You are currently browsing the category archive for the ‘montagna’ category.

Con questo post vorrei solo far sapere quanto sia bello avere un cane. Sarà inevitabilmente autoreferenziale, visto che si parla della cucciola che da un anno è entrata nella mia vita e in quella del mio compagno; Lilli, una meticcia di rara bellezza, di mamma labrador e padre ignoto ma, si sospetta, pastore tedesco. Quando ci è stata regalata aveva quattro mesi e ne abbiamo seguito la crescita  non facendole mancare le visite regolari dal veterinario, le vaccinazioni, la microchippatura e la sterilizzazione. Ce la siamo cavata nonostante non avessimo avuto, nessuno dei due, esperienza con dei cani.
Si parla dell’intelligenza dei cani e di come a volte, per alcuni, sia solo questione di mancanza di parola. Non è un luogo comune. Credo di essermi fatta un’idea del tipo di comunicazione che si instaura tra il cane e l’adulto o gli adulti sui quali viene imprintato. Non c’è bisogno di parlare, o meglio, ci si può parlare ma la comunicazione è di altro tipo; lei sa cosa voglio ed io so cosa vuole lei. E’ difficile da spiegare, lo si può capire solo facendo l’esperienza di avere un cane. Forse è una comunicazione che agisce attraverso gli odori o altri canali diversi da quelli utilizzati normalmente tra umani. Ecco, assomiglia alla relazione tra due persone che non hanno bisogno di parlare per capirsi. Una straordinaria simbiosi, un’amicizia. che ti cambia completamente la vita.
Lilli, come tutte le bestie particolarmente intelligenti, ha una sua personalità e, dopo un anno che la conosco, ne riesco ad individuare alcuni tratti caratteristici. E’ straordinariamente docile ed affettuosa, forse fin troppo fiduciosa delle buone intenzioni di coloro che le si avvicinano, e questa è sicuramente la sua componente Labrador. Apprende in maniera straordinariamente rapida e lo fa senza bisogno di sgridate. I sospetti sulla paternità cane lupo si rafforzano.
Con un buon addestramento potrebbe fare qualunque cosa, dal cane da tartufi, all’accompagnatore per i non vedenti, al cane da soccorso, vista la sua passione per scavare. 
Quest’anno l’abbiamo portata in vacanza con noi in Trentino e devo dire che non ci ha creato il minimo problema. In macchina si accuccia sul suo telo e dorme. Durante le soste si sgranchisce le zampe, gradisce una bevutina d’acqua, poi si rimette tranquilla a dormire fino a destinazione, magari con il musetto appoggiato alla mia mano. Per fortuna nella maggior parte dei locali dove siamo andati a mangiare, premesso che sceglievamo  posti all’aperto, l’hanno accettata e lei ha subito imparato a sedersi buona buona ad aspettare che gli umani finiscano di abbuffarsi. Adora la pizza, per cui qualche boccone di pasta del bordo le spetta di diritto.
Altre cose che le piacciono sono la mela, le caldarroste, leccare il vasetto dello yogurt quando finiamo di mangiarlo e soprattutto il pane e le fette biscottate. 
Ovunque andiamo tutti sembrano pazzi per lei. E’ una cagnetta da acchiappo fenomenale. Non solo di altri cinofili, accompagnati o meno dalle loro bestie, ma di bambini, adulti, anziani, signore e giovanotti. “Posso accarezzarla?” “Quanto è bella, che musetto!”
Una vacanza con cane appresso è dunque possibile, soprattutto se l’animale dimostra grande capacità di adattamento e lo si tratta come qualunque essere che ha bisogno di spazio, cibo, riposo, movimento e svago. Per non parlare dell’amore.  Non c’è alcun bisogno di abbandonarli, mi raccomando.
La montagna ha i suoi lati positivi. Per esempio questa patata cotta nella stufa e condita con un mezz’etto di colesterolo e prezzemolo, gustata sul Monte Baranci a San Candido, in Val Pusteria. Di una bontà unica, una divinità patatesca che vale sicuramente la gita fin quasi al confine austriaco. Lì la montagna è stupenda. Pura dolomite. Le Tre Cime sono lì da qualche parte, assieme a laghi da sogno e paesaggi che alla sera si tingono di un rosa intenso. Unico nell’universo.

