You are currently browsing the category archive for the ‘telefono’ category.

“Siamo tutti spiati”, urlava ieri il nanaccio dal solito palchetto da imbonitore congressuale, brandendo come una katana uno dei suoi più spompati deliri, quello di persecuzione. Dopo il presidente operaio, il presidente pompiere ed il presidente protettore civile, ecco il presidente paranoico ossessionato dalle cimici che si arrampicano sui muri e dalle reti invisibili di controllo che alieni malvagi, magistrati e comunisti hanno steso per tenerlo d’occhio. Un nuovo pupazzetto dipinto a mano da aggiungere ad una collezione che fa invidia a quella dei Puffi.

Ancora una volta un “tutti” usato come arma impropria, una generalizzazione che semplifica il concetto annullandolo nella propaganda. Per la cronaca, le persone sottoposte ad intercettazione telefonica in Italia sono, secondo un calcolo delle agenzie competenti, ventiseimila. Che diventano, per il moltiplicatore di pani e cimici di Arcore, sette milioni e mezzo di cittadini.

Come al solito il nostro usa un suo problema personale per convincere gli italiani di averne uno simile anch’essi. Non essendo riuscito a farli diventare tutti fantastiliardari come lui, pensa di cavarsela, come premio di consolazione, con la coccarda “Anche tu intercettato come me.” Naturalmente qualche papiminkia suggestionabile che si convince di essere anch’esso spiato come il capo volete che non salti fuori? “Si, si è vero, è una vergogna, siamo tutti spiati, Silvio ha ragione”, dicono appaludendo con le manone.

La menzogna del pupazzetto contiene come al solito una verità. In Italia è vero che si è spiati ma non dalla magistratura, che se lo fa ha sempre i suoi buoni motivi e per giunta legali, per esempio perchè pensa che siamo dei delinquenti in procinto di commettere un reato e cercano di impedirci di perpetrarlo. Con le probabili vittime che magari anticipatamente ringraziano.

Premesso che, fin dai tempi di Caino e Abele, chi fa parte del Potere è sottoposto al controllo dei suoi simili di casta e che la battaglia per il potere è da sempre combattuta a colpi di dossier, noi comuni cittadini siamo più facilmente spiati, o meglio schedati, che è la parola giusta, per altri motivi e da organismi tutt’altro che limpidi e regolari che niente hanno a che vedere con la magistratura che fa il suo mestiere contro il crimine.
Nei decenni passati, giusto per fare un poco di storia, chi faceva politica ed era iscritto ad un sindacato (a quel sindacato), veniva automaticamente schedato, cioè finiva nella lista nera. Nelle piccole e grandi fabbriche, c’era sempre modo di sapere chi era comunista. E, ovviamente, le idee politiche sono un fatto privato, sono dati sensibili che non dovrebbero interessare al datore di lavoro, soprattutto come scusa per licenziarti.
Poteva perfino succedere che certi politici locali andassero a spulciare le liste delle firme raccolte in piazza da un partito per vedere se c’era il figlio di tizio o di caio e in quel modo dare un parere all’imprenditore desideroso di conoscere le opinioni politiche di un neoassunto.

In occasione della recente campagna denigratoria contro il direttore di “Avvenire”, caduto sotto le grinfie degli “inglorious bastards” che scrivono sugli house organ di famigghia, si è riparlato della possibilità che anche l’essere omosessuali o il frequentare persone ed ambienti omosessuali possa costituire da sempre motivo di schedatura.

A parte le schedature politiche, i cittadini sono sotto osservazione continua delle telecamere poste ovunque, anche nei luoghi pubblici. Sono torturati ad ogni ora del giorno da telefonate moleste di gente che vuole vender loro qualcosa.
Il ministro sassofonista acchiappamafiosi vuole addirittura mettere in tutte le principali stazioni ferroviarie i body scanner, quelli che ti guardano dentro le mutandine per vedere se ci nascondi una pistola o sei solo contento di vederlo.
Ovviamente la scusa è che bisogna difendersi dal terrrrorismo interrrrrnazionale, quello con tutte le errre, che magari lancerebbe una Freccia Rossa a bomba contro l’ingiustizia, e non perchè magari chi fabbrica quegli aggeggi vuole fare l’affarone con la grande Meretrice che è lo Stato committente.

