You are currently browsing the category archive for the ‘horror’ category.

Questo è un Fulminato di Mercurio speciale, monografico e messianico, come si addice al mistero dei cerchi nel grano. Anzi, visto che si parla di Silvio Berlusconi, dei Circoli nella grana.

Antefatto. Stanotte credo di aver visto due tra i peggiori film mai realizzati da mente malata umana: “Il macellaio” con Alba Parietti e “Hostel” di Eli Roth. Devo ancora stabilire, essendomi appena ripresa dal trauma, quale dei due fosse l’horror.
Nonostante l’ambientazione da bassa macelleria di entrambi non mi so decidere se fosse peggio la faccia del macellaio che si trombava la Parietti, la faccia della Parietti nel mentre il macellaio la trombava o l’occhio sforbiciato della giapponesina in quella specie di Abu Ghraib mitteleuropea spacciata per idea originale dal protegé di Tarantino (Quentin, questa me la paghi).

Stamattina, accendendo Radio Radicale dopo mesi, sento la voce gentile e melodiosa della Rossa di Milanello berciare come al mercato del pesce contro “questo governo”. Poco dopo l’annuncio: ecco a voi Silvio Berlusconi. Era la diretta (registrata) della convention dei circoli della libertà.
Dopo aver visto lavorare di Black&Decker uno dei giovincelli di “Hostel”, cosa vuoi che sia? Sentiamo cosa ha da dire Silvio.

Inizia raccontando di quando decise di scendere in campo. “I partiti erano scomparsi con Tangentopoli e il partito comunista rischiava di prendere l’84% dei seggi alle elezioni”. “Ero preoccupato, non riuscivo a dormire la notte”. Ti credo, aveva perso il suo faro nella nebbia, Bettino Craxi.
Sono le solite cazzate che spara sempre, il pericolo comunista nel 1992? Non gli badare, pensa al carrello dei bolliti che hai visto ieri sera.
“Ero indeciso sul da farsi e ci fu una riunione con i miei figli, mia madre, Confalonieri…”
Non avevamo dubbi che la decisione di scendere in campo fosse stata presa d’accordo con La Famiglia.
“Chi mi fece prendere la decisione definitiva fu però mia madre”. Il pensiero ritorna alle manette e alle dita mozzate. Non c’è partita, quello che sto ascoltando è molto peggio di qualunque tortura.

Silvio prosegue raccontando a modo suo, cioè mentendo, come andò la notte dei Brogli. “A mezzanotte Pisanu venne da me dicendomi che avevamo vinto, poi i comunisti imbrogliarono con le schede bianche in Campania e Calabria e si appropriarono ingiustamente della vittoria elettorale.”
E’ un crescendo. Certo che Pinocchio a quest’uomo gli fa una sega.
Mentre sto pericolosamente rivalutando non solo le torture di “Hostel” ma perfino la Parietti che finge di fingere di trombare, Silvio mi dà la mazzata finale: “Non dobbiamo permettere che i nostri figli studino in scuole con insegnanti di sinistra che gli manipolerebbero le menti come hanno fatto con i loro figli. Occorrono scuole private dove si insegni la libertà”.

Silvio è un mistero, come i cerchi nel grano, anzi nella grana. E’ inesplicabile che la gente gli creda ciecamente, pur sapendo della probabile frode che c’è sotto. E’ capace di ripetere le stesse stronzate da anni e c’è chi ancora gli dà credito. Hanno spiegato loro che il suo cerchio fu fatto nottetempo con corde e assi da amici compiacenti ma gli italiani continuano a pensare che sia un fenomeno soprannaturale.

E’ stata una lezione istruttiva. L’orrore non ha fine è vero ma purtroppo non è quello che ci mostrano i film di terz’ordine.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 83,071 hits

Categorie