Dopo che hai visto quelle montagne, le altre, quelle più basse, normali e di un monotono colore verde dove, come ti volti, vedi solo mele, mele e ancora mele, sono, diciamolo, un pò tristi.
E’ in queste ultime che sto passando le mie vacanze, al confine tra due parchi naturali: Adamello e Stelvio. Bel tempo finora per fortuna ma oggi tanto ha fatto che la pisciata gli è scappata con un bel cielo imbronciato da fracassamento di maroni.

Se gli anni precedenti ho dato il mio contributo alla sciocca usanza dei vacanzieri di montagna di inerpicarsi per sentieri ripidi e sassosi, con zaini pesantissimi sulla schiena, per non farmi mancare nulla nel campo della illusione salutistico-sportiva del “moto”, quest’anno niente.
Quest’anno, complice una preoccupante stanchezza arretrata che mi fa sentire come ciucciata da una schiera di vampiri, (di quelli veri, che ti spolpano davvero, non quelli mona di Twilight), riposo assoluto. Riposo ed eventualmente qualche piatto locale. Alla faccia di diete, dietologi e dietiste. Fanculo tutti.
Riposo come deve essere una vera vacanza, altro che vacanza da vecchi, come qualcuno starà pensando. Come ad esempio un pomeriggio passato in riva ad un torrente leggendo un libro e la riscoperta del poter dormire fino alle otto del mattino.
Del resto non avrei avuto la forza di fare altro. Ma ci si può ridurre così?

Non c’è cosa peggiore che tornare a casa il 3 di agosto, provenienti dalle chiare e fresche acque di un torrente di montagna ed essere accolti da una città dalla temperatura da forno crematorio en plein air, con un sole che ti fa pesare fino in fondo la propria natura di reattore nucleare.
In un attimo ti si annulla completamente il beneficio della vacanza, come quei giochi malefici dove vai su di qualche stadio e poi, a causa di uno che non riesci a completare, devi ricominciare daccapo tutto il livello.

Sono stata in vacanza? Davvero? Perchè hai voglia di ripensare a quelle acque, alla frescura che ne proveniva e che hai goduto appena ieri sera; qui fa un caldo schifoso, da vomito e da domani questa sarà la tua realtà, con il lavoro che ti assalirà di nuovo ben bene con il tono del sergente Hartmann “Tirati su, tirati su, Palladilardo!!”
Il riferimento non è casuale. In questi giorni i carboidrati l’hanno fatta da padroni. Colpa di un forno montanaro dove ho ritrovato per miracolo la focaccia genovese, quella bella unta.

Nel post prima della partenza avevo fatto un riferimento profetico al pericolo di pioggia ed alla conseguente rottura di marron glacés che ne sarebbe derivata. Ebbene si, ha piovuto, praticamente ogni giorno ma in maniera, per così dire, compassionevole. La mattina tempo bello, tale da permetterti la passeggiata, poi verso le due si rannuvolava e prima di sera faceva un bell’acquazzone. Dicono sia la norma in montagna. Quindi se ne evince che negli anni passati, a parte gli ultimi due, avevo avuto un culo esagerato avendo trovato tempo sempre bello e senz’acqua quotidiana.