Ormai lo sanno anche i sanpietrini che queste norme antiterrorismo che scimmiottano il famigerato “Patriot Act” degli Stati Uniti, non servono contro il terrorismo (che viene fuori a comando quando, come la serva, serve) ma per controllare meglio i cittadini nei loro movimenti ed azioni. Anvedi mai che crollino tutte le Borsacce all’unisono e scoppino tumulti. Con la scusa del terrorismo gli scateniamo contro i Robocop e li immobilizziamo con i pungoli elettrici che avevamo già pronti dai tempi di Bin Laden.

Al Grande Protettore della privacy dei cittadini pronto a disfare la Costituzione pro domo sua chiederei, inoltre, perchè io, mentre sto esercitando le mie funzioni di segretaria e telefono per conto della mia ditta al call center di un fornitore di energia per sbrigare una pratica amministrativa, devo dare le mie generalità comprensive di codice fiscale (non la partita IVA della ditta, badate bene, il mio codice fiscale) senza potermi opporre alla richiesta, altrimenti la pratica non va avanti? Che gliene fotte ad Enel o alla Telecom di chi materialmente sbriga un lavoro aziendale per conto del suo datore di lavoro?

A proposito, sapremo mai la verità sui dossier Telecom, sull’Agenzia di Tavaroli e compagnia bella? Sull’uso illegale di intercettazioni telefoniche fatto per conto del centrodestra allo scopo di fottere i politici di sinistra? Sui nastri che arrivano sul tavolo di Silvio grazie ai buoni servigi dei parenti?
Con la legge contro le intercettazioni, i magistrati non potranno più di fatto usare le intercettazioni e tentare di sventare crimini in divenire.
I giornalisti non potranno più raccontare le meschinità e la delinquenza della classe dirigente.
Siamo sicuri che le agenzie illegali non continueranno a spiare come e più di prima in nome e per conto di chi comanda ormai in maniera assoluta? Non è che non vogliono le intercettazioni. Vogliono poterle fare solo loro.

Annunci
Giusto un anno fa, in questo post, raccontavo le vicissitudini della piccola azienda Miranda srl nel passaggio da una compagnia telefonica all’altra, alla ricerca di un piano tariffario più a buon mercato e delle peripezie della sua instancabile segretaria amministrativa, Signora Genoveffa, nota in ufficio come Lady Rottweiler a causa della sua teutonica affidabilità ed efficienza.

Ci sono stati degli sviluppi, nella vicenda, che è interessante divulgare, a perenne ludibrio della telefonia mobile italiana, gestita in alcuni casi da veri e propri avventurieri.

Fino alla fine dell’anno scorso, la Signora Genoveffa non poteva lamentarsi del contratto di telefonia mobile aziendale stipulato con la società Burp: bollette dimezzate rispetto a quelle di Bip, la tariffa più bassa in assoluto per minuto di chiamata, intercom gratuito e bonus sulle tasse governative.
Si, certo, a volte la copertura in certe zone lascia a desiderare, la comunicazione procede a singhiozzo ma, come si dice, a caval quasi donato…
Tutto bene quindi fintantoché l’azienda dove lavora Genoveffa non decide di cambiare intestazione societaria. Da Miranda srl a Miranda & Miranda snc.

Per quasi tutti i contratti di utenza accesi con la vecchia società non vi sono problemi per effettuare il subentro della nuova. Luce, gas, acqua, rifiuti urbani, telefonia fissa. Superata un’iniziale difficoltà dell’operatore di call center nel fare mente locale e capire che sia Miranda che Miranda & Miranda appartengono allo stesso proprietario, (chi chiede il subentro e chi ne dà il benestare sono quindi la stessa persona), c’è chi esegue la modifica dell’intestazione del contratto online e chi richiede di fornire la visura camerale ma nel complesso tutto procede bene. A parte le dozzine di minuti spesi con il cordless appiccicato all’orecchio in ascolto della musichina d’attesa.

Tutto ok tranne che con Burp, il gestore di telefonia mobile di Miranda srl. L’odissea omerica inizia a gennaio. Il primo risponditore afferma addirittura che non è possibile (?) effettuare subentri.
Alle proteste di Genoveffa ed ai “mavalà e macosadice”, costui si ravvede e dice che “si, si può fare, però…” e qui parte una sfilza di richieste di documenti, da inviare per raccomandata. Burp non ha una modulistica già pronta, come ad esempio TelefonItalia, quindi bisogna arrangiarsi.
Genoveffa copia quella di Telefon e invia il tutto. Passano due mesi e riceve una lettera dove Burp si dispiace di non aver potuto accogliere la richiesta perchè la pratica manca diella necessaria documentazione. Genoveffa richiama Burp e questa volta, per la prima volta, si sente richiedere di inviare loro “il nuovo contratto”. Quale nuovo contratto? Questo è un subentro, non un nuovo contratto. Il pischello dall’altra parte insiste, senza il nuovo contratto non ci sono santi.

