You are currently browsing the category archive for the ‘matrimonio’ category.

Secondo il suo fellow-minister Tremonti, Brunetta è un piccolo abitante di Creta.
Intanto fervono i preparativi delle nozze tra il ministrino e la sua Titti Giovannoni coscialunga. E’ meglio che non leggiate la lista di nozze con gli ulivi da 4500 euro se no, in tempi di crisi, a qualcuno potrebbe andare il mutuo di traverso.

Visto un matrimonio li hai visti tutti. Sono sempre le solite situazioni, le solite scene, più o meno uguali a tutte le latitudini e su tutti i gradini della scala sociale. Lo sposo, la sposa, i parenti, i suoceri, gli invitati, i fiori,  la predica sulla sacralità della famiglia, il ricevimento, il bouquet lanciato come la palla ovale del rugby, la mischia delle damigelle, le foto, i paggetti, la torta, il mal di piedi, la sbornia e il mal di testa finali.
Qui, trattandosi di reali, ci hanno risparmiato la seconda parte della festa, quella della sposa senza scarpe sotto il tavolo e con il diadema sulle ventitré e lo sposo con la divisa slacciata e un bel rutto liberatorio postprandiale.
Notavo stamattina, durante l’interminabile passerella degli ospiti, che la capienza di Westminster potrebbe tranquillamente raddoppiare se si abolissero i cappelli a larga tesa d’ordinanza. Guardando le fogge in cui erano acconciate tutte quelle teste più o meno coronate si capisce come un personaggio come il Cappellaio Matto non poteva che essere stato creato in Inghilterra. 
Ma non parliamo di cappelli, nemmeno della signora in giallo, come è stata ribattezzata subito da chi commentava in rete in diretta l’evento, la Nonna Betty. Qualche buontempone si è domandato se a guidare la Rolls reale ci fosse per caso Ambrogio e se la regina avesse già il languorino. Poi dicono che la pubblicità non condiziona la gente.
Gli ospiti erano tutti ordinaria amministrazione, niente di particolare, a parte Victoria Beckham che ha scambiato uno dei quattro matrimoni per un funerale e si è vestita tutta di nero con tanto di muso lungo un metro. Da oggi sarà per noi Beckhamorta.
Delusione per i papiminkia nostrani, non c’era B. Meglio così. Se fosse stato presente al matrimonio avrebbe toccato il culo a Kate e raccontato una barzelletta su Diana.
Il clou di ogni matrimonio, ovviamente, sono gli sposi. Stavolta, secondo me, hanno un po’ deluso. Lui, William, ha una faccia da bambino su una testa che sta andando inesorabilmente in piazza, con un vago effetto Benjamin Button. Vicino alla sposa la faceva sembrare molto più vecchia, Certo, se la divisa fosse stata azzurra come si conviene al Principe, sarebbe stata tutta un’altra storia. Quel rosso guardia faceva pensare a dove mai gli fosse caduto il cappello di pelliccia durante il tragitto da casa a chiesa.
La sposa. La Kate Middleclass che forse tra cent’anni sarà regina, se Betty non diventa definitivamente immortale, a me è parsa niente di che, ma proprio scialba. Una di quelle facce, avrebbe detto Oscar Wilde, che viste una volta non te le ricordi più. Una Barbie mora, troppo secca e parecchio ingessata e, ahimé, con una sorella che, dietro di lei come damigella, rubava la scena sia per l’acconciatura che per il culo parlante sotto il raso dell’abito, tra l’altro molto più bello del suo. E’ proprio il caso di dirlo. Alla sposa, la sorella-damigella gli ha fatto una Pippa.
Detto che, rivisto oggi, il vestito di Diana, la suocera buonanima, farebbe quasi ridere, con le mongolfiere al posto delle maniche e tutto l’eccesso tipico degli anni ottanta, rispetto a quello, comunque, l’abito di Kate sembrava preso al “Paradiso della Sposa”. Senza contare che, aver copiato quello di Grace Kelly, anch’essa stampatasi in auto sfilando una curva, sembra un voler sfidare un po’ troppo la sorte. Come se non fossero bastati la Bechkamorta in lutto stretto, il celebrare il matrimonio nella stessa cattedrale del funerale di mamma Diana ed Elton John che cantò, sempre in quell’occasione, la Messa da Requiem e che oggi, forse ci ha risparmiato la candela nel vento. Roba da non mollare la presa per tutta la cerimonia.
A parte il look deludente gli sposi mi sono parsi freddini. Va bene che stavolta lei non è affetta da quel meraviglioso pudore virginale di Diana che le infiammava la gota (buongustaia!) e che, fidanzati da tanto tempo ormai, faranno l’amore con il pilota automatico, ma il bacio al balcone, mioddìo, con lui che nemmeno la tocca, che strazio. Proprio il bacio di chi non si bacia più. 
Vuoi mettere Jessica e Ivano? Anche l’anello che non calza loro lo rendevano molto più interessante di ‘st’ inglesi ingessati. ‘Tacci loro!

