You are currently browsing the category archive for the ‘media e comunicazione’ category.

Una ragazzina manca da casa da giorni e non si sa che fine abbia fatto ma questo è un giallo alla rovescia, un giallo il cui nastro sta scorrendo all’indietro, facendo percepire suoni sinistri ed inquietanti, come quei rock satanici che si dice siano nascosti nelle innocue canzonette.
L’unica cosa certa è che la ragazzina è sparita, non si trova. Non abbiamo ancora formalmente un delitto né un movente preciso perché manca la cosa più importante,  la vittima, il cadavere.

Ma è poi così importante avere un cadavere se questo è un giallo all’incontrario, dove si parte dalla pena di morte inflitta all’indiziato anzi, a tutta la categoria alla quale appartiene e, con il tasto premuto del rewind, scorrendo tutta la vicenda all’indietro, forse ad un certo punto troveremo il momento del delitto? Ma ci importa veramente di sapere come è andata se sappiamo già chi è stato?

Questo è un giallo all’incontrario perché tutti sapevano già chi erano i colpevoli prima ancora che fosse stato commesso il delitto. Qualche giorno fa, era appena scomparsa Yara, l’adolescente casa-scuola-palestra molto tranquilla di Brembate, provincia di Bergamo, e qualcuno dalle frequenze di Radio Padania aveva già scritto il finale del giallo. 
“I lavoratori extracomunitari sono senz’altro persone oneste, ma siccome il sospetto per il diverso è sempre un sospetto radicato, qualcuno di loro si faccia avanti per togliere questi retropensieri”. 
Non hanno pensato che, purtroppo, a fare del male ai bambini non sono più solo gli uomini neri delle favole ma uomini (e donne, a volte) di tutti i colori della tavolozza e di tutti i gradi di rispettabilità e sospettabilità. Senza contare che, in casi come questi, il colpevole è spesso molto vicino a casa, scuola o palestra, più vicino di quanto si immagini. Ti ha osservato a lungo, magari, prima di colpirti ma siccome la mancanza di sospetto per l’uguale è sempre un non sospetto radicato, nessuno soffre di questi retropensieri.
Ad ogni modo, se il cadavere non si trova,  i  media necrofili, deamicisiani e astuti si portano avanti con il lavoro e si cucinano il colpevole o presunto tale di un delitto che ancora formalmente non c’è. I media ci raccontano cosa vogliono che sia successo. Cosa sarebbe meglio che fosse successo per poter giustificare il nostro sempre più feroce razzismo. 
Così ci raccontano un brutto film, un film dell’orrore metropolitano di quelli che ci fanno più paura. “Loro vengono qui a rubarci il lavoro e a violentarci le donne”, scrivono le braccia rubate a Farmville su Facebook. E i media annuiscono: “E’ proprio così”. Raccontano di misteriosi furgoni bianchi che girano per le strade guidati da uomini che molestano le minorenni. 
Uomini che molestano le minorenni. Roba proprio solo da marocchini. Ci vorrebbe un bell’esercito per strada, magari gli squadroni della morte.
Combinazione, e si dirà che quelli della radio avevano visto giusto, come i precog della precrimine, c’è un extracomunitario indiziato di sequestro, omicidio ed occultamento di cadavere. Si, è vero, assieme a lui sono indiziati un paio di italiani ma questo, nel nostro giallo all’incontrario, è un dettaglio. Non perdiamo di vista il principale sospetto, anzi la categoria alla quale appartiene. Gli altri sospetti non contano. Non distraiamoci.
Ma è veramente andata così? 
Mentre scrivo pare che la posizione del marocchino indagato stia alleggerendosi fino ad una possibile scarcerazione per mancanza di prove.
Forse il nastro si è inceppato, bisogna riguardare il film dall’inizio. Da quando forse una ragazzina tranquilla  ha seguito  persone da lei ritenute innocue perché erano, ad esempio, persone che conosceva o aveva visto spesso negli ambienti che frequentava. Gente che non avrebbe avuto problemi a seguire perché di loro si fidava e che mai avrebbe creduto potessero farle del male. Magari dei coetanei o quasi.
Una sola preghiera. Vorrei sentire, chiunque sarà il colpevole finale, straniero, italiano o padano, comunque qualche parola forte contro una società che titilla il retropensiero pedofilo di tanti potenziali stupratori proponendo sui media adolescenti ancora bambine come prede sessuali ad ogni ora del giorno. Contro una società assetata di sangue che richiede la sua dose giornaliera di vittime femminili come un drogato all’ultimo stadio. Un paese dove il gettare le donne nei pozzi o nei fossi dopo averle usate sta diventando terribilmente frequente. 

Vorrei, una volta che fossero identificati i responsabili di un delitto che ancora non c’è, se per pura ipotesi fossero italiani, anzi padani, magari tranquilli borghesi e “bravi ragazzi di famiglia”, che nessuno passi dall’impiccalo più in alto al chiamarli semplicemente “balordi”. Che non venga a nessuno in mente di far diventare un atroce delitto, siccome è stato commesso dai nostri figli, una “bravata”.  Lo so che i media e i bravi cittadini padani non lo farebbero mai ma non fateci caso, è solo un mio retropensiero. 
Non è che Lui venga sempre  frainteso. Bisogna tradurlo correttamente con l’apposito dizionario.
“Lei la deve smettere di interrompere quando si tenta di dare una informazione corretta rispetto a un misfatto”.
(trad.) “Lei la deve smettere di interrompere quando si tenta di fare propaganda a mio favore”.
“Lei crede che la Rai sia sua mentre è pagata da tutti i contribuenti”. 
(trad.) “Lei crede che la Rai sia di tutti i contribuenti, invece è mia”. 

