You are currently browsing the category archive for the ‘maria stella gelmini’ category.

Ovvero: una settimana senza Silvio.

Se agli Academy Awards esistesse la categoria “Miglior Corto di Regime”, questo video tratto da “Porta a Porta” vincerebbe di sicuro l’Oscar 2012.

Bruno Vespa, dopo la caduta del Caligola della Brianza, disarcionato una settimana fa da una triangolazione di fuoco incrociato istituzionale mentre era in sella alle sue numerose cavalle, ha pensato di mettere assieme, in memoriam delle suddette, questo stucchevole servizietto tutto fra donne che dovrebbe in teoria renderci tristi ma in realtà ottiene l’effetto esattamente opposto.

Un’inviata affranta, ma così affranta che non le sembra ancora vero, visita gli uffici delle ministre in smobilitazione coatta, intente a riempire gli scatoloni d’ordinanza con il nulla del loro operato, il niente accumulato sugli scaffali e la fuffa delle loro iniziative.
Per le signore l’intimo non è di seta e pizzo ma di sfratto. C’è la Meloni, che pare le sia appena morto il gatto sbranato da un rottweiler, che si compiace di aver resistito per ben quasi quattro anni (l’importante  è partecipare); la Brambilla con i quadri intonati al capello ad alta visibilità; la Prestigiacoma che, da perfetta padrona normanna, fa l’unica cosa intonata con il suo doppio filo di perle: gli onori di casa al suo successore (l’importante è finire). Poi la mia preferita, la Bernini, l’ultima arrivata, che sembra una bambola gonfiabile con la parrucca finita troppo in avanti e le guance sul punto di esplodere per un eccesso di atmosfere. Tutte a riempire le scatole dopo averle rotte per anni. Manca la Carfagna, perché questo è un servizietto per le fedelissime, non per tutte.
Nonostante la reggimicrofono si sforzi di fare la telecronaca di una tragedia tipo Vermicino e il lancio di lacrimogeni musicali (Charlie Chaplin, mentre sarebbe stato più adatto un bel Chaikosvkij)  non si riesce proprio ad intristirsi. Anzi, guardando il video ci viene un sorrisetto di traverso che è un po’ Gioconda e tanto Marchese de Sade e dopo un po’ è pura gioia.

Forse è anche un problema di montaggio. Non ci vuole un Kubrick per capirlo. Iniziare con la Gelmini che fa gli scatoloni, riempiendoli delle macerie della scuola pubblica e dei neutrini con i quali fa giocare sua figlia, perché se ne deve andare, è un’immagine che ti rimetterebbe di buon umore perfino dopo aver visto l’episodio del gattino di “Allegro non troppo”.
Fate la prova. Guardate prima Bruno Bozzetto e poi le ministre che smammano. Supererete non solo la tristezza e le lacrime causate dal fatale “Valse Triste” di Sibelius ma non escludo che guariate perfino dall’eventuale depressione che vi affliggeva da anni e che non riuscivate a sconfiggere con i farmaci più all’avanguardia.
Ne parla anche Non leggere questo blog.

