You are currently browsing the category archive for the ‘natale’ category.

Non credo che vedremo mai Antonio Di Pietro nei panni di Abramo e Cristiano in quelli di Isacco, comunque la frase mi ha colpito.

Approfitto di questa zingaratina natalizia, che spero non mi sia venuta troppo blasfema, per augurare a tutti coloro che hanno la compiacenza, bontà e pazienza di seguirmi e leggermi, un Felice Natale e soprattutto un bel po’ di riposo per riprendersi dalle fatiche prenatalizie.

Penso soprattutto a noi signore all’antica che, la mattina di Natale, ci ostiniamo a preparare i cappelletti, il brodo con l’animale ruspante, gli odori e la crosta di parmigiano; l’antico piatto di famiglia, le tartine al salmone che piacciono tanto a babbo e magari un dolcino genuino da appaiare al pandoro. Un tour de force che ci permetterà di accasciarci finalmente sul divano soltanto a cucina riordinata, verso e non prima delle 14.30.
Per non parlare del lavoro della sera della vigilia: la cena a base di pesce, l’impacchettatura dei regali, gli ultimi ritocchi al presepe e all’albero, e l’inevitabile rassettata alla casa.

Che stanchezza e che stress! Io personalmente penso che avrei fatto meno fatica a scalare il Mortirolo sotto la neve.

Buon Natale, amici. Buon Natale di cuore e un ideale abbraccio personalizzato per ciascuno di voi.

Lameduck

***
Un anno fa su questo blog: “Ho fatto un gran pasticcio”
(con ricetta per un piatto caloricamente eversivo e for Christians and Atheists only, dato che contiene maiale e mescola latte e carne di vitello, il massimo dell’anti-kosher, figuriamoci!)



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Non credo che vedremo mai Antonio Di Pietro nei panni di Abramo e Cristiano in quelli di Isacco, comunque la frase mi ha colpito.

Approfitto di questa zingaratina natalizia, che spero non mi sia venuta troppo blasfema, per augurare a tutti coloro che hanno la compiacenza, bontà e pazienza di seguirmi e leggermi, un Felice Natale e soprattutto un bel po’ di riposo per riprendersi dalle fatiche prenatalizie.

Penso soprattutto a noi signore all’antica che, la mattina di Natale, ci ostiniamo a preparare i cappelletti, il brodo con l’animale ruspante, gli odori e la crosta di parmigiano; l’antico piatto di famiglia, le tartine al salmone che piacciono tanto a babbo e magari un dolcino genuino da appaiare al pandoro. Un tour de force che ci permetterà di accasciarci finalmente sul divano soltanto a cucina riordinata, verso e non prima delle 14.30.
Per non parlare del lavoro della sera della vigilia: la cena a base di pesce, l’impacchettatura dei regali, gli ultimi ritocchi al presepe e all’albero, e l’inevitabile rassettata alla casa.

Che stanchezza e che stress! Io personalmente penso che avrei fatto meno fatica a scalare il Mortirolo sotto la neve.

Buon Natale, amici. Buon Natale di cuore e un ideale abbraccio personalizzato per ciascuno di voi.

Lameduck

***
Un anno fa su questo blog: “Ho fatto un gran pasticcio”
(con ricetta per un piatto caloricamente eversivo e for Christians and Atheists only, dato che contiene maiale e mescola latte e carne di vitello, il massimo dell’anti-kosher, figuriamoci!)



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

La rottura di palle del Natale si riassume nel seguente e speculare concetto:

Fai auguri e regali a gente della quale non te ne frega una ceppa e ti aspetti regali e auguri da gente che ti interessa e che non te li farà.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

La rottura di palle del Natale si riassume nel seguente e speculare concetto:

Fai auguri e regali a gente della quale non te ne frega una ceppa e ti aspetti regali e auguri da gente che ti interessa e che non te li farà.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

La rottura di palle del Natale si riassume nel seguente e speculare concetto:

Fai auguri e regali a gente della quale non te ne frega una ceppa e ti aspetti regali e auguri da gente che ti interessa e che non te li farà.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Voglio fare gli auguri a tutti, soprattutto a coloro i quali stanno aspettando che le Feste passino perchè il Natale li mette di cattivo umore, perchè si chiedono giustamente cosa vi sia da festeggiare, visto che le cose vanno male; a quelli che odiano il Natale perchè è solo una sagra del consumismo e dell’essere buoni per forza.
Quest’anno avrei voluto anch’io bypassare con un gesto il panettone, l’albero e i regali, visto che non avrei più potuto condividerli con la mia mamma.