http://swf.tubechop.com/tubechop.swf?vurl=9FjGwOU8SFg&start=249&end=321&cid=158117

Notiziole dal fronte rotture di bambocci tra coniugi e relative miserie – morali, non certo materiali.
Ma non si era detto che lui dal giudice non ci può andare perchè ci ha da fare e quindi ci deve okkupare il Parlamento obbligandolo ad approvare leggi cucitegli addosso come uno dei suoi doppiopetti Caraceni?
Invece, avete presente Paperon de Paperoni quando gli posano gli occhi sul deposito e dà di matto con le zampette in spaccata per aria?
Come recita il detto: “la fame leva il lupo dal bosco” e i soldi trascinano Berlusconi davanti al giudice.
La notizia è che ieri, con notevole sprezzo del legittimo impedimento, Berlusconi si è recato in prefettura ed ha visto in faccia per la prima volta dopo anni un giudice, seppur del Civile, per la rituale udienza di conciliazione prevista nelle cause di separazione.

Il fatto è che Veronica chiede 3 milioni e mezzo di euro al mese per fare pari e patta con le corna e togliersi lo sfizio di qualche spesuccia antidepressiva e lui, da oculato imprenditore e gran signore, siccome dice che le corna gliele ha messe anche lei, si autoapplica lo sconto outlet più i saldi di fine stagione e offre alla consorte la miseria di 200.000 euro al mese. 2.400.000 euro all’anno invece di 43 milioni. Un bel risparmio. Per quella cifra si può anche mandare in culo il legittimo impedimento.

Non so perchè ma io lo vedrei bene assieme a Madonna. Due egocentrici di tal fatta si annichilirebbero a vicenda e il problema sarebbe risolto per sempre. Davvero, non so se sia peggio lei che ti obbliga a trombare su delle sex chairs particolari con i-Pod incorporato che spara “Like a Virgin”, “True Blue” e “Papa Don’t Preach” durante il dai e vai – parola di Guy Ritchie al quale va tutta la mia comprensione, o lui che tortura le ospiti di palazzo Grazioli proiettando i suoi filmini porno con Bush obbligandole a fare pure la ola.

P.S.
Tra le altre nanominchiate che non ci siamo fatti mancare in settimana, l’ipotesi “Berlusconi praticamente stuprato da Patrizia D’Addario, introdottasi a Palazzo Grazioli per attentare alla specchiata virtù del presdelcons” pubblicata da Panorama. Sul prossimo numero: “Non siamo mai stati sulla Luna” e un’intervista al capo dei rettiliani.
Ed infine, la sorprendente rivelazione di Taormina – anche se le cose che dice vanno sempre prese con le molle – che Berlusconi riesce ad essere sincero almeno con i suoi avvocati. Ecco perchè dicono che se Previti dovesse parlare…