Nella vita bisogna provare tutto, anche le scuole private. Ne frequentai una, a vent’anni, per corrispondenti e interpreti. Scuola a rigida conduzione famigliare, nel senso che il marito interpretava con sussiego da maggiordomo inglese fallito la parte del preside, la moglie stava in segreteria ed alla cassa e le figlie erano arruolate come insegnanti per finta delle materie meno impegnative. Le altre docenti, quelle vere, erano tutte signore ben oltre l’età pensionabile e già rottamate, alla Renzi, dalla scuola pubblica. Una di esse, vicina addirittura agli ottant’anni, era una feldmarescialla dal righello facile. Ebbene si, menava. Soprattutto i maschi più riottosi, a manrovescio e con l’anellone da sei etti al dito.
La professoressa di inglese era un’americana ossessionata dai comunisti, una specie di zia di Luttwak, che noi ci divertivamo a sfottere senza pietà quando iniziava la sua perorazione quotidiana in favore della politica di Ronald Reagan.
Tutto l’istituto sapeva di vecchio, di conservazione sotto formalina di tradizioni culturali stracotte e desuete. 
Anche le attrezzature erano ottocentesche. Ricordo che, si parla dei primissimi anni ottanta, nonostante fossero già ampiamente diffuse negli uffici le macchine per scrivere elettriche, noi studiavamo dattilografia su delle Remington anteguerra.
Eppure, secondo la leggenda, la scuola privata dovrebbe offrire una preparazione migliore e più moderna, con insegnanti qualificati, in un ambiente sano e sicuro.
Dalla mia esperienza personale posso dire di non aver imparato un’anticchia di più di quello che avrei appreso frequentando un banalissimo liceo linguistico, con l’aggravante che, nella scuola privata, c’era una retta da pagare.
Per il resto, conosco donne zoccolissime che hanno studiato dalle suore, uomini traumatizzati dalle attenzioni degli insegnanti in prestigiosi collegi maschili retti dai preti ed ambosessi caduti nelle grinfie della droga nonostante la scuola decomunistizzata e frequentata da pari grado di ricchezza.
La scuola privata non è migliore di quella pubblica, serve solo come alibi ai ricchi per illudersi che i loro figli crescano all’insegna dei loro principi rimanendo dentro un circolo chiuso. Essi credono che i loro cuccioli di miliardario possano traviarsi frequentando i figli degli operai, per questo ci tengono tanto alle loro parificate con i diplomi che non valgono un cazzo. Tanto ai cuccioli di miliardario e di trota il diploma non serve, visto che il posto fisso ce l’hanno, spesso e volentieri, per diritto di nascita e di censo e non certo per merito. 
Ecco perché alle scuole private non viene richiesto di fornire una formazione culturale di alto livello. Devono solo mantenere ben divaricata la forbice.

Non a caso, il governo più classista degli ultimi 150 anni ha un debole per i diplomifici un tanto al chilo come il CEPU, per le laureate all’Università Bocchini, per una scuola più privé che privata, dove si studiano discipline altamente specialistiche come l’igiene dentale. Tutto con l’idea che, pagando e stando lontano dai comunisti, si diventi automaticamente degli Einstein. Un governo che ha messo al vertice del Ministero della Distruzione la Gelmini. Quella che, non trovandosi a proprio agio né alla Bocconi e tanto meno alla Normale, è andata a  laurearsi a Reggio Calabria. Chissà perché. Parafrasando un slogan del sessantotto, questa è la somaraggine al potere.
La minchiata di regime più galattica, riguardo all’istruzione, è però quella che vorrebbe le famiglie italiane obbligate dai comunisti  a mandare i figli alla scuola dei soviet senza poter scegliere liberamente di affidare i propri pargoli alle amorevoli cure della privata.
Detto che, potendo pagare, uno può mandare i figli dove gli pare e che quindi il problema non esiste; detto che non manderei i miei figli a studiare dai preti come non li manderei a nuotare spalmati di maionese in una vasca di piranhas, vorrei tranquillizzare Berlusconi ed invitarlo a smetterla di pensare che le scuole private e religiose siano ideologicamente più sicure. Stalin studiò in seminario. 
Paradossalmente e per ironia della sorte, si hanno maggiori probabilità di diventare comunisti non andando alla statale “Sandro Pertini”, ma frequentando le Orsoline ed i Maristi ed avendo avuto una professoressa reaganiana. Non per cattiveria ma per reazione.

Povera Mara che credeva di essere diventata, dopo il miracolo del ministero piovutole addosso in premio, qualcosa di più di un grazioso soprammobile, di una sex doll alla quale un dio benevolo diversamente alto aveva concesso la parola, il movimento ed il pensiero.  Proprio il pensiero la sta fregando, altro che Bocchino.
Sta a vedere che, frequentando l’ambiente, magari ci aveva preso gusto, si era messa in testa di combinare qualcosa e addirittura di sparigliare i giochi di potere all’interno del partito. Illudendosi magari di fare le scarpe a Cosentino in Campania.
Il PDL è governato dagli affaristi, me ne vado. Certo, Mara, che ti credevi?

Mara si lamenta che il partito non le dà spazio? Che non la valorizza nella sua regione come meriterebbe? Premesso che forse un tantinello la testa se la deve essere montata, bisogna dire alla ragazza che questo regime è un peronismo che non vuole Evite tra le palle. Se ci sono, che se ne stiano buone sotto la scrivania.  Questi non sono dei e neppure grandi uomini capaci di stare ad ascoltare e farsi perfino consigliare da una donna.  Sono papponi che dalle donne vogliono solo il ricavo quotidiano, con la consegna del mangia (anzi, succhia) e taci. Magari in pubblico ti chiamano “dottoressa” ma in privato sei solo l’ultima delle troie che sono passate da quella porta.

