You are currently browsing the category archive for the ‘italia’ category.

Voi che dite, senza sprofondare dalla vergogna:

“E’ una missione fondamentale, una missione di pace, combattuta per la nostra sicurezza e per il bene del popolo afghano.” (Ministro Frattini)
“E’ una missione contro il terrorismo.” (Ministro “ForzaInter” La Russa).
“Non è una guerra”. (Piersbugiardando Casini),

brutti bugiardi complici di una cricca di guerrafondai ai quali vi siete venduti per una tanica di benzina, mandateci i vostri figli, nipoti, cognati, amici, servi, lacché, massaggiatrici e sgrullatrici, a morire in Afghanistan.
In GUERRA.

E lui che si sbatte tanto per vendere la sua immagine di eteromachoman fuori tempo massimo.
Buon Mardi Gras.

(Immagine tratta dal Carnevale di Düsseldorf. Questi tedeschi invidiosi…)

Quando voglio farmi veramente male e delle belle guanciotte rosse di vergogna, vado a leggere ciò che scrivono sul nostro premier i giornali stranieri, comodamente e spietatamente tradotti in italiano sul sito Italia dall’Estero.

Il Berlusconi in trasferta, di solito, specie se visita un paese civile, avanzato ed imperiale, va automaticamente in modalità SPUTTAN-TOUR. Lo sputtanamento, s’intende, è riferito a noi, suoi concittadini nostro malgrado.
Battutacce, corna, barzellette sconce, toccatine, occhiatacce sconvenienti perfino verso le parti intime delle signore, intimità non gradite con gli altri capi di stato, grida ad alta voce in presenza di sovrane.
Questo è uno che se va in Cina fa battute sui bambini bolliti, in Russia mette le mani addosso alle operaie della fabbrica che sta visitando, se ne sta al telefono mentre la Merkel aspetta e dà dell’abbronzato ad Obama perchè fa tanto ridere.

Lo so che Berlusconi è dopo tutto una parodia crudele dei nostri peggiori difetti. E’ l’italiano che all’estero riconosciamo subito per la caciara che riesce a fare perfino ad un funerale. E’ l’italiano che riesce a rendere un ristorante a lume di candela più rumoroso di una linea della Breda. E’ il milanese blagueur spetasciato e cafone uscito da un cinepanettone trash.

Però, quando costui parla di chi “SPUTTANA” l’Italia dovrebbe ricordarsi di come viene percepito lui quando va a far danno in Europa e nel resto del mondo. Un becerume totale che ne fa una specie di S(ilvio)Borat strappato da un ottuso e primitivo provincialismo e sparato dentro un cannone verso un Mondo dove sarà sempre inevitabimente fuori ruolo. Un uomo non all’altezza in tutti i sensi.

Questo accade nelle trasferte in paesi di livello 1, democratici e avanzati. Parliamo però dell’attrazione fatale di S(ilvio)Borat per i dittatori, da quelli in disarmo come l’ex terrorista rintronato Gheddafi, al criptodittatore fintodemocratico figlio de la putana Putin, fino al baffuto simil-Adolfo Lukashenko che ringrazia perchè, se non ci andasse Berlusconi, la Bielorussia non se la cagherebbe nessuno.

E poi l’Arabia Saudita (da dove pur sempre partirono gli attentatori dell’11 settembre, per chi si attiene alla versione ufficiale di quei fatti). Un vero e proprio DittaTour.
Peccato che la storia non abbia fatto incontrare a Berlusconi, oltre a questi dittatorelli, dei veri fetusi di serie A come Videla e Pinochet. Peccato. La battuta sui desaparecidos dal balcone della Moneda sarebbe stata l’apoteosi.

Il nostro S(ilvio)Borat è un comico che non fa ridere e purtroppo ha un potere che nessuno spirito di patata dovrebbe mai avere. Un motivo in più per sperare che un giorno siano davvero solo i panamensi a doverlo sopportare.

Mi scuso con Sacha Baron Cohen per avere accostato il suo personaggio Borat al nostro presidente del consiglio. Da intelligente e divertentissimo satirico qual è, capirà e perdonerà.
I panamensi invece mi odieranno, lo so.

Che ci piaccia o no, è come ci definiscono all’estero. Basta andare a Como Brogeda o a Ventimiglia. E’ la biscia razzista che si rivolta al ciarlatano.
Non gliene frega niente all’americano o al tedesco se siamo nati in terra Padana e facciamo gli schifiltosi con i “terùn”, trattandoli da parenti poveri.
Bresciani, bergamaschi di sopra e di sotto, lumbard assortiti, piemuntès, veneti, furlàn, emiliani, valdostani, trentingrana e sudtirolervolkspartei, finiscono tutti nel calderone.