“Sono brave e belle e la Carfagna… guardatela, se non fossi già sposato me la sposerei”. (Silvio Berlusconi, 31 gennaio 2007)

Eh, si. Se lo toccano dove è il suo debole…
Critica la moglie perchè va in piazza a lavare e sciorinare i panni sporchi e puzzolenti e lui che fa? Rilascia interviste di qua e di sui giornali (ai direttori in persona, degradati al rango di valletti raccoglitori della versione del Re), lasciando che premurose badanti riprendano le sue invettive ed il suo abituale chiagni e fotti in appositi servizietti del TG da dare in pasto ai telespettatori serali.
Inserisce la modalità turbominchia ed inanella una serie di invettive sulla vicenda del suo divorzio, sapendo che nessuno, per il momento, oserà andare ad ascoltare la campana di sua moglie. Nel senso di offrire anche a lei la prima serata ed una bella intervista completa invece di un lancio d’agenzia.
Il Vipero ha modo di rivoltarsi ben bene e di fare ciò che sa fare meglio, come ha giustamente previsto Veronica: rivoltare la frittata. Se non lo conosce lei dopo trent’anni, chi volete che lo conosca? Il dubbio che anche stavolta, rispondendo alle domande, mi si perdoni l’uso di questa parola forte, fosse in modalità menzogna è forte.

“Sono andato al compleanno di Noemi (a Piertopa ‘e Casoria) perchè sono amico del padre”. Riporto per intero perchè merita:

“Quel giorno mi telefona il pa­dre, un mio amico da tanti an­ni. E quando sa che in serata sarei stato a Napoli, per controllare lo stato di avan­zamento del progetto per il termovalorizzatore, insiste perché passi almeno un attimo al compleanno della figlia. So­lo due minuti, mi assicura. La casa è vicina all’aeroporto. Mi faresti un grande regalo. Non molla. Io non so dire di no. Era­vamo in anticipo di un’ora e ci sono andato. Nulla di strano, è accaduto altre volte per com­pleanni e matrimoni. Pensi che ho fatto le fotografie con tutti i partecipanti, i camerieri, persi­no i cuochi. Le pubblicherà Chi sul prossimo numero perché me le ha chieste quel diavolo di Signorini». D’accordo, pre­sidente, ma perché quella ragazza Noemi la chiama papi? «Ma è un scherzo, mi volevano dare del nonno, meglio mi chia­mino papi, non crede?”

Pinocchio, per molto meno, sfondò il vetro di una finestra. E’ stato sbugiardato dai Craxi al completo in merito all’autista di Casoria, eppure insiste.
Lapidario il commento di Madame Berlusconi all’episodio napoletano: “Magari fosse sua figlia”.

“So da chi è sobillata mia moglie”. Vediamo: Cacciari? Maria Latella la sua biografa ufficiale? Un maggiordomo, come nel caso di Lady Di, Brooke Logan?
Non è vero che avevo candidato le veline“. Ma come, sono loro stesse che lo dicono e si lamentano della trombata rimediata. Avevano addirittura già firmato dal notaio.
“Non sono veline, sono laureate”. Quindi, Maestà nano, posso candidarmi anch’io che sono laureata e mi prende lo stesso anche se ho la cellulite e quasi cinquant’anni?
“E che male c’è se so­no anche carine? Non possia­mo candidare tutte Rosy Bin­di… ” Il solito gran signore.

“Mia moglie dovrà chiedermi scusa e non so se basterà”. Uuuh, cosa viene dopo l’autodafé? Un bel rogo stile Inquisizione?
Non ci sono più dubbi, la vittima è lui, preda del maleficio della solita strega e gli itagliani si addormenteranno questa sera, girandosi e scorreggiando dall’altra parte, convinti che il povero Silvio non lo lasciano lavorare.

