You are currently browsing the category archive for the ‘politica estera’ category.

Tra le pieghe delle notizie di ieri è sfuggito sicuramente ai più un retroscena inquietante della nostra politica estera. Secondo il ministro Bossi, suo figlio, il Trota, ha partecipato agli incontri tra B. e Hillary Clinton dove si parlava di missioni internazionali e della nostra partecipazione ad esse.  Qualcuno ha scritto che The Trout era il traduttore ufficiale dell’incontro ma sinceramente questa è talmente grossa che credo se la siano inventata gli articolisti per farci ridere.
Ad ogni modo, il commento dell’Umberto sull’ennesima vittima italiana della guerra in Afghanistan, morta ieri in un’imboscata, è stato che non bisogna più mandare i nostri soldati in missione all’estero perché: 1) costano troppo e, 2) ogni tanto muoiono.
Non vorrei che, suggestionato dalle visioni cinematografiche e da play-station del giovane virgulto, il grande stratega di Varese non stia pensando di sostituire i nostri soldati in ciccia e ossa, non potendo mandarli a morire per 800 euro al mese o precettandoli, visto che la destra ha voluto un esercito professionale, con soldatini supertecnologici e transformers che, a fronte di un investimento iniziale, almeno non hanno la sfiga di morire. Soprattutto speriamo che il motivo della presenza del Trota all’incontro non sia stato per offrire quel tipo di suggerimento a Hillary Clinton. Forse, più semplicemente, volendo sincerarsi di ciò che B. avrebbe detto agli americani, Bossi ha fatto fare al figlio un salto di specie: da trota a cimice vivente. 
In un mondo abituato al fatto che i ricchi e potenti escono quasi sempre impuniti dalle loro malefatte, sentire che un mega pezzo grosso del Fondo Monetario Internazionale, politico socialista francese e candidato alle prossime elezioni presidenziali come rivale del nanerottolo Sarkozy, viene incriminato ed arrestato per stupro negli Stati Uniti, con tanto di pagamento di cauzione milionaria ed imposizione del braccialetto elettronico, fa un certo effetto.
Siamo talmente disabituati allo svolgersi del normale corso della giustizia se essa riguarda i potenti che, in casi come questi, scatta in automatico il meccanismo del “non è possibile, lo avranno incastrato”.
In effetti la storia, che presenta diversi punti controversi e fin troppo evidenti e sottolineati, è spiegabile in due soli modi possibili. O Dominique Strauss-Kahn è un vecchio satiro in preda alla sindrome del “o famo strano” e ormai per eccitarsi è costretto a ricorrere al fattore rischio ambientale, per esempio “voglio provare se mi riesce di stuprare la cameriera, una qualunque, di questo cazzo di hotel e farla franca” (la chiameremo la Sindrome del Cittadino al di sopra di ogni sospetto”), oppure effettivamente gli hanno teso un tranello in puro stile Lewinski.
La logica direbbe che un personaggio senza problemi di soldi come Strauss-Kahn che si sente solo a New York in un grande albergo, un eufemismo per dire che ha voglia di trombare, che fa? Ciapa la cornetta dell’interfono, chiama Pierre il portiere e si fa recapitare in stanza un po’ di compagnia. Roba fine, escort che si abbinano perfettamente a stanze da 3000 dollari per notte e che, volendo, per una cifra appena inferiore fanno di tutto, dal caro vecchio dai e vai in tutte le varianti fino al prenderti a cinghiate menando come fabbri.
Oppure, sempre in quel contesto, il cliente in piena fregola, se vuole un po’ di brivido in più, esce e ne carica una dalla strada, come un Prof. Cagnato qualsiasi.
Invece Strauss-Kahn che fa, secondo la ricostruzione fatta dai giornali? All’ora in cui le stanze dovrebbero essere vuote e a disposizione delle donne delle pulizie, si nasconde ignudo nel bagno e, quando sente arrivare ciabattando la cameriera con il carrello delle scope, balza fuori dal nascondiglio sguainando il pesante spadone e aggredisce la malcapitata, che è di colore e musulmana (!) e la costringe ad un rapporto orale che, stranamente, negli Stati Uniti, patria di Gola Profonda, è un reato federale in molti stati. Stupro e sodomia, roba pesa per la legge americana. Carriera politica fottuta, r.i.p. Monsieur Strauss-Kahn.
E la vittima? Invece di approfittare della ghiotta ed unica occasione di staccarlo con un morso ad un vampiro della finanza mondiale e sputarlo nella ciotola del cane, la cameriera subisce e resiste pure alla corruzione compensatoria. Pare infatti che il tizio abbia provato ad innescare il “ma lo sai chi sono io” ma lei niente, una roccia. Niente cinquemila lire come prezzo di favor per smacchiarsi almeno l’abito in tintoria. A meno che il vecchiaccio non fosse pure tirchio.  La ragazza fugge ed immediatamente denuncia il porcone francese che finisce delle braccia di Zio Sam e dell’F.B.I., altro che Boccassini e Procura di Milano.
Insomma, il pezzo grosso, prendendo per autentica la versione dei fatti raccontata dai media, avrebbe agito come un povero demente da film di Pierino.  Si sa che certi uomini, soprattutto ad una certa età, rinfanciulliscono regredendo ad una sessualità pregenitale ma la cosa appare strana comunque. 
Tra l’altro, se nessuno ha ancora notato la sottigliezza delle straordinarie coincidenze di questa afffabulazione lo faccio adesso, Strauss-Kahn si comporta come l’ebreo mitologico della più infima propaganda nazista, il satiro che attenta alla virtù delle ragazze, costringendole a rapporti contronatura.
Sono dettagli come questi che fanno sospettare che in un racconto ci sia lo zampino della macchinazione e della propaganda.
Un po’ come Gheddafi che dà il Viagra alle truppe in libera uscita per stupro e li arringa con le stesse frasi e medesime parole di quelle pronunciate dai capi dei goumiers francesi che compirono le marocchinate nel Lazio dopo Monte Cassino. Frasi che si è dimostrato non essere mai state pronunciate veramente ma che vengono regolarmente attribuite a tutti i capi delle truppe stupratrici in tutte le guerre del mondo in ogni tempo. Propaganda di guerra che mescola fatti veri a leggende per intorbidire le acque ed alimentare il caos. 
Forse è questo l’elemento di maggior disturbo della storia del banchiere inquisito per stupro, se si tratta di una macchinazione. L’utilizzo cinico e sulla pelle delle donne di un reato particolarmente odioso, il quale però fa scattare sempre il dubbio che sia avvenuto veramente e quindi di presta a questo tipo di guerre per bande condotte per motivi economici. 
In questo caso conosciamo a malapena il nome della vittima ma si sono preoccupati di raccontarci che si tratta di una trentaduenne vedova, di colore, musulmana molto devota e non particolarmente attraente, addirittura, si sospetta, sieropositiva. Come dire, sei troppo brutta e sfigata perché ti possano aver stuprata, però lui l’ha fatto. Non che se fosse stata carina sarebbe stato diverso. In quel caso avrebbero detto che l’aveva provocato e che se l’era cercata e che, magari, dopo esserci stata, si era vendicata per la parcella poco sostanziosa.
Nel caso che Strauss-Kahn, invece di fottere, sia stato fottuto, c’è persino chi ha individuato il possibile movente. In febbraio, il capo dell’ FMI aveva parlato a Washington ad un convegno, auspicando l’abbandono del dollaro come divisa d’elezione degli scambi finanziari ed economici mondiali, in favore di una moneta globale. Forse l’euro? 
Ah, ecco, si dice, gli americani se la sono presa e gli hanno teso un tranello da manuale.
Vero o falso, avvenuto o meno lo stupro, l’avvertimento mafioso è arrivato. Rimarrà sempre il dubbio ed è questo ciò che conta. 