Mafiosi e terroni, nell’immaginario collettivo internazionale, lo siamo tutti, basta che la nostra auto sia targata “I”. A volte possiamo diventare più affettuosamente mangiaspaghetti, impastapizza, pizza&manduline o broccolino ma la sostanza non cambia. Alla fine saltano sempre fuori i cannoli. Italiani mafiosi.

L’immagine della pupa con boss si riferisce alla famosa serie televisiva “I Soprano” che narra le gesta di una famigghia tipo dell’universo mafioso italoamericano. Grande successo, soprattutto tra i WASP imperiali, ovvero i white americans, coloro per i quali siamo gentaglia appena superiore agli ispanici e un gradino sopra ai neri. Forse ce la giochiamo con polacchi e irlandesi ma non ne sono certa.
Come tutte le fiction sulla Mafia, anche “I Soprano” è un bel concentrato di stereotipi sugli impastapizza, ben peggiore de “Il Padrino”. Eppure, se qualcuno andasse in tv negli Stati Uniti a dire che la realtà dei Soprano non esiste, cioè che la Mafia non esiste e che la serie tv è lesiva della reputazione degli italiani e quindi andrebbe cancellata, penso che sarebbe preso per matto. How do you say “T.S.O.”, man?

Capisco che a qualcuno dia fastidio un’altra celeberrima fiction particolarmente informata sui fatti come “La Piovra”. Avendola rivista tutta di recente – in DVD, per carità, che in televisione non passa più, nonostante sia stata una delle serie di maggior successo della RAI, mi sono resa conto che è uno spettacolo terribilmente angosciante e deprimente.
Nel post che scrissi un anno fa raccontavo pure di Silvio Berlusconi che aveva fatto di tutto per sabotarne le ultime serie, a suo tempo, spalleggiato dal regista italoforzuto Zeffirelli e utilizzando i medesimi argomenti di oggi: fiction lesiva della reputazione dell’Italia.

Vedete, si dà il fatto che soprattutto le serie dalla terza alla sesta raccontino come in una mappata di rognosissime centurie di Nostradamus, tutto ciò che siamo diventati ora, con una dovizia di particolari ed una puntualità di fatti impressionante. Manca solo la discesa in campo di Tano Cariddi e le leggi ad personam per farla franca ma la P2 c’è tutta. Del resto non potevamo pretendere che i pur quasi veggenti sceneggiatori della Piovra potessero immaginare un Tano che, dopo aver strangolato la moglie, non è punibile perchè coperto dal Lodo Alfano.

Tornando all’infamante accusa di essere mafiosi che si attacca come la pece a noi italiani. Visto chi ci rappresenta ultimamente – che non sarà mafioso ma si comporta come tale e dei mafiosi utilizza tutti gli argomenti tipici, compreso il “ma quando mai!” e il “non esiste”, personalmente non me la sento più da un pezzo di offendermi se uno straniero mi dà della mafiosa in quanto italiana. Posso cercare di distinguermi, dire che io non ho nulla a che fare con quella gente ma io sono io, la maggioranza degli italiani è innegabile sia follemente innamorata del modo di fare mafioso e si sia scelta un capo pericolosamente simile al boss dei Soprano. Tranne il sigaro, ovviamente, visto che non fuma.

“Le nuove elezioni furono tenute a luglio [del 1932] e sancirono il successo della politica di Hitler ed il crollo dei partiti moderati di centro. Provati da anni di privazioni e di disoccupazione, i tedeschi si dimostrarono disposti a seguire qualsiasi ideologia estremista che promettesse un rapido cambiamento della situazione. Ciò permise ai nazisti ed ai comunisti di schiacciare in modo evidente le forze moderate che persero centinaia di migliaia di voti.
Il partito di Hitler, assicurandosi il 37,4% dei consensi popolari e riuscendo ad occupare ben 230 seggi al Reichstag, divenne il più forte della Germania.
(Alessandro Persico, Adolf Hitler, l’ascesa al potere)

“Sento il bisogno di dire qualcosa in questo particolare momento. L’interesse del Paese richiede che si fermi la spirale di una crescente drammatizzazione, cui si sta assistendo, delle polemiche e delle tensioni non solo tra opposte parti politiche ma tra istituzioni investite di distinte responsabilità costituzionali”.

