You are currently browsing the category archive for the ‘sicilia’ category.

“In carcere, ammalato, fu invitato a parlare di Berlusconi e di me in maniera non positiva, non ha detto nulla, solo che eravamo due persone per bene, anche se gli era stato promesso di uscire.”
(Marcello dell’Utri, novembre 2009)

Il governo che perora la causa di santità di un boss della mafia, lo stalliere Mangano, eroe perchè muto come un pesce, è quello che si vanta di aver fatto di più contro la mafia negli ultimi 150 anni. Per esempio arrestando vecchi boss bolliti spacciandoli per pezzi da novanta il giorno dopo la deposizione in aula del pentito Spatuzza, che apre gli armadi e fa prendere aria a vecchi scheletri di una gravità inaudita: connivenza con la mafia e terrorismo di coloro che sono i nostri attuali governanti.
Che dei boss vengano messi fuori dal gioco non ha mai significato nulla nella lotta alla criminalità organizzata. Da che mondo è mondo i nuovi scalzano i vecchi. Esistono le guerre di mafia. Le faide, le famiglie sconfitte e quelle emergenti.
Nel finale del Padrino chi sferra un colpo mortale alla Mafia, facendo fuori una mappata di capi, è proprio Michael Corleone, il boss emergente.
Sarà quindi come dice Maroni che il governo ha quasi sconfitto la Piovra – e quando lo dice, cosa grave, lo pensa veramente, il Bobo – ma così, a pelle, mi va di credere di più ad uno come Gioacchino Genchi che sostiene che l’arresto dei due boss Nicchi e Fidanzati sia servito soprattutto per gettare fumo negli occhi ai telespettatori incuriositi da cosa aveva testé rivelato uno che la mafia la conosce bene dall’interno. Un pentito non è automaticamente depositario della verità assoluta ma è imperativo che le sue rivelazioni vengano sottoposte a riscontri oggettivi e indagini, vista la gravità dei reati in gioco.

Questo è un governo che in altri tempi aveva avuto un atteggiamento più tollerante nei confronti della Piovra:

“Con mafia e camorra bisogna convivere e i problemi di criminalità ognuno li risolva come vuole.”

(Pietro Lunardi, ministro del governo Berlusconi, agosto 2001)

Accompagnato sempre da un certo fastidio per il problema in sé:

“Noi trasmettiamo sempre un messaggio negativo. Ad esempio, se qualcuno, in viaggio per Palermo in aereo, non ricorda che l’immagine della Sicilia è legata alla mafia, noi la evidenziamo subito già con il nome dell’aeroporto… “
(Gianfranco Miccichè, presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, ottobre 2007, riferendosi all’aeroporto “Falcone e Borsellino” di Palermo.)

Gli aeroporti intitolati a coloro che morirono per mano mafiosa proprio non vanno giù ai berlusconidi e quindi si vuole togliere l’intitolazione a Pio la Torre dell’aeroporto di Comiso. Se abbiamo fede, un giorno un aeroporto lo intitoleranno proprio a Vittorio Mangano. L’eroe “di quei che parlen no”.

Chi comunque, pur combattendo la Piovra tentacolo per tentacolo come nemmeno Benito e il prefetto Mori, non riesce proprio a mandar giù l’antimafia è il sodale di Dell’Utri. Iddu in persona.

“Se trovo chi ha fatto le nove serie de La Piovra e chi scrive libri sulla mafia facendoci fare brutta figura nel mondo giuro che lo strozzo.” (Silvio Berlusconi, 28 novembre 2009)

Lui non lo fa apposta ma sembrano proprio le parole di un mafioso.
Quella frase Freud l’avrebbe definita un atto mancato. Silvio dimentica che le serie della Piovra sono dieci e non nove e che l’ultima è particolarmente interessante perchè narra della fine di Tano Cariddi. Suicida all’interno del cratere di un vulcano dopo una serie infinita di malefatte, compreso l’uxoricidio, non coperto da alcun Lodo Alfano. Forse a Silvio piace solo il lieto fine – e vissero mafiosi e contenti – ed ha rimosso il Tano flambé.