Vista la difficoltà nel portare a piena maturazione il progetto “Futuro e Libertà”, con un Fini che sembra dover affrontare  un percorso più arduo di un Mortirolo scalato su una bicicletta dalle ruote sgonfie, non riesco a togliermi dalla mente un sospetto.
Ripensando al fuori onda delle bombe atomiche, risalente all’estate scorsa,  non sarà che qualcuno ha giocato un brutto tiro a Gianfranco Fini, facendogli credere che qualcun’altro fosse finalmente pronto a parlare e che di conseguenza Berlusconi  avesse le orge contate per questioni penali ben più gravi di una concussione per coprire il reato compiuto con la minorenne e quindi la transizione di leadership al governo fosse questione imminente?

Questo qualcuno potrebbe essersi presentato come amico fidato e volonteroso sponsor della nascita di una destra nuova, moderna e finalmente presentabile in Italia, avrebbe fatto uscire allo scoperto Fini rassicurandolo dell’appoggio di amici importanti, quelli che contano e fanno muovere ogni foglia,  ma poi, al dunque, lo avrebbe lasciato in balìa delle banderuole arruolate nella nuova formazione (possibili infiltrati, figuranti e comparse con l’ordine di tirarsi fuori al momento giusto) e di una stampa goebbelsiana asservita al padrone, in grado di fabbricare scandali dalla consistenza dello zucchero filato ma pesanti come il piombo sulle varie case di Montecarlo.

E’ ovvio che una nuova destra al posto di quella da casino di Berlusconi non è solo Gianfranco Fini ma tante persone che devono mettersi insieme anche nella società civile per costruirla o tirarla fuori dai nascondigli, ma in una realtà schiava dell’immagine come la nostra, un leader, un punto di riferimento, ci vuole. Ecco perché i mestatori all’opera ci tengono tanto a distruggere la leadership di Fini.

In fondo, dimostrare a reti e giornali unificati che Fini è un leader dai piedi d’argilla, che non ha abbastanza polso, come quei professori che non riescono a tenere tranquilla la classe e che si fanno disegnare i pupazzetti sulla schiena  dai ragazzini, sarebbe il metodo perfetto per “far fuori” l’unico uomo politico in grado di sostituire  Berlusconi alla guida del centrodestra per sempre e senza farlo rimpiangere. Almeno in un paese normale.

Perché ho questo sospetto del tranello giocato a Gianfranco? Perché questi amici importanti, spesso, alle destre moderne e democratiche ed alle transizioni morbide all’insegna della tutela ed al ristabilimento della legalità, dopo le peggiori dittature o pseudo tali, comprese queste nuove versioni oligarchico-mafiose, preferiscono altro. Magari una più comoda, per loro, continuità con il passato.
Li avete sentiti, del resto. “Berlusconi è un pagliaccio ma non abbiamo mai avuto tanti vantaggi come con lui al governo.” Direbbe Totò: “Berlusconi è come la serva, serve”. Una serva imperiale.

