You are currently browsing the category archive for the ‘pensioni’ category.

“Non abbiamo messo le mani nelle tasche dei cittadini” (B., “Greatest Hits”)
I lavoratori tra i 25 e i 34 anni che andranno in pensione nel 2050, riceveranno assegni di nemmeno 1000 euro al mese, meno di ciò che guadagnano attualmente. E stiamo parlando di assoluti privilegiati, ovvero di lavoratori con contratti a lungo termine. Non viene detto cosa accadrà ai precari ma è pensabile che la pensione costoro la vedranno con il lanternino oppure in sogno.
Sentite questa. Grazie alla finanziaria del fiscalista genio, quello specializzato nel passaggio delle patate bollenti alla prossima legislatura, possibilmente di centrosinistra, chi ha investito in titoli di stato come BOT e CCT una decina di migliaia di euro, vedrà andarsene in tasse ben tre quarti del reddito da essi prodotto. Il genio ha partorito un superbollo ad hoc per i risparmi sudati ed investiti in titoli di stato di operai e pensionati:

“Un effetto legato al progressivo aumento del bollo d’imposta sul dossier titoli, che aumenterà subito da 34,2 a 120 euro per arrivare a 150 nel 2013. Con il paradosso che a rimetterci sarebbero proprio i piccoli risparmiatori, perché con l’aumentare dell’esposizione finanziaria l’impatto dell’imposta si diluisce. E così 25mila euro investiti che oggi valgono 432,3 euro netti, sono pronti a scendere a 346,5 dopo la manovra (-20%) e a 316,5 euro nel 2013 (-27%). (“La Repubblica”, 6 luglio 2011)

Stanno pensando anche, sempre applicando le loro pratiche estreme di porno economy, di portare l’aliquota delle rendite fiscali dal 12,50% al 20% ma senza distinguere tra chi specula in Borsa e ha milioni se non miliardi da investire e chi ha messo da parte con fatica il dossierino titoli da dieci o ventimila euro. Ventipercentopertutti, così non si fanno favoritismi. Il principio di proporzionalità proprio non gli entra nella zucca.
E poi tagli indiscriminati ancora ai danni dei Comuni, della Sanità e dei servizi. Questo ovviamente mentre qualcuno cercava di risparmiare con l’inganno 750 milioni di euro di multa da pagare. Pornografia estrema, appunto.
Non hanno messo le mani nelle tasche degli italiani. L’ombrello ormai è out, superato. Ora si va dentro con il pugno, tutto il braccio. E meno male che la spalla funge da finecorsa.

Anche lui non disdegna.

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 81,651 hits

Categorie