“Va ribadito che nulla può abbattere un governo che abbia la fiducia della maggioranza del Parlamento, in quanto poggi sulla coesione della coalizione che ha ottenuto dai cittadini-elettori il consenso necessario per governare. E’ indispensabile che da tutte le parti venga uno sforzo di autocontrollo nelle dichiarazioni pubbliche, e che quanti appartengono alla istituzione preposta all’esercizio della giurisdizione, si attengano rigorosamente allo svolgimento di tale funzione”. (Giorgio Napolitano, 27 novembre 2009)

[…]

Non so chi di voi ricordi quel personaggio di Giorgio Bracardi la cui gag prendeva di mira ogni giorno una diversa razza italiana locale: il “bergamasco”, il “milanese”, il “romano”, il “barese”, il “genovese” ecc., ne elencava vizi e nefandezze e concludeva sempre con la frase tormentone “…perchè il (bergamasco, genovese, ecc., secondo il caso) è di una cattiveria, ma di una cattiveria!”
(* vedi nota a pié di pagina)

Questo personaggio è un po’ che mi frulla nella memoria ed il motivo credo risieda nel fatto che era una delle più profetiche caratterizzazioni satiriche di ciò che sarebbe diventata l’Italia. Un po’ come quell’altro personaggio bracardiano, il fascista Catenacci, il padre di tutti i fascisti su Marte, che negli anni ’80 ci faceva ridere perchè lo pensavamo un innocuo fantasma del passato ed invece oggi i fascisti sono tornati, eccome. Hanno camicie di altri colori, non solo nere, ma ci sono.

Quello che ce l’aveva ogni giorno con un localismo diverso, il castigamatti dell’orgoglio federalista, faceva divertire perchè era un gioco nel quale prima o poi tutti ci saremmo ritrovati presi di mira. Siamo tutti cattivi, nordisti e sudisti, perchè l’Italiano è cattivo. Perchè l’Uomo è cattivo. La realtà è nietzschiana e Rousseau era un povero illuso.

Quella di Bracardi era una satira multipartizan, nessuno si doveva sentire escluso e quindi neppure poteva offendersi dell’insulto perchè sarebbe stato giudicato ridicolo. Era sicuramente un rosario di luoghi comuni, pregiudizi e stereotipi (tipo quello del genovese avaro), eppure proprio quella proclamazione finale di cattiveria, che accomunava tutte le “razze” ed i federalismi, era la cosa più geniale della gag.
Era espressione sincera di quella rivalità localistica che è così tipica del nostro paese. Quella che se vai a Pisa c’è il detto: “Il sogno dei pisani è di svegliarsi a mezzogiorno e vedere Livorno bruciare” e se ti sposti a Livorno lo ascolti riadattato contro Pisa, che a mezzogiorno, come variante, sarà rasa al suolo.

Ebbene, quel personaggio di Bracardi, nonostante il grande successo che riscuoteva, ad un certo punto fu giudicato offensivo, vi furono proteste, i ridicoli si offesero, giunsero addirittura le accuse di razzismo e alla fine la gag fu soppressa. Allora la censura era una cosa abbastanza rara, gli editti bulgari venivano emanati solo in Bulgaria e la cosa fece un certo scalpore. Poi non se ne parlò più e fu un male.

Non è difficile capire perchè quel personaggio divenne inviso al potere. Era necessario cominciare a forgiare un italiano ancora più cattivo, che mordesse non solo i meridionali, i classici “terroni”, ma gli extracomunitari che sarebbero di lì a poco iniziati a giungere nel nostro paese in massa. Ci voleva, per il glorioso ventennio berlusconiano a venire, un italiano ottuso, spaventato ed incapace di ridere dei propri difetti, (ciò che Bracardi ci obbligava a fare) e quindi non si sarebbe più potuto relativizzare il razzismo per esporne la fragilità. Se ognuno è inferiore all’altro, nessuno alla fine è veramente inferiore. Le rivalità dovevano essere drammatizzate, per poter scatenare meglio rossi contro neri, ultras di una parte contro ultras dell’altra. Per avere infine, insomma, quella colossale merdata che è l’agone politico attuale.

Giusto per ricordare che la satira è profezia e chi è contro la satira è sempre profeta di sventura.

** Vi bacerei in fronte se mi aiutaste a ricostruire il ritratto completo di quel personaggio di Bracardi con i vostri contributi, perchè in rete non se ne trova traccia. Se era un personaggio di Alto Gradimento o successivo, forse addirittura presentato in una trasmissione televisiva. Se ne esistono tracce audio.
Grazie in anticipo.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

«Dettagli disgustosi. Rapporti anali non graditi, ore e ore di tormenti in attesa di una erezione che non fa capolino, discussioni sul prossimo set, consigli fra donne su come abbreviare i tormenti di una permanenza orizzontale pagata come pedaggio…»

Il sessocancello* nazionale che coinvolge ormai da mesi Re Pompetta, soprattutto da quando Queen Veronica ha dato fuoco alle polveri, è abbastanza chiaro nell’insieme ma è come la scatola di un puzzle Ravensburger da 8000 pezzi nella quale si siano azzuffati due gatti. Si tratta solo di ricomporre la figura raccattando con pazienza i pezzi sparsi ovunque e rimetterli a posto, fino a far comparire l’immagine di un paese ridotto a postribolo, schiavo di un vecchio che cerca di scopare.
Un paese fermo ad aspettare qualcosa che non arriva mai, in una versione pornotrash del “Deserto dei Tartari” (Buzzati mi perdoni, dall’aldilà). Un paese messo in standby ed incapace di dedicarsi alle cose concrete, di risolvere i problemi reali perchè impegnato in una mission impossible peniena, tenuto sotto scacco dal real nervo pudendo e sotto l’incubo della induratio penis plastica, tra siringhe, pomate e pompette che escono da tutte le parti.