Detto questo, non farò anch’io la scontata battuta del giorno che “le zoccole cominciano ad abbandonare la nave” anzi, devo confessare di provare un disagio sempre più forte a leggere i commenti in giro sulle annunciate dimissioni di Mara Carfagna. Come se fosse lei l’unico motivo per il Parlamento di vergognarsi. 
Sinceramente, è peggio un ministro Carfagna o un senatore Dell’Utri? 
Non so, mi pare che stiamo solo agendo il nostro sconfinato disprezzo per le donne, che il berlusconismo ha elevato a livelli cosmici, attraverso l’insulto libero contro una che, in fondo, ha fatto meno danni come ministro di altri personaggi dello stesso livello.
Certo non ne faremo un’eroina. Non abbiamo dimenticato l’imbarazzo provato quando il nano la nominò  ministro, visto che si sapeva da un pezzo che era chiacchierata come una delle sue storiche amanti, di cui si conoscevano pure le presunte specialità erotiche.
Però, se quello era un sistema ed il criterio di assunzione era quello, dobbiamo dedurre che di miracolate, di altre specialiste con tanto di insegna fuori come nei casini pompeiani ve ne siano altre, magari più nascoste. Ecco, non date della zoccola solo alla Carfagna per difendere le criptozoccole. Almeno, se derattizzazione deve essere, che sia completa. 

Non credo perciò, come sostiene il “Riformista”, che la vendetta del metodo Boffo colpirà la Mara traditrice e che verranno finalmente fuori le famose intercettazioni hard del primo sexgate del nanoquelle che tutti i direttori dei giornali pare abbiano letto ma che non hanno voluto pubblicare. Lasciando, ad esempio, che la scuola italiana venisse distrutta.

Le intercettazioni non verranno fuori perché pare coinvolgano altre ministre, finora fedeli al loro protettore e  quindi resteremo ancora con la curiosità inappagata. Almeno fintanto che non crolleranno le mura del tempio spappolando nani e ballerine e il berlusconismo sarà solo un rifiuto speciale da termovalorizzare.
Per ora accontentiamoci delle borsettate tra le ex attricette e le ex soubrette, dei reciproci insulti a base di “cagna” e “vajassa”, del clima da ultima difesa della fetta di marciapiede. Un bello spettacolo, non c’è che dire. 

Questo della destraccia berlusconiana è un governo moderno e proiettato nel futuro, non c’è che dire. La ministra della (D)istruzione, dopo il revival del grembiule, vorrebbe riesumare gli ormai mummificati Remigini, seppelliti tanti anni fa da una riforma scolastica che mirava a far assomigliare il sistema educativo italiano a quello degli altri paesi civili anticipando, tra le altre cose, l’inizio delle lezioni alla metà di settembre.
Spiego un attimo cos’erano i Remigini, per coloro che non hanno il piacere di avere più di quarant’anni. Negli anni sessanta si andava a scuola il primo ottobre, giorno di San Remigio, appunto, con la cartella, il grembiule ed il fioccone e i Remigini erano le reclute, quelli della prima elementare, strappati alle calde piume della chioccia e arruolati in lacrime nel mondo della scuola.

La motivazione addotta dalla ministra per il grande ritorno del 1° Ottobre è surreale, “perchè ne beneficierebbe il turismo”, ma bisogna capire che è l’unica che poteva venire in mente a Maria Stella, giovane vecchia nata nel 1973 ma con la convinzione di vivere ai tempi del libro “Cuore”.

Ora, notoriamente gli alberghi straboccano di prenotazioni nella seconda quindicina di settembre, come no? Una stagione nella quale, quando non piove, se vuoi andare in spiaggia ci devi andare con il piumone e in montagna girano già i cani da slitta.
Si ma c’è il turismo delle città d’arte e quello nel caldo Sud dove è (quasi) sempre estate. Non può essere questa la motivazione, dato che quello è un turismo che si spalma su tutto l’anno e non si concentra necessariamente d’estate.
Quindi? Gli scolaretti lavorano per caso nelle cucine degli hotel e fanno la stagione estiva come bagnini e camerieri per cui è necessaria la loro presenza nel settore turistico fino all’ultimo giorno?
Forse lo faremmo per i turisti stranieri? No problem, alla metà di settembre rivarcano il Brennero perchè hanno i figli da mandare a scuola. Loro.
Ci sono, Maria Stella pensa che i bambini restino in vacanza con i loro genitori fino al 30 di settembre come una volta.
Capirai, causa ristrettezze, le famiglie non riescono nemmeno a farsi più una settimana intera al mare o in montagna ma solo qualche mordi e fuggi nei weekend e lei pensa di vivere ancora ai tempi della quindicina abbondante alla Pensione Miramare a Rimini. Marito in città e moglie e figli in vacanza. Agosto, moglie mia non ti conosco. Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia, stesso mare. Il Boom economico.