Baciamo le mani

Se decine e decine di morti nelle piazze libiche non riescono a smuovere un nano leccadittatori. Mentre il mondo intero condanna, l’Italia trova un altro motivo per vergognarsi della sua politica estera da Regno di Bunga Bunga. Può far male all’ego nazionale, ma hanno ragione gli Americani a considerarci parte dell’Africa (scusandoci con gli africani).
Re Pompetta non può disturbare Gheddafi in questo momento che è impegnato a cannoneggiare i suoi concittadini. Non sia mai gliene sfugga qualcuno. Al massimo Iddu e Frattini potranno fare una lacrimuccia da caimano per Impregilo, ENI ed i loro ribassi in Borsa. Se non ce la fanno a piangere in maniera naturale useranno il vecchio trucco del cinema: glicerina. Oppure sciolina, che a Frattini è più congeniale.

Il padrone ha paura di agguati quindi indice la serrata. Evidentemente, pur avendo la maggioranza dei seggi, non si fida più neppure dei maggiordomi e delle fantesche, dei miracolati della libertà, degli scaldascranno e delle pornoministre. Come dargli torto? E poi c’è il fattore psicologico. Per una sorta di nemesi semantica, rischia di cadere per colpa di un Bocchino e di Casini. Meglio non sentirli nominare troppo. Sono cose che lo distraggono.
Da quando Hillary Clinton, con un umorismo che fa invidia ai comici del “Saturday Night Live”, lo ha definito “Il migliore amico degli Stati Uniti”, quindi politicamente un cane, i giornaletti di famiglia gridano allo scampato pericolo. Assange, tié! Non pensano che è sempre più sincero un diplomatico in privato di un ministro degli esteri in visita ufficiale e tentano di fare trangugiare la bugia pietosa agli italiani. I quali, dettaglio non trascurabile, a causa della paura del padrone delle frequenze di andare sotto in Parlamento, cosa che narcisisticamente gli sarebbe fatale, dovranno attendere il 13 Dicembre (S. Lucia) per risolvere i loro problemi. “Che il paese attenda, cribbio, io non posso rischiare di avere la prova provata di essere un fallito”, guaisce il miglior amico dell’impero.
Intanto l’Aquila è sotto l’acqua, Napoli sotto la monnezza,  Pompei, che aveva resistito quasi duemila anni, crolla sotto il peso della competenza di Bondi. Meno male che quest’ultimo, grazie alla serrata, potrà fingere ancora qualche giorno di fare il ministro della cultura. Se c’è qualche sciampista dell’est vogliosa di emulare Antonioni o Godard, ne approfitti. Siamo ai saldi di fine stagione. L’Outlet della Libertà.
Il più grande statista italiano degli ultimi centocinquant’anni, giusto per capire in quale considerazione è tenuto dai vertici della politica mondiale, è stato fatto accomodare al tavolo della cena del G20 vicino a due presidenti africani – forse in onore del bunga bunga, e ben lontano da Obama e dalle quattro donne premier presenti. Giusto per non mandarlo in cucina al tavolo della servitù.
Un posto a tavola vale più di mille parole.
“Venderò cara la pelle, non mi dimetterò mai, chiamerò la gente in piazza“. Anche se lui e i suoi giornali personali fantasticano di un finale come quello del “Caimano”, con orde di papiminkia sulla soglia della povertà che assaltano il Palazzo di Giustizia in difesa del nano fantastiliardario e dei suoi numerosi eredi, io fossi in loro starei attenta ad invocare la piazza e la guerra civile. 
L’ultima volta l’organizzatore è finito a testa in giù appeso ad un distributore. E il dopo non è stato un bello spettacolo.
Non che pensi che il popolo italiano potrebbe arrivare ad un piazzale Loreto con Berlusconi. Lui non lo merita mica. In fondo Mussolini una guerra, e pure mondiale, l’aveva fatta; uno straccio bisunto di impero l’aveva messo assieme. Questo, a parte difendere i suoi interessi con una trentina di leggi ad personam, non ha fatto letteralmente un cazzo. Al massimo meriterebbe di essere messo alla gogna in mezzo ad un tendone da circo, cosparso di pece e coperto di piume di gallina, a ricevere torte in faccia. Sommerso dal ridicolo. E magari dopo, un po’ di bunga bunga.
(Nella foto, la “Padania” prima di perdere la memoria.)

Va bene, finora abbiamo scherzato, torniamo ai discorsi seri.
Detto tra noi, qualcuno crede veramente che sarebbe concesso ad una “nazione” di fantasia (non mi riferisco a Disneyland), esistente solo nelle menti bacate di un gruppo di cialtroni razzisti assetati di potere, poltrone e nepotismo di mettere in discussione la coesione di una nazione vera appartenente alla Nato? E questo solo perchè viene loro concesso dal capriccio di un vecchio miliardario inquisito (non mi riferisco a Roman Polanski) che deve morire impunito?
A qualcuno dice niente la parola “equilibri geostrategici”? Lo sapete cosa c’è ad Aviano e in altre basi militari e quante testate nucleari esistono nell’Italia del Nord, delle quali noi non abbiamo le chiavi perchè la nostra sovranità nazionale è sempre stata un optional?
Pensate che i nostri liberatori se ne starebbero con le mani in mano a verder nascere la gloriosa Padania e che gli altri paesi europei non muoverebbero un dito, con il rischio di una reazione a catena di altre rivendicazioni autonomistiche ben più legittime di quelle dei gioppini? Pensiamo alla nazione Basca, all’Irlanda. Sarebbe un botto altro che quello del vulcano Ejeffankul.