Il governo più antimafioso di tutti che però è allergico all’antimafia è un’altra delle stranezze italiane. Il problema è che la mafia la combattono i giudici e il nemico del governo Berlusconi sono i giudici.
L’ultima trovata dei berlusconidi rettiliani sui magistrati è fresca come l’ovetto appena uscito dal culo della gallina. Angelino Alfano sostiene, rinvigorendo una nota leggenda metropolitana, che i magistrati non lavorino e passino il loro tempo, invece di indagare, a fare i tronisti in televisione.
Ricordiamo al guardasigilli che le procure chiudono alle 13,30 (lo so perchè ogni tanto mi capita di utilizzarle per lavoro) e così i tribunali, non per colpa dei magistrati ma di un sistema della Giustizia che non ha i soldi per pagare gli stipendi di uscieri ed altro personale di supporto per l’intera giornata. Diano più soldi alla Giustizia, alle forze dell’ordine, comprino i toner per le stampanti cosicchè un cittadino possa farsi stampare la denuncia e vedrà, caro Angiolino, che i magistrati saranno ben contenti di lavorare il pomeriggio in ufficio invece di doversi portare i faldoni a casa.

A proposito di magistrati fancazzisti. Ieri pomeriggio, giusto per far fare una cattiva figura al mio paese e fare un dispetto al Papi, che non guasta, ho visto un DVD pescato domenica in fiera tra i 3×10 euro: “Paolo Borsellino”. Una fiction, nulla di più, un buon prodotto con ottimi interpreti come era stata “La Piovra” ma con una lezione storica da ricordare: negli anni ’80-’90, chi combatteva la mafia facendo sul serio, andando ad indagare anche il sottobosco delle connivenze e delle collusioni – quello che oggi Silvio vorrebbe rendere un non-reato, il concorso esterno in associazione mafiosa, chi insomma ha fatto sul serio lavorando giorno e notte (capito Angeli’?) per scoprire gli intrecci tra criminalità e affari, ci ha lasciato la pelle. Giuseppe Montana, Ninni Cassarà, Rocco Chinnici, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Tutti dello stesso gruppo di lavoro. Segno che avevano toccato il nervo scoperto.
Fatti fuori perchè forse non rivelassero quali sarebbero stati i nuovi referenti della mafia dopo il crollo della Prima Repubblica. E’ così evidente come nemmeno uno scarafaggio su un tappeto bianco.

Eppure basta un Maroni che va in tv a millantare successi inesistenti – cosa sta facendo il governo, per esempio, contro i Casalesi, O Sistema, le ‘ndrine e la Sacra Corona Unita? – per far credere ai buoi leghisti che l’unico loro problema sono i nègher.

Qualcuno sostiene che dietro le rivelazioni di Spatuzza contro Dell’Utri e Berlusconi, i compagni di frequenze, non vi sia una questione d’onore o di principio ma solo un messaggio mafioso che riguarda dei volgarissimi “piccioli”. Un recupero crediti, insomma. Oppure è venuto il tempo di ricambiare qualche favore. In ogni caso è gente che non si accontenta di promesse elettorali. Quelli fanno offerte che non si possono rifiutare e che rispondono al principio: morto un papi se ne fa un altro.
Mi ha colpito una frase pronunciata da Gioacchino Genchi nel filmato: “La mafia sta presentando il conto a qualcuno che sta andandosene ma la preoccupazione nasce dal pensiero di chi lo sostituirà, visto che in Italia al peggio non v’è fine.”
La mafia cerca nuovi referenti? Finiremo per rimpiangere Berlusconi? L’incubo continua.
Non so se si è capito che, sotto il governo Berlusconi, l’unico problema della Sicilia e l’unica cosa pericolosa sul suo territorio sono i cani randagi.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Non so se si è capito che, sotto il governo Berlusconi, l’unico problema della Sicilia e l’unica cosa pericolosa sul suo territorio sono i cani randagi.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Non so se si è capito che, sotto il governo Berlusconi, l’unico problema della Sicilia e l’unica cosa pericolosa sul suo territorio sono i cani randagi.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

In queste calde serate estive mi sto riguardando “La Piovra” in DVD.
Nella prima serie, che ho appena finito, il commissario Cattani combatte contro un’agguerrita ma circoscritta cosca locale. Palazzinari, immobiliaristi, notabili, banchieri, spacciatori, coalizzati nel grande affare del riciclaggio del denaro sporco. E’ una realtà ancora prettamente siciliana, una mafia d’altri tempi, che però ha già i suoi uomini piazzati nelle modeste tv locali.
C’è un oscuro personaggio, tale Laudeo, che si aggira per i salotti della borghesia mafiosa o fiancheggiatrice la malavita, reclutando personalità di spicco e offrendo loro la coalizione in un grande progetto per l’Italia. I riferimenti alla P2 sono palesi e, alla luce dei fatti storici successivi, il tutto suona tristemente beffardo. La vita che ha imitato l’arte.