Poi è capitato che, in prossimità delle feste, mi sia ritrovata a ripensare alla mia infanzia, al presepe che lei mi faceva tutti gli anni, con le casette, le montagne con la carta marrone stropicciata, i sassolini e il muschio, i pastorelli, la carta stagnola a mo’ di acqua del fiume, il ponticello, le lucine che illuminavano le casine dall’interno.
Da molto piccola il presepe mi piaceva, poi crescendo diventai sempre più triste e disincantata come Tommasino, e mia madre, proprio come Lucariello, insisteva a farmi piacere il presepe per forza.

Grazie a questo ricordo, che nella mia mente stava diventando qualcosa di terribilmente dolce e struggente, mi sono ritrovata a girare le bancarelle del mercato alla ricerca di pastori, pecorelle, casette per quello che doveva essere il presepe più bello di tutti, da dedicare alla mia Lucariella. L’ho fatto, ho comperato pure la carta con lo sfondo stellato e, come ospiti d’onore, assieme alle statuine nuove comperate alla Fiera del Torrone dell’8 dicembre, ci ho messo alcuni degli storici pastorelli che facevano parte del mio presepe di bambina, conservati religiosamente sempre nella stessa scatola e utilizzati ancora ogni anno da mia madre per il suo personalissimo e artistico presepe.

Questo presepe mi dà tanta serenità, lo guardo e penso che sarebbe piaciuto tanto anche a lei. Mamma, avevi ragione. Macchè albero, è il presepe il vero Natale.

http://www.youtube.com/v/hlZtjvNxsIs&rel=1

Auguri sinceri di Buon Natale a tutti coloro che passano di qua, agli avventori occasionali di questo Bar dello Sport, ai clienti fissi e regolari, a coloro che sono diventati amici, a coloro che si sono persi per strada, a quelli che si sono presi una pausa ma non vediamo l’ora che tornino, a coloro ai quali non è piaciuto il caffè, a quelli che invece lo considerano il migliore, a quelli che si lamentano del servizio e a quelli che disprezzano ma tornano.

Ah, dimenticavo. Lameducche ha realizzato un sogno, entrare a far parte di un Presepe Napoletano del ‘700, i più belli del mondo. Forse la paperaccia stona con il suo beccaccio giallo in un contesto tanto solenne ma si è messa così d’impegno per essere buona almeno in quella occasione che non ho potuto dirle di no.

Ringrazio il sito del Comune di Scanno (AQ) da dove ho rapinato la bellissima immagine. Andate a vedere che meraviglia di posto è.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Voglio fare gli auguri a tutti, soprattutto a coloro i quali stanno aspettando che le Feste passino perchè il Natale li mette di cattivo umore, perchè si chiedono giustamente cosa vi sia da festeggiare, visto che le cose vanno male; a quelli che odiano il Natale perchè è solo una sagra del consumismo e dell’essere buoni per forza.
Quest’anno avrei voluto anch’io bypassare con un gesto il panettone, l’albero e i regali, visto che non avrei più potuto condividerli con la mia mamma.

Poi è capitato che, in prossimità delle feste, mi sia ritrovata a ripensare alla mia infanzia, al presepe che lei mi faceva tutti gli anni, con le casette, le montagne con la carta marrone stropicciata, i sassolini e il muschio, i pastorelli, la carta stagnola a mo’ di acqua del fiume, il ponticello, le lucine che illuminavano le casine dall’interno.
Da molto piccola il presepe mi piaceva, poi crescendo diventai sempre più triste e disincantata come Tommasino, e mia madre, proprio come Lucariello, insisteva a farmi piacere il presepe per forza.