A parte la pioggia, però, e che non suoni blasfemo per chi non ha potuto godere di una fortunata vacanza come la mia, la montagna mi è parsa lo stesso quest’anno una discreta rottura di palle. Sarà che ogni anno è sempre più difficile arrampicarmi per sentieri, con la guida che scrive con scherno “percorso facile, adatto a tutti, anche ai bambini” ed tu che ti sentt da rottamare e nemmeno come auto storica; sarà il fatto che nei rifugi ti toccano sempre la polenta, i finferli, lo speck, gli orrendi crauti e quei dadi di cervo stufato che ti auguri siano davvero cervo stufato e non escursionista dell’anno scorso, disperso a quota 3800, naturalmente surgelato.
E’ difficile anche trovare percorsi nuovi che non siano già stati battuti in passato. Per quest’anno, non cambiare, stessa seggiovia, stessa montagna.
Meno male che di nuovo ho potuto vedere il Pordoi e la Val Gardena, bellissimi (e con il sole, tiè!)

Prima di rimettermi al lavoro nel corpo dei marines e di tornare a pieno ritmo alla manutenzione di un blog che è rimasto indietro di una settimana (a proposito, grazie a tutti coloro che hanno lasciato gli auguri di buone vacanze e che hanno cliccato lo stesso la paperaccia), la sottoscritta vi lascia con una mini recensione del film visto in ferie nel cinemino-treatrino locale, senza l’amato impianto Dolby Surround al quale purtroppo si è abituata nelle patrie multisale ma con l’audio sparato a spaccatimpani come ai vecchi tempi.

L’ultimo Indiana Jones si intonava molto bene con gli scarponi da trekking e con il clima da sala parrocchiale. Che dire, sono quei film che ti danno la sensazione che siano stati girati inserendo il regista automatico e che alla fine ti strappano un agghiacciante “bellino, va’!”
Buona l’introduzione del personaggio, con l’inconfondibile cappello e l’ombra proiettata sull’auto ma purtroppo l’effetto originalità dura poco perchè ti cadono i marrons glacés quando capisci che la mitica e ultramegasegreta Area 51 può essere presa, in pieni anni cinquanta, da quattro russi da fumetto più Cate Blanchett, con quattro pistolettate e un paio di barbe finte.

Dev’essere il nuovo corso dell’amministrazione americana, quello per intenderci che l’11 settembre la CIA, il NORAD, l’FBI, il servizio della Marina e tutto il cucuzzaro non c’erano e se c’erano dormivano. In pratica è meglio custodito un qualunque LIDL, dove ci sono certi buttafuori che, appena entri con qualche sporta, ti squadrano subito etichettandoti come ladra in pectore.

Tornando al film, cosa ci poteva essere da rapinare nell’Area 51? Il reperto di Roswell, ovviamente, il solito alieno grigio del cavolo. Anche l’Arca dell’alleanza, mi suggerisce qualcuno abile nell’aguzzare la vista. Nel prosieguo dell’avventura, come in un puntatone di Voyager, c’era tutta la mitologia dell’archeologia spaziale, dalle piste di Nazca ai teschi di cristallo. Mancava solo l’uomo spaziale di Palenque e l’esplosione di Tunguska.
Kolosimo Jones, insomma. Una pacchia per noi quasi cinquantenni venuti su a pane ed UFO ma cosa ci avranno capito i ragazzini che dieci anni fa erano troppo piccoli per Mulder e Scully?
Harrison, poveretto, fa fin troppo, data l’età. Però non perdono assolutamente a Spielberg il disco volante che alla fine se ne riparte venendo su da sottoterra (visto già in almeno quarantasette film compreso il primo lungometraggio di X-Files) e il matrimonio riparatore finale dell’eroe con la ex-bella del primo episodio. Capisco voler uccidere definitivamente il personaggio ma così è troppo, roba da tribunale dell’Aja. Vuoi mettere uno che inforca il cappellaccio e se ne riparte con un Rhettbutleriano “francamente me ne infischio” di mogli e figli “de Elvis” spaccamaroni, andando magari a riprendersi la Cate nella jungla per una sveltina stile “dove eravamo rimasti?”
Ma si, avete ragione, non ha più l’età, meglio l’altare. Che tristezza, però. Viene in mente quella vecchia barzelletta: “A Marì, il prossimo anno annamo ar mare!”