Cattani spinge la sua indagine fino al punto di poter sgominare l’intreccio affaristico mafioso ma viene fermato da un odioso ricatto. Gli rapiscono la figlia e per riaverla viva dovrà non solo fermare le sue indagini ma rinnegarle e comportarsi lui stesso come un delinquente. Alla mafia non basta fermare il poliziotto che ha osato sfidarla ma vuole umiliarlo, annientarlo.

Nelle serie successive Cattani incontra personaggi della nuova mafia, con appoggi e coperture sempre più alte, sempre meno siciliane e più continentali e internazionali. Già la terza delle dieci serie è ambientata a Milano nei salotti dell’alta finanza, dominati da Tano Cariddi, un caruso dai capelli impomatati che ha fatto fortuna dal niente, con costanza e determinazione criminale.

Vedere “La Piovra” oggi, a ventiquattro anni dalla prima serie, fa uno strano effetto. E’ come tornare indietro nel tempo, vedere in embrione ciò che l’Italia è poi diventata e rendersi conto di non poter fare nulla per fermare il corso degli eventi, l’autodistruzione, di non poter soffocare quel mostro nella culla e poi svegliarsi e rendersi conto con sollievo di avere solo sognato. Ciò che i notabili della “organizzazione” hanno in mente di fare per l’Italia nella fiction sappiamo che si è avverato nella realtà e che forse è peggio di quanto potessimo immaginare. La cosa è agghiacciante e vagamente disperante. L’opposizione è stata sequestrata e il suo leader fa tutto ciò che gli chiedono di fare.

Quando uscì “La Piovra” tutti gli italiani solidarizzarono con il tutore della legge. Cattani divenne nel 1984 un indiscusso eroe popolare. Siamo sicuri che oggi un sondaggio non stabilirebbe che si tratta di un pericoloso comunista?
Dal sito di Remo Girone, leggo:

“La sua popolarità si afferma a livello internazionale con la partecipazione alla fortunata serie televisiva La Piovra, di cui diventa personaggio fisso, dalla terza (1987) alla decima (2000) serie, nel celebre ruolo di Tano Cariddi.

Ma Silvio Berlusconi esce allo scoperto e accusa il serial di fare cattiva pubblicità alla Sicilia. Lo segue a ruota Zeffirelli, allora senatore di Fi.
L’ultima polemica è legata a un’intervista di Girone. L’attore ha replicato: «L’impegno della “Piovra” è sempre stato civile ma abbiamo continuamente subito una serie di attacchi di ogni tipo, soprattutto dalle destre, e in particolare da Berlusconi e Zeffirelli. Quando si fa una fiction sulla mafia sembra che i mafiosi siamo noi. Noi realizziamo invece una serie su un fenomeno che obiettivamente esiste e non si può far finta che non esista. Nella stessa intervista ho detto che La Piovra difende tutti i giudici che fanno onestamente il loro lavoro, compreso Borsellino che non mi pare fosse di sinistra». Quanto alla strumentalizzazione elettorale «a prodotto ultimato – dice Stefano Munafò, capo di Rai Fiction – con il direttore generale, Celli, e di Raidue, Freccero, esamineremo “La Piovra 10” e se dovessimo ritenerla causa di turbamento della campagna elettorale ne sposteremo la programmazione, ma di politica nella storia ce ne è davvero poca. E’ la chiusura del vecchio ciclo».
Dopo questo scandalo la TV russa ha rifuitato di mostrare 5-10 serie di “La piovra”.

Ciò che comunque la fiction non è riuscita ad immaginare allora è come il potere che se la prende con la legge invece che con i delinquenti si sarebbe esaltato nel postribolare, nel godereccio e del pecoreccio. Non si poteva immaginare a quale livello di puttanaio (in tutti i sensi) ci saremmo ridotti.
C’è troppa serietà nel mondo della “Piovra” televisiva, un’atmosfera troppo austera, quasi funerea nella figura del cattivo. Bastava solo immaginare un Tano che racconta le barzellette sconce e tocca il culo alla segretaria per avere un’idea veramente profetica del futuro.

Per tirarci un po’ su, vi lascio con un’immagine della posizione della Piovra, che ben si adatta al gioco di parole del titolo e a questo paese che è diventato una grande società dei magnaccioni.

Peccato. Se in Italia vi fosse stata una zona desertica vi avrebbero costruito una città e l’avrebbero chiamata Las Figas.