Grazie a questo ricordo, che nella mia mente stava diventando qualcosa di terribilmente dolce e struggente, mi sono ritrovata a girare le bancarelle del mercato alla ricerca di pastori, pecorelle, casette per quello che doveva essere il presepe più bello di tutti, da dedicare alla mia Lucariella. L’ho fatto, ho comperato pure la carta con lo sfondo stellato e, come ospiti d’onore, assieme alle statuine nuove comperate alla Fiera del Torrone dell’8 dicembre, ci ho messo alcuni degli storici pastorelli che facevano parte del mio presepe di bambina, conservati religiosamente sempre nella stessa scatola e utilizzati ancora ogni anno da mia madre per il suo personalissimo e artistico presepe.

Questo presepe mi dà tanta serenità, lo guardo e penso che sarebbe piaciuto tanto anche a lei. Mamma, avevi ragione. Macchè albero, è il presepe il vero Natale.

Auguri sinceri di Buon Natale a tutti coloro che passano di qua, agli avventori occasionali di questo Bar dello Sport, ai clienti fissi e regolari, a coloro che sono diventati amici, a coloro che si sono persi per strada, a quelli che si sono presi una pausa ma non vediamo l’ora che tornino, a coloro ai quali non è piaciuto il caffè, a quelli che invece lo considerano il migliore, a quelli che si lamentano del servizio e a quelli che disprezzano ma tornano.

Ah, dimenticavo. Lameducche ha realizzato un sogno, entrare a far parte di un Presepe Napoletano del ‘700, i più belli del mondo. Forse la paperaccia stona con il suo beccaccio giallo in un contesto tanto solenne ma si è messa così d’impegno per essere buona almeno in quella occasione che non ho potuto dirle di no.

Ringrazio il sito del Comune di Scanno (AQ) da dove ho rapinato la bellissima immagine. Andate a vedere che meraviglia di posto è.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Un paio di notiziole della serie “a Natale siamo tutti più buoni”.
Berlusconi ha voluto presenziare sabato scorso a Milano, in piazzale Lagosta, alla manifestazione del Partito dei Pensionati, culminata con la distribuzione di pacchi di pasta ai presenti.
Mica pasta da 20 centesimi di euro alla confezione da 500 gr. come si trova negli hard discount ma pasta firmata, doc, come dire: dove c’è Berlusconi, c’è casa. Un solo pacco a testa, però, se no ingrassano. Tanto, basta il pensiero.

Dopo il Silvio panettiere e quello che in gioventù andava in giro a raccattare i cartoni per farne palle (?), eccolo in versione battaglia del grano duro, per “dar da mangiare agli affamati”, soprattutto a quei pensionati, suppongo, che prese per il culo con la promessa dell’aumento a 500 euro delle pensioni minime, un suo cavallo di battaglia delle elezioni del 2001.
Ricordate per quanto tempo insistette nel mentire che lui le pensioni le aveva aumentate proprio a tutti? Ci vollero cinque anni buoni per fargli ammettere che si, le aveva aumentate ma solo a quelli che ne avevano diritto ed erano solo una minoranza.
E ci voleva tanto?! I nostri babbi e le nostre mamme se n’erano accorti subito che l’aumento era una balla con il controcazzo. Anzi una palla di cartapesta, costruita non da un leader ma da un carro di Viareggio vivente, che non prova la minima vergogna come strafantastiliardario ad andare a parlare a dei vecchi di “far fatica ad arrivare alla fine del mese”. Lui, dice, ha vissuto la miseria “nera”. Bene, è venuto il tempo di raccontare magari come da un giorno all’altro ha fatto tutti questi dané.
Se ne avete uno sotto mano, prendete un antiemetico (contro il vomito) e leggete la cronaca dell’uscita del povero ricco in mezzo ai poveri veri scritta da una delle gazzette di famiglia.

