You are currently browsing the category archive for the ‘lameducche’ category.

No, nun se po’ paralizza’ na città pecchè quei zozzoni de li tassinari nun vonno quell’artri cinquecento co li taxi nuovi fiammeggianti già pronti a gira’ pe Roma.
A Vartere, guai a te se cedi. Guai a te se te fai convince a rinuncià alla bellezza der mercato e de la concorenza. Noi semo tutti ammericani e volemo er mercato libbero. Sti fregnoni li devi da fermà.
Mandaje un po’ de lame rotanti e arabarde spazziali. Vola Vartere lassù, vola tra lampi de bblu, trasformate nun razzo missile co’ circuiti de mille varvole, trasformate nun Waltermite dâ tera der foco, in un Gigghe Vartere d’acciaio e sdrùmali!
Aumentà le tariffe der dieciotto per cento? Aho, ma questi so’ proprio matti!

http://www.youtube.com/v/Zduq4YGmiUw&rel=1


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Annunci
No, nun se po’ paralizza’ na città pecchè quei zozzoni de li tassinari nun vonno quell’artri cinquecento co li taxi nuovi fiammeggianti già pronti a gira’ pe Roma.
A Vartere, guai a te se cedi. Guai a te se te fai convince a rinuncià alla bellezza der mercato e de la concorenza. Noi semo tutti ammericani e volemo er mercato libbero. Sti fregnoni li devi da fermà.
Mandaje un po’ de lame rotanti e arabarde spazziali. Vola Vartere lassù, vola tra lampi de bblu, trasformate nun razzo missile co’ circuiti de mille varvole, trasformate nun Waltermite dâ tera der foco, in un Gigghe Vartere d’acciaio e sdrùmali!
Aumentà le tariffe der dieciotto per cento? Aho, ma questi so’ proprio matti!


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Guarda, a me ‘sta storia der blogghe m’ha già spappolato li cojoni. Lameduck m’ha detto: “hai voluto la bicicletta, ora pedala”, ner senso che se ho voluto fà a paracula la settimana scorsa e finge d’esse na bloggheressa ora devo mantenè l’impegno coi lettori, dice. Er blogghe è come na missione, o devi tenè sempre aggiornato. Ma che cazzo stà a dì, io ciò da fà: stirà, lavà, coce a cicoria, lavà pe tera, cavà a monnezza sua e quella der bello suo, queste so cose pe chi nun cià ‘n cazzo da fà.
Fosse pe me io v’avrebbe dato buca e avrebbe fatto sciopero come li francesi cor tramme, anche perchè pe divve la verità non so che cazzo dì, ma poi siccome che er signor Gabbriele da Pariggi appunto è stato tanto caruccio da ricoddasse de me, beh, me so commossa e nun je vojo fà no sgarbo.

Me sarebbe piaciuto fà na bella analisi loggica dâ settimana politica ma che ve debbo dì? Lameduck cià fatto du palle così co’ Berlusconi sta settimana e che me ce devo mette pur’io? Io me li so guardati i tiggì tanto che stiravo ma primo me fanno venì er nervoso e poi nun ciò propio l’ispirazzione.
Stanno ancora a discute de erezzioni, de Vartere che se deve da incontrà co er succiacapre pe fa n’inciucione cor botto, er nano e l’artri dua se so’ pijati a sganassoni e se so mannati cordiarmente affanculo. Poi Vartere ha presentato er loggo der Piddì, un coso bianco rosso e verde che è proprio uguale paro paro a n’artro loggo tedesco de nun so checchosa. L’ha scoperto sto blogger qua. Ammazzali sti bloggeristi, aho ma nun je sfugge propio gnente!

Vabbè va, visto che nun so che ddì, come fanno li bloggheristi ggiusti, ve lascio co ‘sto firmato de Crozza che ho trovato nun certo tubbo che se scrive crozza e te vengono ggù ‘n sacco de firmati che poi copi er codice e l’appiccichi sur blogghe. Nun te costa gnente e fai na bella figura.
Crozza me piace perchè me fa ride ‘n sacco e fa a satira de sinistra ma solo sulla sette pecchè sull’altre televisioni ce comanna ancora er nano.