Genoveffa ha quindi la brillante idea, giusto per interfacciarsi con qualcuno in carne ed ossa, di rivolgersi all’agente che le aveva fatto firmare il contratto a suo tempo. Si reca nel negozio dove sa che lui lavora part-time e chiede aiuto. La sua reazione è quella di colui al quale hai appena chiesto un prestito di 10.000 euro. “Ah, ma cosa mi dici. Però, sai, purtroppo non lavoro più per Burp”.
Ok”, insiste Genoveffa, “ma con te venne anche quella tua collega, come si chiama, Cunegonda!” “Oh, si, ti do il numero, prova a chiamarla. Io però, sai, non voglio più sapere nulla di Burp”.
Genoveffa inizia a farsi l’idea che Burp non abbia un parco di agenti molto affezionati alla ditta. Ne ha conferma quando prova ad inviare una mail a Cunegonda e a chiamarla per telefono.
“No, guardi, io non lavoro più per Burp, anzi, mi faccia la cortesia di non rompermi le scatole con quei bastardi”.

Sembra di essere in quegli horror dove il protagonista scopre a metà film di aver avuto a che fare fino a quel momento con dei fantasmi, incarnatisi nella sua mente malata.
La nostra ritelefona a Burp e chiede di farsi dare dei nominativi di agenti in servizio. Quattro nominativi: la prima la manda subito affanculo e la seconda sembra addirittura spaventata e prende le distanze da Burp (anche loro non ci lavorano più); il terzo non risponde e il quarto ha un numero inesistente.
Ennesima telefonata di una stremata Genoveffa al call center di Burp.
Dopo essere stata sballottata da un operatore all’altro come la classica patata bollente, alla fine trova un ragazzo molto gentile che le spiega cosa deve fare.
“Guarda, tu fai una fotocopia del contratto originale e invialo per raccomandata. Vedrai che la pratica andrà a buon fine”. Genoveffa esegue e resta in attesa. Passano altre due settimane e arriva un’altra lettera che dice che la pratica non può essere evasa per documentazione incompleta. La fotocopia non era leggibile, bisogna rifarla ricalcandoci sopra. Passano altri giorni. Telefona Burp: “Mi scusi ma l’IBAN non ci risulta corretto” (dopo che le fatture di un anno erano risultate correttamente pagate proprio tramite quell’IBAN).

Per farla breve, dopo altre sei-sette telefonate, raccomandate, incazzature e urli per telefono finalmente, alla fine di maggio, dopo 4 mesi, il subentro va a buon fine. Almeno così afferma il 245.789° operatore chiamato.
Disgustata da Burp, alla quale vuole farla pagare, Genoveffa accetta la corte di un simpaticissimo agente di Bip (il vecchio gestore di Miranda) che, capitatogli in negozio per caso, con una manovra di accerchiamento a base di testosterone e parlantina, la convince a tornare all’ovile. Il ragazzo è proprio simpatico. Come si presenta premette che “sono tutti dei manigoldi” (i gestori di telefonia mobile) però lui cerca di fare l’interesse del cliente. Sarà.

C’è un problema però. Il contratto stipulato con Burp ha appena un anno di vita. Ci sarà una penale da pagare. Beh, Bip ti rimborsa la penale. Il furbo agente ha un atroce dubbio e chiama Burp. “Scusi, sono Pietro Gambadilegno (si spaccia per il titolare di Genoveffa), legale rappresentante di Miranda & Miranda. So che è andato a buon fine il subentro. Mi fate pagare la penale se per caso, eventualmente, putacaso volessi cambiare gestore?”
Qui, state bene attenti, si va sul surreale. Il callcenterista di Burp risponde che “si, pagherebbe la penale, anzi quella doppia, perchè con il subentro ripartono i 48 mesi.” I 48 mesi sono il periodo entro il quale non puoi cambiare gestore telefonico in Italia se non a prezzo di un costoso pizzo, di una vera e propria estorsione. Alla faccia di Bersani, suppongo.
Taglio corto per non annoiarvi: secondo il simpatico agente di Bip, Gambadilegno dovrebbe ricevere da Burp una richiesta di penale da pagare di ben 400 euro. 100 euro a numero, raddoppiati perchè Burp la differenza tra subentro e nuovo contratto proprio non la capisce.

