You are currently browsing the category archive for the ‘papi’ category.

Oggi, grazie a Sky del cospiratore Rupert Murdoch ho potuto ascoltare il Bossi Umberto che parlava dalla folkloristica Pontida di “liberazione” del popolo padano.

Se per caso ed in qualche modo fosse dimostrato che appartengo per sangue (ma non credo viste le mie provvidenziali radici toscane) al cosiddetto popolo padano, vi giungano immediate ed irrevocabili le mie dimissioni da cotale popolo farlocco e posticcio. Gradirei anche la concessione dell’asilo politico da parte di uno qualunque dei popoli extrapadani, preferibilmente del Sud.

Non solo ma proclamo con forza, in quanto italiana, il mio diritto alla liberazione dal giogo padano impropriamente imposto su tutto il territorio del nostro paese (isole comprese) dal regime dell’ex “mafioso e quinta colonna della mafia al Nord“, come scriveva appena nel decennio scorso lo smemorato di Pontida, prima di battere la testa contro un lingotto d’oro ed essere colpito da amnesia retrograda.

Cari italiani senza distinzione di sottomarca sanguigna, siamo governati da questi cialtroni che in qualunque altro paese sarebbero stati imputati, loro si, di eversione per attentato all’unità nazionale, e che invece giocano ai perseguitati, agli oppressi, neanche fossero dei nordirlandesi all’indomani del Bloody Sunday o dei palestinesi in cerca di patria da sessant’anni. Che strano, dei nordisti che utilizzano il più tradizionale ed indisponente dei repertori meridionali: il chiagni e fotti.

Il loro popolo, la loro terra. Ma di che minchia parlano? E bravi quelli che li seguono. No davvero, non si possono sentire certe stronzate se non incolpandole agli effetti dell’inquinamento e della nube di Seveso.
Vogliono essere padroni in casa loro quando sono proprio gli imprenditori del nordest a chiamare manovalanza de paranza da ogni angolo della periferia del mondo, solo perchè costa poco e non rompe i coglioni con i sindacati.
Prima li si fa venire a rompersi la schiena nelle loro aziende, poi ci si meraviglia che non si adattino alla polenta e latte e alla cassoeula ma continuino a scolare vodka o a mangiare cuscus e allora si scatena il borghese piccolo piccolo, quello che se sente il vicino (padano) che sgozza la moglie non chiama la polizia ma vorrebbe l’esercito a presidiare il quartiere perchè nell’aria si sente puzza di curry.
Gli imprenditori del nordest, quelli che non avrebbero fatto un franco senza l’aiuto della partitocrazia con base a Roma che hanno rinnegato appena uno di loro è divenuto imperatore della Brianza e che ora giocano alla rivolta popolare giurando che pagherebbero volentieri le tasse federali dopo aver evaso per anni quelle nazionali. Alla rivoluzione in SUV.

La cessione del quinto della dignità al nano permette da anni alla Lega di vedere taciuti sulla stampa e sulle television gli effetti dei suoi malgoverni locali. Prendiamo Malpensa. Da quanti anni governano il centrodestra e la Lega in Lombardia? Nessuno che chieda conto del perchè il glorioso hub varesotto si sia ridotto ad una piantagione di ortica e cicoria? Non sarà che questi legaioli, tolto l’effetto magico dell’acqua del Po, sono come gli altri amministratori, dei magnamagna e dei quaquaraquà?

Si parlava di cospirazione. Orbene, il re duce reduce dall’accampamento beduino oggi se ne esce con il complotto eversivo contro di lui. Poteri forti, banche, rivali in affari (il perfido Murdoch), la moglie, vera capa della Spectre AntiSilvio e i comunisti ridotti allo 0,000001%, ovviamente. Che non siano quelli, però, i veri nemici?
Modestamente qui se n’era già accennato ma mi fa piacere che quelle inchieste ed approfondimenti sul fronte I Misteri di Papi, che avevo auspicato, stiano arrivando, come ad esempio in questo articolo della Voce delle Voci:

“Mentre scriviamo, alla Voce risulta invece che sono in corso indagini top secret alla Procura di Napoli proprio per accertare il possibile collegamento fra i Letizia di Secondigliano (Benedetto detto Elio, ma anche altri suoi stretti congiunti) e il clan Letizia affiliato ai Casalesi. Un legame che, se fosse accertato, nella vicenda Papi, spiegherebbe tutto. O quasi. Qualcuno, in Campania ed oltre, sa bene da tempo cosa significa pronunciare alcuni grossi nomi. E perche’, se telefona uno con quel nome, se si spinge fino a chiedere a un leader politico di mostrarsi alla nazione intera, intervenendo ad una festa di paese, lui potrebbe essere costretto ad acconsentire. Ma in ossequio alla ragion di stato sarebbe obbligato a far credere – perfino alla moglie e ai figli – che si tratti d’una storia di corna e minorenni, piuttosto che rivelare al Paese e al mondo la verita’”.