“Siete i soliti mistificatori ma è una tecnica che con me non funziona perché, se permette, di tv ne so io più di lei”. 
(trad.) “Siete i soliti mistificatori ma è una tecnica che con me non funziona perché, se permette, di tv ne ho io più di lei”. 
“In dieci giorni, attraverso il nostro dipartimento siamo intervenuti e abbiamo rimediato alla situazione attraverso la Protezione Civile evitando che i rifiuti producessero ancora cattivi odori. Abbiamo risolto il problema con l’accordo di tutti i sindaci di 18 comuni alla fine del nono giorno: la promessa è stata mantenuta”. 
(trad.) “In dieci giorni abbiamo piazzato duemilacinquecento Arbre Magique per evitare che i rifiuti producessero ancora cattivi odori ma non ha funzionato. Così abbiamo fatto credere di aver risolto il problema con l’accordo di tutti i sindaci di 18 comuni alla fine del nono giorno: la bugia è stata mantenuta”. 
“Siamo intervenuti con l’esercito e i rifiuti sono stati rimossi”. 
(trad.) “Siamo intervenuti con l’esercito e i rifiuti sono stati rimossi. Ma i bastardi sono ritornati”. 

Quello che si vede ormai in televisione è un premier dopato, pompato dagli steroidi mediatici senza i quali non vincerebbe più nulla.
Con i media che lo prendono sul serio e fanno diventare una riunione ad invito di adepti del culto del Gran Maestro pittato un’adunata oceanica formatasi spontaneamente, neanche fosse stata Piazza Venezia, è facile spaventare la gente e farle credere che il nano sia ancora quello di sempre. Il grande comunicatore e non il Colonnello Kurtz della mutua, pronto a sguinzagliare per l’ultima spiaggia della sua politica i messi della Libertà, (pagati da noi, suppongo) da mandare di casa in casa. Che si provino a suonarmi il campanello. Avete presente le fave e il Chianti?
Pronto a spammare le cassette della posta degli italiani con l’ennesimo catalogo Postalmarket delle sue  mirabolanti imprese farlocche. Venditore porta a porta ormai solo di sé stesso. La nemesi dell’aspirapolvere.

“Ho il 60%”, lasciano dire all’esaltato di fronte alle telecamere. Il 60% non si sa di che cosa ma sembra proprio che si riferisca al consenso. E’ fissato con il consenso, si sa. Con le badanti dietro le quinte che si toccano la tempia scuotendo il capo.
I sondaggi sono un’altra delle cose che Berlusconi ha contribuito a distruggere e a delegittimare per sempre.  Come l’attentato a Belpietro, non ci crede più nessuno. Come un Re Mida da cinepanettone, tutto ciò che tocca diventa barzelletta. 

Invece di commentare il comizio del Peronetto spetasciado con le risate preregistrate da sit-com anni settanta, che ci sarebbero state proprio a pennello, chi  ha montato il servizio su Berlusconi a Milano lo ha fatto in modo da lasciar credere ai babbei che lo ascoltavano che si trattasse del discorso di uno statista. Anzi, dell’unico statista possibile invece che del dittatorello in declino in procinto di ritirarsi nella sua Repubblica di Salotto, protetto da corpi scelti di lacchè, repubblichini delle banane e corpivendole motosiluranti.

Se Berlusconi riesce ancora ad essere sopravvalutato, purtroppo anche da tanti elettori, è sicuramente colpa dell’illusione televisiva per la quale un eversore piduista pluri-inquisito ed impunito nell’atto di diffamare pubblicamente la magistratura e quindi di commettere una mappata di reati ideologici, riesce a sembrare  una vittima.
Ditemi per quale recondito motivo dovremmo accettare i proclami eversivi ed antistato di Berlusconi  e invece indignarci per quelli di Ahmadinejad o Bin Laden (o chi ne fa le veci).

Quando insulta la magistratura, ovvero un’istituzione dello Stato e quindi, a casa mia, si pone contro di esso, basterebbe un “ma come si permette” per smontarlo, ma nessuno lo dice.
Basterebbe un “che cazzo sta dicendo” in sovraimpressione, ma non contateci. Deve ancora nascere il telegiornalista che si prenda la briga di gridare che l’imperatore è nudo. Nudo con le scarpe con il rialzo.
Non c’è nessuno che si assuma il combito di mostrare il piccoletto in tutta la sua ridicolaggine. Altro che le facce e le smorfie di Mussolini al balcone. Non lo fanno perchè sanno che sarebbe la sua fine e lui è ancora il loro padrone. Saranno i primi a pisciare sul suo cadavere, comunque, non dubitate.

La televisione è illusione, è prestigio ma basta starne lontani il più possibile per crearsi degli anticorpi sufficienti a riconoscerne gli inganni.
L’altra sera, chi è veramente informato dei fatti e non si fa infinocchiare dal chiagni e fotti del nanetto, non può che essere rimasto indignato dall’ennesima tirata eversiva contro i giudici. Quei giudici che, ad esempio in Calabria, ricevono in questi giorni, come gentile omaggio da parte della criminalità organizzata, dei bazooka a scopo intimidatorio, che ogni tanto trovano dei pacchi dono esplosivi. Gente che combatte veramente le mafie, non che lo millanta ma di cui la televisione non parla, occupata com’è ad ospitare le lamentazioni del principe inquisito.

Non si può certo pretendere che i fans del Peronetto, sintonizzati 24 ore al giorno sull’unica droga al mondo della quale viene consentito l’uso in quantità industriale si rendano conto della gravità di ciò che il loro eroe va dicendo. E’ una fauna pittoresca capace di ammettere che forse ha commesso dei reati ma pretende comunque che sia lasciato governare. Che prima governi, anche se è un incapace che ha già quasi fatto fallire le sue aziende in passato, che vada avanti magari sfasciando l’Italia e per altri vent’anni, poi casomai si processerà.
Avete notato, tra parentesi, che le più accanite sue fans sono le vecchie che lui  disprezza e che non toccherebbe neppure con il forcone? Quelle che gli ispirano la bestemmia verso il loro creatore? “E vecchie e laide lascerei altrui”.
Sarebbe carino promettergli la cancellazione di tutti i processi, anche di quelli a venire, a patto di doversele fare tutte e senza Viagra. Come in una delle sue barzellette sconce.