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Non c’è cosa peggiore che tornare a casa il 3 di agosto, provenienti dalle chiare e fresche acque di un torrente di montagna ed essere accolti da una città dalla temperatura da forno crematorio en plein air, con un sole che ti fa pesare fino in fondo la propria natura di reattore nucleare.
In un attimo ti si annulla completamente il beneficio della vacanza, come quei giochi malefici dove vai su di qualche stadio e poi, a causa di uno che non riesci a completare, devi ricominciare daccapo tutto il livello.

Sono stata in vacanza? Davvero? Perchè hai voglia di ripensare a quelle acque, alla frescura che ne proveniva e che hai goduto appena ieri sera; qui fa un caldo schifoso, da vomito e da domani questa sarà la tua realtà, con il lavoro che ti assalirà di nuovo ben bene con il tono del sergente Hartmann “Tirati su, tirati su, Palladilardo!!”
Il riferimento non è casuale. In questi giorni i carboidrati l’hanno fatta da padroni. Colpa di un forno montanaro dove ho ritrovato per miracolo la focaccia genovese, quella bella unta.

http://www.youtube.com/v/_Dy0ano5A-U&hl=it&fs=1

Nel post prima della partenza avevo fatto un riferimento profetico al pericolo di pioggia ed alla conseguente rottura di marron glacés che ne sarebbe derivata. Ebbene si, ha piovuto, praticamente ogni giorno ma in maniera, per così dire, compassionevole. La mattina tempo bello, tale da permetterti la passeggiata, poi verso le due si rannuvolava e prima di sera faceva un bell’acquazzone. Dicono sia la norma in montagna. Quindi se ne evince che negli anni passati, a parte gli ultimi due, avevo avuto un culo esagerato avendo trovato tempo sempre bello e senz’acqua quotidiana.

A parte la pioggia, però, e che non suoni blasfemo per chi non ha potuto godere di una fortunata vacanza come la mia, la montagna mi è parsa lo stesso quest’anno una discreta rottura di palle. Sarà che ogni anno è sempre più difficile arrampicarmi per sentieri, con la guida che scrive con scherno “percorso facile, adatto a tutti, anche ai bambini” ed tu che ti sentt da rottamare e nemmeno come auto storica; sarà il fatto che nei rifugi ti toccano sempre la polenta, i finferli, lo speck, gli orrendi crauti e quei dadi di cervo stufato che ti auguri siano davvero cervo stufato e non escursionista dell’anno scorso, disperso a quota 3800, naturalmente surgelato.
E’ difficile anche trovare percorsi nuovi che non siano già stati battuti in passato. Per quest’anno, non cambiare, stessa seggiovia, stessa montagna.
Meno male che di nuovo ho potuto vedere il Pordoi e la Val Gardena, bellissimi (e con il sole, tiè!)

Prima di rimettermi al lavoro nel corpo dei marines e di tornare a pieno ritmo alla manutenzione di un blog che è rimasto indietro di una settimana (a proposito, grazie a tutti coloro che hanno lasciato gli auguri di buone vacanze e che hanno cliccato lo stesso la paperaccia), la sottoscritta vi lascia con una mini recensione del film visto in ferie nel cinemino-treatrino locale, senza l’amato impianto Dolby Surround al quale purtroppo si è abituata nelle patrie multisale ma con l’audio sparato a spaccatimpani come ai vecchi tempi.

L’ultimo Indiana Jones si intonava molto bene con gli scarponi da trekking e con il clima da sala parrocchiale. Che dire, sono quei film che ti danno la sensazione che siano stati girati inserendo il regista automatico e che alla fine ti strappano un agghiacciante “bellino, va’!”
Buona l’introduzione del personaggio, con l’inconfondibile cappello e l’ombra proiettata sull’auto ma purtroppo l’effetto originalità dura poco perchè ti cadono i marrons glacés quando capisci che la mitica e ultramegasegreta Area 51 può essere presa, in pieni anni cinquanta, da quattro russi da fumetto più Cate Blanchett, con quattro pistolettate e un paio di barbe finte.