Ora però, ascoltato il campanone di Silvio, la vogliamo far suonare la campanella di Veronica? No perchè, giusto giusto, sento la mancanza del contraddittorio.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

“Sono brave e belle e la Carfagna… guardatela, se non fossi già sposato me la sposerei”. (Silvio Berlusconi, 31 gennaio 2007)

Eh, si. Se lo toccano dove è il suo debole…
Critica la moglie perchè va in piazza a lavare e sciorinare i panni sporchi e puzzolenti e lui che fa? Rilascia interviste di qua e di sui giornali (ai direttori in persona, degradati al rango di valletti raccoglitori della versione del Re), lasciando che premurose badanti riprendano le sue invettive ed il suo abituale chiagni e fotti in appositi servizietti del TG da dare in pasto ai telespettatori serali.
Inserisce la modalità turbominchia ed inanella una serie di invettive sulla vicenda del suo divorzio, sapendo che nessuno, per il momento, oserà andare ad ascoltare la campana di sua moglie. Nel senso di offrire anche a lei la prima serata ed una bella intervista completa invece di un lancio d’agenzia.
Il Vipero ha modo di rivoltarsi ben bene e di fare ciò che sa fare meglio, come ha giustamente previsto Veronica: rivoltare la frittata. Se non lo conosce lei dopo trent’anni, chi volete che lo conosca? Il dubbio che anche stavolta, rispondendo alle domande, mi si perdoni l’uso di questa parola forte, fosse in modalità menzogna è forte.

“Sono andato al compleanno di Noemi (a Piertopa ‘e Casoria) perchè sono amico del padre”. Riporto per intero perchè merita:

“Quel giorno mi telefona il pa­dre, un mio amico da tanti an­ni. E quando sa che in serata sarei stato a Napoli, per controllare lo stato di avan­zamento del progetto per il termovalorizzatore, insiste perché passi almeno un attimo al compleanno della figlia. So­lo due minuti, mi assicura. La casa è vicina all’aeroporto. Mi faresti un grande regalo. Non molla. Io non so dire di no. Era­vamo in anticipo di un’ora e ci sono andato. Nulla di strano, è accaduto altre volte per com­pleanni e matrimoni. Pensi che ho fatto le fotografie con tutti i partecipanti, i camerieri, persi­no i cuochi. Le pubblicherà Chi sul prossimo numero perché me le ha chieste quel diavolo di Signorini». D’accordo, pre­sidente, ma perché quella ragazza Noemi la chiama papi? «Ma è un scherzo, mi volevano dare del nonno, meglio mi chia­mino papi, non crede?”

Pinocchio, per molto meno, sfondò il vetro di una finestra. E’ stato sbugiardato dai Craxi al completo in merito all’autista di Casoria, eppure insiste.
Lapidario il commento di Madame Berlusconi all’episodio napoletano: “Magari fosse sua figlia”.

“So da chi è sobillata mia moglie”. Vediamo: Cacciari? Maria Latella la sua biografa ufficiale? Un maggiordomo, come nel caso di Lady Di, Brooke Logan?
Non è vero che avevo candidato le veline“. Ma come, sono loro stesse che lo dicono e si lamentano della trombata rimediata. Avevano addirittura già firmato dal notaio.
“Non sono veline, sono laureate”. Quindi, Maestà nano, posso candidarmi anch’io che sono laureata e mi prende lo stesso anche se ho la cellulite e quasi cinquant’anni?
“E che male c’è se so­no anche carine? Non possia­mo candidare tutte Rosy Bin­di… ” Il solito gran signore.

“Mia moglie dovrà chiedermi scusa e non so se basterà”. Uuuh, cosa viene dopo l’autodafé? Un bel rogo stile Inquisizione?
Non ci sono più dubbi, la vittima è lui, preda del maleficio della solita strega e gli itagliani si addormenteranno questa sera, girandosi e scorreggiando dall’altra parte, convinti che il povero Silvio non lo lasciano lavorare.

Ora però, ascoltato il campanone di Silvio, la vogliamo far suonare la campanella di Veronica? No perchè, giusto giusto, sento la mancanza del contraddittorio.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 82,088 hits

Categorie