OKNotizie Vota questo post su OKNotizie!

In queste calde serate estive mi sto riguardando “La Piovra” in DVD.
Nella prima serie, che ho appena finito, il commissario Cattani combatte contro un’agguerrita ma circoscritta cosca locale. Palazzinari, immobiliaristi, notabili, banchieri, spacciatori, coalizzati nel grande affare del riciclaggio del denaro sporco. E’ una realtà ancora prettamente siciliana, una mafia d’altri tempi, che però ha già i suoi uomini piazzati nelle modeste tv locali.
C’è un oscuro personaggio, tale Laudeo, che si aggira per i salotti della borghesia mafiosa o fiancheggiatrice la malavita, reclutando personalità di spicco e offrendo loro la coalizione in un grande progetto per l’Italia. I riferimenti alla P2 sono palesi e, alla luce dei fatti storici successivi, il tutto suona tristemente beffardo. La vita che ha imitato l’arte.

Cattani spinge la sua indagine fino al punto di poter sgominare l’intreccio affaristico mafioso ma viene fermato da un odioso ricatto. Gli rapiscono la figlia e per riaverla viva dovrà non solo fermare le sue indagini ma rinnegarle e comportarsi lui stesso come un delinquente. Alla mafia non basta fermare il poliziotto che ha osato sfidarla ma vuole umiliarlo, annientarlo.

Nelle serie successive Cattani incontra personaggi della nuova mafia, con appoggi e coperture sempre più alte, sempre meno siciliane e più continentali e internazionali. Già la terza delle dieci serie è ambientata a Milano nei salotti dell’alta finanza, dominati da Tano Cariddi, un caruso dai capelli impomatati che ha fatto fortuna dal niente, con costanza e determinazione criminale.

Vedere “La Piovra” oggi, a ventiquattro anni dalla prima serie, fa uno strano effetto. E’ come tornare indietro nel tempo, vedere in embrione ciò che l’Italia è poi diventata e rendersi conto di non poter fare nulla per fermare il corso degli eventi, l’autodistruzione, di non poter soffocare quel mostro nella culla e poi svegliarsi e rendersi conto con sollievo di avere solo sognato. Ciò che i notabili della “organizzazione” hanno in mente di fare per l’Italia nella fiction sappiamo che si è avverato nella realtà e che forse è peggio di quanto potessimo immaginare. La cosa è agghiacciante e vagamente disperante. L’opposizione è stata sequestrata e il suo leader fa tutto ciò che gli chiedono di fare.

Quando uscì “La Piovra” tutti gli italiani solidarizzarono con il tutore della legge. Cattani divenne nel 1984 un indiscusso eroe popolare. Siamo sicuri che oggi un sondaggio non stabilirebbe che si tratta di un pericoloso comunista?
Dal sito di Remo Girone, leggo:

“La sua popolarità si afferma a livello internazionale con la partecipazione alla fortunata serie televisiva La Piovra, di cui diventa personaggio fisso, dalla terza (1987) alla decima (2000) serie, nel celebre ruolo di Tano Cariddi.

Ma Silvio Berlusconi esce allo scoperto e accusa il serial di fare cattiva pubblicità alla Sicilia. Lo segue a ruota Zeffirelli, allora senatore di Fi.
L’ultima polemica è legata a un’intervista di Girone. L’attore ha replicato: «L’impegno della “Piovra” è sempre stato civile ma abbiamo continuamente subito una serie di attacchi di ogni tipo, soprattutto dalle destre, e in particolare da Berlusconi e Zeffirelli. Quando si fa una fiction sulla mafia sembra che i mafiosi siamo noi. Noi realizziamo invece una serie su un fenomeno che obiettivamente esiste e non si può far finta che non esista. Nella stessa intervista ho detto che La Piovra difende tutti i giudici che fanno onestamente il loro lavoro, compreso Borsellino che non mi pare fosse di sinistra». Quanto alla strumentalizzazione elettorale «a prodotto ultimato – dice Stefano Munafò, capo di Rai Fiction – con il direttore generale, Celli, e di Raidue, Freccero, esamineremo “La Piovra 10” e se dovessimo ritenerla causa di turbamento della campagna elettorale ne sposteremo la programmazione, ma di politica nella storia ce ne è davvero poca. E’ la chiusura del vecchio ciclo».
Dopo questo scandalo la TV russa ha rifuitato di mostrare 5-10 serie di “La piovra”.