Dev’essere il nuovo corso dell’amministrazione americana, quello per intenderci che l’11 settembre la CIA, il NORAD, l’FBI, il servizio della Marina e tutto il cucuzzaro non c’erano e se c’erano dormivano. In pratica è meglio custodito un qualunque LIDL, dove ci sono certi buttafuori che, appena entri con qualche sporta, ti squadrano subito etichettandoti come ladra in pectore.

Tornando al film, cosa ci poteva essere da rapinare nell’Area 51? Il reperto di Roswell, ovviamente, il solito alieno grigio del cavolo. Anche l’Arca dell’alleanza, mi suggerisce qualcuno abile nell’aguzzare la vista. Nel prosieguo dell’avventura, come in un puntatone di Voyager, c’era tutta la mitologia dell’archeologia spaziale, dalle piste di Nazca ai teschi di cristallo. Mancava solo l’uomo spaziale di Palenque e l’esplosione di Tunguska.
Kolosimo Jones, insomma. Una pacchia per noi quasi cinquantenni venuti su a pane ed UFO ma cosa ci avranno capito i ragazzini che dieci anni fa erano troppo piccoli per Mulder e Scully?
Harrison, poveretto, fa fin troppo, data l’età. Però non perdono assolutamente a Spielberg il disco volante che alla fine se ne riparte venendo su da sottoterra (visto già in almeno quarantasette film compreso il primo lungometraggio di X-Files) e il matrimonio riparatore finale dell’eroe con la ex-bella del primo episodio. Capisco voler uccidere definitivamente il personaggio ma così è troppo, roba da tribunale dell’Aja. Vuoi mettere uno che inforca il cappellaccio e se ne riparte con un Rhettbutleriano “francamente me ne infischio” di mogli e figli “de Elvis” spaccamaroni, andando magari a riprendersi la Cate nella jungla per una sveltina stile “dove eravamo rimasti?”
Ma si, avete ragione, non ha più l’età, meglio l’altare. Che tristezza, però. Viene in mente quella vecchia barzelletta: “A Marì, il prossimo anno annamo ar mare!”


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Non c’è cosa peggiore che tornare a casa il 3 di agosto, provenienti dalle chiare e fresche acque di un torrente di montagna ed essere accolti da una città dalla temperatura da forno crematorio en plein air, con un sole che ti fa pesare fino in fondo la propria natura di reattore nucleare.
In un attimo ti si annulla completamente il beneficio della vacanza, come quei giochi malefici dove vai su di qualche stadio e poi, a causa di uno che non riesci a completare, devi ricominciare daccapo tutto il livello.

Sono stata in vacanza? Davvero? Perchè hai voglia di ripensare a quelle acque, alla frescura che ne proveniva e che hai goduto appena ieri sera; qui fa un caldo schifoso, da vomito e da domani questa sarà la tua realtà, con il lavoro che ti assalirà di nuovo ben bene con il tono del sergente Hartmann “Tirati su, tirati su, Palladilardo!!”
Il riferimento non è casuale. In questi giorni i carboidrati l’hanno fatta da padroni. Colpa di un forno montanaro dove ho ritrovato per miracolo la focaccia genovese, quella bella unta.

Nel post prima della partenza avevo fatto un riferimento profetico al pericolo di pioggia ed alla conseguente rottura di marron glacés che ne sarebbe derivata. Ebbene si, ha piovuto, praticamente ogni giorno ma in maniera, per così dire, compassionevole. La mattina tempo bello, tale da permetterti la passeggiata, poi verso le due si rannuvolava e prima di sera faceva un bell’acquazzone. Dicono sia la norma in montagna. Quindi se ne evince che negli anni passati, a parte gli ultimi due, avevo avuto un culo esagerato avendo trovato tempo sempre bello e senz’acqua quotidiana.