La storia non ha ancora avuto un termine. Ieri a Genoveffa ha telefonato una signorina di Bip. Sono spiacenti di non aver ancora potuto portare i due numeri su Bip perchè Burp sostiene che “non sono attivi”. “Ma come, se mi sta telefonando proprio su uno dei due numeri!” La signorina concorda che sono cose dell’altro mondo.
Genoveffa sta aspettando che i due numeri sequestrati vengano liberati e che arrivi la famosa penale da 400 euro per scatenare contro Burp tutte le associazioni di consumatori della galassia. Se si renderà necessario passare al lato oscuro della Forza, si farà anche quello.

Scommetto che non avete trovato difficoltà ad immedesimarvi nella protagonista di questa storia. La butto lì: siamo sicuri che, potendo i consumatori usufruire dell’istituto della class action, questi gestori truffaldini potrebbero continuare a vessare i clienti a questo modo?
Per ora accontentiamoci di una fart action. Accogliamo con un sonoro vento di culo le eventuali proposte commerciali che dovessero giungerci per telefono dalle compagnie telefoniche che ci hanno disgustato.
Resto in attesa dei vostri commenti e, se possibile, del racconto di disavventure ancora peggiori di quella di Genoveffa con Burp. Anzi Fart, che fa rima con vento.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sono arrivati. No, ditemi che sta capitando anche a voi. Adesso non rompono più telefonando solo a casa, preferibilmente la sera mentre stai cenando, ma anche al cellulare!!
La prima volta mi ha chiamato Vodafone, con le solite offerte. Poi un’altra chiamata, sempre Vodafone. Vabbé, è il mio gestore, mi sono detta, vorrà intortarmi con qualche nuovo profilo. Non mi interessa, grazie. Capiranno.
Invece no, quella era l’avanscoperta. Adesso è arrivata la nave madre.
Va avanti da giorni: sento il cellulare che suona, vado per rispondere e la comunicazione si interrompe. Quasi tutte le chiamate provengono da numeri nascosti ma stasera ne ho sgamato uno: Fastweb. Quattro chiamate nel giro di poche ore.

Forse ho capito il meccanismo. Le prime volte nascondono il numero ma intanto tu entri in allarme giallo. Poi svelano il numero e tu non puoi fare a meno di richiamare sulla chiamata persa. Così oltretutto, paghi tu la telefonata. Non è diabolico?
Mi fa piacere, tra l’altro, che Vodafone si sia venduta il mio numero affinchè ne approfittassero anche cani e porci.
Pensare che il mio telefonino era silenzioso come una tomba, suonava solo se strettamente necessario e a volte andavo a sincerarmi che fosse ancora vivo, tanto era silenzioso.

Non bastava che questi tafani, questi ignobili spaccacazzo chiamassero ad ogni ora del giorno sul telefono aziendale: “Sono Pincopalla, vorrei parlare con un titolare”. Ieri pomeriggio, ingannata dal fatto che il tipo si era qualificato come Doxa, sapete quanto mi ha tenuto in linea con il suo sondaggio? Quindici minuti. Senza vergogna, senza imbarazzo, incurante del fatto che stava interrompendomi nel lavoro e che io stavo diventando sempre più nervosa e indispettita.
Io tendenzialmente mi vergogno ogni volta che devo telefonare a qualcuno, vado in ansia. Ho sempre paura di disturbare. Percepisco il fatto che un telefono che squilla ti interrompe in quello che stavi facendo, è sempre una rottura di coglioni.
Loro invece, i callcenteristi, raggiungono l’orgasmo ogni volta che riescono a beccarti. Per me li drogano con roba pesa: coca o ketamina, roba che disinibisce un casino.

Ah si, eh? Con gli invasori della privacy, ora perfino quella del cellulare, non dobbiamo avere più pietà.
La supercazzola non basta, è troppo raffinata. Nemmeno l’invito alla gentile signorina che insiste a voler parlare “con chi si occupa di telefonia mobile” a dedicarsi a qualche dozzina di fellatio con ingoio ogni sera o quello diretto al suo collega maschio a praticare il coito anale passivo senza vaselina.