“Perchè ne beneficierebbe il turismo”. Mi sono stufata. Chi scopre quale sarebbe questo fantomatico beneficio per il turismo, vince un prezioso e originale salvadanaio in acciaio zaponato marcato “Cassa di Risparmio” risalente ai tempi dei Remigini, contenente una cinquecento lire d’argento. Roba da far fare i goccioloni di nostalgia alla ministra.

La mia amica Galatea, commentando il viaggio nel tempo della Gelmini con San Remigio come Virgilio, propone, già che ci siamo, di abolire del tutto la scuola. Tanto oramai una nazione di acculturati non serve più a nessuno.
Sono d’accordo. In ossequio anche al “Programma di Rinascita Nazionale” che prevede l’abolizione del titolo di studio, Angelino e Maria Stella potrebbero cucinarci al wok un bel condono educativo con promozione assicurata per tutti già all’atto della nascita e, per svogliati, ripetenti e zucconi, un bel “Lodo Somaro” che elimini quell’odiosa diseguaglianza tra studiosi e non.
Prima di autocertificarci tutti analfabeti di ritorno, alla faccia della Montessori, di Don Milani, del maestro Manzi, della Riforma Berlinguer e di tutti i disperati tentativi di disincrostare la tenace ignoranza italica e prima di eliminare la “Squola” con una bella carica di C-4 ideologico, propongo di nominare Ministro, al posto della fallimentare Gelmini, l’unico veramente competente in materia: Renzo Bossi.

Sinceramente, e senza pensarci troppo su, chi buttereste stasera dalla torre?

1) L’uomo in ammollo Brunetta.
2) Il sindaco di Bologna che prima col piffero che mi dimetto, poi non mi dimetto e poi mi dimetto ma si mi dimetto, no anzi mi dimetto.
3) Bersani e tutto il suo penoso PD.
4) Nichi Vendola e il suo trionfalismo.
5) Berlusconi e la visita fiscale proprio nell’ospedale dove fecero la supposta diagnosi farlocca. Da invocare la legittima suspicione.
6) Il ministro virtuale degli Esteri Frattini, stanco di guerra ma soprattutto di figure di merda.
7) L’ubiquo Bertolaso, ormai più temibile di un’invasione di cavallette ed altrettanto molesto. Gli americani hanno già coniato il termine per le operazioni atte a difendersi dal supponente ciaccione che sa tutto: “debertolising”.
8) Violante che rassicura che non faranno favori al Cavaliere. Lui.
9) Bagnasco che si augura una classe politica cattolica, come se questi fossero scintoisti.
10) A proposito di cattolici, la Gelmini che si sposa incinta in municipio dopo la mezzanotte. Perchè? Chi è lo sposo, Edward Cullen?
11) Lapo Elkann ed i suoi cazzo di 300 mila euro per una foto.
12) Luca Barbareschi. Lui sa perchè.

Allora, chi tirate giù? O buttate giù direttamente la torre?

Io sono tra coloro che sostengono che la solidarietà femminile, quella che le femministe chiamano sorellanza, un termine che, non a caso, non è mai decollato nel colloquiare comune, sia merce più rara della bistecca di unicorno.
E’ una vecchia storia ed è persino stucchevole ritornarci sopra. Noi donne ci facciamo fregare dal sistema, dal potere, dagli uomini, perchè siamo sempre in competizione le une contro le altre. Quindi alla fine ci facciamo fregare anche dalle altre donne.
Eppure era facile, bastava copiare gli uomini che, quando c’è da essere solidali tra loro, hanno il cervello che gli va automaticamente in formazione a testuggine. Abbiamo raggiunto gli uomini in tutto, facciamo gli stessi mestieri ma in quanto a fare fronte comune quando è necessario, niente.
Quindi, che devo dire, peggio per noi.

