche anno fa, mi pare proprio nel 2002.
Noi non facemmo domanda perchè i miei genitori non rientravano per poco nel limite di reddito complessivo famigliare ma mi pare di ricordare che a mia madre arrivò comunque, qualche mese dopo e non richiesto, un minimo aumento di pensione sociale.
Non sarà mica quello che rivogliono indietro?

Fatto salvo che mi rivolgerò al sindacato per avere lumi a riguardo della richiesta dell’INPS, mi piacerebbe sapere a quanti sono arrivate lettere di questo tipo. Non dovevano piuttosto restituirci da anni il famoso fiscal drag, a noi dipendenti e pensionati? Che fine ha fatto la lotta all’evasione fiscale, che dovrebbe impedire ad un ente pensionistico di andare a chiedere soldi ai morti o ai loro eredi, senza provare la minima vergogna?

Come dicevo prima, dall’indignazione ho battuto il record mondiale di bestemmia aggravata e continuata.
Per colmo di sventura, mi è toccato inoltre ascoltare il nano per tv dire agli italiani, con la faccia che tiene, che non devono posticipare l’acquisto della nuova macchina “perchè c’è la crisi”, ma devono spendere, spendere, spendere senza paura.
Ecco, se mi toccherà pagare veramente l’estorsione ai danni della buonanima della mia mamma, tra trenta giorni, proprio sotto Natale, mi sarò già fottuta la tredicesima, dio berlusconi.

C’è una splendida maledizione ebraica che dice: “Che possano cadervi tutti i denti, tranne uno. Per il mal di denti”.
Voglio e posso fare di meglio e la dedico a Lorsignori, cioè a coloro che devono raccattare soldi per salvare le banche, gli sfruttatori, gli speculatori, i furbetti dell’Alitalia, insomma i loro amici; a chi dice “vorrei farvi diventare tutti miliardari come me ma, che sfiga, non avete abbastanza soldi da darmi” e anche e soprattutto a chi li ha votati e ancora oggi dice che “Berlusconi ha aumentato le pensioni.

“Che possiate trasformarvi in enormi buchi di culo, che possiate essere tormentati da emorroidi interne ed esterne, erisipela, ragadi e fistole anali e, una volta sul punto di scoppiare, che possiate essere invasi e sodomizzati da una razza aliena di cazzi giganti”.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sentite questa perchè, come si dice dalle mie parti “ha i maroni”, è troppo grossa. Mi meraviglierei se ci fosse ancora qualche signore su nel cielo stasera, perchè oggi li ho tirati giù tutti, come un Germano Mosconi in grande spolvero.

Ricevo oggi una raccomandata dall’INPS che mi intima, in quanto legittima erede di mia madre, titolare di pensione sociale numero ecc. ecc. di pagare, entro 30 giorni dal ricevimento della presente, la somma di € 690,00.
Il motivo? “A titolo di restituzione di somme non spettanti risalenti all’anno 2002, a causa di ricalcolo maggiorazione sociale per limiti di reddito”.

Cioè, a mia madre nel corso del 2002 dettero qualche euro in più di aumento di pensione ma siccome oggi si sono accorti che non le spettavano e lei è scomparsa nel 2007, per cortesia che gli eredi se ne facciano carico.

Ieri si parlava di quella famosa maggiorazione delle pensioni sotto i 500 euro, le “pensioni ad un milione al mese” millantate e stambureggiate su tutte le piazze d’Italia dal nano di plastica qualche anno fa, mi pare proprio nel 2002.
Noi non facemmo domanda perchè i miei genitori non rientravano per poco nel limite di reddito complessivo famigliare ma mi pare di ricordare che a mia madre arrivò comunque, qualche mese dopo e non richiesto, un minimo aumento di pensione sociale.
Non sarà mica quello che rivogliono indietro?

Fatto salvo che mi rivolgerò al sindacato per avere lumi a riguardo della richiesta dell’INPS, mi piacerebbe sapere a quanti sono arrivate lettere di questo tipo. Non dovevano piuttosto restituirci da anni il famoso fiscal drag, a noi dipendenti e pensionati? Che fine ha fatto la lotta all’evasione fiscale, che dovrebbe impedire ad un ente pensionistico di andare a chiedere soldi ai morti o ai loro eredi, senza provare la minima vergogna?