Ciò che comunque la fiction non è riuscita ad immaginare allora è come il potere che se la prende con la legge invece che con i delinquenti si sarebbe esaltato nel postribolare, nel godereccio e del pecoreccio. Non si poteva immaginare a quale livello di puttanaio (in tutti i sensi) ci saremmo ridotti.
C’è troppa serietà nel mondo della “Piovra” televisiva, un’atmosfera troppo austera, quasi funerea nella figura del cattivo. Bastava solo immaginare un Tano che racconta le barzellette sconce e tocca il culo alla segretaria per avere un’idea veramente profetica del futuro.

Per tirarci un po’ su, vi lascio con un’immagine della posizione della Piovra, che ben si adatta al gioco di parole del titolo e a questo paese che è diventato una grande società dei magnaccioni.

Peccato. Se in Italia vi fosse stata una zona desertica vi avrebbero costruito una città e l’avrebbero chiamata Las Figas.

OKNotizie Vota questo post su OKNotizie!

In queste calde serate estive mi sto riguardando “La Piovra” in DVD.
Nella prima serie, che ho appena finito, il commissario Cattani combatte contro un’agguerrita ma circoscritta cosca locale. Palazzinari, immobiliaristi, notabili, banchieri, spacciatori, coalizzati nel grande affare del riciclaggio del denaro sporco. E’ una realtà ancora prettamente siciliana, una mafia d’altri tempi, che però ha già i suoi uomini piazzati nelle modeste tv locali.
C’è un oscuro personaggio, tale Laudeo, che si aggira per i salotti della borghesia mafiosa o fiancheggiatrice la malavita, reclutando personalità di spicco e offrendo loro la coalizione in un grande progetto per l’Italia. I riferimenti alla P2 sono palesi e, alla luce dei fatti storici successivi, il tutto suona tristemente beffardo. La vita che ha imitato l’arte.

Cattani spinge la sua indagine fino al punto di poter sgominare l’intreccio affaristico mafioso ma viene fermato da un odioso ricatto. Gli rapiscono la figlia e per riaverla viva dovrà non solo fermare le sue indagini ma rinnegarle e comportarsi lui stesso come un delinquente. Alla mafia non basta fermare il poliziotto che ha osato sfidarla ma vuole umiliarlo, annientarlo.

Nelle serie successive Cattani incontra personaggi della nuova mafia, con appoggi e coperture sempre più alte, sempre meno siciliane e più continentali e internazionali. Già la terza delle dieci serie è ambientata a Milano nei salotti dell’alta finanza, dominati da Tano Cariddi, un caruso dai capelli impomatati che ha fatto fortuna dal niente, con costanza e determinazione criminale.

Vedere “La Piovra” oggi, a ventiquattro anni dalla prima serie, fa uno strano effetto. E’ come tornare indietro nel tempo, vedere in embrione ciò che l’Italia è poi diventata e rendersi conto di non poter fare nulla per fermare il corso degli eventi, l’autodistruzione, di non poter soffocare quel mostro nella culla e poi svegliarsi e rendersi conto con sollievo di avere solo sognato. Ciò che i notabili della “organizzazione” hanno in mente di fare per l’Italia nella fiction sappiamo che si è avverato nella realtà e che forse è peggio di quanto potessimo immaginare. La cosa è agghiacciante e vagamente disperante. L’opposizione è stata sequestrata e il suo leader fa tutto ciò che gli chiedono di fare.

Quando uscì “La Piovra” tutti gli italiani solidarizzarono con il tutore della legge. Cattani divenne nel 1984 un indiscusso eroe popolare. Siamo sicuri che oggi un sondaggio non stabilirebbe che si tratta di un pericoloso comunista?
Dal sito di Remo Girone, leggo:

“La sua popolarità si afferma a livello internazionale con la partecipazione alla fortunata serie televisiva La Piovra, di cui diventa personaggio fisso, dalla terza (1987) alla decima (2000) serie, nel celebre ruolo di Tano Cariddi.