Per ultimo e proprio per non voler vedere con chi abbiamo a che fare. Cosa penseranno i nostri liberatori di un ministro della difesa che accetta un regalo dal suo padrone di riferimento, alias capo di stato, senza ritenersene offeso? “Lo guiderò di persona”, ha detto Benito Maria. Si, darà l’equivalente in denaro in beneficenza ma intanto lo ha accettato.
Volendo sottilizzare, un SUV di fabbricazione sovietica, pardon, russa. Berlusconi crede che siccome è amico suo, Putin sia anche amico del Pentagono e che cinquant’anni di guerra fredda si possano cancellare con una schitarrata di Apicella e quattro zoccole compiacenti.
Un ministro della difesa, quindi a conoscenza di informazioni delicate strategicamente, acquistabile al modico prezzo di un SUV (costa quanto una Panda e non so se più o meno delle mini rosse che Papi regalava alle escort). Un ministro in vendita e in pubblico. Praticamente un’OPA. Ma vi rendete conto?

Hey guys, we still need yer fucking help! *

(* Abbiamo ancora bisogno di voi, liberateci.)

“Dunque, dice Noemi che Berlusconi la chiama al telefono. Proprio lui, direttamente. Nessuna segretaria. Nessun centralino. Lui, direttamente. Era pomeriggio, le cinque o le sei del pomeriggio, Noemi stava studiando. Berlusconi le dice che ha visto le foto; le dice che è stato colpito dal suo “viso angelico”, dalla sua “purezza”; le dice che deve conservarsi così com’è, “pura”. (Dall’intervista all’ex fidanzatino.)
Gli ex sono sempre pericolosi. Sono quelli che ti sputtanano senza alcuna pietà sulla neogogna YouTube, non perdonandoti qualche debolezza, diversi bicchieri e molti freni inibitori caduti ai tempi della passione e lasciati imprudentemente su videocassetta, telefonino o lettera.
Chi spiattella i fatti privatissimi delle/degli ex è sempre mosso da rancore e, in questo caso particolare, magari da un desiderio inconscio di rubare la scena.

L’ex di Noemi, dopo l’intervista, si è subito beccato una sfilza di querele da personcine armate di avvocati taglienti come rasoi e quindi, a meno di non trovarci di fronte ad un incosciente, ad un amante degli sport estremi o ad una specie di kamikaze proletario lanciato a bomba contro l’ingiustizia, qualcosa di vero ci deve essere nella sua storia. Se non altro il dispiacere di essere stato nascosto sotto il tappeto come un mucchietto di monnezza, o presentato come innocuo “cugino”, appena la rampantissima fidanzatina, sedotta dalla gabbia dorata e dalle collanine di brillantini, ha annusato il profumo dei soldi, del successo e di un mondo quasi irreale attraverso questa “amicizia” con il presidente del consiglio.
Povero ragazzo, lo capisco. Chiamare “cugino” uno che fino a cinque minuti prima era il tuo “porcellino” sulla letterina d’amore è un atteggiamento da puttanella, non da “pura siccome un angelo”. Poi puoi essere pure vergine (attenti padri a giurare sull’illibatezza delle figlie che di illibatezze ve ne sono di molte specie) ma puttanella rimani.

Gino racconta. Oltre alle famose feste e cene di rappresentanza delle quali abbiamo già saputo e visto, alle quali Noemi (minorenne) risulta presente non si sa bene in veste di che cosa, e noi speriamo veronicamente “perchè era sua figlia”, lui parla dell’invito per una vacanza in Sardegna nella villa del premier, assieme ad altre trenta, quaranta ragazze. Senza cugino, ovviamente.
Niente di nuovo. C’è, in quell’invito, tutta la mentalità da harem miliardario di Hugh Hefner e dell’allevamento intensivo di conigliette di Playboy ma c’è anche, vista la minore età dimostrata di almeno una delle partecipanti, l’ombra inquietante di Jacko e di Neverland. Sembra di vederle, le ninfette sculettanti per i giardini. Spettacolo compassionevole per satiri ormai solo necessariamente contemplativi o qualcos’altro? Dispiace dover pensar male, ma quando un adulto invita dei minori in una specie di paese dei balocchi, Jacko insegna, qualche dubbio viene.

L’offerta di “vergini al drago”, concetto espresso da Veronica Lario, è insinuazione troppo inquietante per essere lasciata cadere come semplice battuta. Di che tipo di offerta si tratta? L’interessato, ovverosia il drago, lo spieghi.
Forse, senza pensare a maialate da satrapi orientali, si vuole solo sottolineare il potere di seduzione e corruzione che un mondo così “meravigliosamente corrompente” ha sulle menti di ragazzine cresciute a pane e Beautiful. Il primo effetto tangibile è come viene immediatamente rinnegato il semplice figlio del popolo che ci veniva fidanzatino. Da quello a darla solo a penemuniti ad alto reddito e dietro lauto compenso, il passo è breve.
Ci si dimentica, e torniamo alle offerte da devolvere al drago, che l’uomo potente di denaro offre il successo ma, fin dai tempi del sofà del produttore, pretende anche una contropartita. Per qualche pervertito potrebbe bastare avere la casa piena di vocianti fanciulle senza alcun baccanale a seguire ma in ogni caso è meglio appurare.