Come dicevo prima, dall’indignazione ho battuto il record mondiale di bestemmia aggravata e continuata.
Per colmo di sventura, mi è toccato inoltre ascoltare il nano per tv dire agli italiani, con la faccia che tiene, che non devono posticipare l’acquisto della nuova macchina “perchè c’è la crisi”, ma devono spendere, spendere, spendere senza paura.
Ecco, se mi toccherà pagare veramente l’estorsione ai danni della buonanima della mia mamma, tra trenta giorni, proprio sotto Natale, mi sarò già fottuta la tredicesima, dio berlusconi.

C’è una splendida maledizione ebraica che dice: “Che possano cadervi tutti i denti, tranne uno. Per il mal di denti”.
Voglio e posso fare di meglio e la dedico a Lorsignori, cioè a coloro che devono raccattare soldi per salvare le banche, gli sfruttatori, gli speculatori, i furbetti dell’Alitalia, insomma i loro amici; a chi dice “vorrei farvi diventare tutti miliardari come me ma, che sfiga, non avete abbastanza soldi da darmi” e anche e soprattutto a chi li ha votati e ancora oggi dice che “Berlusconi ha aumentato le pensioni.

“Che possiate trasformarvi in enormi buchi di culo, che possiate essere tormentati da emorroidi interne ed esterne, erisipela, ragadi e fistole anali e, una volta sul punto di scoppiare, che possiate essere invasi e sodomizzati da una razza aliena di cazzi giganti”.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sono arrivati. No, ditemi che sta capitando anche a voi. Adesso non rompono più telefonando solo a casa, preferibilmente la sera mentre stai cenando, ma anche al cellulare!!
La prima volta mi ha chiamato Vodafone, con le solite offerte. Poi un’altra chiamata, sempre Vodafone. Vabbé, è il mio gestore, mi sono detta, vorrà intortarmi con qualche nuovo profilo. Non mi interessa, grazie. Capiranno.
Invece no, quella era l’avanscoperta. Adesso è arrivata la nave madre.
Va avanti da giorni: sento il cellulare che suona, vado per rispondere e la comunicazione si interrompe. Quasi tutte le chiamate provengono da numeri nascosti ma stasera ne ho sgamato uno: Fastweb. Quattro chiamate nel giro di poche ore.

Forse ho capito il meccanismo. Le prime volte nascondono il numero ma intanto tu entri in allarme giallo. Poi svelano il numero e tu non puoi fare a meno di richiamare sulla chiamata persa. Così oltretutto, paghi tu la telefonata. Non è diabolico?
Mi fa piacere, tra l’altro, che Vodafone si sia venduta il mio numero affinchè ne approfittassero anche cani e porci.
Pensare che il mio telefonino era silenzioso come una tomba, suonava solo se strettamente necessario e a volte andavo a sincerarmi che fosse ancora vivo, tanto era silenzioso.

Non bastava che questi tafani, questi ignobili spaccacazzo chiamassero ad ogni ora del giorno sul telefono aziendale: “Sono Pincopalla, vorrei parlare con un titolare”. Ieri pomeriggio, ingannata dal fatto che il tipo si era qualificato come Doxa, sapete quanto mi ha tenuto in linea con il suo sondaggio? Quindici minuti. Senza vergogna, senza imbarazzo, incurante del fatto che stava interrompendomi nel lavoro e che io stavo diventando sempre più nervosa e indispettita.
Io tendenzialmente mi vergogno ogni volta che devo telefonare a qualcuno, vado in ansia. Ho sempre paura di disturbare. Percepisco il fatto che un telefono che squilla ti interrompe in quello che stavi facendo, è sempre una rottura di coglioni.
Loro invece, i callcenteristi, raggiungono l’orgasmo ogni volta che riescono a beccarti. Per me li drogano con roba pesa: coca o ketamina, roba che disinibisce un casino.