Ma Silvio Berlusconi esce allo scoperto e accusa il serial di fare cattiva pubblicità alla Sicilia. Lo segue a ruota Zeffirelli, allora senatore di Fi.
L’ultima polemica è legata a un’intervista di Girone. L’attore ha replicato: «L’impegno della “Piovra” è sempre stato civile ma abbiamo continuamente subito una serie di attacchi di ogni tipo, soprattutto dalle destre, e in particolare da Berlusconi e Zeffirelli. Quando si fa una fiction sulla mafia sembra che i mafiosi siamo noi. Noi realizziamo invece una serie su un fenomeno che obiettivamente esiste e non si può far finta che non esista. Nella stessa intervista ho detto che La Piovra difende tutti i giudici che fanno onestamente il loro lavoro, compreso Borsellino che non mi pare fosse di sinistra». Quanto alla strumentalizzazione elettorale «a prodotto ultimato – dice Stefano Munafò, capo di Rai Fiction – con il direttore generale, Celli, e di Raidue, Freccero, esamineremo “La Piovra 10” e se dovessimo ritenerla causa di turbamento della campagna elettorale ne sposteremo la programmazione, ma di politica nella storia ce ne è davvero poca. E’ la chiusura del vecchio ciclo».
Dopo questo scandalo la TV russa ha rifuitato di mostrare 5-10 serie di “La piovra”.

Ciò che comunque la fiction non è riuscita ad immaginare allora è come il potere che se la prende con la legge invece che con i delinquenti si sarebbe esaltato nel postribolare, nel godereccio e del pecoreccio. Non si poteva immaginare a quale livello di puttanaio (in tutti i sensi) ci saremmo ridotti.
C’è troppa serietà nel mondo della “Piovra” televisiva, un’atmosfera troppo austera, quasi funerea nella figura del cattivo. Bastava solo immaginare un Tano che racconta le barzellette sconce e tocca il culo alla segretaria per avere un’idea veramente profetica del futuro.

Per tirarci un po’ su, vi lascio con un’immagine della posizione della Piovra, che ben si adatta al gioco di parole del titolo e a questo paese che è diventato una grande società dei magnaccioni.

Peccato. Se in Italia vi fosse stata una zona desertica vi avrebbero costruito una città e l’avrebbero chiamata Las Figas.

OKNotizie Vota questo post su OKNotizie!

Sto cucinando una ratatouille che in itinere si è trasformata in una caponata, grazie al tocco di aceto balsamico insegnatomi dall’amico Salvo. E’ bello rimescolare tante verdure diverse nel wok, sentirne gli odori che ne emanano. Cucinare rilassa e mentre rimescoli il cibo, tanti pensieri ti corrono nel cervello sui pattini, alcuni silenziosamente, sul ghiaccio, altri sbatacchiando come quei maledetti skateboard.
Oggi la UE ha deciso che, per certi tipi di contratto come quelli a chiamata, si potrà lavorare fino ad un massimo di 65 ore settimanali. Sarà indispensabile a questo punto dotare i lavoratori di catetere, così si eviteranno anche le fastidiose soste per la pisciatina. Per altre necessità: un semplice ed economico tappo.
65 ore in una settimana vuol dire vivere solo per il lavoro. Non avere più una vita. Addormentarsi mentre si conduce un autobus. Vabbè, tanto avremo un’eternità per dormire.

Ieri ho sentito la Fiamma Nirenstein a Radio Radicale annunciare, tutta eccitata, che gli USA finalmente sganceranno gli agognati aerei Stealth ad Israele. Sono gli aerei invisibili, rapidi ed infallibili, che arrivano, fanno danno ma nessuno li ha visti sul radar. “Chi ti ha bombardato Ahmed?” “Nessuno mi ha bombardato, Nessuno!”
Comunque c’è un qualcosa di leggermente osceno in una donna che gioisce per nuovi ninnoli da guerra da regalare al marito.

Sono quarant’anni dal 1968 e tutto ciò che ne consegue ma nessuno ne parla. Né tv, né giornali, nemmeno History Channel. L’altro giorno ho visto, giusto per stare in tema “The Dreamers” di Bertolucci. La trama è ficcante: uno studentello dai labbroni a canotto viene adescato da una coppia perversa di fratelli e scopre che, come gli diceva sempre sua madre, le più troie sono le vergini. Che c’entra il ’68? Me lo sono chiesta anch’io. Citofonare Bernardo.

La nazionale di calcio ha avuto il suo primo Vietnam europeo ieri sera. Come da copione. I grandi eserciti imperiali perdono sempre contro la guerriglia. Solo noi come campioni del mondo potevamo perdere la partita con tre pappine implacabili.
Avete visto Marco Van Basten alla fine? Aveva lo sguardo di Ali Agca quando diceva “Io no sparato a Pappa”. Per Donadoni stanno già preparando la croce. Gattuso è stato sentito dire “io a quello non lo conosco” (riferendosi al suo mister).