E’ vero che Berlusconi faceva telefonate personali ad una minorenne dopo averne sfogliato il book fotografico? Se erano complimenti innocenti ad un’amica di famiglia in cerca di successo, non vi sarebbe stato niente di male. Perchè allora tutta quella reticenza sulle origine della conoscenza con i Letizia, per non parlare delle bugie?
La cosa migliore che può fare Berlusconi è allontanare con forza il sospetto ed il dubbio che si tratti di qualcosa d’altro, di un fuoco dei suoi lombi, per intenderci. Le alternative sono poche: o è una parente, o una conoscente oppure un interesse sessuale.

Se è sua figlia o nipote, cioè figlia di una figlia naturale (come altrettanto possibile), che lo dica. Ammettere che la pulzella è di sangue reale toglierebbe un bel po’ di argomenti ai detrattori del re. Ammettere la parentela con la ragazzina sarebbe fonte di ulteriori attriti famigliari e di problemi di ordine tecnico ereditario e dinastico, ma fugherebbe il più infamante dei sospetti. Magari con un bell’esame del DNA a reti unificate a chiudere tutte le malelingue dentro le rispettive boccacce.

Dire la verità qualunque essa sia, soprattutto se si tratta di parentela o conoscenza, è necessario, perchè purtroppo, e può confermarlo chiunque ne abbia fatto la triste esperienza, anche i pedofili quando vogliono agganciare la preda ti dicono che sei stupenda, così innocente e viso d’angelo. E’ ovvio, altrimenti che gusto c’è a spezzare le ali a chi non le ha?

Quando ero ragazzina, quattordici o quindici anni, per il solo fatto di aver pubblicato un annuncio per la ricerca di amici di penna su una rivista femminile (allora Internet era ancora una roba militare), fui tampinata da un tizio che, oltre alle lettere ed ai mazzi di fiori, voleva a tutti i costi conoscermi di persona, perchè ero speciale, un angelo e via dicendo.
Quando qualcuno parla di malattia, ricordo che spesso il pedofilo non si rende conto di essere nel torto. Per lui è, tra virgolette, normale corteggiare minorenni. E’ una persona che non sta bene, in un certo senso.

Ripensando a questo episodio lontano ma ancora inquietante mi rendo conto di quanto sia sacrosanta la lotta alla pedofilia che su Internet trova prede ancora più disponibili ed abbondanti di una volta.
Per questo motivo, mi meraviglia che il partito dove milita l’onorevole Carlucci, quella che augura ai figli degli oppositori politici l’incontro con un pedofilo, non si alzi in piedi come un sol uomo per chiedere a gran voce al suo re di parlare chiaro e fugare i dubbi che per prima ha insinuato una donna che lo conosce molto bene da trent’anni.

Non abbiamo bisogno di zelanti papiboys negatori della realtà come Carlo Rossella che dice, senza vergognarsene, e prendendoci per il culo: “Non userei la parola minorenne a vanvera. E’ un termine vecchio, semmai direi che la ragazza di cui si sparla aveva meno di 18 anni…”

Sapere se per caso a Berlusconi piacciono le ragazzine non è una questione da poco, come sottolinea anche la “stampa disonesta” straniera, preoccupata anche delle sue tendenze dispotiche.
Dietro ai meccanismi di fascinazione che dominatori e dittatori esercitano sulle folle vi sono schemi che sono molto simili a quelli della seduzione pedofila, la quale utilizza l’adulazione, la promessa e l’ottenimento della fiducia da parte della vittima attraverso la promessa di qualcosa.
Una volta ottenuto il suo scopo, il dittatore non ha più bisogno del consenso del popolo, lo tiene soggiogato con il terrore, esattamente come fa il pedofilo con il bambino abusato. Ogni popolo caduto nelle grinfie di un dittatore ne è stato prima sedotto.

L’omino di burro di Pinocchio, ritratto da manuale di pedofilo, promette ai bambini che rapisce e trasforma in somari, metafora della vergogna dell’abusato, un mondo meraviglioso, fatto di giochi, ozio, zucchero filato e soprattutto assenza di responsabilità.
Non ricorda il politico che chiede carta bianca per il ghe pensi mi agli elettori stanchi di politica ed in cambio promette il benessere, la felicità e la ricchezza senza fatica, basta solo agitargli bene l’entusiasmo?
Siamo già un popolo di somari, non abbiamo bisogno di politici di burro.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

“Dunque, dice Noemi che Berlusconi la chiama al telefono. Proprio lui, direttamente. Nessuna segretaria. Nessun centralino. Lui, direttamente. Era pomeriggio, le cinque o le sei del pomeriggio, Noemi stava studiando. Berlusconi le dice che ha visto le foto; le dice che è stato colpito dal suo “viso angelico”, dalla sua “purezza”; le dice che deve conservarsi così com’è, “pura”. (Dall’intervista all’ex fidanzatino.)
Gli ex sono sempre pericolosi. Sono quelli che ti sputtanano senza alcuna pietà sulla neogogna YouTube, non perdonandoti qualche debolezza, diversi bicchieri e molti freni inibitori caduti ai tempi della passione e lasciati imprudentemente su videocassetta, telefonino o lettera.
Chi spiattella i fatti privatissimi delle/degli ex è sempre mosso da rancore e, in questo caso particolare, magari da un desiderio inconscio di rubare la scena.