Non solo ma anche Repubblica ha parlato di indagini del Tribunale di Napoli volte a scoprire come mai un processo intentato al babbo di Noemi non sia inspiegabilmente mai stato celebrato. Veri e propri Papi ‘X’ Files che dovrebbero preoccuparci più delle migliaia di foto di Zuppetta, come lo chiama il fido Fede, con i finti jus primae noctis del feudatario sulle servette delle gleba. Quelle si sciocchezze al confronto di un premier ostaggio ricattabile della Piovra.

La domanda è semplice ed il dubbio atroce. Bisogna fare chiarezza il più presto possibile. Qualcuno dalle parti di Gomorra sta per caso ricattando Papi a causa di passati favori e sta presentando il conto? Qualcuno che sta allargandosi troppo come potere economico ha lanciato la sua sfida eversiva, quella si, al potere politico ed a tutti noi allo STATO? E’ questo il complotto? Caro Papi, parlando di battute forse meglio è appartenere a Sodoma che a Gomorra.

Sono cose che credo abbiamo il diritto di sapere. Noi italiani. E anche i padani, và.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Oggi, grazie a Sky del cospiratore Rupert Murdoch ho potuto ascoltare il Bossi Umberto che parlava dalla folkloristica Pontida di “liberazione” del popolo padano.

Se per caso ed in qualche modo fosse dimostrato che appartengo per sangue (ma non credo viste le mie provvidenziali radici toscane) al cosiddetto popolo padano, vi giungano immediate ed irrevocabili le mie dimissioni da cotale popolo farlocco e posticcio. Gradirei anche la concessione dell’asilo politico da parte di uno qualunque dei popoli extrapadani, preferibilmente del Sud.

Non solo ma proclamo con forza, in quanto italiana, il mio diritto alla liberazione dal giogo padano impropriamente imposto su tutto il territorio del nostro paese (isole comprese) dal regime dell’ex “mafioso e quinta colonna della mafia al Nord“, come scriveva appena nel decennio scorso lo smemorato di Pontida, prima di battere la testa contro un lingotto d’oro ed essere colpito da amnesia retrograda.

Cari italiani senza distinzione di sottomarca sanguigna, siamo governati da questi cialtroni che in qualunque altro paese sarebbero stati imputati, loro si, di eversione per attentato all’unità nazionale, e che invece giocano ai perseguitati, agli oppressi, neanche fossero dei nordirlandesi all’indomani del Bloody Sunday o dei palestinesi in cerca di patria da sessant’anni. Che strano, dei nordisti che utilizzano il più tradizionale ed indisponente dei repertori meridionali: il chiagni e fotti.

Il loro popolo, la loro terra. Ma di che minchia parlano? E bravi quelli che li seguono. No davvero, non si possono sentire certe stronzate se non incolpandole agli effetti dell’inquinamento e della nube di Seveso.
Vogliono essere padroni in casa loro quando sono proprio gli imprenditori del nordest a chiamare manovalanza de paranza da ogni angolo della periferia del mondo, solo perchè costa poco e non rompe i coglioni con i sindacati.
Prima li si fa venire a rompersi la schiena nelle loro aziende, poi ci si meraviglia che non si adattino alla polenta e latte e alla cassoeula ma continuino a scolare vodka o a mangiare cuscus e allora si scatena il borghese piccolo piccolo, quello che se sente il vicino (padano) che sgozza la moglie non chiama la polizia ma vorrebbe l’esercito a presidiare il quartiere perchè nell’aria si sente puzza di curry.
Gli imprenditori del nordest, quelli che non avrebbero fatto un franco senza l’aiuto della partitocrazia con base a Roma che hanno rinnegato appena uno di loro è divenuto imperatore della Brianza e che ora giocano alla rivolta popolare giurando che pagherebbero volentieri le tasse federali dopo aver evaso per anni quelle nazionali. Alla rivoluzione in SUV.