Un paio di anni fa, proprio d’autunno, vi fu il famoso episodio della cacciata di Vladimir Luxuria dal bagno delle donne parlamentari da parte di un paio di donne cazzute di destra, la compianta (nel senso che non sappiamo che fine abbia fatto la sua sfolgorante carriera politica) Elisabetta Gardini e la ministra ombra di sé stessa (dato che non ne sentiamo mai parlare), la ggiovane Giorgia Meloni.
Nel post di allora scrissi che in quel frangente si era capito chi fosse la vera signora della situazione e che Vladi signora lo nacque, modestamente.

Commentando la sua vittoria nel reality show dell’Isola dei Famosi, penso si sia ancora una volta intuita la sottile differenza che passa tra una figa e una Donna.
Quella che sbandierava con orgoglio il fatto di essere nata per puro caso con una fessura placcata in oro 18 carati rinfacciando all’altra di non essere altrettando naturalmente figadotata, gne gne gne, se ne torna dal fidanzato calciatore con le pive nel sacco. Siamo certi che sopravviverà.
Chissà perchè noi donne dobbiamo sempre farci riconoscere.

Intendiamoci, era scontato che Vladi Luxuria vincesse l’Isola e la cosa non ha il significato totalmente positivo che gli si attribuisce.

Faccio una dotta premessa. I reality show sono la filiazione spettacolare ed edulcorata degli atroci esperimenti praticati dagli psicologi sperimentali, tipo lo Stanford Prison Experiment di Zimbardo. Si mettono delle persone in condizioni estreme di coabitazione coatta e deprivazione per vedere di nascosto l’effetto che fa. Gli si offre l’opportunità di dare delle scariche elettriche (per finta ma loro non lo sanno) a delle comparse, come nell’Esperimento Milgram e ci si meraviglia se girano la manopola dei volt al massimo.
La cosa è studiata nei minimi dettagli anche se poi, durante l’esperimento, la reazione delle cavie è abbastanza spontanea. La fame, la rabbia, la tristezza o la gioia, l’aggressività sono sempre emozioni sinceramente vissute.

L’Isola, la Talpa, la Fattoria, il Grande Fratello, sono tutte varianti dell’esperimento, che è poi lo stesso che si fa con i topi da laboratorio, solo che i topi hanno il permesso di scannarsi a vicenda a morsi.
E’ un gioco di ruolo, assolutamente studiato a tavolino dove ogni anno viene premiato un archetipo di personaggio nel quale il pubblico tende ad identificarsi. Generalmente scelto tra i tradizionali perdenti, l’archetipo viene fatto trionfare, così da dare ai suoi simili dall’altra parte dello schermo l’illusione di un riscatto: l’orfana, la mamma nubile, il disoccupato, la coatta, l’ex soubrette che ha avuto tante disgrazie, l’omosessuale, la puttana redenta, il guarito miracoloso. Quest’anno hanno pensato che “il trans” potesse essere una scelta vincente.

E’ per questo motivo che mi pare esagerato pensare che la vittoria nel reality show da parte di Vladi Luxuria sia anche una vittoria del movimento GLBTQ. Per non parlare, come ho letto oggi non senza un certo imbarazzo per l’ eccesso di ingenuità, di una rivincita della sinistra radicale.
Per considerare questo l’inzio della fine di un secolare pregiudizio nei confronti delle persone GLBTQ dovremmo presupporre che il gioco non è taroccato, il televoto è autentico e gli italiani sono meno stronzamente omofobi di quanto si creda.
Purtroppo non è così. Vladi si è prestato ad un gioco e anche se sicuramente molte persone, guardandolo arrabattarsi sull’Isola, si sono rese conto che le persone GLBTQ non mordono, soffrono e respirano come gli altri e ci si può sinceramente affezionare a loro dimenticando il pregiudizio, la strada da percorrere è ancora lunga.

Non so se siete d’accordo con me ma in Italia non è importante se una persona transgender vince un reality show ma se riesce a vincere un concorso alle Poste per lavorare allo sportello e ad ottenere un impiego al front desk di un’azienda piuttosto che un posto da manicure in un salone da parrucchiere. Noi figamunite naturali facciamo ancora fatica a farci accettare nel mondo del lavoro. Per le persone transgender è addirittura impossibile.

I premi poi lasciano il tempo che trovano. Ad esempio i milanesi non vogliono dare l’Ambrogino d’Oro alla memoria di Enzo Biagi perchè sarebbe “troppo”? Se lo tengano. Anzi, penso sappiano anche dove possono metterselo.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Ma veramente qualcuno riesce ancora a credere all’autenticità del “messaggio-comparso-oggi-su-internet-su-siti-islamici” firmato Al Qaeda che regolarmente contrassegna momenti topici della cronaca geopolitica?

Se ricordate, i primi tempi, subito dopo l’11 settembre, Bin (Laden) e Al (Zawahiri) comparivano in carne ed ossa e il filmato aveva una parvenza di veridicità, a parte qualche clamorosa bufala come quella volta del Bin troppo grasso per essere veramente lui. E’ un mistero che l’unica presunta rivendicazione dell’attentato al WTC sia stata affidata ad un filmato così smaccatamente falso, anche se penso che tutto abbia un senso in quella vicenda.

Ora invece, sia Bin che Al non compaiono più pirsonalmente di pirsona ma solo in voce (mmmh) e non ci vengono nemmeno più fatti ascoltare direttamente ma vanno in sottofondo sulla loro immagine fissa.
Riguardo al contenuto del messaggio, dobbiamo fidarci del mezzobusto con carica a molla che ce lo racconta tra un Olindo e una Rosa, tra i fatti e i fattacci della giornata (quelli che gli passa il suo manovratore, ovviamente, non certo le NOTIZIE) e che ci dice che quella voce lì è proprio l’esponente di Al Qaeda che ci vuol fare ‘nu mazzo tanto. Sarà.