Com’è stato possibile che tra una montagna di monnezza televisiva la RAI ci abbia potuto dare “Il commissario Montalbano”? Mi sto riguardando gli episodi in dvd. Mi piace tutto di quella serie ma soprattuto le location, i luoghi. Quando la Sicilia ti si presenta di fronte mostrando senza pudore Scicli e Marina di Ragusa, le perdoni anche Schifani. Riuscite ad ottenere lo stesso risultato con Trezzano sul Naviglio?

Il primario della clinica privata si difende: “Era per il bene dei pazienti”. Anche i pedofili sono convinti di insegnare educazione sessuale ai bambini che si fottono.

La Carfagna ha detto, in una intervista al TG2: “Se avessi un figlio gay lo inviterei a vivere la sua vita ma senza eccessi, con sobrietà”. Forse a Ferragosto gli permetterebbe anche di uscire di casa.
Siamo sicuri che sappia cosa significa sobrietà? Per me si è svegliata una mattina con la parola sobrietà che le frullava in testa, le è piaciuta così tanto che ora non se ne separa mai. Come la copertina di Linus.

Domani, 11 giugno, arriva Bush. La scelta del numero del giorno è puramente casuale.

http://media.imeem.com/m/dWZbqan07D/aus=false/


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sto cucinando una ratatouille che in itinere si è trasformata in una caponata, grazie al tocco di aceto balsamico insegnatomi dall’amico Salvo. E’ bello rimescolare tante verdure diverse nel wok, sentirne gli odori che ne emanano. Cucinare rilassa e mentre rimescoli il cibo, tanti pensieri ti corrono nel cervello sui pattini, alcuni silenziosamente, sul ghiaccio, altri sbatacchiando come quei maledetti skateboard.
Oggi la UE ha deciso che, per certi tipi di contratto come quelli a chiamata, si potrà lavorare fino ad un massimo di 65 ore settimanali. Sarà indispensabile a questo punto dotare i lavoratori di catetere, così si eviteranno anche le fastidiose soste per la pisciatina. Per altre necessità: un semplice ed economico tappo.
65 ore in una settimana vuol dire vivere solo per il lavoro. Non avere più una vita. Addormentarsi mentre si conduce un autobus. Vabbè, tanto avremo un’eternità per dormire.

Ieri ho sentito la Fiamma Nirenstein a Radio Radicale annunciare, tutta eccitata, che gli USA finalmente sganceranno gli agognati aerei Stealth ad Israele. Sono gli aerei invisibili, rapidi ed infallibili, che arrivano, fanno danno ma nessuno li ha visti sul radar. “Chi ti ha bombardato Ahmed?” “Nessuno mi ha bombardato, Nessuno!”
Comunque c’è un qualcosa di leggermente osceno in una donna che gioisce per nuovi ninnoli da guerra da regalare al marito.

Sono quarant’anni dal 1968 e tutto ciò che ne consegue ma nessuno ne parla. Né tv, né giornali, nemmeno History Channel. L’altro giorno ho visto, giusto per stare in tema “The Dreamers” di Bertolucci. La trama è ficcante: uno studentello dai labbroni a canotto viene adescato da una coppia perversa di fratelli e scopre che, come gli diceva sempre sua madre, le più troie sono le vergini. Che c’entra il ’68? Me lo sono chiesta anch’io. Citofonare Bernardo.

La nazionale di calcio ha avuto il suo primo Vietnam europeo ieri sera. Come da copione. I grandi eserciti imperiali perdono sempre contro la guerriglia. Solo noi come campioni del mondo potevamo perdere la partita con tre pappine implacabili.
Avete visto Marco Van Basten alla fine? Aveva lo sguardo di Ali Agca quando diceva “Io no sparato a Pappa”. Per Donadoni stanno già preparando la croce. Gattuso è stato sentito dire “io a quello non lo conosco” (riferendosi al suo mister).

Com’è stato possibile che tra una montagna di monnezza televisiva la RAI ci abbia potuto dare “Il commissario Montalbano”? Mi sto riguardando gli episodi in dvd. Mi piace tutto di quella serie ma soprattuto le location, i luoghi. Quando la Sicilia ti si presenta di fronte mostrando senza pudore Scicli e Marina di Ragusa, le perdoni anche Schifani. Riuscite ad ottenere lo stesso risultato con Trezzano sul Naviglio?

Il primario della clinica privata si difende: “Era per il bene dei pazienti”. Anche i pedofili sono convinti di insegnare educazione sessuale ai bambini che si fottono.