La cessione del quinto della dignità al nano permette da anni alla Lega di vedere taciuti sulla stampa e sulle television gli effetti dei suoi malgoverni locali. Prendiamo Malpensa. Da quanti anni governano il centrodestra e la Lega in Lombardia? Nessuno che chieda conto del perchè il glorioso hub varesotto si sia ridotto ad una piantagione di ortica e cicoria? Non sarà che questi legaioli, tolto l’effetto magico dell’acqua del Po, sono come gli altri amministratori, dei magnamagna e dei quaquaraquà?

Si parlava di cospirazione. Orbene, il re duce reduce dall’accampamento beduino oggi se ne esce con il complotto eversivo contro di lui. Poteri forti, banche, rivali in affari (il perfido Murdoch), la moglie, vera capa della Spectre AntiSilvio e i comunisti ridotti allo 0,000001%, ovviamente. Che non siano quelli, però, i veri nemici?
Modestamente qui se n’era già accennato ma mi fa piacere che quelle inchieste ed approfondimenti sul fronte I Misteri di Papi, che avevo auspicato, stiano arrivando, come ad esempio in questo articolo della Voce delle Voci:

“Mentre scriviamo, alla Voce risulta invece che sono in corso indagini top secret alla Procura di Napoli proprio per accertare il possibile collegamento fra i Letizia di Secondigliano (Benedetto detto Elio, ma anche altri suoi stretti congiunti) e il clan Letizia affiliato ai Casalesi. Un legame che, se fosse accertato, nella vicenda Papi, spiegherebbe tutto. O quasi. Qualcuno, in Campania ed oltre, sa bene da tempo cosa significa pronunciare alcuni grossi nomi. E perche’, se telefona uno con quel nome, se si spinge fino a chiedere a un leader politico di mostrarsi alla nazione intera, intervenendo ad una festa di paese, lui potrebbe essere costretto ad acconsentire. Ma in ossequio alla ragion di stato sarebbe obbligato a far credere – perfino alla moglie e ai figli – che si tratti d’una storia di corna e minorenni, piuttosto che rivelare al Paese e al mondo la verita’”.

Non solo ma anche Repubblica ha parlato di indagini del Tribunale di Napoli volte a scoprire come mai un processo intentato al babbo di Noemi non sia inspiegabilmente mai stato celebrato. Veri e propri Papi ‘X’ Files che dovrebbero preoccuparci più delle migliaia di foto di Zuppetta, come lo chiama il fido Fede, con i finti jus primae noctis del feudatario sulle servette delle gleba. Quelle si sciocchezze al confronto di un premier ostaggio ricattabile della Piovra.

La domanda è semplice ed il dubbio atroce. Bisogna fare chiarezza il più presto possibile. Qualcuno dalle parti di Gomorra sta per caso ricattando Papi a causa di passati favori e sta presentando il conto? Qualcuno che sta allargandosi troppo come potere economico ha lanciato la sua sfida eversiva, quella si, al potere politico ed a tutti noi allo STATO? E’ questo il complotto? Caro Papi, parlando di battute forse meglio è appartenere a Sodoma che a Gomorra.

Sono cose che credo abbiamo il diritto di sapere. Noi italiani. E anche i padani, và.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Oggi, grazie a Sky del cospiratore Rupert Murdoch ho potuto ascoltare il Bossi Umberto che parlava dalla folkloristica Pontida di “liberazione” del popolo padano.

Se per caso ed in qualche modo fosse dimostrato che appartengo per sangue (ma non credo viste le mie provvidenziali radici toscane) al cosiddetto popolo padano, vi giungano immediate ed irrevocabili le mie dimissioni da cotale popolo farlocco e posticcio. Gradirei anche la concessione dell’asilo politico da parte di uno qualunque dei popoli extrapadani, preferibilmente del Sud.

Non solo ma proclamo con forza, in quanto italiana, il mio diritto alla liberazione dal giogo padano impropriamente imposto su tutto il territorio del nostro paese (isole comprese) dal regime dell’ex “mafioso e quinta colonna della mafia al Nord“, come scriveva appena nel decennio scorso lo smemorato di Pontida, prima di battere la testa contro un lingotto d’oro ed essere colpito da amnesia retrograda.

Cari italiani senza distinzione di sottomarca sanguigna, siamo governati da questi cialtroni che in qualunque altro paese sarebbero stati imputati, loro si, di eversione per attentato all’unità nazionale, e che invece giocano ai perseguitati, agli oppressi, neanche fossero dei nordirlandesi all’indomani del Bloody Sunday o dei palestinesi in cerca di patria da sessant’anni. Che strano, dei nordisti che utilizzano il più tradizionale ed indisponente dei repertori meridionali: il chiagni e fotti.

