You are currently browsing the category archive for the ‘jon stewart’ category.

Non c’è ancora una notizia certa“. “Sono solo chiacchiericci”.

Nei giorni scorsi, quando al TG1 non si è parlato di Berlusconi neanche per sbaglio, mentre i giornali di tutto il mondo ridacchiavano di un premier che intrattiene ragazze a gettone con più cerone in faccia di un attore del teatro kabuki, Minzolini ha parlato di cose serie. Per esempio del ritorno del viaggio in pullman. E per stare tranquilli ha fatto leggere il TG alla Susanna Petruni e ad Attilio Romita, due persone fidate. La guardia pretoriana, in pratica.
Stasera però (ad urne chiuse, così ormai non può più fare informazione) ha tirato fuori le unghie e ha finalmente nominato la “signora”, citando un’intervista di Berlusconi ad Alfonso Signorini su “Chi”(hai detto il duello Frost-Nixon!) nella quale lui, lo credereste? smentisce. “Non ho mai pagato una donna”, ha affermato. Pare che a quel punto si siano incrinati i vetri.

Nel giornalismo italiano nascono sempre nuove figure professionali: il giornalista tampone, il giornalista difensore; il giornalista immagine, quello deputato a far risaltare la meravigliosa aura del premier ogni volta che va in società. Esistono anche i giornalisti che si fermano per la notte. A differenza delle escort e basta, che se non vengono pagate il pattuito sull’unghia si incazzano come iene e vanno a portare i nastri in Procura, non tradiscono, perchè lo fanno per puro amore.
Spesso tutte queste componenti professionali si fondono nel giornalista maggiordomo.

Compìto, educato, ben vestito, inappuntabile, gran cerimoniere della difesa della reputazione del padrone ad ogni costo e comunque, anche di fronte all’evidenza. Soprattutto il giornalista maggiordomo non fa domande. Esegue gli ordini.
Come e meglio di un butler inglese, anche se non siamo ai livelli sublimi del Mr. Stevens di Anthony Hopkins in “Quel che resta del giorno”, quello che non prestava mai attenzione ai discorsi dei signori (in odore di filonazismo) perchè l’avrebbero “distratto dal suo lavoro”, egli soprintende sugli altri servitori e si adopera affinchè Sua Signoria non venga disturbato da fatti disdicevoli di ogni sorta.
Il che, nel romanzo di Ishiguro, vuol dire far sparire una tigre che era entrata in salotto, ma al TG1 può voler dire far evaporare qualche decina di ragazze immagine più una escort decisa a far valere le sue ragioni.

“Non ne abbiamo parlato perchè erano solo voci”.
Ossia, le ragazze hanno fotografato tutto neanche fossero state turisti giapponesi, immortalandosi perfino nel cesso reale; hanno registrato tutto, compresi gli strilli e i venti di culo, ci sono le foto su tutti i giornali del mondo ma non è certo che fossero a palazzo o in villa a fare che.
E poi, come suggeriscono neanche tanto velatamente gli esponenti del centrodestra interrogati sulla questione: “Se una è una puttana allora è sicuramente bugiarda.”
Chissà se è vero il contrario, e cioè se chi è bugiardo è sicuramente una puttana? Fossi in Sua Signoria mi sentirei tirato in ballo.

Giusto per ricordarci qual’è la nostra reputazione all’estero (mica ad Antigua, con tutto il rispetto, ma negli Stati Uniti) e cos’è un paese dove il giornalismo, la satira e la comicità non hanno paura di andare contro i potenti.
Jon Stewart parla della nostra puttanopoli (quella oscurata dall’agnostico San Tommaso Minzolini) e fa strame del presidente del consiglio italiano, infierendo anche su Topolanek e sul suo pisello che, secondo Stewart “forse stava indicando qualcosa di architettonicamente rilevante nella villa”.
Fate presto però a guardare il filmato. E’ già la seconda volta che lo posto, continuano a farlo sparire.

Prima e dopo i pasti prescrivo anche questo filmato satirico di Papi & Mara su “Cacciamo le puttane dalle strade!”.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 82,024 hits

Categorie