Qui ci vuole un’arma segreta, dirompente, devastante, peggio di un M16-Viper impostato a raffica.
Chissà se qualcuno riuscirebbe a realizzarmela. Voglio una segreteria telefonica intelligente che, quando chiama la pubblicità aggressiva la riconosca automaticamente e risponda con un preregistrato con la voce di Germano Mosconi, sciorinando tutto il suo repertorio in faccia alla malcapitata o malcapitato callcenterista.
Affanculo la solidarietà tra lavoratori, affanculo “ma poverini fanno un lavoro di merda”.
Chiamate Mosconi 3131. Secondo me funzionerebbe. A mali estremi…


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sono arrivati. No, ditemi che sta capitando anche a voi. Adesso non rompono più telefonando solo a casa, preferibilmente la sera mentre stai cenando, ma anche al cellulare!!
La prima volta mi ha chiamato Vodafone, con le solite offerte. Poi un’altra chiamata, sempre Vodafone. Vabbé, è il mio gestore, mi sono detta, vorrà intortarmi con qualche nuovo profilo. Non mi interessa, grazie. Capiranno.
Invece no, quella era l’avanscoperta. Adesso è arrivata la nave madre.
Va avanti da giorni: sento il cellulare che suona, vado per rispondere e la comunicazione si interrompe. Quasi tutte le chiamate provengono da numeri nascosti ma stasera ne ho sgamato uno: Fastweb. Quattro chiamate nel giro di poche ore.

Forse ho capito il meccanismo. Le prime volte nascondono il numero ma intanto tu entri in allarme giallo. Poi svelano il numero e tu non puoi fare a meno di richiamare sulla chiamata persa. Così oltretutto, paghi tu la telefonata. Non è diabolico?
Mi fa piacere, tra l’altro, che Vodafone si sia venduta il mio numero affinchè ne approfittassero anche cani e porci.
Pensare che il mio telefonino era silenzioso come una tomba, suonava solo se strettamente necessario e a volte andavo a sincerarmi che fosse ancora vivo, tanto era silenzioso.

Non bastava che questi tafani, questi ignobili spaccacazzo chiamassero ad ogni ora del giorno sul telefono aziendale: “Sono Pincopalla, vorrei parlare con un titolare”. Ieri pomeriggio, ingannata dal fatto che il tipo si era qualificato come Doxa, sapete quanto mi ha tenuto in linea con il suo sondaggio? Quindici minuti. Senza vergogna, senza imbarazzo, incurante del fatto che stava interrompendomi nel lavoro e che io stavo diventando sempre più nervosa e indispettita.
Io tendenzialmente mi vergogno ogni volta che devo telefonare a qualcuno, vado in ansia. Ho sempre paura di disturbare. Percepisco il fatto che un telefono che squilla ti interrompe in quello che stavi facendo, è sempre una rottura di coglioni.
Loro invece, i callcenteristi, raggiungono l’orgasmo ogni volta che riescono a beccarti. Per me li drogano con roba pesa: coca o ketamina, roba che disinibisce un casino.

Ah si, eh? Con gli invasori della privacy, ora perfino quella del cellulare, non dobbiamo avere più pietà.
La supercazzola non basta, è troppo raffinata. Nemmeno l’invito alla gentile signorina che insiste a voler parlare “con chi si occupa di telefonia mobile” a dedicarsi a qualche dozzina di fellatio con ingoio ogni sera o quello diretto al suo collega maschio a praticare il coito anale passivo senza vaselina.

Qui ci vuole un’arma segreta, dirompente, devastante, peggio di un M16-Viper impostato a raffica.
Chissà se qualcuno riuscirebbe a realizzarmela. Voglio una segreteria telefonica intelligente che, quando chiama la pubblicità aggressiva la riconosca automaticamente e risponda con un preregistrato con la voce di Germano Mosconi, sciorinando tutto il suo repertorio in faccia alla malcapitata o malcapitato callcenterista.
Affanculo la solidarietà tra lavoratori, affanculo “ma poverini fanno un lavoro di merda”.
Chiamate Mosconi 3131. Secondo me funzionerebbe. A mali estremi…


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Sono arrivati. No, ditemi che sta capitando anche a voi. Adesso non rompono più telefonando solo a casa, preferibilmente la sera mentre stai cenando, ma anche al cellulare!!
La prima volta mi ha chiamato Vodafone, con le solite offerte. Poi un’altra chiamata, sempre Vodafone. Vabbé, è il mio gestore, mi sono detta, vorrà intortarmi con qualche nuovo profilo. Non mi interessa, grazie. Capiranno.
Invece no, quella era l’avanscoperta. Adesso è arrivata la nave madre.
Va avanti da giorni: sento il cellulare che suona, vado per rispondere e la comunicazione si interrompe. Quasi tutte le chiamate provengono da numeri nascosti ma stasera ne ho sgamato uno: Fastweb. Quattro chiamate nel giro di poche ore.