A parte la pioggia, però, e che non suoni blasfemo per chi non ha potuto godere di una fortunata vacanza come la mia, la montagna mi è parsa lo stesso quest’anno una discreta rottura di palle. Sarà che ogni anno è sempre più difficile arrampicarmi per sentieri, con la guida che scrive con scherno “percorso facile, adatto a tutti, anche ai bambini” ed tu che ti sentt da rottamare e nemmeno come auto storica; sarà il fatto che nei rifugi ti toccano sempre la polenta, i finferli, lo speck, gli orrendi crauti e quei dadi di cervo stufato che ti auguri siano davvero cervo stufato e non escursionista dell’anno scorso, disperso a quota 3800, naturalmente surgelato.
E’ difficile anche trovare percorsi nuovi che non siano già stati battuti in passato. Per quest’anno, non cambiare, stessa seggiovia, stessa montagna.
Meno male che di nuovo ho potuto vedere il Pordoi e la Val Gardena, bellissimi (e con il sole, tiè!)

Prima di rimettermi al lavoro nel corpo dei marines e di tornare a pieno ritmo alla manutenzione di un blog che è rimasto indietro di una settimana (a proposito, grazie a tutti coloro che hanno lasciato gli auguri di buone vacanze e che hanno cliccato lo stesso la paperaccia), la sottoscritta vi lascia con una mini recensione del film visto in ferie nel cinemino-treatrino locale, senza l’amato impianto Dolby Surround al quale purtroppo si è abituata nelle patrie multisale ma con l’audio sparato a spaccatimpani come ai vecchi tempi.

L’ultimo Indiana Jones si intonava molto bene con gli scarponi da trekking e con il clima da sala parrocchiale. Che dire, sono quei film che ti danno la sensazione che siano stati girati inserendo il regista automatico e che alla fine ti strappano un agghiacciante “bellino, va’!”
Buona l’introduzione del personaggio, con l’inconfondibile cappello e l’ombra proiettata sull’auto ma purtroppo l’effetto originalità dura poco perchè ti cadono i marrons glacés quando capisci che la mitica e ultramegasegreta Area 51 può essere presa, in pieni anni cinquanta, da quattro russi da fumetto più Cate Blanchett, con quattro pistolettate e un paio di barbe finte.

Dev’essere il nuovo corso dell’amministrazione americana, quello per intenderci che l’11 settembre la CIA, il NORAD, l’FBI, il servizio della Marina e tutto il cucuzzaro non c’erano e se c’erano dormivano. In pratica è meglio custodito un qualunque LIDL, dove ci sono certi buttafuori che, appena entri con qualche sporta, ti squadrano subito etichettandoti come ladra in pectore.

Tornando al film, cosa ci poteva essere da rapinare nell’Area 51? Il reperto di Roswell, ovviamente, il solito alieno grigio del cavolo. Anche l’Arca dell’alleanza, mi suggerisce qualcuno abile nell’aguzzare la vista. Nel prosieguo dell’avventura, come in un puntatone di Voyager, c’era tutta la mitologia dell’archeologia spaziale, dalle piste di Nazca ai teschi di cristallo. Mancava solo l’uomo spaziale di Palenque e l’esplosione di Tunguska.
Kolosimo Jones, insomma. Una pacchia per noi quasi cinquantenni venuti su a pane ed UFO ma cosa ci avranno capito i ragazzini che dieci anni fa erano troppo piccoli per Mulder e Scully?
Harrison, poveretto, fa fin troppo, data l’età. Però non perdono assolutamente a Spielberg il disco volante che alla fine se ne riparte venendo su da sottoterra (visto già in almeno quarantasette film compreso il primo lungometraggio di X-Files) e il matrimonio riparatore finale dell’eroe con la ex-bella del primo episodio. Capisco voler uccidere definitivamente il personaggio ma così è troppo, roba da tribunale dell’Aja. Vuoi mettere uno che inforca il cappellaccio e se ne riparte con un Rhettbutleriano “francamente me ne infischio” di mogli e figli “de Elvis” spaccamaroni, andando magari a riprendersi la Cate nella jungla per una sveltina stile “dove eravamo rimasti?”
Ma si, avete ragione, non ha più l’età, meglio l’altare. Che tristezza, però. Viene in mente quella vecchia barzelletta: “A Marì, il prossimo anno annamo ar mare!”


