You are currently browsing the category archive for the ‘inquinamento’ category.

Dopo un mese di estenuanti interrogatori il governo giapponese ha confessato. Fukushima è come Chernobyl, un bel livello sette. Siamo quasi sollevati. 
L’altra notizia di oggi dice che c’è  il rischio, denunciato dai “Verdi” campani, che la Camorra importi abusivamente pesce surgelato radioattivo proveniente dal mare del Sol Levante. E mo’, magnateve ‘o sushi.
Fukushima, oggi
“E’ una tragedia enorme, abbiamo visto diversi impianti chimici e di gas in fiamme. Mi sento di dire che al momento gli impianti nucleari hanno tenuto, hanno ‘retto botta’. (Chicco Testa, 11 marzo 2011)

“Oggi, nel mondo, in oltre 14.000 anni-reattore di funzionamento, vi sono stati solo due incidenti molto gravi, di cui solo quello di Chernobyl ha avuto come conseguenza la perdita di vite umane e la contaminazione della regione circostante. Va al riguardo sottolineato che si è trattato di un incidente reso possibile dalla tecnologia di quel reattore, adottato solo nell’ex URSS e che non potrebbe in alcun modo aver luogo nei reattori di tecnologia occidentale (LWR). Il secondo, Three Mile Island, pur avendo comportato danni materiali molto gravi al reattore, non ha dato luogo a emissioni radioattive significative all’esterno del contenimento e non ha avuto alcun impatto sanitario sulle popolazioni locali. Eventi di questo tipo – causati da carenze progettuali, errori umani e organizzativi – con le centrali di terza generazione avanzata e con le attuali modalità di gestione e funzionamento sono sostanzialmente irripetibili (probabilità di evento catastrofico pari a meno di un caso ogni 100.000.000 di anni).
(fonte: ENEL – EDF – Ambrosetti -“Il nucleare, per l’economia, l’ambiente e lo sviluppo”, estratto, pag. 19)

Fukushima, l’impianto nucleare giapponese a nord di Tokio danneggiato in maniera gravissima per quattro reattori su sei dal terremoto e tsunami  di tre settimane fa, è il miglior monumento possibile alle menzogne dell’industria nucleare. E’ un fantasma, una grottesca maschera Kabuki che sghignazza delle previsioni probabilistiche sbagliate e della sistematica sottovalutazione dei rischi.
Altro che un incidente ogni 100.000.000 di anni, come scriveva l’opuscolo adorante il Dio Uranio, fabbricato dall’ENEL appena sei mesi fa.
Three Miles Island 1979, Chernobyl 1986, Fukushima  2011.  Sono tre incidenti gravi negli ultimi  trentadue anni. In media, un incidente ogni dieci anni.
Abbiamo tanto criticato, accusato e vomitato tutto il disprezzo possibile nel 1986 addosso alle autorità sovietiche che, secondo noi, non volevano raccontarci la verità su Chernobyl.
Beh, cosa sappiamo esattamente di cosa sta succedendo a Fukushima, nei famosi reattori a tecnologia occidentale che non avrebbero mai dovuto rompersi, in queste ore?
Se al tempo di Chernobyl si pretendeva la verità perché il radionuclide veniva da oltrecortina, oggi invece il sarcofago di silenzio ed omertà colpevole lo si costruisce sulla verità che proviene dal Giappone. Come ha scritto Luca Telese sul “Fatto quotidiano”: “Ci sono rumori che servono a depistare e silenzi che servono per occultare.”
Le parole d’ordine sono cincischiare, supercazzoleggiare e parlare per enigmi ed assurdità. Si, il tetto di un reattore è scoperchiato ma il nocciolo è solo parzialmente fuso. Anche gli altri sono parzialmente fusi. Fusi ma non troppo. Fusi ma anche no. Come se le barre d’uranio, improvvisamene senzienti, dicessero tra loro: “Oh, per carità, io non mi fondo, mi metto da parte, anzi, mi autoraffreddo così non arreco troppo disturbo alla TEPCO”.
Balle, balle e ancora balle. Non sanno come dircelo che le loro preziose tecnologie occidentali, di fronte all’imponderabile, sono vulnerabili come i catorci a grafite dell’ex URSS. Con l’aggravante che qui in Occidente c’e anche il profitto da difendere, si ritardano i lavori di messa in sicurezza per non danneggiare i preziosi gingilli, mentre là fuori c’è già gente che sta già respirando la morte.