Si sa che i pensionati sono un poco rincoglioniti e di poca memoria. Se fossero stati ben svegli, ricordandosi della palla dei 500 euro, avrebbero dovuto tirargliela in testa, la pasta, alla pasta d’uomo.


Altra notizia che apre il cuore alla bontà natalizia. Milano, galleria Vittorio Emanuele, il salotto buono, con i bottegoni del lusso tutti luccicosi per il Natale.
Come scrive il Corriere della Serva, ieri c’è stato lo choc. Si è scoperto che in alcuni sottotetti dei palazzi della Galleria si nascondevano abusivi, barboni e immigrati clandestini in quelle che il comico inviato del TG5 ha simpaticamente definito “abitazioni”, solo perchè ci arrivava la luce elettrica. Magari se fa domanda possono vedere di assegnargliene uno di quei favolosi appartamenti.

Immediata la reazione del “barbùn-buster” Sgarbi che, sceso come un falco pellegrino a compiere un sopralluogo sul posto, invoca la cessione ai privati della galleria (che evidentemente appartiene ancora in parte ai milanesi come cittadinanza). Si sa, una guardatina, una rapida botta di conti e si fiuta l’affare del loft, con la scusa del farci la galleria d’arte che non frega a nessuno.

“Per intanto, Sgarbi sogna di trasformare le mansarde abitate dai barboni in un museo d’arte contemporanea: «Voglio lasciare tutto così com’è. I calzini. La puzza. Per far vedere quanto in basso è scesa Milano»”.

Rapido ed infallibile, il vicepodestà De Corato ha promesso di murare i sottotetti (per fortuna senza i barboni dentro) affinchè gli scarafaggi non debbano mai più annidarsi nelle vicinanze dove passeggiano i signori che hanno le migliaia di euro da buttare via per la scarpa di Prada, lo straccetto firmato e la coperta in visone da 100.000 euro.

Per carità, bisogna rispettare la legalità e lottare contro l’abusivismo che magari nasconde le immonde speculazioni dei subaffitti a peso d’oro.
Però mi sia consentito appunto di notare come il tono usato nei confronti di esseri umani che per bisogno avevano trovato un rifugio in quelle soffitte merdose è scritto sul corrierone e detto al TG5 con il tono di chi sta parlando di un’invasione di scarafaggi.
Oddìo marchesa, sul persiano Bukara sta passeggiando l’immondo insetto! Si chiami subito la disinfestazione.

La premiata ditta De Corato & Sgarbi ha ben disinfestato e si gloria di aver buttato in mezzo ad una strada dei senzatetto, con il freddo che fa in questi giorni e in prossimità del Santo Natale.
Questo dopo che la stessa amministrazione comunale della sciura petroliera aveva organizzato una mensa per ricchi nel cortile di Palazzo Marino il 7 dicembre per gli infreddoliti ed annoiati spettatori della Scala del dopospettacolo, a spese non si sa di chi ma probabilmente dei milanesi, compresi i pensionati al dente.

Fellini, da quel genio che era, lo aveva previsto negli anni 80. Se i poveri pensionati chiederanno pane, a causa delle pensioni da fame, cosa daranno loro questi compassionevoli conservatori mentre pasteggiano a soupe lyonnaise e cappella di porcino? Rigatoni!

http://www.youtube.com/v/Ym3sdmHnsJ4&rel=1


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Un paio di notiziole della serie “a Natale siamo tutti più buoni”.
Berlusconi ha voluto presenziare sabato scorso a Milano, in piazzale Lagosta, alla manifestazione del Partito dei Pensionati, culminata con la distribuzione di pacchi di pasta ai presenti.
Mica pasta da 20 centesimi di euro alla confezione da 500 gr. come si trova negli hard discount ma pasta firmata, doc, come dire: dove c’è Berlusconi, c’è casa. Un solo pacco a testa, però, se no ingrassano. Tanto, basta il pensiero.