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Anche i bloggers si prendono le ferie. Vado in vacanza per una settimana.
Desidero una sola cosa: riposo, seguito da buon cibo, sole, passeggiate e natura. Niente pioggia please, perchè in montagna ti vengono due marron glacés così.
Come lettura mi porto dietro qualcosa di impegnato: “Bollito misto con mostarda” di Luttazzi. Un po’ di musica gaya anni 80 per la spensieratezza.

Come al solito è toccato a me, preparare le valige, anche le sue. “Sei più brava di me a farle, lo sai”. Bella scusa. Gli uomini, se gli dai un dito ti prendono anche la cistifellea. Però sanno farsi perdonare, via.

Buone ferie a tutti coloro che le prendono in questo periodo. Chi continua a lavorare ha tutta la mia umana comprensione e spero si rifarà abbondantemente in Agosto.

Buone vacanze a tutti, amici! A presto.

Lameduck

Anche i bloggers si prendono le ferie. Vado in vacanza per una settimana.
Desidero una sola cosa: riposo, seguito da buon cibo, sole, passeggiate e natura. Niente pioggia please, perchè in montagna ti vengono due marron glacés così.
Come lettura mi porto dietro qualcosa di impegnato: “Bollito misto con mostarda” di Luttazzi. Un po’ di musica gaya anni 80 per la spensieratezza.

Come al solito è toccato a me, preparare le valige, anche le sue. “Sei più brava di me a farle, lo sai”. Bella scusa. Gli uomini, se gli dai un dito ti prendono anche la cistifellea. Però sanno farsi perdonare, via.

Buone ferie a tutti coloro che le prendono in questo periodo. Chi continua a lavorare ha tutta la mia umana comprensione e spero si rifarà abbondantemente in Agosto.

Buone vacanze a tutti, amici! A presto.

Lameduck

Anche i bloggers si prendono le ferie. Vado in vacanza per una settimana.
Desidero una sola cosa: riposo, seguito da buon cibo, sole, passeggiate e natura. Niente pioggia please, perchè in montagna ti vengono due marron glacés così.
Come lettura mi porto dietro qualcosa di impegnato: “Bollito misto con mostarda” di Luttazzi. Un po’ di musica gaya anni 80 per la spensieratezza.

Come al solito è toccato a me, preparare le valige, anche le sue. “Sei più brava di me a farle, lo sai”. Bella scusa. Gli uomini, se gli dai un dito ti prendono anche la cistifellea. Però sanno farsi perdonare, via.

Buone ferie a tutti coloro che le prendono in questo periodo. Chi continua a lavorare ha tutta la mia umana comprensione e spero si rifarà abbondantemente in Agosto.

Buone vacanze a tutti, amici! A presto.

Lameduck

Anche i bloggers si prendono le ferie. Vado in vacanza per una settimana.
Desidero una sola cosa: riposo, seguito da buon cibo, sole, passeggiate e natura. Niente pioggia please, perchè in montagna ti vengono due marron glacés così.
Come lettura mi porto dietro qualcosa di impegnato: “Bollito misto con mostarda” di Luttazzi. Un po’ di musica gaya anni 80 per la spensieratezza.

Come al solito è toccato a me, preparare le valige, anche le sue. “Sei più brava di me a farle, lo sai”. Bella scusa. Gli uomini, se gli dai un dito ti prendono anche la cistifellea. Però sanno farsi perdonare, via.

Buone ferie a tutti coloro che le prendono in questo periodo. Chi continua a lavorare ha tutta la mia umana comprensione e spero si rifarà abbondantemente in Agosto.

Buone vacanze a tutti, amici! A presto.