Ah si, eh? Con gli invasori della privacy, ora perfino quella del cellulare, non dobbiamo avere più pietà.
La supercazzola non basta, è troppo raffinata. Nemmeno l’invito alla gentile signorina che insiste a voler parlare “con chi si occupa di telefonia mobile” a dedicarsi a qualche dozzina di fellatio con ingoio ogni sera o quello diretto al suo collega maschio a praticare il coito anale passivo senza vaselina.

Qui ci vuole un’arma segreta, dirompente, devastante, peggio di un M16-Viper impostato a raffica.
Chissà se qualcuno riuscirebbe a realizzarmela. Voglio una segreteria telefonica intelligente che, quando chiama la pubblicità aggressiva la riconosca automaticamente e risponda con un preregistrato con la voce di Germano Mosconi, sciorinando tutto il suo repertorio in faccia alla malcapitata o malcapitato callcenterista.
Affanculo la solidarietà tra lavoratori, affanculo “ma poverini fanno un lavoro di merda”.
Chiamate Mosconi 3131. Secondo me funzionerebbe. A mali estremi…


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sono arrivati. No, ditemi che sta capitando anche a voi. Adesso non rompono più telefonando solo a casa, preferibilmente la sera mentre stai cenando, ma anche al cellulare!!
La prima volta mi ha chiamato Vodafone, con le solite offerte. Poi un’altra chiamata, sempre Vodafone. Vabbé, è il mio gestore, mi sono detta, vorrà intortarmi con qualche nuovo profilo. Non mi interessa, grazie. Capiranno.
Invece no, quella era l’avanscoperta. Adesso è arrivata la nave madre.
Va avanti da giorni: sento il cellulare che suona, vado per rispondere e la comunicazione si interrompe. Quasi tutte le chiamate provengono da numeri nascosti ma stasera ne ho sgamato uno: Fastweb. Quattro chiamate nel giro di poche ore.

Forse ho capito il meccanismo. Le prime volte nascondono il numero ma intanto tu entri in allarme giallo. Poi svelano il numero e tu non puoi fare a meno di richiamare sulla chiamata persa. Così oltretutto, paghi tu la telefonata. Non è diabolico?
Mi fa piacere, tra l’altro, che Vodafone si sia venduta il mio numero affinchè ne approfittassero anche cani e porci.
Pensare che il mio telefonino era silenzioso come una tomba, suonava solo se strettamente necessario e a volte andavo a sincerarmi che fosse ancora vivo, tanto era silenzioso.

Non bastava che questi tafani, questi ignobili spaccacazzo chiamassero ad ogni ora del giorno sul telefono aziendale: “Sono Pincopalla, vorrei parlare con un titolare”. Ieri pomeriggio, ingannata dal fatto che il tipo si era qualificato come Doxa, sapete quanto mi ha tenuto in linea con il suo sondaggio? Quindici minuti. Senza vergogna, senza imbarazzo, incurante del fatto che stava interrompendomi nel lavoro e che io stavo diventando sempre più nervosa e indispettita.
Io tendenzialmente mi vergogno ogni volta che devo telefonare a qualcuno, vado in ansia. Ho sempre paura di disturbare. Percepisco il fatto che un telefono che squilla ti interrompe in quello che stavi facendo, è sempre una rottura di coglioni.
Loro invece, i callcenteristi, raggiungono l’orgasmo ogni volta che riescono a beccarti. Per me li drogano con roba pesa: coca o ketamina, roba che disinibisce un casino.

Ah si, eh? Con gli invasori della privacy, ora perfino quella del cellulare, non dobbiamo avere più pietà.
La supercazzola non basta, è troppo raffinata. Nemmeno l’invito alla gentile signorina che insiste a voler parlare “con chi si occupa di telefonia mobile” a dedicarsi a qualche dozzina di fellatio con ingoio ogni sera o quello diretto al suo collega maschio a praticare il coito anale passivo senza vaselina.