Però so’ preoccupata. E’ successo n’artro fatto strano.
Ammè er Piddì nun me convince, pe famme mannà giù Vartere co i suoi discorsi da paraculo me ce vò na cucchiaiata de magnesio normalmente.
Beh, dopo d’avè visto sto firmato, e sentito sta voce de velluto, da prete ner confessionale che te dà l’assoruzzione pure pè avè strangolato a nonna, de papà bbello che te dà er bacetto ‘n fronte prima de dormì, stà voce sinusoide da majardo… nun so, me stavo quasi per andamme a iscrive ar Partito Dermocratico. Aho me stavo a innammorà de Vartere! ‘Tacci sua.
Statece attenti, io vò avvertiti. Guardate co’ prudenza.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Guarda, a me ‘sta storia der blogghe m’ha già spappolato li cojoni. Lameduck m’ha detto: “hai voluto la bicicletta, ora pedala”, ner senso che se ho voluto fà a paracula la settimana scorsa e finge d’esse na bloggheressa ora devo mantenè l’impegno coi lettori, dice. Er blogghe è come na missione, o devi tenè sempre aggiornato. Ma che cazzo stà a dì, io ciò da fà: stirà, lavà, coce a cicoria, lavà pe tera, cavà a monnezza sua e quella der bello suo, queste so cose pe chi nun cià ‘n cazzo da fà.
Fosse pe me io v’avrebbe dato buca e avrebbe fatto sciopero come li francesi cor tramme, anche perchè pe divve la verità non so che cazzo dì, ma poi siccome che er signor Gabbriele da Pariggi appunto è stato tanto caruccio da ricoddasse de me, beh, me so commossa e nun je vojo fà no sgarbo.

Me sarebbe piaciuto fà na bella analisi loggica dâ settimana politica ma che ve debbo dì? Lameduck cià fatto du palle così co’ Berlusconi sta settimana e che me ce devo mette pur’io? Io me li so guardati i tiggì tanto che stiravo ma primo me fanno venì er nervoso e poi nun ciò propio l’ispirazzione.
Stanno ancora a discute de erezzioni, de Vartere che se deve da incontrà co er succiacapre pe fa n’inciucione cor botto, er nano e l’artri dua se so’ pijati a sganassoni e se so mannati cordiarmente affanculo. Poi Vartere ha presentato er loggo der Piddì, un coso bianco rosso e verde che è proprio uguale paro paro a n’artro loggo tedesco de nun so checchosa. L’ha scoperto sto blogger qua. Ammazzali sti bloggeristi, aho ma nun je sfugge propio gnente!

Vabbè va, visto che nun so che ddì, come fanno li bloggheristi ggiusti, ve lascio co ‘sto firmato de Crozza che ho trovato nun certo tubbo che se scrive crozza e te vengono ggù ‘n sacco de firmati che poi copi er codice e l’appiccichi sur blogghe. Nun te costa gnente e fai na bella figura.
Crozza me piace perchè me fa ride ‘n sacco e fa a satira de sinistra ma solo sulla sette pecchè sull’altre televisioni ce comanna ancora er nano.

Però so’ preoccupata. E’ successo n’artro fatto strano.
Ammè er Piddì nun me convince, pe famme mannà giù Vartere co i suoi discorsi da paraculo me ce vò na cucchiaiata de magnesio normalmente.
Beh, dopo d’avè visto sto firmato, e sentito sta voce de velluto, da prete ner confessionale che te dà l’assoruzzione pure pè avè strangolato a nonna, de papà bbello che te dà er bacetto ‘n fronte prima de dormì, stà voce sinusoide da majardo… nun so, me stavo quasi per andamme a iscrive ar Partito Dermocratico. Aho me stavo a innammorà de Vartere! ‘Tacci sua.
Statece attenti, io vò avvertiti. Guardate co’ prudenza.

http://www.la7.it/swf/flvplayer.swf


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Allora gnente, siccome che Lameduck oggi s’è levata dai cojoni cor bello suo de core, io che ho ‘mparato de nascosto come s’appiccia sto Piccì approfitto per sentimme un po’ bloggheressa pur’io e ve racconto ‘n fatto strano, ma veramente strano che m’è capitato oggi mentre che sbirciavo er piccì dâ stronza ‘ntanto che me riposavo da stirà. Perché me tocca tutto a me, cucinà, lavà, stirà, lei nun fa un cazzo. Vabbé gnente, nun ve ne po’ fregà de meno.

Allora, stammatina mentre che guardavo su Internette li blogghe che lei cià sarvati nel piccì no, me so imbattuta ne na notizia proprio strana. Un tizio che faceva na frittata cià visto du figure che je so’ sembrate proprio cristo e la madonna. Che ha fatto sto fijo de nâ mignotta, st’infamone, ‘nvece de mettesse ‘n ginocchio e pregà pell’anima de li mortacci sua? Ha pijato a frittata, l’ha impacchettata e se l’è venduta sui bbei. Aho’, pare che ha tirato su trecento cocuzze, ‘sto paravento.