Lameduck

Due anni di seguito non può essere un caso. Scegliere come luogo di vacanza la Val di Sole e vederla tramutarsi nella Val di Pioggia quattro giorni su sei, con gli indigeni che cominciano a guardarti male, devo ammetterlo, non è da tutti.
In questi casi di solito, per consolarti, ti dicono: “pensa allora a quelli che erano al mare”.
Sinceramente, che piova in montagna o al mare quando sei in vacanza e ti aspetti un po’ di bel tempo è una enorme, implacabile e continuata rottura di maroni.

Il tempo si è sistemato verso la fine della settimana ma di passeggiate lunghe non se n’è parlato. Il massimo della trasgressione è stata una mezza giornata su a 1800 su un prato tempestato di bovini che si sono fatti docilmente fotografare. Bello il contatto con la natura e gli animali ma dopo un po’, effettivamente, ti senti un pochino imbecille.

Se in montagna non fai passeggiate, che fai? Se sei in appartamento guardi la tv, giochi a carte, oppure esci lo stesso con l’ombrello per dedicarti allo shopping. Dopo aver fatto incetta di grappe e formaggi da portare agli amici e ciondolato negli unici centri commerciali disponibili per trovare i quali sei disposta a fare chilometri, e ti riduci perfino a fare uno squallido giro all’unico LIDL della vallata, non rimane che andare a mangiare.
Qui sono dolori perchè il cibo di montagna è pensato per riempire di calorie organismi stremati dal freddo invernale e anche d’estate in Agosto è difficile scansare l’onnipresente polenta e cervo o i leggerissimi “piatti del boscaiolo”, buoni ma terribili. Per la modica spesa di 16 euro ti portano un tagliere di legno che contiene tutte assieme le seguenti sostanze detonanti: crauti, polenta, formaggio di malga fuso, fagioli, wurstel e spezzatino di cervo. Facile immaginare le conseguenze a breve e lungo termine di una simile mistura di potenziali armi chimiche.

Un altro classico delle giornate di pioggia in vacanza è la deriva culturale con l’inevitabile visita al museo. Ci siamo fatti una cinquantina di chilometri per tornanti fino a Bolzano perchè ci è venuto l’uzzolo di andare a vedere Ötzi, l’Uomo di Similaun. Un’ora di fila fuori, per fortuna graziati dal sole appena spuntato dalle nuvole e otto euri di biglietto a cranio per ritrovarsi di fronte ad un enorme frigorifero con oblò dal quale è possibile sbirciare nella penombra, per meno di 15 secondi netti altrimenti quelli dietro ti menano, l’omarello rinsecchito da 5000 anni di mummificazione. Posso dirlo? Una delusione e tre quarti.
Si, bella la ricostruzione del berretto di Ötzi, della giubba di Ötzi, nella scarpa di Ötzi, dell’ascia, della faretra e di tutto l’armamentario che gli hanno trovato attorno sul ghiacciaio. Alla fine con Ötzi di qua e Ötzi di là, le tazze e il calendario con Ötzi e le gambe che ti fanno male per essere stata un’ora in piedi ne hai una borsa così.

Sono già tornata al duro lavoro ma non mi lamento. Forse, se la nuvola anomala di Lameduck si distrae e ritorna a seguire Fantozzi come da tradizione, il giorno di Ferragosto per me ci sarà il barbecue in campagna via dalla pazza folla e domenica me la passerò al mare a sbafo da una zia ricca che staziona in un hotel da 200 euro al dì. Hasta l’aragosta siempre!

Altro pezzo anni ’60 in omaggio, che i cinefili tarantiniani riconosceranno subito. Non c’entra un piffero nè con la montagna nè con le mummie ma ve lo propongo lo stesso perchè mi piace e poi mi fa impazzire l’uomo in primo piano che non sa dove tenere le mani. Provate voi ad avere una biondona che vi shakera il sederone a pochi centimetri dalle parti intime e a tenere i tentacoli a posto. Ma li avrà ascoltati poi Dick Dale & The Del-Tones?


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 81,685 hits

Categorie