Forse ho capito il meccanismo. Le prime volte nascondono il numero ma intanto tu entri in allarme giallo. Poi svelano il numero e tu non puoi fare a meno di richiamare sulla chiamata persa. Così oltretutto, paghi tu la telefonata. Non è diabolico?
Mi fa piacere, tra l’altro, che Vodafone si sia venduta il mio numero affinchè ne approfittassero anche cani e porci.
Pensare che il mio telefonino era silenzioso come una tomba, suonava solo se strettamente necessario e a volte andavo a sincerarmi che fosse ancora vivo, tanto era silenzioso.

Non bastava che questi tafani, questi ignobili spaccacazzo chiamassero ad ogni ora del giorno sul telefono aziendale: “Sono Pincopalla, vorrei parlare con un titolare”. Ieri pomeriggio, ingannata dal fatto che il tipo si era qualificato come Doxa, sapete quanto mi ha tenuto in linea con il suo sondaggio? Quindici minuti. Senza vergogna, senza imbarazzo, incurante del fatto che stava interrompendomi nel lavoro e che io stavo diventando sempre più nervosa e indispettita.
Io tendenzialmente mi vergogno ogni volta che devo telefonare a qualcuno, vado in ansia. Ho sempre paura di disturbare. Percepisco il fatto che un telefono che squilla ti interrompe in quello che stavi facendo, è sempre una rottura di coglioni.
Loro invece, i callcenteristi, raggiungono l’orgasmo ogni volta che riescono a beccarti. Per me li drogano con roba pesa: coca o ketamina, roba che disinibisce un casino.

Ah si, eh? Con gli invasori della privacy, ora perfino quella del cellulare, non dobbiamo avere più pietà.
La supercazzola non basta, è troppo raffinata. Nemmeno l’invito alla gentile signorina che insiste a voler parlare “con chi si occupa di telefonia mobile” a dedicarsi a qualche dozzina di fellatio con ingoio ogni sera o quello diretto al suo collega maschio a praticare il coito anale passivo senza vaselina.

Qui ci vuole un’arma segreta, dirompente, devastante, peggio di un M16-Viper impostato a raffica.
Chissà se qualcuno riuscirebbe a realizzarmela. Voglio una segreteria telefonica intelligente che, quando chiama la pubblicità aggressiva la riconosca automaticamente e risponda con un preregistrato con la voce di Germano Mosconi, sciorinando tutto il suo repertorio in faccia alla malcapitata o malcapitato callcenterista.
Affanculo la solidarietà tra lavoratori, affanculo “ma poverini fanno un lavoro di merda”.
Chiamate Mosconi 3131. Secondo me funzionerebbe. A mali estremi…


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Nel paese di Troppo Troppo Vicino c’è una piccola azienda, la chiameremo Miranda srl, che ha un contratto aziendale con una grossa compagnia di telefonia mobile, la Bip. Un contratto risalente al 2001 per il quale ogni bimestre paga 450-500 euro di bolletta. Volendo ottimizzare i costi aziendali e approfittare delle nuove tariffe ed offerte vantaggiose che vengono presentate sul sito del suo operatore telefonico, la nuova responsabile amministrativa della Miranda srl, Signora Genoveffa, contatta una prima volta il numero verde dell’assistenza clienti di Bip.
“Vorrei aggiornare il mio profilo tariffario.” “Non c’è problema, signora, la faccio contattare in giornata dall’addetta che segue il suo contratto.”
Nessuno si fa vivo e passa un mese. Genoveffa richiama il numero verde.
“Ci scusi, la facciamo richiamare subito.”
Nisba. Passa un bimestre ed un’altra bolletta da 490 euro. Questa volta Genoveffa fa la voce grossa con il call center e riceve un’ennesima promessa di contatto nel giro di due giorni.
Il suo ultimo disperato tentativo di farsi modificare ed attualizzare il contratto risale a quindici giorni fa, quando invia una email piccata alla signorina Cunegonda, dell’Assistenza Clienti Bip, nella quale minaccia di passare senza indugi ad un altro operatore di telefonia mobile se non fosse stata contattata nel giro di 48 ore. L’avete ricevuta voi, la risposta all’email? Genoveffa no.