Mo’, io ho visto a foto dâ frittata e cristo e la madonna proprio nun ce li vedo, magari proprio sforzandome, due de li re maggici, non lo so.
Poi però guardando mejo, forse pecchè nun so communista così ma communista cosiiì, co ddu pugni chiusi, come diceva quer sant’omo de Mario Brega, bello de mamma, io ce vedo er Sor Marx colla Sora Genni, porelli. Oddìo, è vero che ognuno ce può vede quello che vole pure nella schiuma der cesso, speciarmente cor Vicinnet, però a me me pare strana sta cosa, no? Nun sarà ‘n miracolo de Marx dall’aldilà che ce vo’ ammonì de nun dà retta a Vartere che vo’ rovinà der tutto er communismo?

P.S. Aho’, già che so qui approfitto per risponderve ar poste de ieri, prima che Lameduck me faccia ‘n culo così e me lo cancelli. Allora, lei è na gran cinofila no, peggio de Vartere.
Je piace tanto Tarantino e quei firme dove se sdrumano colle spade da samurai. Però ccià un lato debbole.
Via cor vento se l’è letto da regazzina e er firme l’avrà visto na decina de vorte. Ha pianto pure co Titanic ma solo pecchè è de sinistra e je dispiaceva de li poveracci che mojono nelle stife affogati. Poi piagne regolarmente co Etti’ de Spirberg, e pure co quella fregnaccia dell’onde der destino de Fontriir. Se nun fosse che Vartere je sta’ sui cojoni sarebbe proprio ‘na cinofila peggio de lui.

Mo vado, ma prima ve consijo sti due posti che m’hanno fatto piscià addosso dalle risate. Uno è quello della sora Crero e l’altro de ‘n certo Korvosomaro. Ho paura che se nun scriviamo noi alteréghi, sti brogghe nun li tiriamo su. Cciao!


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Allora gnente, siccome che Lameduck oggi s’è levata dai cojoni cor bello suo de core, io che ho ‘mparato de nascosto come s’appiccia sto Piccì approfitto per sentimme un po’ bloggheressa pur’io e ve racconto ‘n fatto strano, ma veramente strano che m’è capitato oggi mentre che sbirciavo er piccì dâ stronza ‘ntanto che me riposavo da stirà. Perché me tocca tutto a me, cucinà, lavà, stirà, lei nun fa un cazzo. Vabbé gnente, nun ve ne po’ fregà de meno.

Allora, stammatina mentre che guardavo su Internette li blogghe che lei cià sarvati nel piccì no, me so imbattuta ne na notizia proprio strana. Un tizio che faceva na frittata cià visto du figure che je so’ sembrate proprio cristo e la madonna. Che ha fatto sto fijo de nâ mignotta, st’infamone, ‘nvece de mettesse ‘n ginocchio e pregà pell’anima de li mortacci sua? Ha pijato a frittata, l’ha impacchettata e se l’è venduta sui bbei. Aho’, pare che ha tirato su trecento cocuzze, ‘sto paravento.

Mo’, io ho visto a foto dâ frittata e cristo e la madonna proprio nun ce li vedo, magari proprio sforzandome, due de li re maggici, non lo so.
Poi però guardando mejo, forse pecchè nun so communista così ma communista cosiiì, co ddu pugni chiusi, come diceva quer sant’omo de Mario Brega, bello de mamma, io ce vedo er Sor Marx colla Sora Genni, porelli. Oddìo, è vero che ognuno ce può vede quello che vole pure nella schiuma der cesso, speciarmente cor Vicinnet, però a me me pare strana sta cosa, no? Nun sarà ‘n miracolo de Marx dall’aldilà che ce vo’ ammonì de nun dà retta a Vartere che vo’ rovinà der tutto er communismo?

P.S. Aho’, già che so qui approfitto per risponderve ar poste de ieri, prima che Lameduck me faccia ‘n culo così e me lo cancelli. Allora, lei è na gran cinofila no, peggio de Vartere.
Je piace tanto Tarantino e quei firme dove se sdrumano colle spade da samurai. Però ccià un lato debbole.
Via cor vento se l’è letto da regazzina e er firme l’avrà visto na decina de vorte. Ha pianto pure co Titanic ma solo pecchè è de sinistra e je dispiaceva de li poveracci che mojono nelle stife affogati. Poi piagne regolarmente co Etti’ de Spirberg, e pure co quella fregnaccia dell’onde der destino de Fontriir. Se nun fosse che Vartere je sta’ sui cojoni sarebbe proprio ‘na cinofila peggio de lui.Cciao!