Gli esponenti di Al Qaeda stanno diventando sempre più fantasmatici. Non è un caso che i giornali che riferiscono dei loro proclami utilizzino ormai il termine apparizioni.
Visto che molti ritengono sia Bin che Al morti da un bel pezzo (Bin addirittura dal dicembre del 2001) è giusto usare un termine da oltretomba. Non dimentichiamo che Aldilà vuol dire anche soprannaturale e metafisico.
In fondo è lo stesso meccanismo dei presunti messaggi inviati a noi dalle divinità o dai loro messaggeri. Insomma, i proclami di Al Qaeda cominciano ad assomigliare ai messaggi delle apparizioni mariane.

Ad analizzarli semanticamente, i messaggi di Fatima non erano altro che proclami propagandistici anticomunisti belli e buoni affidati ad un testimonial di gran lusso. La Madonna che piange per la povera Russia nel 1917 e negli anni seguenti (ma non prima) non può essere un caso.
Il mito del terrificante terzo segreto sul quale non si osava posare gli occhi e che aveva sconvolto il papa che aveva osato aprirlo (come l’Arca dell’Alleanza dai poteri terribili) era soltanto un modo per terrorizzare, soggiogare i fedeli e quindi fare nient’altro che TERRORISMO.
Quando la sua carica propagandistica si esaurì per sopraggiunti limiti storici, il mistero fu svelato e un papa piuttosto egocentrico se lo ritagliò addosso per farsene un mito su misura.

Ad ogni modo, tornando ai proclami di Al Qaeda, se Al e Bin, come Rosencrantz e Guildenstern, sono morti, facciamoli diventare divinità che parlano tuonando dal cielo. L’effetto sarà uguale e forse amplificato. Tanto ci sarà sempre chi crederà alla Madonna che parla, al sole che rotea, ai rapimenti alieni e a quattro sfigati arabi che sono riusciti ad inculare le difese aeree degli Stati Uniti d’America.

Nell’ultimo pizzino consegnato ai media boccaloni per spettatori ancora più boccaloni, Al Zawahiri o chi per lui se la prende con Obama definendolo “servo negro” (oplà!) e minacciando i soliti sfracelli. E’ interessante notare che in arabo il termine usato è “servo di casa” mentre nella traduzione ad uso e consumo occidentale viene aggiunto il dispregiativo razziale.
A me pare molto sospetta questa traduzione che si addice più al pensiero di un fottutissimo nazista KKK dell’Illinois che ad un islamico.
Anche questo è parte del gioco, che è una variante impazzita del divide et impera. Seminare indizi ma rendere il quadro generale sempre più torbido. Far capire e non capire ma lasciare nel dubbio. Comunque ed in ogni caso, suggerire chi comanda e terrorizzare. Ho usato il termine pizzino non a caso.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sinceramente stupisce lo stupore stupefatto di Veltroni di fronte al blitz che ha consegnato la Commissione di Vigilanza Rai ad una “persona grata” al presdelcons. Cosa credeva? Che Villari, dopo aver assaggiato il profumo della poltrona, ottenuta per puro miracolo, si dimettesse subbito?
Non crederà mica che in Italia valgano robette sorpassate come l’onore e la disciplina di partito? Se volevano il centralismo democratico non dovevano ammazzare il PCI a sbadilate.
Non crederà mica, il candido Uolter, che l’elezione di questo senatore sia avvenuta per puro caso e non per piacere a Dio Silvio onnipotente al suono di “là ci darem la mano” e “vorrei e non vorrei, mi trema un poco il core.”

Il Divo Giulio diceva: “a pensar male si fa peccato ma ci si prende”. Cerchiamo di scacciare il terribile sospetto dalla testa ma non c’è niente da fare. Tornano alla mente immondi commerci a base di carne umana. Cosce, tette e culi un tanto al chilo per ingraziarsi qualcuno della parte avversa.
Non è questo il caso, ne siamo certi, per carità. Con Villari è stato qualcosa di puramente spirituale. Un amore a prima vista. Si sono piaciuti.
Però noi siamo malvagi, non ci facciamo sviare dalla solita excusatio non petita del nano che sicuramente vuol dire il contrario di ciò che afferma. Se lui dice che non c’entra nella silurata del candidato ufficiale PD a favore di quello ufficioso scelto da Berlusconi, lui c’entra, eccome.
E’ una formula matematica. Se qualcuno o qualcosa a Berlusconi piace, vuol dire che è funzionale ai suoi interessi.

Il masterplan è semplice, anche un bimbetto dell’asilo lo comprenderebbe.
La RAI per Berlusconi è un impiccio. Toglie pubblicità a Mediaset, ha rimasto qua e là delle spiacevoli incrostazioni non berlusconiane che rompono l’armonia del culto della personalità del piccolo dittatore, è un servizio pubblico quindi inutile nella logica del “perchè quella cosa non mi appartiene?” e comunque deve essere assoggettata al governo.

La commissione di vigilanza dovrebbe essere presieduta da una persona scelta dall’opposizione, fosse anche Belzebù in persona. Alla maggioranza di governo non dovrebbe importare una sega chi è o chi non è. Non sono fatti loro, punto e basta.
Invece, siccome la RAI deve rientrare nel piano di rinascita democratica di conquista totale del mezzo propagandistico televisivo ci vuole una persona nostra che non metta i bastoni tra le ruote.
La colpa è del PD che non ha fatto nulla per impedire il monopolio berlusconiano sull’informazione, anzi lo ha amorevolmente allevato a pappe e Plasmon e mo’ sono cazzi.