Qui ci vuole un’arma segreta, dirompente, devastante, peggio di un M16-Viper impostato a raffica.
Chissà se qualcuno riuscirebbe a realizzarmela. Voglio una segreteria telefonica intelligente che, quando chiama la pubblicità aggressiva la riconosca automaticamente e risponda con un preregistrato con la voce di Germano Mosconi, sciorinando tutto il suo repertorio in faccia alla malcapitata o malcapitato callcenterista.
Affanculo la solidarietà tra lavoratori, affanculo “ma poverini fanno un lavoro di merda”.
Chiamate Mosconi 3131. Secondo me funzionerebbe. A mali estremi…


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sono arrivati. No, ditemi che sta capitando anche a voi. Adesso non rompono più telefonando solo a casa, preferibilmente la sera mentre stai cenando, ma anche al cellulare!!
La prima volta mi ha chiamato Vodafone, con le solite offerte. Poi un’altra chiamata, sempre Vodafone. Vabbé, è il mio gestore, mi sono detta, vorrà intortarmi con qualche nuovo profilo. Non mi interessa, grazie. Capiranno.
Invece no, quella era l’avanscoperta. Adesso è arrivata la nave madre.
Va avanti da giorni: sento il cellulare che suona, vado per rispondere e la comunicazione si interrompe. Quasi tutte le chiamate provengono da numeri nascosti ma stasera ne ho sgamato uno: Fastweb. Quattro chiamate nel giro di poche ore.

Forse ho capito il meccanismo. Le prime volte nascondono il numero ma intanto tu entri in allarme giallo. Poi svelano il numero e tu non puoi fare a meno di richiamare sulla chiamata persa. Così oltretutto, paghi tu la telefonata. Non è diabolico?
Mi fa piacere, tra l’altro, che Vodafone si sia venduta il mio numero affinchè ne approfittassero anche cani e porci.
Pensare che il mio telefonino era silenzioso come una tomba, suonava solo se strettamente necessario e a volte andavo a sincerarmi che fosse ancora vivo, tanto era silenzioso.

Non bastava che questi tafani, questi ignobili spaccacazzo chiamassero ad ogni ora del giorno sul telefono aziendale: “Sono Pincopalla, vorrei parlare con un titolare”. Ieri pomeriggio, ingannata dal fatto che il tipo si era qualificato come Doxa, sapete quanto mi ha tenuto in linea con il suo sondaggio? Quindici minuti. Senza vergogna, senza imbarazzo, incurante del fatto che stava interrompendomi nel lavoro e che io stavo diventando sempre più nervosa e indispettita.
Io tendenzialmente mi vergogno ogni volta che devo telefonare a qualcuno, vado in ansia. Ho sempre paura di disturbare. Percepisco il fatto che un telefono che squilla ti interrompe in quello che stavi facendo, è sempre una rottura di coglioni.
Loro invece, i callcenteristi, raggiungono l’orgasmo ogni volta che riescono a beccarti. Per me li drogano con roba pesa: coca o ketamina, roba che disinibisce un casino.

Ah si, eh? Con gli invasori della privacy, ora perfino quella del cellulare, non dobbiamo avere più pietà.
La supercazzola non basta, è troppo raffinata. Nemmeno l’invito alla gentile signorina che insiste a voler parlare “con chi si occupa di telefonia mobile” a dedicarsi a qualche dozzina di fellatio con ingoio ogni sera o quello diretto al suo collega maschio a praticare il coito anale passivo senza vaselina.

Qui ci vuole un’arma segreta, dirompente, devastante, peggio di un M16-Viper impostato a raffica.
Chissà se qualcuno riuscirebbe a realizzarmela. Voglio una segreteria telefonica intelligente che, quando chiama la pubblicità aggressiva la riconosca automaticamente e risponda con un preregistrato con la voce di Germano Mosconi, sciorinando tutto il suo repertorio in faccia alla malcapitata o malcapitato callcenterista.
Affanculo la solidarietà tra lavoratori, affanculo “ma poverini fanno un lavoro di merda”.
Chiamate Mosconi 3131. Secondo me funzionerebbe. A mali estremi…


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Diciamo la verità, i meme il sabato sono come la manna. Permettono di tirare il fiato tra un post impegnato e l’altro oppure tra le cavolate che si scrivono e di coltivare i rapporti con i fellow-bloggers sparsi nel blogroll.