L’ex di Noemi, dopo l’intervista, si è subito beccato una sfilza di querele da personcine armate di avvocati taglienti come rasoi e quindi, a meno di non trovarci di fronte ad un incosciente, ad un amante degli sport estremi o ad una specie di kamikaze proletario lanciato a bomba contro l’ingiustizia, qualcosa di vero ci deve essere nella sua storia. Se non altro il dispiacere di essere stato nascosto sotto il tappeto come un mucchietto di monnezza, o presentato come innocuo “cugino”, appena la rampantissima fidanzatina, sedotta dalla gabbia dorata e dalle collanine di brillantini, ha annusato il profumo dei soldi, del successo e di un mondo quasi irreale attraverso questa “amicizia” con il presidente del consiglio.
Povero ragazzo, lo capisco. Chiamare “cugino” uno che fino a cinque minuti prima era il tuo “porcellino” sulla letterina d’amore è un atteggiamento da puttanella, non da “pura siccome un angelo”. Poi puoi essere pure vergine (attenti padri a giurare sull’illibatezza delle figlie che di illibatezze ve ne sono di molte specie) ma puttanella rimani.

Gino racconta. Oltre alle famose feste e cene di rappresentanza delle quali abbiamo già saputo e visto, alle quali Noemi (minorenne) risulta presente non si sa bene in veste di che cosa, e noi speriamo veronicamente “perchè era sua figlia”, lui parla dell’invito per una vacanza in Sardegna nella villa del premier, assieme ad altre trenta, quaranta ragazze. Senza cugino, ovviamente.
Niente di nuovo. C’è, in quell’invito, tutta la mentalità da harem miliardario di Hugh Hefner e dell’allevamento intensivo di conigliette di Playboy ma c’è anche, vista la minore età dimostrata di almeno una delle partecipanti, l’ombra inquietante di Jacko e di Neverland. Sembra di vederle, le ninfette sculettanti per i giardini. Spettacolo compassionevole per satiri ormai solo necessariamente contemplativi o qualcos’altro? Dispiace dover pensar male, ma quando un adulto invita dei minori in una specie di paese dei balocchi, Jacko insegna, qualche dubbio viene.

L’offerta di “vergini al drago”, concetto espresso da Veronica Lario, è insinuazione troppo inquietante per essere lasciata cadere come semplice battuta. Di che tipo di offerta si tratta? L’interessato, ovverosia il drago, lo spieghi.
Forse, senza pensare a maialate da satrapi orientali, si vuole solo sottolineare il potere di seduzione e corruzione che un mondo così “meravigliosamente corrompente” ha sulle menti di ragazzine cresciute a pane e Beautiful. Il primo effetto tangibile è come viene immediatamente rinnegato il semplice figlio del popolo che ci veniva fidanzatino. Da quello a darla solo a penemuniti ad alto reddito e dietro lauto compenso, il passo è breve.
Ci si dimentica, e torniamo alle offerte da devolvere al drago, che l’uomo potente di denaro offre il successo ma, fin dai tempi del sofà del produttore, pretende anche una contropartita. Per qualche pervertito potrebbe bastare avere la casa piena di vocianti fanciulle senza alcun baccanale a seguire ma in ogni caso è meglio appurare.

E’ vero che Berlusconi faceva telefonate personali ad una minorenne dopo averne sfogliato il book fotografico? Se erano complimenti innocenti ad un’amica di famiglia in cerca di successo, non vi sarebbe stato niente di male. Perchè allora tutta quella reticenza sulle origine della conoscenza con i Letizia, per non parlare delle bugie?
La cosa migliore che può fare Berlusconi è allontanare con forza il sospetto ed il dubbio che si tratti di qualcosa d’altro, di un fuoco dei suoi lombi, per intenderci. Le alternative sono poche: o è una parente, o una conoscente oppure un interesse sessuale.

Se è sua figlia o nipote, cioè figlia di una figlia naturale (come altrettanto possibile), che lo dica. Ammettere che la pulzella è di sangue reale toglierebbe un bel po’ di argomenti ai detrattori del re. Ammettere la parentela con la ragazzina sarebbe fonte di ulteriori attriti famigliari e di problemi di ordine tecnico ereditario e dinastico, ma fugherebbe il più infamante dei sospetti. Magari con un bell’esame del DNA a reti unificate a chiudere tutte le malelingue dentro le rispettive boccacce.

Dire la verità qualunque essa sia, soprattutto se si tratta di parentela o conoscenza, è necessario, perchè purtroppo, e può confermarlo chiunque ne abbia fatto la triste esperienza, anche i pedofili quando vogliono agganciare la preda ti dicono che sei stupenda, così innocente e viso d’angelo. E’ ovvio, altrimenti che gusto c’è a spezzare le ali a chi non le ha?

Quando ero ragazzina, quattordici o quindici anni, per il solo fatto di aver pubblicato un annuncio per la ricerca di amici di penna su una rivista femminile (allora Internet era ancora una roba militare), fui tampinata da un tizio che, oltre alle lettere ed ai mazzi di fiori, voleva a tutti i costi conoscermi di persona, perchè ero speciale, un angelo e via dicendo.
Quando qualcuno parla di malattia, ricordo che spesso il pedofilo non si rende conto di essere nel torto. Per lui è, tra virgolette, normale corteggiare minorenni. E’ una persona che non sta bene, in un certo senso.