Come attenuante generica dirò che c’è una parte di motivazione etologica nel farci sempre la guerra, visto che siamo più femmine che maschi sul pianeta e quei pochi ma boni dobbiamo conquistarceli a graffi e morsi combattendo con le altre stronze, pardon, donne. Questo stato di continua tensione e rivalità indubbiamente ci condiziona e condiziona il nostro comportamento sociale.
Non so se dobbiamo continuare a sbatterci per cambiare le cose. Sono più di trent’anni che ci si prova invano. Tra di noi siamo stronze. Ok, fanculo, c’est la vie.

Quindi, tutto sommato, nessuna meraviglia se non una delle ministre miracolate del governo Berlusconi o una qualunque sottocoda femmina del centrodestra (a parte un’eccezione che conferma la regola: più sotto), ha speso una parola in via ufficiale e con mano ferma e non tremolante, contro le offese reiterate e aggravate che il loro premier di riferimento ha rivolto e rivolge continuamente alle donne, caso Rosy Bindi come ultimo esempio.
Abbiamo atteso invano qualche parola, una frase, un rigo appena, un comunicato che provenisse dalle spesse pareti dell’Harem.

Mica pretendevamo che dicessero, le regali spose, che la Bindi è una gran figa, che è più intelligente di Cristina “Dal” Basso, no. Bastava che dicessero che è una vergogna essere governati da un cafone maleducato.
Come donne che un giorno avranno la stessa età di Rosy, care belle pupattolone, bastava manifestare un briciolo di solidarietà per una signora che era stata offesa, tra la vigliaccheria degli omuncoli presenti. Pensare ed immaginare, se proprio non ce la facevate con quei quattro neuroncini strizzati allo spasimo nel tentativo di essere sempre vere donne cazzute di destra, che fosse stata offesa la vostra mamma, tutto qua. Provare insomma con l’Istinto che, per diana, funziona con le femmine di ogni specie.

Invece non è arrivato nulla, a parte un “sono qui, sono qui!” gridato da una piccola ministrina che fa di tutto per essere notata, visto che finora ha fatto solo il soprammobile su un trumeau del ministero.
Oh, magari mi sbaglio, se c’è qualche ggiovane che è al corrente delle mirabolanti leggi promulgate su iniziativa dell’ex fascetta nera, me lo dica.
Peccato perchè, all’occorrenza, la ggiovane è tosta come poche. Urla, strepita in modalità pre-Fiuggi con la stessa voce di Alemanno, incredibbile, gli vengono gli occhietti fuori dai meloni come se la stessero strangolando.

Orbene, la ministra invisibile ha detto: “Io quella frase non l’avrei detta”. Comunque ha subito corretto il tiro: “Però non accetto lezioni da Livia Turco”, “ha cominciato prima la sinistra ad offendere”, “gnè-gnè”. Brava meloncina, apprezziamo comunque lo sforzo che deve essere stato immane per il suo fisico.

Dalla Carfagna, ministra delle Pari Opportunità e Spietata Spazzatrice da Strada di Battone da venti-euro-bocca, cinquanta-completo, nulla. Nè di ufficiale, nè di spontaneo. C’è da capirla. Lei è la protagonista di uno dei ragionamenti più popolari del repertorio papiminkia.

“Parlate voi che avete Rosy Bindi, almeno la Carfagna è una gran figa.”

Come può lei opporsi alla ragione per cui è ministro? Incarnare, cioè, l’ideale di ministro come apparenza invece che come sostanza? Sarebbe come pretendere che Joker difenda Batman. Come chiedere a Superman di mangiarsi un quadratino di kriptonite come fosse un Loacker.

Nulla nemmeno dalla Gelmini che, per altro, sul look da preta che condivide con la Rosy, ci ha costruito una carriera. Per uno strano fenomeno, la pretosità della Gelmini agisce sul papiminkia come potente afrodisiaco. Nonostante appaia fredda come un termosifone spento ed indossi gli occhiali antistupro, loro ci fanno fantasie di bondage estremo. La maestrina dalla frusta rossa. Anzi, nera.

Non pervenute neppure la Brambilla e la Prestigiacomo, troppo occupate a lisciarsi i belli capelli. Per non parlare della Santanchè, la sangiorgia che combatte sempre contro il drago che opprime le povere donne. Islamiche, però. Quelle cattoliche, che si fottano. Anche lei è una strafiga (qualità 15 mesi, però, un po’ più stagionata) che deve giustamente difendere il principio del primato dell’apparenza. E poi, cazzo, lei è ancora più di destra, ancora più cazzuta. Modello John Holmes.