Non è difficile cogliere la sottile e terrificante metafora italiana che fa ridere l’universo. L’economia non cresce perchè qualsiasi cosa che cresce, s’ingrossa e tira, potrebbe umiliare il vecchio. Il PIL è oggi a -6, implacabilmente moscio. Lui però, in preda a priapismo propagandistico, favoleggia imprese governative alla John Holmes. Con l’unico ostacolo rimasto per raggiungere la definitiva tumescenza rappresentato dal TG3, l’unico TG che si permette di ridacchiare di fronte all’ennesima cilecca presidenziale.

Premesso che non mi fiderei troppo delle sparate di Guzzanti senior in quanto già segnalatosi in passato per l’aver tenuto in piedi per mesi quel premiato bufalificio della Mithrokin, è comunque vero che le cose che racconta adesso sono risapute da mesi, se non anni.
E’ dalla notte dei tempi che si parla, come di un’amante quasi ufficiale, di una signorina, allora conosciuta solo alle pareti delle officine di elettrauto, e della presunta specialità da lei padroneggiata, tanto da essere tenuta in reperibilità 24/24, sempre a ‘sposizione dell’utilizzatore finale. I cosiddetti dettagli disgustosi vengono rilasciati con il contagocce, sempre su Internet e sui giornali, ma ormai sono noti quasi a tutti.

Quello che l’encefalino papiminkia non vuole capire è che non si mette in discussione il fatto che un Potente (scusate l’ironia) abbia un’amichetta o uno stuolo di amichette nel suo personale sgrullaio. Craxi pare si trombasse addirittura Moana, scusate se è poco.
E’ il sospetto che le amichette, anche quelle che vanno in giro vestite da suora facendo credere di essere vergini di ritorno, siedano tra i ministri che rende l’intero quadro politico italiano osceno come un pornazzo qualunque. Di quelli che cominciano nell’ambiente asettico di un ufficio e alla fine, alle segretarie, non rimane un orifizio anatomico vuoto.
E’ la presa in giro della millantata capacità politica, sono la camicettina bianca con il fiocco e il tailleur da funerale messi addosso a professioniste si ma del sesso, che stonano con l’idea di una classe politica. Una ministra può essere anche zoccola ma non deve diventare ministra perchè zoccola. Stiamo parlando del Liechtenstein, ovviamente.

Dicono che sono tutte calunnie ma è evidente che le ultime rivelazioni al vetriolo delle Faster Papicats Kill Kill! nascono dalla delusione di essere state trombate senza un’adeguata ricompensa: seggi e carriere politiche promesse e mai ottenute, maratone sessuali ripagate con un “grazie, tesoro”, un ciondolino, un buono Carrefour e basta.
Povere cocche. Non sapevano che è la vecchia sindrome del venditore porta a porta di sòle che ogni tanto riemerge.

Dicono che non è vero niente ma hai voglia di sguinzagliare gli avvocati pericolosi ad azzannare i giornali che osino parlare del Casino Italia. Qui non si tratta solo di sesso.
Quello che spaventa, ad esempio, dell’articolo del Nouvel Observateur censurato dall’avv. Mavalà, non è tanto la riproposizione del solito mantra dell’impotenza e dei rimedi per ovviarvi (nessuno ha ancora pensato ad un trapianto equino?) ma l’allusione al ruolo ed all’infiltrazione della Mafia Russa nelle parti più delicate del nostro paese che non sono le passerine delle escort ma il cuore dello Stato.

I letti, si sa, attirano le cimici. Soprattutto quelli che vengono dalla Russia dove governa un ex caporione del KGB, esperto degli aggeggini più sofisticati per catturare anche i venticelli notturni provenienti dalle illustri, si fa per dire, chiappe.

Che sia quello il significato essoterico dell’allusione al “lettone di Putin” (del quale il karateka russo dice di non sapere nulla?)
Vuoi che quel gran bastardo non abbia pensato di tenere sotto controllo l’amico italiano con l’aiuto di qualche Vor pluritatuato e di donnine ricetrasmittenti? Magari per evitare di trovarselo un’altra volta tra le palle a tradimento mentre firma un accordo con la Turchia? Come si dice? Dai nemici mi guardi Iddio che dai Putin mi guardo io…

* come l’avrebbero chiamato durante il fascismo.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Un’opposizione sempre più da voltastomaco. Inetta, latitante e connivente con il regime e per questo ben più odiosa della maggioranza che ha il disonore di governarci. Una schiera di reggisacco che hanno tutti paura di irritare il padrone del vapore. Stanno lì con la lingua fuori e facendo “arf, arf” in attesa che il padrone gli lanci benevolo un osso e quando lo hanno ottenuto gli scodinzolano attorno senza ritegno. Senza timore, alzando la coda, di mostrare il buco del culo.