E, indovinate? Ora viene fuori che buttare sopra i reattori di Fukushima l’acqua di mare e quella dolce è stata una cazzata, che l’unico modo per seppellire tutto il calderone infernale (moltiplicato per quattro reattori) è costruirci un bel sarcofagone in cemento come quello che realizzarono i russi. Il problema però è che le falde sottostanti e il mare sono già inquinati e, se non c’è stata l’esplosione del nocciolo come a Chernobyl, qui è pure peggio perché il sarcofago potrebbe solo amplificare e rendere ancora più devastante un’esplosione che non si può ancora scongiurare.

Per il resto si vedono le stesse scene di venticinque anni fa. Il Moloch nucleare è talmente sicuro che richiede anche stavolta sacrifici umani. Sono ritornati i liquidatori. Passata l’emergenza si parlerà poco di loro, ancor meno di quanto se ne parli ora. Diranno che sono morti in pochi. Il famoso livello di rischio accettabile. L’OMS, in combutta con l’AIEA, si guarderà bene dal pubblicare uno studio sugli effetti di Fukushima sulla salute della popolazione mondiale. Niente studio, niente rischio. Se di un problema non si parla, esso non esiste.

Un attivista antinucleare giapponese ha scritto, nei giorni scorsi: “Se siete sicuri che siano così sicuri, perché non costruire gli impianti nel centro della città, invece che a centinaia di chilometri di distanza provocando la dispersione di metà dell’energia elettrica nel passaggio sui cavi?”

E’ una buona domanda ma temo che non riceverà risposta tanto presto. Una buona risposta sui rischi del nucleare la possiamo però offrire noi italiani.

Il dodici giugno si va a votare per il referendum contro la volontà della casta di ributtarsi sul nucleare, alla faccia nostra ed in nome del loro profitto. Bisogna votare SI per respingere al mittente le dieci centrali di terza generazione e mezza di Scajola. Con mucho gusto.
Per quanto mi riguarda, oltre a votare SI, continuerò a parlare fino alla nausea di nucleare, non potendomi attendere che lo facciano i telegiornali. Ne parlerò fino a far capire alla gente, a più gente possibile, che bisogna opporsi al modo più caro e pericoloso di fare acqua calda perché esistono sistemi più ecocompatibili per produrre energia. A cominciare dal risparmiarla e non sprecarla. E’ un invito, quello di parlare di nucleare e di ciò che sta succedendo a Fukushima, che giro anche ai colleghi blogger.

Ai nostri politici consiglio di giocarsi il 79, l’86 e l’11. Un bel terno secco in omaggio ai più gravi incidenti nucleari degli ultimi trentadue anni. Per quanto riguarda le barre d’uranio già esistenti e quelle future che sognano, sanno già come possono utilizzarle.

Il terremoto in Giappone avrà pure spostato l’asse terrestre di dieci centimetri, come dicono, ma non ha certamente smosso di un millimetro le convinzioni dei nostri politici filonucleari, anzi nuclearofili.
In Giappone, a causa del catastrofico terremoto dei giorni scorsi, siamo ad un livello 6 di allarme disastro nucleare per alcune centrali, (Chernobyl raggiunse il 7) e se Angela Merkel corre subito ai ripari pensionando per precauzione le centrali tedesche più obsolete e decidendo di investire ancor di più nelle fonti energetiche alternative ed ecocompatibili, la nostra destra al plutonio, il nostro governo ad alto contenuto di stronzio  non demorde, non si schioda dalla convinzione di dover ripristinare il nucleare sul nostro territorio.  Non in Veneto, però, ha già messo le mani avanti il governatore padano.
Non solo tireranno fascisticamente diritto ma hanno la sfrontatezza di definire “irrazionale emotività” la giusta preoccupazione per la sorte di migliaia di persone a rischio contaminazione. In Giappone oggi e domani chissà, anche nell’Italia rinuclearizzata da Nanocurie.