Ripensando a questo episodio lontano ma ancora inquietante mi rendo conto di quanto sia sacrosanta la lotta alla pedofilia che su Internet trova prede ancora più disponibili ed abbondanti di una volta.
Per questo motivo, mi meraviglia che il partito dove milita l’onorevole Carlucci, quella che augura ai figli degli oppositori politici l’incontro con un pedofilo, non si alzi in piedi come un sol uomo per chiedere a gran voce al suo re di parlare chiaro e fugare i dubbi che per prima ha insinuato una donna che lo conosce molto bene da trent’anni.

Non abbiamo bisogno di zelanti papiboys negatori della realtà come Carlo Rossella che dice, senza vergognarsene, e prendendoci per il culo: “Non userei la parola minorenne a vanvera. E’ un termine vecchio, semmai direi che la ragazza di cui si sparla aveva meno di 18 anni…”

Sapere se per caso a Berlusconi piacciono le ragazzine non è una questione da poco, come sottolinea anche la “stampa disonesta” straniera, preoccupata anche delle sue tendenze dispotiche.
Dietro ai meccanismi di fascinazione che dominatori e dittatori esercitano sulle folle vi sono schemi che sono molto simili a quelli della seduzione pedofila, la quale utilizza l’adulazione, la promessa e l’ottenimento della fiducia da parte della vittima attraverso la promessa di qualcosa.
Una volta ottenuto il suo scopo, il dittatore non ha più bisogno del consenso del popolo, lo tiene soggiogato con il terrore, esattamente come fa il pedofilo con il bambino abusato. Ogni popolo caduto nelle grinfie di un dittatore ne è stato prima sedotto.

L’omino di burro di Pinocchio, ritratto da manuale di pedofilo, promette ai bambini che rapisce e trasforma in somari, metafora della vergogna dell’abusato, un mondo meraviglioso, fatto di giochi, ozio, zucchero filato e soprattutto assenza di responsabilità.
Non ricorda il politico che chiede carta bianca per il ghe pensi mi agli elettori stanchi di politica ed in cambio promette il benessere, la felicità e la ricchezza senza fatica, basta solo agitargli bene l’entusiasmo?
Siamo già un popolo di somari, non abbiamo bisogno di politici di burro.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

“Dunque, dice Noemi che Berlusconi la chiama al telefono. Proprio lui, direttamente. Nessuna segretaria. Nessun centralino. Lui, direttamente. Era pomeriggio, le cinque o le sei del pomeriggio, Noemi stava studiando. Berlusconi le dice che ha visto le foto; le dice che è stato colpito dal suo “viso angelico”, dalla sua “purezza”; le dice che deve conservarsi così com’è, “pura”. (Dall’intervista all’ex fidanzatino.)
Gli ex sono sempre pericolosi. Sono quelli che ti sputtanano senza alcuna pietà sulla neogogna YouTube, non perdonandoti qualche debolezza, diversi bicchieri e molti freni inibitori caduti ai tempi della passione e lasciati imprudentemente su videocassetta, telefonino o lettera.
Chi spiattella i fatti privatissimi delle/degli ex è sempre mosso da rancore e, in questo caso particolare, magari da un desiderio inconscio di rubare la scena.

L’ex di Noemi, dopo l’intervista, si è subito beccato una sfilza di querele da personcine armate di avvocati taglienti come rasoi e quindi, a meno di non trovarci di fronte ad un incosciente, ad un amante degli sport estremi o ad una specie di kamikaze proletario lanciato a bomba contro l’ingiustizia, qualcosa di vero ci deve essere nella sua storia. Se non altro il dispiacere di essere stato nascosto sotto il tappeto come un mucchietto di monnezza, o presentato come innocuo “cugino”, appena la rampantissima fidanzatina, sedotta dalla gabbia dorata e dalle collanine di brillantini, ha annusato il profumo dei soldi, del successo e di un mondo quasi irreale attraverso questa “amicizia” con il presidente del consiglio.
Povero ragazzo, lo capisco. Chiamare “cugino” uno che fino a cinque minuti prima era il tuo “porcellino” sulla letterina d’amore è un atteggiamento da puttanella, non da “pura siccome un angelo”. Poi puoi essere pure vergine (attenti padri a giurare sull’illibatezza delle figlie che di illibatezze ve ne sono di molte specie) ma puttanella rimani.

Gino racconta. Oltre alle famose feste e cene di rappresentanza delle quali abbiamo già saputo e visto, alle quali Noemi (minorenne) risulta presente non si sa bene in veste di che cosa, e noi speriamo veronicamente “perchè era sua figlia”, lui parla dell’invito per una vacanza in Sardegna nella villa del premier, assieme ad altre trenta, quaranta ragazze. Senza cugino, ovviamente.
Niente di nuovo. C’è, in quell’invito, tutta la mentalità da harem miliardario di Hugh Hefner e dell’allevamento intensivo di conigliette di Playboy ma c’è anche, vista la minore età dimostrata di almeno una delle partecipanti, l’ombra inquietante di Jacko e di Neverland. Sembra di vederle, le ninfette sculettanti per i giardini. Spettacolo compassionevole per satiri ormai solo necessariamente contemplativi o qualcos’altro? Dispiace dover pensar male, ma quando un adulto invita dei minori in una specie di paese dei balocchi, Jacko insegna, qualche dubbio viene.