Gli lasciano fare tutto, al padrone. Occupare i media fino all’inverosimile, con dei TG che fanno sembrare democratici quelli sovietici nell’era di Breznev. Dati in mano alle favorite ed ai cocchieri, con l’obbligo di tacere, censurare e rendere inesistenti le porcate, i lesboshow, le leccate di passera e l’adulterio aggravato e continuato di chi parla di “valori famigliari”.
Se siamo informati dai minzolini è colpa di questa opposizione di merda che aspira solo ad infilarsi anche lei nel lettone.
Non hanno mai nulla da dire di veramente serio anche se il segretario ogni tanto abbaia un po’, si spettina il ciuffo e mostra le gengive sdentate.

Chi tra di loro dovrebbe solo tacere per come ha ridotto il maggiore partito di opposizione e dedicarsi alle parole crociate invece di fare politica non trova di meglio che farsi venire le nostalgie e mettere a confronto due leader del passato: Craxi e Berlinguer. Un pregiudicato ed un uomo onesto. Veltroni chi sceglie? Craxi.
Come quelle donne che si innamorano sempre dei mascalzoni, che vuoi farci, gli fanno sesso.

Mentre rivalutano con la lacrimuccia sul viso il Dottor Frankencraxi che inventò il mostro Berlusconi (ma annatevene affanculo!), nel rapporto con la creatura mettono in pratica il detto cinese: “Se proprio non puoi evitare di essere violentata sdraiati e cerca almeno di trarne piacere.”

L’altro giorno alla commemorazione della strage di mafia nella quale morì Paolo Borsellino, a Palermo, non c’era un cane, della autorità, se non i comprimari che di solito si mandano a presenziare gli eventi di serie B. Una vergogna che è anche segno di coda di paglia. Una caporetto di fronte alla strafottenza della mafia senza nemmeno una parola di scusa o la scusa della paura.

E che dire del presidente della repubblica? Così inglese che non si scompone mai. Un inglese napolitano. E’ contento di firmare ma gli dispiace. Gli dispiace di firmare ma è contento. Berlusconi ringrazia e di fatto non ci sono problemi con il Quirinale. Sorrisi, moine e giri di minuetto. Siamo proprio in una botte di ferro, with the friend of the jaguar.

Come rimpiango Pertini e le sue sfuriate ma soprattutto il suo essere veramente coerente con la sua provenienza politica. La cosa è paradossale ma rimpiango perfino un democristiano pudibondo e bacchettone come Scalfaro che, quando ce ne fu bisogno, di fronte alla strafottenza della creatura avida di potere, il “non – ci – sto” bello scandito e fiero, ebbe il coraggio di dirlo.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Questo post inizia con una domanda.
Se voi foste il POTERE e doveste investire su un paese miliardi di dollari o semplicemente mantenere un buon terreno di coltura per i vostri affari (ragionate in termini macroeconomici, non si parla solo di vendere i tubi della Marcegaglia o gli stracci dei cinesi) oppure steste ridisegnando in senso globale alleanze, muovendo i vostri scacchi per piazzarli nelle aree dove risiedono le riserve energetiche; se steste lavorando a tutto ciò, domando, permettereste che una consultazione elettorale qualsiasi rovinasse i vostri piani? Vi ritirereste in buon ordine accettando il responso a voi contrario, derivante da un voto talvolta totalmente umorale ed irrazionale (basta vedere gli abruzzesi che continuano a votare Berlusconi)? Vi fidereste di elettori che al 90% votano alla cavolo di cane? Affidereste loro i vostri destini monetari e financo quelli del mondo? Io dico di no.

Mi sto convincendo sempre più che, tranne in qualche paese tutto sommato non determinante sullo scacchiere geopolitico, le elezioni che si sono svolte dal 2000 in poi nei paesi che contano ed in quelli strategici dal punto di vista energetico siano state tutte più o meno pesantemente truccate.

In linea generale, i regimi dittatoriali (quelli che ancora ricorrono alle elezioni) e quelli a deriva autoritaria brogliano per autoconfermarsi un consenso molto spesso inesistente. E’ fisiologico. Nessuna meraviglia dunque se in Corea del Nord, nell’ipotesi di elezioni, vincesse Kim Il Sung a manbassa.
La novità, sul fronte dei paesi che brogliano, e che rappresenta una tendenza inquietante negli ultimi anni, sono le irregolarità che compaiono delle consultazioni elettorali dei paesi democratici.