Il governo delle prestigiacome, dei brunettoli e degli altri fenomeni da baraccone, delle mostruosità politiche scaturite dalla ventennale contaminazione berlusconiana, vuole le centrali nucleari ad ogni costo, passando sui cadaveri di chiunque e soprattutto fregandosene della volontà popolare che, tramite un referendum, bandì il nucleare dal nostro paese nel 1987. “Sull’onda emotiva di Chernobyl”, ribattono gli stronzi. Sono sempre quelli che “la volontà popolare è sacra”, non dimentichiamolo. Sacra solo quando a loro conviene e se c’è di mezzo il loro Nanocurie e il Santissimo Interesse.
Perché, parliamoci chiaro, quando i politici si accalorano tanto attorno ad un progetto da portare avanti nel lungo periodo non è mica ideologia o desiderio di migliorare la vita di tutti. In quelle occasioni piovono appalti, tangenti, insomma soldi, interessi economici. La casta radioattiva già si lecca le dita al pensiero di quanto bene farebbero le centrali ai loro conti in banca.
Non conta che la Bonino abbia ricordato molto pragmaticamente che, in ogni caso, la costruzione di nuove centrali, quelle famose di “terza generazione e mezza” di Scajola, comunque pronte tra non meno di vent’anni con costi elevatissimi  e sproporzionati allo stato dei conti pubblici italiani, coprirebbe solo il 4% del fabbisogno energetico nazionale.
Le vogliono, se ne sono incapricciati come delle loro mignotte con i labbroni per le quali sono disposti a rovinarsi. O centrale, fuoco dei miei lombi!

Non ci voleva un terremoto come quello giapponese per ricordare che le centrali nucleari, checché ne dicano i sedicenti esperti a libro paga delle lobbies nucleari, sono giocattolini pericolosi ai quali basta una banalissima mancanza d’acqua nel circuito di raffreddamento per surriscaldarsi e rischiare di esplodere o fondersi con conseguente contaminazione perenne del territorio. Cosa vuoi che sia?
Il nocciolo, è il caso di dirlo, della questione, è la sicurezza di queste supertecnologiche e presuntuose carrette.
Le centrali non saranno mai sicure e comunque per metterle in parziale sicurezza il costo è e sarà sempre talmente elevato che il gioco non vale la candela.
Oltretutto, quando succede il disastro, non è che si dà una ripulitina con il mocio e amen. L’uranio è come il diamante, è per sempre. Il sarcofago di Chernobyl, costruito a tempo di record e a prezzo di tante povere vite umane, quelle degli eroi che nessuno più ricorda, i “liquidatori”, è già da anni marcio, rilascia radiazioni e dovrà essere sostituito prima o poi con una costruzione più moderna che duri almeno un centinaio d’anni. Costo stimato per la  pezza da mettere attorno al culo incandescente della centrale ucraina: un miliardo di dollari, con tendenza al rialzo.
Quando succede il disastro, le radiazioni portano morte e malattia. Non ai membri della casta ma alle persone comuni, a noi. Nelle zone di Ucraina e Bielorussia colpite dalle radiazioni liberate nel disastro di Chernobyl, a distanza di tanti anni dall’evento, i bambini hanno il cervello precocemente invecchiato come quello di persone di settant’anni, gli adulti e i bambini si ammalano di cancro. Alla tiroide, agli occhi, al cervello.
Andare nei boschi in cerca di funghi significa tornare a casa con il naso che gronda sangue e un mal di testa lancinante.
Eppure secondo alcuni basterebbero 28 miseri dollari per acquistare delle pastiglie da dare a ciascun contaminato e che sembrano essere in grado di aiutarli a smaltire le radiazioni.
C’è qualche scienziato che si prende la briga di andare in giro per i villaggi a misurare il livello di radionuclidi assorbiti dalla popolazioni e a distribuire le pastiglie. Ovviamente non si possono curare tutti, moltiplicando i 28 dollari per milioni di persone il costo sarebbe troppo elevato.
E poi l’OMS, l’Organizzazione Mondiale dell’Oscenità, mentre è capace di inventarsi di sana pianta delle pandemie immaginarie solo allo scopo di vendere milioni di vaccini che vanno ad ingrassare BigPharma, non ti racconterà mai cosa possono farti veramente di male le radiazioni. Leggete le cifre ufficiali sugli effetti del disastro di Chernobyl: sono bazzecole.