Lasciamo pure che i telespettatori della lupa che formano l’elettorato di destra si scandalizzino di Santoro, della Dandini e del TG3 con le giornaliste Morticie Addams che remano contro il meraviglioso governo delle brunette e delle soubrette e sognino una televisione come nemmeno Benito avrebbe osato sognare. Un grande, immenso TG4 a reti unificate che glorifichi il nano uno e trino.
Se qualcuno gliela consegnerà su un piatto d’argento sarà grazie alla stupidità del centrosinistra.
Vedi, si insulta Gasparri e poi si scopre che almeno una volta ci aveva preso.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

La notizia è da leccarsi non solo le dita ma anche i gomiti. In diretta da Villa Wanda per Odeon TV, Licio Gelli ci racconterà la storia d’Italia (opla’!) assieme ad altri illustri inquisiti in tanfo di mafia come Andreotti e Dell’Utri, in un programma intitolato, con sprezzo del ridicolo, “Venerabile Italia” (qui l’imperdibile video di presentazione) con tanto di logo massonico in sovraimpressione e “o sole mio” in sottofondo.
Da brividi. Come se affidassero “Il pranzo è servito” ad Hannibal Lecter.Se fosse inteso come un programma di satira sarebbe geniale ma temo si tratti, negli intenti degli autori e muratorini di Odeon TV, di una cosa seria, della quale vanno molto fieri. Chissà se c’entrano anche gli ontopsicologi, ai quali Berlusconi voleva appunto far revisionare la storia in TV con tanto di tagliando e bollino blu.
Dopo il grembiule ed il maestro unico, il grembiulino massonico e il Gran Maestro (unico).
Non diranno più che sono solo coincidenze.

Questi ultimi mesi hanno visto l’accumularsi di una serie di segnali preoccupanti, solo per chi ha a cuore la democrazia e conosce la storia degli ultimi cinquant’anni, s’intende. Per gli italiani che hanno affidato la manutenzione delle loro terga alla tessera P2 n° 1816 Berlusconi, e si affidano al metadone dell’informazione televisiva, sono solo fisime dei comunistacci.

Il programma elettorale del PDL recitava: “Tutela dell’ordine pubblico dagli attacchi alla legalità dei vari “disobbedienti” e aumento delle pene per i reati di violenza contro le forze dell’ordine.”(Programma del PDL, 2008)
Questo proclama, come ho fatto notare in un altro post, era molto simile al paragrafo sull’ordine pubblico del Programma della P2:

c) […] Cosi’ e’ evidente che le forze dell’ordine possono essere mobilitate per ripulire il paese dai teppisti ordinari e pseudo politici e dalle relative centrali direttive soltanto alla condizione che la Magistratura li processi e condanni rapidamente inviandoli in carceri ove scontino la pena senza fomentare nuove rivolte o condurre una vita comoda.
Sotto tale profilo, sembra necessario che alle forze di P.S. sia restituita la facolta’ di interrogatorio d’urgenza degli arrestati in presenza dei reati di eversione e tentata eversione dell’ordinamento, nonche’ di violenza e resistenza alle forze dell’ordine, di violazione della legge sull’ordine pubblico, di sequestro di persona, di rapina a mano armata e di violenza in generale.

In Aprile, le elezioni vedono la scomparsa dei partiti della sinistra e l’odontoleghista Calderoli ha un presentimento: “la sinistra ora scenderà in piazza“. Cossiga premonizza “Son dolori, può tornare il terrorismo”.

In queste ultime settimane, le proteste studentesche contro i provvedimenti del governo e la seconda centuria di Cossiga, quella del suono delle sirene e dell’odore del napalm. Di nuovo si paventa il ritorno del terrorismo.
Dopo i fatti di Piazza Navona il governo dice senza vergogna e contro l’evidenza, che non vi sono dubbi, sono stati i rossi a cominciare e dispiace vedere che vi sono quelli che cadono nel tranello dei filmati farlocchi per giungere alla conclusione che, siccome quello potrebbe essere un finto infiltrato, gli infiltrati non esistono.
Come se contasse di più una cantonata di Grillo piuttosto delle immagini o dei racconti dei protagonisti e soprattutto del fatto che si vuole creare tensione ad arte, dividere il movimento, prenderlo a mazzate come quello no global e, dulcis in fundo, criminalizzare e marginalizzare la sinistra.
Fin dalla notte dei tempi, ogni manifestazione di piazza prevede, oltre agli opposti schieramenti ed alle forze dell’ordine, infiltrati, agents provocateurs e affini. La piazza la si può manipolare a proprio piacimento. Chi vuol far credere il contrario è in malafede o soffre di ingenuità acuta oppure non ha mai visto un minuto dei filmati di Genova 2001.

Oggi Gelli rincara la dose:

“Se tornassero le Brigate Rosse come negli anni di piombo troverebbero in Italia un terreno fertile.
A chi gli chiedeva chi fossero i responsabili delle stragi nel Paese, Gelli ha replicato: «Le stragi sono frutto di una guerra tra bande, ci sono state e ci saranno sempre perché non c’è ordine: infatti sono arrivate dopo gli anni ’60. Se domani tornassero le Br – ha aggiunto l’ex Venerabile, concludendo – ci sarebbero ancora più stragi: il terreno è molto fertile perché le Br potrebbero trovare molti fiancheggiatori a causa della povertà che c’è nel Paese».

Sapute interpretare sono frasi agghiaccianti. E’ sempre il solito marciume fascio-atlantico-mafioso che da Gladio in giù ha sempre mestato contro la democrazia italiana, ha manipolato il terrorismo (comprese le BR, durante il delitto Moro e proprio tramite la P2) e, non dimentichiamolo, ha compiuto stragi ed assassinii, altro che guerra tra bande. La famosa banda di innocenti viaggiatori che appestava la stazione di Bologna? Puro delirio criminale.
La P2 era un’espressione di questo cancro, le cui metastasi in Sudamerica hanno compiuto nefandezze inenarrabili e oggi il suo anziano frontman fa addirittura opinione e ci racconta la storia in TV, senza che nessuno, in un paese di ignoranti storici, abbia nulla da ridire e soprattutto si vergogni. Si, l’opposizione bela, ma durerà poco. Non può bastare solo Di Pietro.