Sono stati praticamente dimostrati i brogli in Florida nelle elezioni presidenziali americane del 2000, quelli in Ohio nel 2004, con entrambe le consultazioni terminate a colpi di Corte Suprema, riconteggi ed incomprensibili ritardi nella comunicazione dei risultati. Oltre che nell’elezione di un Presidente dummy che, proprio a causa delle pastette elettorali in casa del fratello governatore della Florida, fino al 12 settembre 2001 era chiamato affettuosamente “Resident”, e percepito né più e né meno come un usurpatore.
Elezioni controverse si sono svolte negli ultimi anni in Messico e nelle Filippine.
Nella Russia di Putin, paese borderline tra democrazia e totalitarismo, dove il presidente karateka raccoglie percentuali sospette attorno al 64% dei consensi, sono stati documentati dall’OSCE nel 2007 pesanti brogli.

In Italia, nel 2006, nessuno può obiettivamente dire che tutto si sia svolto correttamente. Si sono registrate incomprensibili stranezze attorno alle schede bianche. Si è parlato di un ministro che avrebbe all’ultimo momento impedito il broglio andando contro la propria parte politica, di un’opposizione che gridava al “qui ci fregano le elezioni”. Il grafico qui sopra, dal punto di vista statistico, è quasi una pistola fumante.
Come negli USA all’indomani dei misteri della Florida e dell’Ohio, chi ha perso le elezioni o le ha vinte per il rotto della cuffia ha rinunciato a rivalersi sui presunti brogliatori e questo sarebbe spunto per infinite discussioni sul fatto se le elezioni non siano ormai un gigantesco gioco delle parti recitato da attori che interpretano dei ruoli a loro assegnati.

Il caso italiano del 2006 supporterebbe la tesi secondo la quale il broglio perfetto, nei paesi non apertamente dittatoriali o addirittura considerati democratici, si compie quando c’è incertezza del risultato perchè vi è una sostanziale parità tra i due schieramenti. Parità che naturalmente è solo percepita e va costruita propagandisticamente prima del voto, non è reale. Infatti, una suddivisione dell’elettorato in due parti quasi uguali è un’eventualità assai poco probabile. Il mio insegnante di statistica ammoniva di non credere a quei sondaggi che suddividono il campione nelle percentuali 48-52%.
E’ evidente che truccare percentuali attorno al 50% è decisamente più facile che attribuire un plebiscito a chi è palesemente sfavorito dalle previsioni di voto. Basta agire sulle cosiddette forchette. Parliamo di previsioni attendibili, ovviamente, non di sondaggi che vanno dove il cliente vuole e della costruzione propagandistica dell’incertezza.

Se la mia teoria venisse dimostrata e fosse vero che nessun elettore del nuovo millennio può più permettersi di disturbare i Manovratori, qualcuno potrebbe obiettare che allora anche le ultime elezioni che hanno visto il trionfo di Barack Obama dovrebbero essere state truccate.
Non lo sappiamo ma quando un candidato è in nettissimo vantaggio delle previsioni di voto, i brogli a suo danno non possono avvenire a meno di svelare apertamente il loro carattere di truffa.
Mi spiego. Il broglio, nel paese democratico, non si deve vedere, si deve appena appena percepire. L’indecisione, il bipartitismo, la suddivisione dell’elettorato in Guelfi e Ghibellini rendono il broglio perfettamente mimetizzato e tale da non suscitare scandalo se non in alcuni inguaribili malfidati.
Avere fatto vincere McCain, in sostanza, sarebbe stata veramente una cosa troppo sporca, da sangue che corre nelle strade.
In quel caso meglio lavorare per ingraziarsi il vincitore e cercare, se ci è potenzialmente ostile, di limitare il danno.

E l’Iran? A mio avviso i brogli governativi ci sono stati ma si è anche lavorato per sabotare dall’interno il regime di Ahmadinejad con una delle ormai solite “rivoluzioni colorate” che piacciono tanto ai Manovratori. Quando i paesi si vestono all’improvviso tutti di arancione o di verde e adottano il medesimo slogan, quando un’opposizione viene fuori dal nulla e si muove coordinata come una testuggine romana, c’è un’organizzazione sotto che spesso viene dal di fuori, non è roba autoctona.
Ho l’impressione che un sincero movimento di opposizione spontanea al regime di Teheran sia stato cinicamente manipolato dall’esterno al fine di dimostrare ancora una volta la perfidia del regime di Ahmadinejad, che deve essere mantenuto a scopo strumentale. Se Ahmadinejad cade, cade anche la necessità della Guerra al Terrorismo. In certi luoghi strategici è meglio tenerci un dittatore che un democratico o riformista. Mossadeq insegna.
Ad ogni modo è stato bello sentire le vergini croniste scandalizzarsi per i pestaggi della polizia iraniana sui manifestanti e per le irruzioni nelle scuole dove dormivano gli studenti. Oplà, non ci ricorda qualcosa?