Perché l’OMS minimizza? Perché per controllare gli effetti delle radiazioni nucleari sulla salute della popolazione mondiale si fa consigliare dall’AIEA, l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica. Hanno un accordo fin dagli anni 50. Un conflitto di interessi talmente fosforescente che si vede al buio. Vi immaginate l’OMS che, legata all’Agenzia Atomica da un accordo pluridecennale, dichiara qualcosa che potrebbe danneggiarne gli interessi?
Le radiazioni sono dannose, eppure i sedicenti esperti nuclearofili vanno in tv ogni giorno a dire che non è vero, che le barre d’uranio le potresti anche ciucciare a mo’ di calippo.  Una sigaretta, per carità, fa venire il cancro ma una bella sventagliata di radiazioni gentilmente offerta da una centrale in panne invece è quasi una benedizione, a sentir loro.
Tutto ciò non ha senso e quando vedi degli oncologi che sono a favore del nucleare ti chiedi dov’è che si è inceppato il meccanismo. Gente, tra parentesi, che se dovesse sparire il cancro dalla faccia della terra perderebbero i clienti, verrebbe da malignare.

C’è un altro aspetto da considerare, però. I territori contaminati da Chernobyl sono un meraviglioso laboratorio a cielo aperto. Per studiare che cosa? Gli effetti delle radiazioni a breve, medio e lungo periodo su un vasto campione di popolazione, naturalmente. Tutto gratis e su una popolazione tutto sommato a scarso valore aggiunto consumistico e quindi sacrificabile.

Lo so che quando posto i filmati non li guardate ma, vi prego, dedicate una quarantina di minuti alla visione di questo documentario sul post Chernobyl e poi domandatevi: chi paga il prezzo più alto del nucleare? 

Non c’è niente da fare, il nucleare è una fede. I suoi fanatici sostenitori, come il Chicco Testa audito questa sera dalla Lilli Gruber su La7, camminerebbero sui noccioli ardenti già in piena sindrome cinese per dimostrare che non scottano e che anzi sono un toccasana per i piedi. Questi cavalieri templari del nanocurie si gusterebbero in diretta leccalecca al plutonio, magnificandone le proprietà benefiche sulla salute pubblica e raccomandandone l’uso nella prima infanzia.
Non li vedi smuoversi dalle loro incrollabili certezze nemmeno quando tira un terremoto della madonna al cubo in Giappone e le autorità locali lanciano giustamente l’allarme temendo che qualcosa, dentro le pur moderne centrali nucleari del Sol Levante, abbia a scassarsi, con possibile fuoriuscita di radioattività.
Se obietti che la necessità di precipitarsi a raffreddare a tutti i costi i noccioli dimostra la pericolosità degli impianti nucleari, Chernobyl docet, loro sguainano il benaltrismo. Le centrali sono sicure, sicurissime, ultrasicure. Sono i tubi del gas che saltano, ad essere pericolosi. 

http://static2.video.corriereobjects.it/widget/swf/CorrierePolymediaShow.swf

Volatili ingordi o volatili per diabetici per tutti?
Da qualche tempo nella mia città, Faenza, piovono tortore, uccise a decine ogni giorno da qualcosa che le sta sterminando. Può capitare, girando in macchina, di doverne schivare qualcuno, di questi poveri animali, agonizzante proprio in mezzo alla strada.
Il luogo dove si sta concentrando maggiormente la morìa delle tortorine è la zona industriale dove si trova un oleificio, noto soprattutto per appestare di miasmi coloro che entrano in città dall’autostrada.
Diversi enti stanno investigando le ragioni di questa strage, compreso il WWF, l’ASL e alcuni laboratori di analisi. C’è chi parla di semi tossici ingeriti dalle tortore, altri ipotizzano un avvelenamento da cianuro perché i becchi degli animali si sarebbero colorati di blu. Altri ancora non sanno spiegarsi il fenomeno e, saggiamente, attendono i risultati delle analisi tossicologiche che, in questi casi, possono essere determinanti per risolvere il mistero ma richiedono qualche tempo per essere completate.