Ho dimenticato qualcuna? Mi pare di no. Ah, la Mussolini. A volte lei è parsa più coraggiosa delle altre ma stavolta ha mancato l’occasione. Se ha detto qualcosa ce lo faccia sapere. Magari eravamo distratti dagli occhi della Meloni che minacciavano di – pop!, pop! – finire sul pavimento, con il rischio di schiacciarli.

Io però sarei propensa, in ultima analisi, ad essere misericordiosa e solidale con le ancelle del Cavaliere. Quello è un ambiente dove, se vuoi far carriera, non devi solo farti crescere un bel coso davanti per essere cazzuta ma raschiare il peggio dal barile maschilista usando le unghie appena laccate. Ribellarsi è inimmaginabile.
Se aprissero bocca contro il sultano, invece di sentirsi definire più belle che intelligenti, rimedierebbero solo un bel “Sta’ zitta, troia!”
Questa sera, al posto del TG1, è andato in onda un film porno. Tra chi si eccitava visibilmente pronunciando “il presidente Berlusconi”, ripetuto non si sa quante volte mordendosi il labbro inferiore e leccandosi quello superiore e chi perdeva definitivamente la seconda verginità, alla fine penso che fosse difficile restare in piedi camminando sul pavimento dello studio.
Bisogna fare comunque i complimenti a Minzolini. Una grande performance. Per atti del genere di autocelebrazione governativa, come è noto, ci vogliono grande flessibilità e il sacrificio delle ultime due costole.

In sottofinale è stato veramente da brividi l’autoerotismo collettivo sul santino di Bertolaso che, madonnamia, oggi ha perfino guidato un’autoelettrica! E Bertolaso qui, e Bertolaso qua, e quanto è bravo Bertolaso, e quanto è forte Bertolaso e quanto è sciccosa la polo di Bertolaso.
Si, anche Obama e Clooney sono carucci ma Bertolaso, aaaahhhh. (Segue orgasmo simultaneo finale di tutti i performers).

Siamo un paese al quale non difettano sicuramente due cose; la sboronaggine e la faccia come il culo. Tuttavia andare avanti per mezz’ora a dirci quanto siamo stati bravi è stato veramente troppo. Come diceva la mia maestra: chi si loda si imbroda.
Mentre su Sky andava in onda un dibattito dove, in sostanza, si diceva che oltre alla solita fuffa da pura apparenza e fiori finti non era ancora uscito niente di importante dal G8, in termini di decisioni, il che è una notizia, sul pornoTG stavano appena alla posizione numero 41.

Abbiamo fatto gli sboroni come organizzatori del G8, certo. Visti gli zainetti gadget per i quali i giornalisti accreditati si sono accapigliati? E le borse fatte con materiale riciclato in regalo alle First Ladies e i libroni da trenta chili sul Canova, con copertina-lapide in marmo, un vero regalo di peso, ai mariti?
Siamo così bravi che siamo riusciti anche ad imbrigliare la magnitudo e a fermare le scosse. Ah, l’impareggiabile efficienza meneghina e il genio di Bertolaso!

Riguardo alla mancanza di pudore, prendete la scelta, in mancanza della vera First Lady, stanca di guerra, di far fare le First Gnocca’s al duo Gelmini-Carfagna, le ministre sempre in coppia e vestite da “bellantonie prima moniche e poi dimonie”. Chissà perchè.
Non oso immaginare la faccia dei giornalisti argentini, gli unici che a suo tempo pubblicarono qualcosa di più delle indiscrezioni sulle famose intercettazioni a luce rossa che avrebbero riguardato due ministre a caso, una certa pomata e una pratica sessuale fuori legge nel Minnesota.
Con tante ministre, non la Prestigiacomo o la Brambilla e neppure la casta Meloni: no, manco a farlo apposta, le pretoriane più chiacchierate sono state sbattute in prima linea a fare rappresentanza. A rappresentare le donne italiane, suppongo.

In un paese normale, bastava far fare gli onori di casa a Clio Napolitano, consorte del Presidente della Repubblica e quindi First Lady a tutti gli effetti, che Dio solo sa perchè i telegiornali insistono nel non voler chiamare come da protocollo “Donna” Clio ma “signora”, mentre le precedenti consorti presidenziali erano sempre donnafranca qui e donnafranca là? Qualcuno me lo riesce a spiegare?