In settimana ho ricevuto per ben due volte il premio “D eci e lode“ da Ed e da Negroski, che ringrazio di cuore e la cui stima contraccambio senza indugi.
Mi hanno fatto piacere anche e soprattutto le due motivazioni che hanno scelto.
A Ed che mi bacchetta per la mia sboccataggine dico che non posso che dargli ragione.
Amico mio, non sai quanto mi trattengo. Quando mi arrabbio divento una fogna, tanto che a volte ci vorrebbe Padre Merrin, ti ricordi l’Esorcista con la madre di padre Karras che faceva pompini all’inferno? (Avrei potuto scrivere p puntini puntini ma tanto il concetto sarebbe stato lo stesso).


Ahimè, dietro all’aria seriosa e rispettabile consona al mio ruolo sociale si nasconde un Germano Mosconi pronto a scoppiare in ogni momento di difficoltà. Mettici anche il genoma maremmano-romagnolo e un’anticchia di Tourettismo che sicuramente mi affligge, ma in quel caso sarei in compagnia nientepopodimenoche di Wolfango Amadeus, e il quadro è completo.

Negroski invece sostiene che leggermi provoca dipendenza. Penso sia un bellissimo complimento anche se un po’ la cosa mi inquieta. Prima che un regista ricavi un film dal titolo “La mia droga si chiama Lameduck” devo dirimere una questione: posso essere considerata leggera o pesante? Il dibattito è aperto. Posso essere consumata in modica quantità o sono totalmente illegale? Nel dubbio, legalizzatemi*!

Ed ora torniamo alla parte burocratica, spiegando cos’è il meme del momento. Copincollo dal post originario:

Che cos’è?

“D eci e lode” è un premio, un certificato, un attestato di stima e gradimento per ciò che il premiato propone.

Come si assegna?

Chi ne ha ricevuto uno può assegnarne quanti ne vuole, ogni volta che vuole, come simbolo di stima a chiunque apprezzi in maniera particolare, con qualsiasi motivazione (è o non è abbastanza elastico e libero?!) sempre che il destinatario, colui o colei che assegna il premio o la motivazione non denotino valori negativi come l’istigazione al razzismo, alla violenza, alla pedofilia e cosacce del genere dalle quali il “Premio D eci e lode” si dissocia e con le quali non ha e non vuole mai avere niente a che fare.

Le regole:

1. Esporre il logo del “Premio D eci e lode”, che è il premio stesso, con la motivazione per cui lo si è ricevuto. E’ un riconoscimento che indica il gradimento di una persona amica, per cui è di valore (sotto c’è il pratico “copia e incolla”);
2. Linkare il blog di chi ha assegnato il premio come doveroso ringraziamento;
3. Se non si lascia il collegamento a questo post già inserito nel codice html del premio provvedere a linkare questa pagina;
4. Inserire il regolamento ;
5. Premiare almeno 1 blog aggiungendo la motivazione.

Il resto sul sito dell’ideatore.

Ed ora i miei premi.
A Franca e Guccia, bellissime mamma e figlia. Perchè crescere un figlio con i nostri ideali è ancora possibile.
A Virginie perchè a volte la invidio per il fatto che in Francia, dove vive, non c’è Mastella.
A settantasette perchè il modo che ha di finire ogni post sempre con una citazione da “Star Wars” mi fa impazzire di goduria.
A Justfrank perchè esportare democrazia come fa lui non ha prezzo.
A Verosudamerica e LATAM per l’opera di pregevole controinformazione sul continente sudamericano.
A Debora per tenere un blog che parla di argomenti difficili e “antipatici” come il petrolio, trattati con grande competenza e precisione.

Ce ne sarebbero tanti altri ma si farebbe notte. Alla prossima volta.