Niente di certo ancora, quindi, nell’x-file romagnolo. Eppure stamattina, passando di fronte alla civetta di un’edicola, leggo questo straordinario titolo della “Voce di Romagna”:  “Risolto il mistero delle tortore, è stata un’indigestione”. Lo sponsor della teoria dell’uccello bulimico, riportata anche da Repubblica, è un ex consigliere regionale di Forza Italia, ora consigliere del ministro Renato Brunetta e giustamente la Voce, giornale molto ma mooolto vicino al centrodestra, la riporta come fosse vangelo.

Forse è voluto che chi legge distrattamente la civetta e passa oltre, senza approfondire l’argomento e scoprire magari, leggendo l’articolo completo, che il mistero non è affatto risolto, rimanga con l’impressione che 400 uccelli morti all’improvviso non significhino nulla per l’ambiente e la salute pubblica. In fondo è forse quello il compito di certa informazione attenta a non disturbare qualunque tipo di manovratore e a fornire pappe politically friendly già pronte da inghiottire e senza discutere. In ogni caso, l’ipotesi dell’indigestione aviaria, diciamolo pure, mi pare ‘na strunzata.

Mi ha ricordato tanto il “Tutti guariti i 52 intossicati” letto sul Carlino il giorno dopo essere stata ricoverata d’urgenza, assieme ad altri 51 , per una salmonellosi contratta da una tossinfezione alimentare in un albergo di Milano Marittima. Io e gli altri eravamo ancora in preda a dolori, febbre e fenomeni innominabili e qualcuno era pure in gravi condizioni ma il maggiore giornale dell’Emilia Romagna tranquillizzava i turisti che si accingevano a partire per le spiagge romagnole. Eravamo a fine luglio. Se eravamo tutti guariti dovevamo crederci. Da allora, per reazione, diffido in automatico di ciò che riportano i giornali.

Tornando alle nostre tortorine, e scusandomi per la nota autobiografica, dare da bere alla popolazione faentina la storia dell’indigestione senza prima avere escluso altre cause, vendere la favola degli uccelli che decidono magari di morire tutti assieme con una ultima grande bouffe di vinacce è anche abbastanza puerile.
Primo, gli animali che non vivono in cattività e che non sono sottoposti a sedentarietà e diete paraumane come cani e gatti non mangiano a schiantabudella e non conoscono l’obesità perché possiedono meccanismi di autoregolazione della fame molto più efficaci dei nostri.

Se davvero le tortore faentine hanno cominciato ad ingozzarsi fino a farsi scoppiare il fegato dev’essere intervenuto un agente tossico, chimico, batteriologico o virale, che ne ha compromesso l’equilibrio metabolico. Oppure, più semplicemente, hanno mangiato qualcosa di tossico in sé e in questo caso è indispensabile indagare affinché l’intossicazione non possa essere trasmessa inavvertitamente anche all’uomo.
In ogni caso, c’è qualcosa che non va nell’ambiente e va indagato al più presto senza dare l’impressione di voler chiudere il discorso con qualche scusa magra. Magari per non disturbare gli interessi delle importanti aziende locali.
Nessuno vuole accusare senza prove ma tirare fuori la storia dell’indigestione puzza più dei miasmi dell’oleificio in questione. 