In un paese normale si sarebbe fatto così ma l’Italia normale non lo è, finché regna il gnoccadipendente, convinto che se non si satura l’ambiente di estrogeni e sentor di figa giovane si corra il rischio di diventare froci.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Compagni socialisti,
ma sì anche voi insinuanti, astuti e tondi,
compagni socialisti,
con le vostre spensierate alleanze
di destra, di sinistra, di centro,
coi vostri uomini aggiornati,
nuovi di fuori e vecchi di dentro,
compagni socialisti fatevi avanti
che questo è l’anno del garofano rosso e dei soli nascenti,
fatevi avanti col mito del progresso
e con la vostra schifosa ambiguità!
Ringraziate la dilagante imbecillità!

(Giorgio Gaber, “Io se fossi Dio”)

Riassumendo, i fannulloni sono di sinistra e a Brunettino dispiace perchè anche lui è di sinistra. Socialista, per l’esattezza. Un ministro da bere, insomma. Verrebbe da dire un nano ghiacciato, ma non lo dirò.

La Gelmini dice che anche lei è di sinistra. Da quando ha visto Obama non capisce più niente e come darle torto, Barack è uno sventrapapere, mica quel pollo molle di Bush. Lei dice che anche questo governo, ma si, quello degli ex fascisti, dei piduisti e dei razzisti del Diopo’, è di sinistra.

Nel caso voleste appartarvi in qualche luogo oscuro con questa sinistra, state molto attenti, signori dell’opposizione in fregola di inciucio. Questa è una sinistra dentata, morde.

http://www.youtube.com/v/sHqLqX4W5Go&hl=it&fs=1


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Compagni socialisti,
ma sì anche voi insinuanti, astuti e tondi,
compagni socialisti,
con le vostre spensierate alleanze
di destra, di sinistra, di centro,
coi vostri uomini aggiornati,
nuovi di fuori e vecchi di dentro,
compagni socialisti fatevi avanti
che questo è l’anno del garofano rosso e dei soli nascenti,
fatevi avanti col mito del progresso
e con la vostra schifosa ambiguità!
Ringraziate la dilagante imbecillità!

(Giorgio Gaber, “Io se fossi Dio”)

Riassumendo, i fannulloni sono di sinistra e a Brunettino dispiace perchè anche lui è di sinistra. Socialista, per l’esattezza. Un ministro da bere, insomma. Verrebbe da dire un nano ghiacciato, ma non lo dirò.

La Gelmini dice che anche lei è di sinistra. Da quando ha visto Obama non capisce più niente e come darle torto, Barack è uno sventrapapere, mica quel pollo molle di Bush. Lei dice che anche questo governo, ma si, quello degli ex fascisti, dei piduisti e dei razzisti del Diopo’, è di sinistra.

Nel caso voleste appartarvi in qualche luogo oscuro con questa sinistra, state molto attenti, signori dell’opposizione in fregola di inciucio. Questa è una sinistra dentata, morde.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Compagni socialisti,
ma sì anche voi insinuanti, astuti e tondi,
compagni socialisti,
con le vostre spensierate alleanze
di destra, di sinistra, di centro,
coi vostri uomini aggiornati,
nuovi di fuori e vecchi di dentro,
compagni socialisti fatevi avanti
che questo è l’anno del garofano rosso e dei soli nascenti,
fatevi avanti col mito del progresso
e con la vostra schifosa ambiguità!
Ringraziate la dilagante imbecillità!

(Giorgio Gaber, “Io se fossi Dio”)

Riassumendo, i fannulloni sono di sinistra e a Brunettino dispiace perchè anche lui è di sinistra. Socialista, per l’esattezza. Un ministro da bere, insomma. Verrebbe da dire un nano ghiacciato, ma non lo dirò.

La Gelmini dice che anche lei è di sinistra. Da quando ha visto Obama non capisce più niente e come darle torto, Barack è uno sventrapapere, mica quel pollo molle di Bush. Lei dice che anche questo governo, ma si, quello degli ex fascisti, dei piduisti e dei razzisti del Diopo’, è di sinistra.

Nel caso voleste appartarvi in qualche luogo oscuro con questa sinistra, state molto attenti, signori dell’opposizione in fregola di inciucio. Questa è una sinistra dentata, morde.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

Blog Stats

  • 84,417 hits

Categorie