Ecchime qua, prontissima a levamme quarche sassetto dalle scarpe, (belle ‘ste scarpette rosse eh?), su sta stronza che s’è permessa de sfruttà noi papere e la nostra riputazzione per facce ‘n blogghe de successo, dice lei. Er blogghe de Lameducche se chiama. Lameduck se fa chiamà. Ma chevvordì? E nun poteva sceglierse un nome normale ‘sta paracula?
E come cazzo se pronuncia? Leimdac, dice. Ma vedi d’annattene! Io la chiamo lamedùcche perchè so’ ignorante e me ne vanto. Lei sa l’inglese come na seconda madre e lo fa pure pesà. Io a malapena parlo l’itagliano, nun te dico altro. Io stu blogghe manco lo leggo, tanto nun ce stò a capì ‘n cazzo. Sò ignorante e pure coatta e se me ce metto pure na gran mignotta.

Così ve vojo racconta’ quarche aneddoto su ‘sta bloggheressa che va in giro a sparla’ de politica e dice che vuole fare la satiressa. Mo je faccio male.

Lei nun lo ammetterà manco co la tortura ma io lo so perchè sò una delle papere che lei se tiene in casa un po’ dappertutto e ve lo dico, ve svelo sto segreto, pecchè me sò rotta li cojoni.
St’intellettuale, sta persona seria e ‘n punta de forchetta, sta pissicologa dei mei cojoni, quando è a casa pe pranzo, nun se perde ‘na puntata de Biutiful.
Er blogghe lo ha chiamato orizzonte degli aventi, o degli eventi. Boh? Dice che è robba de fisica, de pianeti e de bbuchi neri. Sempre pe ffà a saputona. Gia’ ma intanto se sta’ a intronà colle fregnacce de Brucche e Rigge.

Volete ‘n artro segreto? Io lo so perchè se fa chiama’ papera: mica perché è zoppa, perchè cià er culo grosso e così subblima. Vorrebbe fa’ a dieta ma finchè se strafoga de dorci, ciao core!
Leggerà sta robba? E chemme frega? Era tanto che je lo volevo dì. ‘A Lameducche, te vojono ar telefono!


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Ecchime qua, prontissima a levamme quarche sassetto dalle scarpe, (belle ‘ste scarpette rosse eh?), su sta stronza che s’è permessa de sfruttà noi papere e la nostra riputazzione per facce ‘n blogghe de successo, dice lei. Er blogghe de Lameducche se chiama. Lameduck se fa chiamà. Ma chevvordì? E nun poteva sceglierse un nome normale ‘sta paracula?
E come cazzo se pronuncia? Leimdac, dice. Ma vedi d’annattene! Io la chiamo lamedùcche perchè so’ ignorante e me ne vanto. Lei sa l’inglese come na seconda madre e lo fa pure pesà. Io a malapena parlo l’itagliano, nun te dico altro. Io stu blogghe manco lo leggo, tanto nun ce stò a capì ‘n cazzo. Sò ignorante e pure coatta e se me ce metto pure na gran mignotta.

Così ve vojo racconta’ quarche aneddoto su ‘sta bloggheressa che va in giro a sparla’ de politica e dice che vuole fare la satiressa. Mo je faccio male.

Lei nun lo ammetterà manco co la tortura ma io lo so perchè sò una delle papere che lei se tiene in casa un po’ dappertutto e ve lo dico, ve svelo sto segreto, pecchè me sò rotta li cojoni.
St’intellettuale, sta persona seria e ‘n punta de forchetta, sta pissicologa dei mei cojoni, quando è a casa pe pranzo, nun se perde ‘na puntata de Biutiful.
Er blogghe lo ha chiamato orizzonte degli aventi, o degli eventi. Boh? Dice che è robba de fisica, de pianeti e de bbuchi neri. Sempre pe ffà a saputona. Gia’ ma intanto se sta’ a intronà colle fregnacce de Brucche e Rigge.

Volete ‘n artro segreto? Io lo so perchè se fa chiama’ papera: mica perché è zoppa, perchè cià er culo grosso e così subblima. Vorrebbe fa’ a dieta ma finchè se strafoga de dorci, ciao core!
Leggerà sta robba? E chemme frega? Era tanto che je lo volevo dì. ‘A Lameducche, te vojono ar telefono!


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Flickr Photos

Blog Stats

  • 85,879 hits

Categorie