Era colpa di un batterio, lo Pseudomonas, cioè uno che non è nemmeno un mona ma una specie di, se le mozzarelle crucche diventavano blu appena aperte le confezioni. Una cosa schifosa che ricordava dei bozzoli alieni, dei blob contenenti chissà quale forma di vita pronta ad infettarci.
“Problema risolto”, dicono, “non c’è pericolo per la salute dei consumatori”. Il fintomona è stato debellato, scusateci per il disturbo.
E’ incredibile come, anche di fronte all’evidenza di un alimento divenuto di un colore più che improbabile ed inquietante, pur di venderti della roba, si affrettino a minimizzare.
Sarà ma, le mozzarelle blu di Prussia, al limite, magnatevele voi.
Un mondo senza uomini. No, non è un delirio separatista iperfemminista o una sciagurata evenienza che ci priverebbe per sempre dei nostri amatissimi compagni di lavoro, amici, mariti ed amanti.
Qui ci riferiamo agli uomini come specie. All’Uomo, quindi.
Devono esserci rischi proprio gravi se si sono decisi a sedersi attorno ad un tavolo a discutere di ambiente, riscaldamento globale e cambiamenti climatici. Compresi coloro che hanno sempre svuotato i portacenere senza rispetto fuori dal finestrino, gli americani, e gli attuali maggiori inquinatori mondiali, sia per numero che per quantità di sostanze tossiche, i cinesi.
A proposito, mi piacerebbe sapere se c’è ancora e se non c’è più dove è finita quella famosa gigantesca nube tossica che aleggiava nel 2005 sul continente asiatico.

Se vi è sembrato scioccante – a me è parso solo una paraculata con uso furbetto di bambini – il corto presentato all’inaugurazione della conferenza di Copenhagen allora guardatevi questo bellissimo documentario di History Channel, “La terra dopo l’uomo”, i cui argomenti sono trattati anche dal libro “Il mondo senza di noi”, di Alan Weisman.
Cosa succederebbe al pianeta Terra nella malaugurata (per noi) evenienza che un cataclisma o un virus mortale – altro che suina, eradicasse la specie umana?

Il documentario illustra, su base scientifica e dati preesistenti su zone spopolate del pianeta, cosa accadrebbe 1 – 10 – 100 – 1000 e più anni dalla scomparsa dell’uomo.
Da un punto di vista antropocentrico sarebbe una catastrofe. Pressocché tutte le nostre opere architettoniche, tranne paradossalmente quelle in pietra dell’antichità come le piramidi egizie, verrebbero distrutte. La nostra cultura, affidata a supporti deperibili come la carta stampata, la pellicola cinematografica, i supporti magnetici, verrebbe perduta per sempre, anch’essa corrosa dagli agenti atmosferici. Anche in questo caso sopravviverebbero i geroglifici egizi e non i film di Kubrick. La nostra civiltà, dipendente quasi interamente dall’energia, non sopravviverebbe allo spegnimento delle centrali ed alla mancanza di manutenzione.

Per la natura sarebbe solo un riappropriarsi del suo spazio. La vegetazione coprirebbe le città, gli animali si riadatterebbero ad un ecosistema basato sul binomio preda-predatore e ripopolerebbero l’ambiente.
Gli animali domestici, dipendenti dall’uomo per il procacciamento del cibo, a parte il caso dei cani di taglia piccola che non sopravviverebbero, avrebbero modo di adattarsi ad un mondo human-free. I gatti, ad esempio, potrebbero tornare al loro antico status di predatori, cibandosi di topolini e uccelli. I cani di razza più simile al lupo non solo sopravviverebbero ma, incrociandosi con i lupi, riprenderebbero possesso dei territori di caccia di un tempo.
Il mare trarrebbe solo beneficio dalla scomparsa di navi, pescherecci e rifiuti umani. In pochi anni pullulerebbe di vita come non mai.

La conclusione angosciante che si trae dalla visione del documentario è che la scomparsa dell’uomo sarebbe una tragedia solo per noi. Il pianeta andrebbe avanti ed anzi, ne avrebbe vantaggio.

Forse aveva ragione l’agente Smith, il personaggio di Matrix, nel definire l’essere umano come virus. Una forma di vita dannosa che, se non troverà il modo di convivere con l’ambiente rispettandolo, verrà da esso distrutta e della quale, una volta sparita, non resterà nemmeno un brutto ricordo.
Chernobyl, 26 – 4 – 1986
Vittime di cancro alla tiroide da radiazioni ionizzanti.