Tornando all’argomento elezioni. Domenica prossima si rivota anche da noi, per i referenda. Un comitato promotore che crede, per un curioso fenomeno allucinatorio, di vivere in un paese normale e non in una manifestazione teratologica del potere mediatico e del conflitto di interessi, ha indetto una consultazione referendaria (rivolta a quei famosi elettori che votano alla belin di cane) per modificare la legge porcata di Calderoli. Con il risultato che, se la legge venisse modificata, Berlusconi avrebbe ancora più potere di oggi e il suo partito diventerebbe forse l’unico partito.
A meno di non pensare al famoso giuoco delle parti di chi sta lavorando per il re di Prussia, questo comitato mi pare investito del ruolo che in Gallura era quello di s’accabadora, la donna vestita di nero che entrava nella stanza del morente e gli assestava il colpo di grazia spezzandogli il collo o colpendolo con un mazzuolo.

Siccome non voglio partecipare alla definitiva eutanasia di questa democrazia moribonda io domenica e lunedì non andrò a votare, sperando che come me facciano a milioni. Scelgo l’astensione, almeno il mio voto non potrà certo cambiare giacchetta in corso d’opera.
Il referendum è una cosa bellissima ma non quando c’è s’accabadora* in giro.

*Il fatto che Mariotto Segni sia sardo è puramente casuale.

Update – Ho appena trovato questa segnalazione sul blog di Cinzia Sasso di un recente miracolo elettorale a Praga. La serva serve, diceva Totò. E anche il Topolanek.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Questo post inizia con una domanda.
Se voi foste il POTERE e doveste investire su un paese miliardi di dollari o semplicemente mantenere un buon terreno di coltura per i vostri affari (ragionate in termini macroeconomici, non si parla solo di vendere i tubi della Marcegaglia o gli stracci dei cinesi) oppure steste ridisegnando in senso globale alleanze, muovendo i vostri scacchi per piazzarli nelle aree dove risiedono le riserve energetiche; se steste lavorando a tutto ciò, domando, permettereste che una consultazione elettorale qualsiasi rovinasse i vostri piani? Vi ritirereste in buon ordine accettando il responso a voi contrario, derivante da un voto talvolta totalmente umorale ed irrazionale (basta vedere gli abruzzesi che continuano a votare Berlusconi)? Vi fidereste di elettori che al 90% votano alla cavolo di cane? Affidereste loro i vostri destini monetari e financo quelli del mondo? Io dico di no.

Mi sto convincendo sempre più che, tranne in qualche paese tutto sommato non determinante sullo scacchiere geopolitico, le elezioni che si sono svolte dal 2000 in poi nei paesi che contano ed in quelli strategici dal punto di vista energetico siano state tutte più o meno pesantemente truccate.

In linea generale, i regimi dittatoriali (quelli che ancora ricorrono alle elezioni) e quelli a deriva autoritaria brogliano per autoconfermarsi un consenso molto spesso inesistente. E’ fisiologico. Nessuna meraviglia dunque se in Corea del Nord, nell’ipotesi di elezioni, vincesse Kim Il Sung a manbassa.
La novità, sul fronte dei paesi che brogliano, e che rappresenta una tendenza inquietante negli ultimi anni, sono le irregolarità che compaiono delle consultazioni elettorali dei paesi democratici.

Sono stati praticamente dimostrati i brogli in Florida nelle elezioni presidenziali americane del 2000, quelli in Ohio nel 2004, con entrambe le consultazioni terminate a colpi di Corte Suprema, riconteggi ed incomprensibili ritardi nella comunicazione dei risultati. Oltre che nell’elezione di un Presidente dummy che, proprio a causa delle pastette elettorali in casa del fratello governatore della Florida, fino al 12 settembre 2001 era chiamato affettuosamente “Resident”, e percepito né più e né meno come un usurpatore.
Elezioni controverse si sono svolte negli ultimi anni in Messico e nelle Filippine.
Nella Russia di Putin, paese borderline tra democrazia e totalitarismo, dove il presidente karateka raccoglie percentuali sospette attorno al 64% dei consensi, sono stati documentati dall’OSCE nel 2007 pesanti brogli.

In Italia, nel 2006, nessuno può obiettivamente dire che tutto si sia svolto correttamente. Si sono registrate incomprensibili stranezze attorno alle schede bianche. Si è parlato di un ministro che avrebbe all’ultimo momento impedito il broglio andando contro la propria parte politica, di un’opposizione che gridava al “qui ci fregano le elezioni”. Il grafico qui sopra, dal punto di vista statistico, è quasi una pistola fumante.
Come negli USA all’indomani dei misteri della Florida e dell’Ohio, chi ha perso le elezioni o le ha vinte per il rotto della cuffia ha rinunciato a rivalersi sui presunti brogliatori e questo sarebbe spunto per infinite discussioni sul fatto se le elezioni non siano ormai un gigantesco gioco delle parti recitato da attori che interpretano dei ruoli a loro assegnati.