* Ovviamente si fa per scherzare, anche se con la droga non si scherza.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Diciamo la verità, i meme il sabato sono come la manna. Permettono di tirare il fiato tra un post impegnato e l’altro oppure tra le cavolate che si scrivono e di coltivare i rapporti con i fellow-bloggers sparsi nel blogroll.

In settimana ho ricevuto per ben due volte il premio “D eci e lode“ da Ed e da Negroski, che ringrazio di cuore e la cui stima contraccambio senza indugi.
Mi hanno fatto piacere anche e soprattutto le due motivazioni che hanno scelto.
A Ed che mi bacchetta per la mia sboccataggine dico che non posso che dargli ragione.
Amico mio, non sai quanto mi trattengo. Quando mi arrabbio divento una fogna, tanto che a volte ci vorrebbe Padre Merrin, ti ricordi l’Esorcista con la madre di padre Karras che faceva pompini all’inferno? (Avrei potuto scrivere p puntini puntini ma tanto il concetto sarebbe stato lo stesso).


Ahimè, dietro all’aria seriosa e rispettabile consona al mio ruolo sociale si nasconde un Germano Mosconi pronto a scoppiare in ogni momento di difficoltà. Mettici anche il genoma maremmano-romagnolo e un’anticchia di Tourettismo che sicuramente mi affligge, ma in quel caso sarei in compagnia nientepopodimenoche di Wolfango Amadeus, e il quadro è completo.

Negroski invece sostiene che leggermi provoca dipendenza. Penso sia un bellissimo complimento anche se un po’ la cosa mi inquieta. Prima che un regista ricavi un film dal titolo “La mia droga si chiama Lameduck” devo dirimere una questione: posso essere considerata leggera o pesante? Il dibattito è aperto. Posso essere consumata in modica quantità o sono totalmente illegale? Nel dubbio, legalizzatemi*!

Ed ora torniamo alla parte burocratica, spiegando cos’è il meme del momento. Copincollo dal post originario:

Che cos’è?

“D eci e lode” è un premio, un certificato, un attestato di stima e gradimento per ciò che il premiato propone.

Come si assegna?

Chi ne ha ricevuto uno può assegnarne quanti ne vuole, ogni volta che vuole, come simbolo di stima a chiunque apprezzi in maniera particolare, con qualsiasi motivazione (è o non è abbastanza elastico e libero?!) sempre che il destinatario, colui o colei che assegna il premio o la motivazione non denotino valori negativi come l’istigazione al razzismo, alla violenza, alla pedofilia e cosacce del genere dalle quali il “Premio D eci e lode” si dissocia e con le quali non ha e non vuole mai avere niente a che fare.

Le regole:

1. Esporre il logo del “Premio D eci e lode”, che è il premio stesso, con la motivazione per cui lo si è ricevuto. E’ un riconoscimento che indica il gradimento di una persona amica, per cui è di valore (sotto c’è il pratico “copia e incolla”);
2. Linkare il blog di chi ha assegnato il premio come doveroso ringraziamento;
3. Se non si lascia il collegamento a questo post già inserito nel codice html del premio provvedere a linkare questa pagina;
4. Inserire il regolamento ;
5. Premiare almeno 1 blog aggiungendo la motivazione.

Il resto sul sito dell’ideatore.

Ed ora i miei premi.
A Franca e Guccia, bellissime mamma e figlia. Perchè crescere un figlio con i nostri ideali è ancora possibile.
A Virginie perchè a volte la invidio per il fatto che in Francia, dove vive, non c’è Mastella.
A settantasette perchè il modo che ha di finire ogni post sempre con una citazione da “Star Wars” mi fa impazzire di goduria.
A Justfrank perchè esportare democrazia come fa lui non ha prezzo.
A Verosudamerica e LATAM per l’opera di pregevole controinformazione sul continente sudamericano.
A Debora per tenere un blog che parla di argomenti difficili e “antipatici” come il petrolio, trattati con grande competenza e precisione.

Ce ne sarebbero tanti altri ma si farebbe notte. Alla prossima volta.

* Ovviamente si fa per scherzare, anche se con la droga non si scherza.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 81,685 hits

Categorie