Gelli quindi, come se niente fosse e nonostante le condanne definitive per i seguenti reati: procacciamento di notizie contenenti segreti di Stato, calunnia nei confronti dei magistrati milanesi Colombo, Turone e Viola, dalla Cassazione per i tentativi di depistaggio delle indagini sulla strage alla stazione di Bologna e per bancarotta fraudolenta (per il fallimento del Banco Ambrosiano: 12 anni), ha presentato l’iniziativa di OdeonTV in una conferenza stampa dove, tra apologie da vecchio fascista e la bacchettata a Silvio perchè non è abbastanza autoritario, ha comunque detto una cosa che tutti noi pensiamo, senza essere Grandi Maestri e che come analisi politica è totalmente condivisibile.

“Se dovesse morire Berlusconi, cosa che non gli auguro perché la morte non si augura a nessuno, Forza Italia non potrebbe andare avanti perché non ha una struttura partitica”.

Chissà se Silvio ha gradito la venerabile gufata.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

E’ per caso scoppiata la pace in Palestina e hanno dimenticato di avvertirci? No, perchè, da quanto tempo non sentiamo più parlare del conflitto arabo-israeliano nei titoli del telegiornale?
Eppure a nessuno risulta che palestinesi ed israeliani si siano seduti attorno ad un tavolo ed abbiano finalmente firmato la tanto agognata pace. A quanto ci risulta non è stato creato alcuno stato palestinese che possa convivere accanto a quello israeliano come richiesto da innumerevoli risoluzioni delle Nazioni Unite. Temo perfino che continuino la violenza e le morti.
E allora? Accanto al muro che separa i due popoli, è stato forse innalzato un muro di omertà che travalica i confini del medioriente e si insinua nelle nostre menti, facendoci solo preoccupare del fatto che scarpette rosse non può andare in Israele se insiste a voler far santo Piododici il pavido (che è pure un andare a cercarsela, se vogliamo essere sinceri?)

Me lo domando, visto che i telegiornali preferiscono informarci sul fatto che lo spazio puzza di McDonalds, motivo in più per non desiderare di andarci, e che le V.I.P. (very important puttans) come la signora Beckham ed altre cortigiane extralusso si spalmano la cacca di usignolo e la pomata contro le emorroidi in faccia per non invecchiare. (Oh Signore, falle campare fino a centododici anni affinchè anche l’ultima ruga sulla terra si sia accomodata sulla loro pelle).

A noi deve interessare quella megera di Madonna che divorzia dal ganzo e le cazzate a raffica di questo governo, come la Lega che vuole togliere l’assistenza sanitaria gratuita ai clandestini (sottinteso: che crepino, così i loro parenti, spaventati dalla nota ospitalità del nord, rimarranno a casa loro). Possiamo berci tutti queste stronzate ma non dobbiamo rompere con la Palestina.
Ho cercato invano notizie recenti provenienti da quel pezzo di terra, anche facendomi largo tra i liquami fognari che rappresentano ormai il giornalismo contemporaneo, tranne poche eccezioni.

Eppure il 10 ottobre scorso i giornali seri, non le gazzette dei puttanieri, hanno riportato la notizia di gravi scontri tra arabi ed ebrei ad Akko (S. Giovanni d’Acri).
Scontri iniziati a causa di un arabo che ha pensato bene di transitare in auto per le strade di un quartiere ebraico il giorno di Yom Kippur, quando cioè non si dovrebbe mai guidare e Dio solo sa perchè il mondo non si ferma e la Terra non smette di girare.
L’arabo è stato bloccato da alcuni coloni inviperiti e sequestrato all’interno di una casa. Nel quartiere arabo si è sparsa la voce che la sua vita era in pericolo e gruppi di giovani altrettanto inviperiti si sono mossi per andare a mettere a ferro e fuoco il quartiere ebraico. Dal canto loro, i soliti gruppi di coloni fascisti ne hanno approfittato per bruciare alcune abitazioni arabe e così via, di faida in faida.

Akko, come spiega Uri Avnery in un articolo pubblicato su Gush Shalom, è oggi una città israeliana ma le sue origini arabe non la farebbero annoverare tra le città ebraiche. E’ una città mista, dove le tensioni possono esplodere in qualunque momento. Una città con periferie arabe sovraffollate costruite gomito a gomito con colonie di sionisti ultraortodossi che praticano volentieri il tiro all’arabo quando se ne offre loro l’occasione. Una gabbia troppo stretta dove i topi si scannano tra di loro. La prova, scrive ancora Avnery, di come uno stato unico dove convivano le due etnie sia matematicamente improponibile e che l’unica scelta percorribile sia “due popoli, due stati”.

Ho letto anche di altri coloni che vanno a sradicare gli ulivi dei vicini palestinesi. Un atto che racchiude molta più simbologia di quanta se ne possa immaginare e che rappresenta la contraddizione di voler occupare una terra della quale però non si rispettano i frutti. Un atto odioso che fanno bene a non divulgare tra un McSatellite doppio formaggio marcio e un colpo di reni delle ministre-genio, perchè ci farebbero pensare “ma quanto sono stronzi quei coloni”.

Eppure la pace è necessaria, come recita l’ultimo annuncio fatto pubblicare da Gush Shalom, che si riferisce alla situazione economica:

All our governments
Have assumed that
As long as the American
Support us,
We can ignore the whole world
And oppress the Palestinians.

But no Empire lasts forever
And the message is written
On the Walls of
Wall Street.

The only way of ensuring
The future of Israel:
To make peace with
The Palestinians,
To be accepted by the
Arab world –
And do it quickly,
While we can.

Tutti i nostri governi hanno dato per scontato che, fino a quando gli americani ci appoggeranno, possiamo ignorare il mondo intero e continuare ad opprimere i palestinesi.