Il loro popolo, la loro terra. Ma di che minchia parlano? E bravi quelli che li seguono. No davvero, non si possono sentire certe stronzate se non incolpandole agli effetti dell’inquinamento e della nube di Seveso.
Vogliono essere padroni in casa loro quando sono proprio gli imprenditori del nordest a chiamare manovalanza de paranza da ogni angolo della periferia del mondo, solo perchè costa poco e non rompe i coglioni con i sindacati.
Prima li si fa venire a rompersi la schiena nelle loro aziende, poi ci si meraviglia che non si adattino alla polenta e latte e alla cassoeula ma continuino a scolare vodka o a mangiare cuscus e allora si scatena il borghese piccolo piccolo, quello che se sente il vicino (padano) che sgozza la moglie non chiama la polizia ma vorrebbe l’esercito a presidiare il quartiere perchè nell’aria si sente puzza di curry.
Gli imprenditori del nordest, quelli che non avrebbero fatto un franco senza l’aiuto della partitocrazia con base a Roma che hanno rinnegato appena uno di loro è divenuto imperatore della Brianza e che ora giocano alla rivolta popolare giurando che pagherebbero volentieri le tasse federali dopo aver evaso per anni quelle nazionali. Alla rivoluzione in SUV.

La cessione del quinto della dignità al nano permette da anni alla Lega di vedere taciuti sulla stampa e sulle television gli effetti dei suoi malgoverni locali. Prendiamo Malpensa. Da quanti anni governano il centrodestra e la Lega in Lombardia? Nessuno che chieda conto del perchè il glorioso hub varesotto si sia ridotto ad una piantagione di ortica e cicoria? Non sarà che questi legaioli, tolto l’effetto magico dell’acqua del Po, sono come gli altri amministratori, dei magnamagna e dei quaquaraquà?

Si parlava di cospirazione. Orbene, il re duce reduce dall’accampamento beduino oggi se ne esce con il complotto eversivo contro di lui. Poteri forti, banche, rivali in affari (il perfido Murdoch), la moglie, vera capa della Spectre AntiSilvio e i comunisti ridotti allo 0,000001%, ovviamente. Che non siano quelli, però, i veri nemici?
Modestamente qui se n’era già accennato ma mi fa piacere che quelle inchieste ed approfondimenti sul fronte I Misteri di Papi, che avevo auspicato, stiano arrivando, come ad esempio in questo articolo della Voce delle Voci:

“Mentre scriviamo, alla Voce risulta invece che sono in corso indagini top secret alla Procura di Napoli proprio per accertare il possibile collegamento fra i Letizia di Secondigliano (Benedetto detto Elio, ma anche altri suoi stretti congiunti) e il clan Letizia affiliato ai Casalesi. Un legame che, se fosse accertato, nella vicenda Papi, spiegherebbe tutto. O quasi. Qualcuno, in Campania ed oltre, sa bene da tempo cosa significa pronunciare alcuni grossi nomi. E perche’, se telefona uno con quel nome, se si spinge fino a chiedere a un leader politico di mostrarsi alla nazione intera, intervenendo ad una festa di paese, lui potrebbe essere costretto ad acconsentire. Ma in ossequio alla ragion di stato sarebbe obbligato a far credere – perfino alla moglie e ai figli – che si tratti d’una storia di corna e minorenni, piuttosto che rivelare al Paese e al mondo la verita’”.

Non solo ma anche Repubblica ha parlato di indagini del Tribunale di Napoli volte a scoprire come mai un processo intentato al babbo di Noemi non sia inspiegabilmente mai stato celebrato. Veri e propri Papi ‘X’ Files che dovrebbero preoccuparci più delle migliaia di foto di Zuppetta, come lo chiama il fido Fede, con i finti jus primae noctis del feudatario sulle servette delle gleba. Quelle si sciocchezze al confronto di un premier ostaggio ricattabile della Piovra.

La domanda è semplice ed il dubbio atroce. Bisogna fare chiarezza il più presto possibile. Qualcuno dalle parti di Gomorra sta per caso ricattando Papi a causa di passati favori e sta presentando il conto? Qualcuno che sta allargandosi troppo come potere economico ha lanciato la sua sfida eversiva, quella si, al potere politico ed a tutti noi allo STATO? E’ questo il complotto? Caro Papi, parlando di battute forse meglio è appartenere a Sodoma che a Gomorra.

Sono cose che credo abbiamo il diritto di sapere. Noi italiani. E anche i padani, và.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 81,719 hits

Categorie