L’OMS non ha mai voluto rendere pubblico uno studio sugli effetti dell’incidente di Chernobyl sul genoma umano, secondo il quale i danni genetici provocati dall’anomala irradiazione del 1986, coinvolgeranno le prossime venti generazioni umane. Lo studio esiste ma la popolazione mondiale non ha il diritto di conoscerne il contenuto.

L’OMS, per quanto riguarda gli studi sui danni da radiazioni sulla popolazione mondiale, dipende dall’AIEA, ovvero dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica. In pratica, chi promuove e si suppone abbia interessi economici nel settore nucleare o difenda gli interessi di altri, dovrebbe finanziare ricerche sui danni provocati alla salute dell’Uomo e dell’ambiente dai prodotti della stessa industria nucleare.
Ovviamente non lo fa e se lo fa, minimizza, parlando di “livelli accettabili di rischio”.
Attorno alle centrali nucleari crescono i tumori e le malformazioni, ma un’opportuna cortina di silenzio mediatico impedisce che l’opinione pubblica possa preoccuparsene. Così i politici che hanno appena firmato contratti milionari con i boss dell’industria nucleare, possono parlare senza pudore di centrali prive di rischio, di impianti di terza generazione e mezza, di “ritorno al nucleare” perché il nucleare è sicuro e la barretta d’uranio la potete dare da ciucciare anche ai vostri figli.
Le radiazioni non si sentono e non si vedono se non quando i loro effetti si manifestano facendo nascere pecore senza occhi e bimbi senza braccia.

Non parliamo del nucleare militare dei danni da nanoparticelle. Sappiamo tutti che le autorità negano decisamente l’esistenza di una Sindrome da Uranio Impoverito, nonostante l’evidenza clinica e l’incidenza oltre la norma di malattie come le leucemie nei reduci dai teatri di guerra dove si utilizzano le armi ad Uranio Impoverito.
Vicino al poligono militare di Salto di Quirra in Sardegna, luogo di sperimentazione di nuove armi, nel paese di Escalaplano, comune di 2500 abitanti, con una natalità annua di circa 20 nuovi nati, nel 1988 ben 6 bambini, il 30%, presentavano malformazioni che normalmente hanno un’incidenza bassissima sulla popolazione generale.
Difficile pensare ad un caso, quando oltretutto, sempre nello stesso territorio, il 30% della popolazione adulta è affetta da forme di leucemia ed altre neoplasie , dieci volte più della norma.
Ufficialmente però, non esiste alcun problema Salto di Quirra. Per chi vuole informarsi, qui c’è un’interessante inchiesta (prima, seconda , terza parte).

Esistono epidemie conclamate, ad eziologia praticamente nota, che però vengono minimizzate o addirittura negate per coprire gli interessi ad esse legati.
Altre epidemie o pandemie, più o meno immaginarie, vengono invece utilizzate per terrorizzare la gente e spingerla a comportamenti sanitari motivati dagli stessi interessi.
E’ il caso di Big Pharma e delle periodiche campagne terroristiche mediatiche messe in atto ogniqualvolta si devono vendere vaccini e svuotare i magazzini di farmaci inutili ma costosissimi.
Di questo, agganciandomi all’attualità dell’influenza suina, parlerò domani.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Come mi faceva notare l’amico Cima, in centro a Napoli la monnezza è stata rimossa ma ne è rimasta la puzza.
Pare che il problema sarà risolto facendo ricorso al classico alberello magico ma in formato super size e con le nuovissime profumazioni localizzate alla sfogliatella ed al babà.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Come mi faceva notare l’amico Cima, in centro a Napoli la monnezza è stata rimossa ma ne è rimasta la puzza.
Pare che il problema sarà risolto facendo ricorso al classico alberello magico ma in formato super size e con le nuovissime profumazioni localizzate alla sfogliatella ed al babà.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 83,071 hits

Categorie