Gli imperi non durano per sempre, però, e il messaggio è scritto sui muri di Wall Street.

L’unico modo di assicurare il futuro di Israele è fare la pace con i palestinesi, farsi accettare dal mondo arabo, e farlo in fretta, fin che siamo in tempo. (Gush Shalom, 10 ottobre 2008)


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

In fondo cosa chiedono mai coloro che non si sono convinti in questi sette anni della bontà e della credibilità della versione ufficiale dei fatti dell’11 settembre e continuano a fare domande su questioni di non poca importanza come, per citarne solo una, “perchè quel giorno tutte le agenzie governative americane hanno dormito e nessuno dei loro funzionari è stato licenziato con ignominia per questa gravissima negligenza?”
Chiedono solo che le loro perplessità vengano fugate con spiegazioni semplici ed oneste, tutto qui. Auspicano un’altra commissione governativa, non quella specie di “Commissione Warren 2 la Vendetta” che ha redatto un corposo quanto inutile Rapporto ufficiale. Lo ha ammesso anche il presidente della stessa Commissione, il quale ha dichiarato che è necessaria un’ulteriore indagine per stabilire tutta la verità su quella tragedia.

Se tutto fosse stato chiaro e lineare quel giorno, se per esempio avessimo assistito ad una battaglia aerea con dei caccia intercettori disperatamente all’inseguimento di almeno due dei quattro aerei dirottati; se non avessimo visto un Presidente degli Stati Uniti perdere minuti preziosi a cazzeggiare in una scuola elementare e rimanere vigliaccamente in volo sull’Air Force One fino a tarda sera invece di precipitarsi a prendere in mano l’emergenza; se non avessimo saputo che i membri del governo cominciarono a prendere i pastiglioni di “Cipro” un mese prima che scoppiasse la crisi dell’antrace; se non avessimo, infine, visto crollare quelle due torri in maniera perfettamente identica e non ci avessero detto che è stato solo a causa della fiammata degli aerei, non ci sarebbe bisogno di alcuna teoria della cospirazione.

I dubbi su Babbo Natale ti vengono quando i genitori continuano a dirti che il vecchio passa per il camino con tanto di sacco dei regali e tu non hai nemmeno il caminetto.
Così i dubbi sull’11 settembre nascono quando ti rendi conto che la spiegazione non regge ma vogliono che tu la creda per forza perchè è così, perchè non si discute.
Ormai possiamo tranquillamente affermarlo, sull’11 settembre non è permesso avere dubbi. E’ come mettere in discussione la verginità della Madonna. E’ un dogma che ha i suoi solerti difensori, alcuni volontari, altri a pagamento.

Io amo (in senso ironico) i debunkers ed i loro siti pizzaware.
Per loro, chiunque cominci a parlare di 11 settembre con un “ma perchè..” è un complottista. Cioè saltano subito alle conclusioni, il che dimostra il loro pregiudizio. Pubblicano libri che si intitolano “La cospirazione impossibile”. Non esistono cospirazioni impossibili ma tant’è, il titolo è un atto di fede.
Non esiste il complottismo, come lo chiamano loro, quella specie di odioso negazionismo della cristallina onestà di Bush e soci, esiste solo la richiesta di chiarezza. Parlare di complottismo e definirlo ripugnante significa non voler dare risposte ma difendere il dogma, farsi sacerdoti dell’unica verità rivelata, quella ufficiale.
C’è più religiosità di quanto si immagini, nell’11 settembre. La propaganda utilizza gli stessi strumenti che servono per la diffusione del dogma religioso, compresa la condanna dell’eresia. Non dispongono ancora dei roghi ma non mettiamo limiti alla provvidenza.
I difensori dell’ortodossia neocon assomigliano a quelli che nel medioevo ti strappavano gli occhi perchè non volevi credere che la terra era piatta e che nel Novecento ti spedivano in qualche campo di rieducazione per farti diventare una vera pedina del sistema.

Il caro vecchio Tommaso era uno che, poveretto, non si accontentava di credere ma voleva una prova. Era uno scienziato, in fondo. La scienza si nutre di dubbi, di messa in discussione di teorie che ieri sembravano intoccabili.
Se ci fate caso non è che viviamo un periodo di grandi progressi scientifici e la scienza viene vissuta come qualcosa di stregonesco, di confondibile con la ciarlataneria, che scatena paure irrazionali. Il motivo di questo clima antiscientifico è che viviamo un momento di involuzione culturale dove i regimi governano brandendo le armi della paura e della superstizione. Basti pensare al grande spauracchio, Osama Bin Laden. A nessuno viene il dubbio che il tizio sia morto, visto che non è più apparso in pubblico dal 2001?

Tutto ciò che necessita, per legittimarsi, di atti di fede (ad esempio il calore del carburante che polverizza due grattacieli di acciaio e cemento armato), per definizione non ha niente di logico o di scientifico, può solo essere accettato acriticamente. Eppure i debunkers a tempo pieno sono convinti che il loro ripetere meccanicamente la storiella sia sufficiente a spiegare tutto e si incazzano se ancora non sei convinto. Allora sei proprio scemo, stronzo di un complottista!
Ti fanno vedere un foro d’uscita perfettamente tondo nel Pentagono e tu devi credere che un Boeing ha trapassato come un missile diversi strati di cemento ultrafortificato, uscendo poi dall’altra parte (praticamente intatto?)