La Carfagna ha detto, in una intervista al TG2: “Se avessi un figlio gay lo inviterei a vivere la sua vita ma senza eccessi, con sobrietà”. Forse a Ferragosto gli permetterebbe anche di uscire di casa.
Siamo sicuri che sappia cosa significa sobrietà? Per me si è svegliata una mattina con la parola sobrietà che le frullava in testa, le è piaciuta così tanto che ora non se ne separa mai. Come la copertina di Linus.

Domani, 11 giugno, arriva Bush. La scelta del numero del giorno è puramente casuale.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sto cucinando una ratatouille che in itinere si è trasformata in una caponata, grazie al tocco di aceto balsamico insegnatomi dall’amico Salvo. E’ bello rimescolare tante verdure diverse nel wok, sentirne gli odori che ne emanano. Cucinare rilassa e mentre rimescoli il cibo, tanti pensieri ti corrono nel cervello sui pattini, alcuni silenziosamente, sul ghiaccio, altri sbatacchiando come quei maledetti skateboard.
Oggi la UE ha deciso che, per certi tipi di contratto come quelli a chiamata, si potrà lavorare fino ad un massimo di 65 ore settimanali. Sarà indispensabile a questo punto dotare i lavoratori di catetere, così si eviteranno anche le fastidiose soste per la pisciatina. Per altre necessità: un semplice ed economico tappo.
65 ore in una settimana vuol dire vivere solo per il lavoro. Non avere più una vita. Addormentarsi mentre si conduce un autobus. Vabbè, tanto avremo un’eternità per dormire.

Ieri ho sentito la Fiamma Nirenstein a Radio Radicale annunciare, tutta eccitata, che gli USA finalmente sganceranno gli agognati aerei Stealth ad Israele. Sono gli aerei invisibili, rapidi ed infallibili, che arrivano, fanno danno ma nessuno li ha visti sul radar. “Chi ti ha bombardato Ahmed?” “Nessuno mi ha bombardato, Nessuno!”
Comunque c’è un qualcosa di leggermente osceno in una donna che gioisce per nuovi ninnoli da guerra da regalare al marito.

Sono quarant’anni dal 1968 e tutto ciò che ne consegue ma nessuno ne parla. Né tv, né giornali, nemmeno History Channel. L’altro giorno ho visto, giusto per stare in tema “The Dreamers” di Bertolucci. La trama è ficcante: uno studentello dai labbroni a canotto viene adescato da una coppia perversa di fratelli e scopre che, come gli diceva sempre sua madre, le più troie sono le vergini. Che c’entra il ’68? Me lo sono chiesta anch’io. Citofonare Bernardo.

La nazionale di calcio ha avuto il suo primo Vietnam europeo ieri sera. Come da copione. I grandi eserciti imperiali perdono sempre contro la guerriglia. Solo noi come campioni del mondo potevamo perdere la partita con tre pappine implacabili.
Avete visto Marco Van Basten alla fine? Aveva lo sguardo di Ali Agca quando diceva “Io no sparato a Pappa”. Per Donadoni stanno già preparando la croce. Gattuso è stato sentito dire “io a quello non lo conosco” (riferendosi al suo mister).

Com’è stato possibile che tra una montagna di monnezza televisiva la RAI ci abbia potuto dare “Il commissario Montalbano”? Mi sto riguardando gli episodi in dvd. Mi piace tutto di quella serie ma soprattuto le location, i luoghi. Quando la Sicilia ti si presenta di fronte mostrando senza pudore Scicli e Marina di Ragusa, le perdoni anche Schifani. Riuscite ad ottenere lo stesso risultato con Trezzano sul Naviglio?

Il primario della clinica privata si difende: “Era per il bene dei pazienti”. Anche i pedofili sono convinti di insegnare educazione sessuale ai bambini che si fottono.

La Carfagna ha detto, in una intervista al TG2: “Se avessi un figlio gay lo inviterei a vivere la sua vita ma senza eccessi, con sobrietà”. Forse a Ferragosto gli permetterebbe anche di uscire di casa.
Siamo sicuri che sappia cosa significa sobrietà? Per me si è svegliata una mattina con la parola sobrietà che le frullava in testa, le è piaciuta così tanto che ora non se ne separa mai. Come la copertina di Linus.

Domani, 11 giugno, arriva Bush. La scelta del numero del giorno è puramente casuale.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Flickr Photos

Blog Stats

  • 83,349 hits

Categorie