Dopo il Silvio panettiere e quello che in gioventù andava in giro a raccattare i cartoni per farne palle (?), eccolo in versione battaglia del grano duro, per “dar da mangiare agli affamati”, soprattutto a quei pensionati, suppongo, che prese per il culo con la promessa dell’aumento a 500 euro delle pensioni minime, un suo cavallo di battaglia delle elezioni del 2001.
Ricordate per quanto tempo insistette nel mentire che lui le pensioni le aveva aumentate proprio a tutti? Ci vollero cinque anni buoni per fargli ammettere che si, le aveva aumentate ma solo a quelli che ne avevano diritto ed erano solo una minoranza.
E ci voleva tanto?! I nostri babbi e le nostre mamme se n’erano accorti subito che l’aumento era una balla con il controcazzo. Anzi una palla di cartapesta, costruita non da un leader ma da un carro di Viareggio vivente, che non prova la minima vergogna come strafantastiliardario ad andare a parlare a dei vecchi di “far fatica ad arrivare alla fine del mese”. Lui, dice, ha vissuto la miseria “nera”. Bene, è venuto il tempo di raccontare magari come da un giorno all’altro ha fatto tutti questi dané.
Se ne avete uno sotto mano, prendete un antiemetico (contro il vomito) e leggete la cronaca dell’uscita del povero ricco in mezzo ai poveri veri scritta da una delle gazzette di famiglia.

Si sa che i pensionati sono un poco rincoglioniti e di poca memoria. Se fossero stati ben svegli, ricordandosi della palla dei 500 euro, avrebbero dovuto tirargliela in testa, la pasta, alla pasta d’uomo.


Altra notizia che apre il cuore alla bontà natalizia. Milano, galleria Vittorio Emanuele, il salotto buono, con i bottegoni del lusso tutti luccicosi per il Natale.
Come scrive il Corriere della Serva, ieri c’è stato lo choc. Si è scoperto che in alcuni sottotetti dei palazzi della Galleria si nascondevano abusivi, barboni e immigrati clandestini in quelle che il comico inviato del TG5 ha simpaticamente definito “abitazioni”, solo perchè ci arrivava la luce elettrica. Magari se fa domanda possono vedere di assegnargliene uno di quei favolosi appartamenti.

Immediata la reazione del “barbùn-buster” Sgarbi che, sceso come un falco pellegrino a compiere un sopralluogo sul posto, invoca la cessione ai privati della galleria (che evidentemente appartiene ancora in parte ai milanesi come cittadinanza). Si sa, una guardatina, una rapida botta di conti e si fiuta l’affare del loft, con la scusa del farci la galleria d’arte che non frega a nessuno.

“Per intanto, Sgarbi sogna di trasformare le mansarde abitate dai barboni in un museo d’arte contemporanea: «Voglio lasciare tutto così com’è. I calzini. La puzza. Per far vedere quanto in basso è scesa Milano»”.

Rapido ed infallibile, il vicepodestà De Corato ha promesso di murare i sottotetti (per fortuna senza i barboni dentro) affinchè gli scarafaggi non debbano mai più annidarsi nelle vicinanze dove passeggiano i signori che hanno le migliaia di euro da buttare via per la scarpa di Prada, lo straccetto firmato e la coperta in visone da 100.000 euro.

Per carità, bisogna rispettare la legalità e lottare contro l’abusivismo che magari nasconde le immonde speculazioni dei subaffitti a peso d’oro.
Però mi sia consentito appunto di notare come il tono usato nei confronti di esseri umani che per bisogno avevano trovato un rifugio in quelle soffitte merdose è scritto sul corrierone e detto al TG5 con il tono di chi sta parlando di un’invasione di scarafaggi.
Oddìo marchesa, sul persiano Bukara sta passeggiando l’immondo insetto! Si chiami subito la disinfestazione.