E’ come quando ti mostrano una reliquia rinsecchita in un’urna e ti dicono che è il Santo Prepuzio. Non è importante se quel lembo di pelle appartenga veramente a Lui, l’importante è credere che lo sia. E’ un atto di fede e come tale non si può mettere in discussione.
Alla faccia di Tommaso.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Secondo i dati ufficiali, i reati sono diminuiti in Italia, in un anno, del 10%, dai 1.485.080 del primo semestre 2007 ai 1.379.258 dello stesso periodo del 2008.
La diminuzione della criminalità è un dato costante negli ultimi due anni e ne viene dato il merito anche ai “patti per la sicurezza” voluti durante il governo di centrosinistra, ministro degli Interni Amato.
In realtà, se andiamo a spulciare le cifre, se è vero che diminuiscono le notizie di reato per lesioni dolose, furti, estorsioni e truffe informatiche pur tuttavia rimangono sostanzialmente stabili i furti d’auto, le rapine nei negozi e in banca, i reati d’usura, le associazioni per delinquere, gli stupri e la prostituzione. Un lieve calo anche nei reati legati agli stupefacenti ma non certamente tale da giustificare canti di vittoria nella lotta alla droga.

E’ per questo motivo che non si dà la dovuta evidenza a questa notizia, che è comunque positiva, su giornali e soprattutto telegiornali, i più pericolosi propagandisticamente parlando, perchè vengono fruiti quando il sangue lascia il cervello per accorrere alle viscere impegnate a digerire lo spaghetto alla carbonara?

Ho sentito dire che anche Bobo Maroni, nell’ultima conferenza sulla sicurezza tenuta al Viminale, non avrebbe enfatizzato più di tanto i dati sul calo della criminalità, preferendo lodare l’azione dell’esercito nelle strade con i ben 37 arresti effettuati dai militari negli ultimi giorni e quella dei sindaci sceriffi e supereroi. Tutti provvedimenti troppo recenti per giustificare il calo su base annua.

Ricordiamo tutti che prima del ritorno del Nostro, era tutto un volteggiar di rumeni come draculiani pipistrelli sopra la nostra incolumità di onesti cittadini. Tutti impegnati in rapine, violenze e stupri, raccontati con compiaciuto raccapriccio e profusione di dettagli dai gazzettieri della nera.
I facciaferoce della destra in odor di elezioni promettevano che con loro al governo per questi bastardi sarebbe stata la fine. Tolleranza zero. La gente li ha votati e Roma ha un sindaco con tanto di croce celtica al collo. Veramente da paura.

Quindi, se la destra governa con il pugno di ferro da Petrus Boonekamp e diminuiscono i reati, sarebbe cosa buona e giusta darne notizia ai cittadini, per tranquillizzarli.
E invece no. Stranamente, se da un lato notiamo la sparizione completa dei rom dalle cronache serali, come se fossero stati tutti rapiti dagli alieni e ufotrasportati oltre Alpha Centauri, per non parlare di mafiosi e camorristi d’alto livello (a parte qualche regolamento di conti che ancora buca lo schermo), i rumeni continuano ad ossessionarci e a farci borbottare tra i denti propositi razzisti di vendetta. Magari un bel funghetto atomico sopra Bucarest o l’uso sistematico del trinciapollo per scongiurare ulteriori violenze carnali.
La dose di ansiogenico ci viene regolarmente somministrata ai pasti principali, come se avessimo ancora un governo di centrosinistra.
Segno che dobbiamo continuare ad avere paura, come da bambini con l’Uomo Nero. Con la storia dell’Uomo Nero i genitori ci tenevano per le palle. Con l’opinione pubblica da una parte e il potere dall’altra è lo stesso.
Funziona così anche negli Stati Uniti, come ce l’ha ben raccontato Michael Moore. Là è la criminalità dei neri ad essere enfatizzata ed usata per mantenere sempre viva una miscela esplosiva di insicurezza, paura e razzismo in un popolo che il potere vuole composto di paranoici borderline.

Dato che tutto il mondo è diventato paese, coloro che devono continuare a farci paura in senso globale sono i terroristi in genere e quelli islamici in particolare, la fantomatica Al Qaeda (“non si sa chi sia stato, ma si pensa ad Al Qaeda”) e, per quanto riguarda l’Italia, a livello di bassa criminalità e per una sorta di localizzazione dello spauracchio, i rumeni.
Mentre però i terroristi islamici agiscono per la maggior parte nella mente dei progettisti della “guerra al terrorismo”, i rumeni delinquono veramente, per la gioia delle cronache nere e di chi ha interesse ad alimentare l’insicurezza e la paura. Il rumeno delinquente è diventato una costante che serve per mantenere alta la tensione.

L’ultimo delitto, particolarmente odioso, a Roma in periferia ai danni di una coppia di turisti olandesi, aggrediti e seviziati da un trio di pastori clandestini e rumeni.
Qui però succede una cosa strana. Grande rilievo sulla stampa, come si addice all’ennesima efferatezza transilvanica ma il sindaco dal cognome teutonico e la celtica al collo che fa? E’ costretto a spiegare il perchè di questo episodio efferato in una città finalmente sicura dopo le mollezze ed il “lassa fa’ ” veltroniani e allora dice, in soldoni, che la colpa è stata dei turisti, che non dovevano stare là, che non dovevano accamparsi in una zona isolata, quindi pericolosa.
Ciò che assomiglia tanto ad un imbarazzante “cazzi loro”.

Veda, io penso che anche la povera signora Reggiani forse non avrebbe dovuto avventurarsi da sola la sera in quella stazione ma non mi sognerei certo di dire che la violenza se l’è cercata, perchè sarebbe una cosa brutta e parecchio stronza da dire.
Ricordiamo benissimo per altro che allora lo stesso Alemanno, con Fini e tutto il cucuzzaro, disse che l’episodio di Tor di Quinto era stata colpa del degrado di una città governata dai mollaccioni di centrosinistra, chiedendo dimissioni a destra e a manca e via speculando.

Quando agiva il mostro di Firenze nella campagna toscana, si affiggevano manifesti con scritto “Occhio, ragazzi!” e si invitavano i giovani ad evitare le camporelle appartate. Nessuno però, tantomeno il sindaco di Firenze, si sognò mai di dire che una qualsiasi di quelle coppie massacrate in fondo se l’era cercata. Ma forse erano altri tempi e altri sindaci.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 81,696 hits

Categorie