Il caso italiano del 2006 supporterebbe la tesi secondo la quale il broglio perfetto, nei paesi non apertamente dittatoriali o addirittura considerati democratici, si compie quando c’è incertezza del risultato perchè vi è una sostanziale parità tra i due schieramenti. Parità che naturalmente è solo percepita e va costruita propagandisticamente prima del voto, non è reale. Infatti, una suddivisione dell’elettorato in due parti quasi uguali è un’eventualità assai poco probabile. Il mio insegnante di statistica ammoniva di non credere a quei sondaggi che suddividono il campione nelle percentuali 48-52%.
E’ evidente che truccare percentuali attorno al 50% è decisamente più facile che attribuire un plebiscito a chi è palesemente sfavorito dalle previsioni di voto. Basta agire sulle cosiddette forchette. Parliamo di previsioni attendibili, ovviamente, non di sondaggi che vanno dove il cliente vuole e della costruzione propagandistica dell’incertezza.

Se la mia teoria venisse dimostrata e fosse vero che nessun elettore del nuovo millennio può più permettersi di disturbare i Manovratori, qualcuno potrebbe obiettare che allora anche le ultime elezioni che hanno visto il trionfo di Barack Obama dovrebbero essere state truccate.
Non lo sappiamo ma quando un candidato è in nettissimo vantaggio delle previsioni di voto, i brogli a suo danno non possono avvenire a meno di svelare apertamente il loro carattere di truffa.
Mi spiego. Il broglio, nel paese democratico, non si deve vedere, si deve appena appena percepire. L’indecisione, il bipartitismo, la suddivisione dell’elettorato in Guelfi e Ghibellini rendono il broglio perfettamente mimetizzato e tale da non suscitare scandalo se non in alcuni inguaribili malfidati.
Avere fatto vincere McCain, in sostanza, sarebbe stata veramente una cosa troppo sporca, da sangue che corre nelle strade.
In quel caso meglio lavorare per ingraziarsi il vincitore e cercare, se ci è potenzialmente ostile, di limitare il danno.

E l’Iran? A mio avviso i brogli governativi ci sono stati ma si è anche lavorato per sabotare dall’interno il regime di Ahmadinejad con una delle ormai solite “rivoluzioni colorate” che piacciono tanto ai Manovratori. Quando i paesi si vestono all’improvviso tutti di arancione o di verde e adottano il medesimo slogan, quando un’opposizione viene fuori dal nulla e si muove coordinata come una testuggine romana, c’è un’organizzazione sotto che spesso viene dal di fuori, non è roba autoctona.
Ho l’impressione che un sincero movimento di opposizione spontanea al regime di Teheran sia stato cinicamente manipolato dall’esterno al fine di dimostrare ancora una volta la perfidia del regime di Ahmadinejad, che deve essere mantenuto a scopo strumentale. Se Ahmadinejad cade, cade anche la necessità della Guerra al Terrorismo. In certi luoghi strategici è meglio tenerci un dittatore che un democratico o riformista. Mossadeq insegna.
Ad ogni modo è stato bello sentire le vergini croniste scandalizzarsi per i pestaggi della polizia iraniana sui manifestanti e per le irruzioni nelle scuole dove dormivano gli studenti. Oplà, non ci ricorda qualcosa?

Tornando all’argomento elezioni. Domenica prossima si rivota anche da noi, per i referenda. Un comitato promotore che crede, per un curioso fenomeno allucinatorio, di vivere in un paese normale e non in una manifestazione teratologica del potere mediatico e del conflitto di interessi, ha indetto una consultazione referendaria (rivolta a quei famosi elettori che votano alla belin di cane) per modificare la legge porcata di Calderoli. Con il risultato che, se la legge venisse modificata, Berlusconi avrebbe ancora più potere di oggi e il suo partito diventerebbe forse l’unico partito.
A meno di non pensare al famoso giuoco delle parti di chi sta lavorando per il re di Prussia, questo comitato mi pare investito del ruolo che in Gallura era quello di s’accabadora, la donna vestita di nero che entrava nella stanza del morente e gli assestava il colpo di grazia spezzandogli il collo o colpendolo con un mazzuolo.

Siccome non voglio partecipare alla definitiva eutanasia di questa democrazia moribonda io domenica e lunedì non andrò a votare, sperando che come me facciano a milioni. Scelgo l’astensione, almeno il mio voto non potrà certo cambiare giacchetta in corso d’opera.
Il referendum è una cosa bellissima ma non quando c’è s’accabadora* in giro.

*Il fatto che Mariotto Segni sia sardo è puramente casuale.

Update – Ho appena trovato questa segnalazione sul blog di Cinzia Sasso di un recente miracolo elettorale a Praga. La serva serve, diceva Totò. E anche il Topolanek.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

Blog Stats

  • 96.894 hits

Categorie