La premiata ditta De Corato & Sgarbi ha ben disinfestato e si gloria di aver buttato in mezzo ad una strada dei senzatetto, con il freddo che fa in questi giorni e in prossimità del Santo Natale.
Questo dopo che la stessa amministrazione comunale della sciura petroliera aveva organizzato una mensa per ricchi nel cortile di Palazzo Marino il 7 dicembre per gli infreddoliti ed annoiati spettatori della Scala del dopospettacolo, a spese non si sa di chi ma probabilmente dei milanesi, compresi i pensionati al dente.

Fellini, da quel genio che era, lo aveva previsto negli anni 80. Se i poveri pensionati chiederanno pane, a causa delle pensioni da fame, cosa daranno loro questi compassionevoli conservatori mentre pasteggiano a soupe lyonnaise e cappella di porcino? Rigatoni!


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Voglio farvi i miei auguri speciali di Buon Natale con quello che probabilmente è il più bel presepe del mondo almeno per me che, nata in una città di mare, ama tutto ciò che galleggia sull’acqua e si sente stringere il cuore al profumo di salsedine.

Cesenatico possiede l’unico Museo galleggiante della Marineria in Italia e ogni anno fin dal 1986 in Dicembre e fino alla Befana ospita un presepe allestito a bordo delle antiche e coloratissime imbarcazioni della raccolta: Bragozzo, Battana, Bragozzo d’altura, Lancia, Trabaccolo da pesca, Topo, Paranza e Barchét.
Nato da un’idea di Guerrino Gardini, su progetto di Tinin Mantegazza, il presepe è formato attualmente da 43 statue in legno di cirmolo e abiti in vera stoffa che riproducono i colori delle vele, opera degli artisti Maurizio Bretoni e Mino Salvatori.
La Sacra Famiglia è tradizionalmente ospitata sul Trabaccolo da trasporto e tutto attorno i protagonisti della sacra rappresentazione sono i pescatori e gli altri abitanti del borgo marinaro. Non mancano la piadinaia, il burattinaio con il teatrino, i suonatori, gli angeli. Il tutto è illuminato con un suggestivo gioco di luci che al calar della sera diventa magico.


Ho visitato questa meraviglia il 6 Gennaio del 2005, in un pomeriggio che faceva un freddo becco, un gelo tale che mi bloccò varie volte la fotocamera.
Ci sono pochi luoghi al mondo che amo più di Cesenatico. Tra i ricordi più cari della mia vita vi sono le vacanze passatevi con gli zii, la spiaggia del Bagno Milano allora chiassosa di canzoni estive urlate al jukebox, le mangiate spensierate senza l’assillo delle calorie, pesce e tagliatelle al ragù libero, le passeggiate serali sul porto canale disegnato dal genio di Leonardo Da Vinci, l’odore del pesce che usciva dai ristoranti, il cinemino parrocchiale con gli scarrafoni che ci correvano tra i piedi, quella stessa parrocchia dove un freddo giorno di febbraio si sarebbero svolti i funerali del pirata Marco Pantani.

Se volete visitare di persona il Presepe della Marineria, siete in tempo fino al 7 gennaio 2007. Presso la sezione a terra del Museo della Marineria è visitabile la mostra “Vele al terzo. I colori della storia”. Se vi accontentate di una visita virtuale, ecco le altre foto del presepe.

Un affettuoso augurio a tutti voi, dalla vostra Lameduck.

Aggiornamento di S. Stefano.
Sono stata invitata dall’amica Stefania a partecipare a un gioco.
Il mio libro più vicino è “Nel legno e nella pietra” di Mauro Corona, ed ecco la citazione:

Qualche giorno prima, assieme a Sandro Gogna, alpinista di classe eccelsa, avevo aperto un nuovo itinerario molto impegnativo sulla parete est del Campanile. Di comune accordo lo battezzammo “Via del novantesimo”. Per me fu un’impresa al limite del dramma giacchè la notte precedente l’avevo trascorsa a bere con una banda di buontemponi al Rifugio Pordenone.

Un mix ideale, la montagna che si sposa con il mare. Passo la palla ai prossimi tre:
Tisbe, Batsceba e Yupswing.

Flickr Photos

Blog Stats

  • 98.358 hits

Categorie