L’offerta di “vergini al drago”, concetto espresso da Veronica Lario, è insinuazione troppo inquietante per essere lasciata cadere come semplice battuta. Di che tipo di offerta si tratta? L’interessato, ovverosia il drago, lo spieghi.
Forse, senza pensare a maialate da satrapi orientali, si vuole solo sottolineare il potere di seduzione e corruzione che un mondo così “meravigliosamente corrompente” ha sulle menti di ragazzine cresciute a pane e Beautiful. Il primo effetto tangibile è come viene immediatamente rinnegato il semplice figlio del popolo che ci veniva fidanzatino. Da quello a darla solo a penemuniti ad alto reddito e dietro lauto compenso, il passo è breve.
Ci si dimentica, e torniamo alle offerte da devolvere al drago, che l’uomo potente di denaro offre il successo ma, fin dai tempi del sofà del produttore, pretende anche una contropartita. Per qualche pervertito potrebbe bastare avere la casa piena di vocianti fanciulle senza alcun baccanale a seguire ma in ogni caso è meglio appurare.

E’ vero che Berlusconi faceva telefonate personali ad una minorenne dopo averne sfogliato il book fotografico? Se erano complimenti innocenti ad un’amica di famiglia in cerca di successo, non vi sarebbe stato niente di male. Perchè allora tutta quella reticenza sulle origine della conoscenza con i Letizia, per non parlare delle bugie?
La cosa migliore che può fare Berlusconi è allontanare con forza il sospetto ed il dubbio che si tratti di qualcosa d’altro, di un fuoco dei suoi lombi, per intenderci. Le alternative sono poche: o è una parente, o una conoscente oppure un interesse sessuale.

Se è sua figlia o nipote, cioè figlia di una figlia naturale (come altrettanto possibile), che lo dica. Ammettere che la pulzella è di sangue reale toglierebbe un bel po’ di argomenti ai detrattori del re. Ammettere la parentela con la ragazzina sarebbe fonte di ulteriori attriti famigliari e di problemi di ordine tecnico ereditario e dinastico, ma fugherebbe il più infamante dei sospetti. Magari con un bell’esame del DNA a reti unificate a chiudere tutte le malelingue dentro le rispettive boccacce.

Dire la verità qualunque essa sia, soprattutto se si tratta di parentela o conoscenza, è necessario, perchè purtroppo, e può confermarlo chiunque ne abbia fatto la triste esperienza, anche i pedofili quando vogliono agganciare la preda ti dicono che sei stupenda, così innocente e viso d’angelo. E’ ovvio, altrimenti che gusto c’è a spezzare le ali a chi non le ha?

Quando ero ragazzina, quattordici o quindici anni, per il solo fatto di aver pubblicato un annuncio per la ricerca di amici di penna su una rivista femminile (allora Internet era ancora una roba militare), fui tampinata da un tizio che, oltre alle lettere ed ai mazzi di fiori, voleva a tutti i costi conoscermi di persona, perchè ero speciale, un angelo e via dicendo.
Quando qualcuno parla di malattia, ricordo che spesso il pedofilo non si rende conto di essere nel torto. Per lui è, tra virgolette, normale corteggiare minorenni. E’ una persona che non sta bene, in un certo senso.

Ripensando a questo episodio lontano ma ancora inquietante mi rendo conto di quanto sia sacrosanta la lotta alla pedofilia che su Internet trova prede ancora più disponibili ed abbondanti di una volta.
Per questo motivo, mi meraviglia che il partito dove milita l’onorevole Carlucci, quella che augura ai figli degli oppositori politici l’incontro con un pedofilo, non si alzi in piedi come un sol uomo per chiedere a gran voce al suo re di parlare chiaro e fugare i dubbi che per prima ha insinuato una donna che lo conosce molto bene da trent’anni.

Non abbiamo bisogno di zelanti papiboys negatori della realtà come Carlo Rossella che dice, senza vergognarsene, e prendendoci per il culo: “Non userei la parola minorenne a vanvera. E’ un termine vecchio, semmai direi che la ragazza di cui si sparla aveva meno di 18 anni…”

Sapere se per caso a Berlusconi piacciono le ragazzine non è una questione da poco, come sottolinea anche la “stampa disonesta” straniera, preoccupata anche delle sue tendenze dispotiche.
Dietro ai meccanismi di fascinazione che dominatori e dittatori esercitano sulle folle vi sono schemi che sono molto simili a quelli della seduzione pedofila, la quale utilizza l’adulazione, la promessa e l’ottenimento della fiducia da parte della vittima attraverso la promessa di qualcosa.
Una volta ottenuto il suo scopo, il dittatore non ha più bisogno del consenso del popolo, lo tiene soggiogato con il terrore, esattamente come fa il pedofilo con il bambino abusato. Ogni popolo caduto nelle grinfie di un dittatore ne è stato prima sedotto.

L’omino di burro di Pinocchio, ritratto da manuale di pedofilo, promette ai bambini che rapisce e trasforma in somari, metafora della vergogna dell’abusato, un mondo meraviglioso, fatto di giochi, ozio, zucchero filato e soprattutto assenza di responsabilità.
Non ricorda il politico che chiede carta bianca per il ghe pensi mi agli elettori stanchi di politica ed in cambio promette il benessere, la felicità e la ricchezza senza fatica, basta solo agitargli bene l’entusiasmo?
Siamo già un popolo di somari, non abbiamo bisogno di politici di burro.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 82,957 hits

Categorie