Caso vuole che il giorno dopo si presenti in ufficio un agente della compagnia telefonica Burp che, ascoltata la triste storia, propone a Genoveffa di passare con loro e mandare nel casino la Bip e il suo vetusto contratto. Calcoli alla mano, la bolletta dovrebbe dimezzarsi grazie all’intercom gratuito, al rimborso delle tasse governative, all’assenza di scatto alla risposta ecc. Detto fatto, Genoveffa firma il nuovo contratto.
L’agente di Burp la avverte però che Bip la contatterà proponendole di restare con loro ma faccia attenzione che, nel caso dovesse rinunciare al passaggio, sarebbe tenuta a pagare la penale con Burp. “Le faranno un’offerta vantaggiosa per trattenerla, vedrà.”

Nulla però accade fino a tre giorni dall’annunciato passaggio al nuovo operatore quando il capo di Genoveffa riceve una telefonata al suo domicilio fisso (!), dove Bip gli propone un contratto “a prezzi stracciati” ma rifiutandosi di specificarne i dettagli. Il succo è: tu rinuncia al passaggio a Burp, firma con noi e poi eventualmente ti diciamo che cosa hai firmato. Il capo manda gentilmente la signorina interlocutrice affan…
Genoveffa invece riceve su tutti i cellulari dell’azienda un primo SMS che recita:

“Da Bip , le stiamo per inviare un SMS che dovrà restituire al seguente numero 01011110o111 digitando il tasto inoltra”.

Poi un secondo:

“Per Miranda srl, in qualità di legale rappresentante, revoco la MNP vs. Burp per le linee del contratto n° 01100000110”.

Genoveffa si guarda bene dal rispondere all’SMS e il giorno dopo viene informata che il passaggio a Burp è previsto per il giorno x.
La storia continua, sperando in un lieto fine.
Ho lasciato poco fa Genoveffa un po’ preoccupata. Non è che inizieranno ad arrivarle chiamate come in quei film coreani tipo “Phone”?

Anche se sembra una favola satirica, il racconto è pura cronaca vera. Lascio a voi i commenti. Così, a lume di naso, a me sembra che questo modo di trattare i clienti e tentare di costringerli a non recedere da un contratto sia da filibustieri, da pirati dei Caraibi.
E se uno distrattamente beccava e rispediva l’SMS? Che valore legale può avere una disdetta via SMS?

Capito perchè non vogliono la class action?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Nel paese di Troppo Troppo Vicino c’è una piccola azienda, la chiameremo Miranda srl, che ha un contratto aziendale con una grossa compagnia di telefonia mobile, la Bip. Un contratto risalente al 2001 per il quale ogni bimestre paga 450-500 euro di bolletta. Volendo ottimizzare i costi aziendali e approfittare delle nuove tariffe ed offerte vantaggiose che vengono presentate sul sito del suo operatore telefonico, la nuova responsabile amministrativa della Miranda srl, Signora Genoveffa, contatta una prima volta il numero verde dell’assistenza clienti di Bip.
“Vorrei aggiornare il mio profilo tariffario.” “Non c’è problema, signora, la faccio contattare in giornata dall’addetta che segue il suo contratto.”
Nessuno si fa vivo e passa un mese. Genoveffa richiama il numero verde.
“Ci scusi, la facciamo richiamare subito.”
Nisba. Passa un bimestre ed un’altra bolletta da 490 euro. Questa volta Genoveffa fa la voce grossa con il call center e riceve un’ennesima promessa di contatto nel giro di due giorni.
Il suo ultimo disperato tentativo di farsi modificare ed attualizzare il contratto risale a quindici giorni fa, quando invia una email piccata alla signorina Cunegonda, dell’Assistenza Clienti Bip, nella quale minaccia di passare senza indugi ad un altro operatore di telefonia mobile se non fosse stata contattata nel giro di 48 ore. L’avete ricevuta voi, la risposta all’email? Genoveffa no.

Caso vuole che il giorno dopo si presenti in ufficio un agente della compagnia telefonica Burp che, ascoltata la triste storia, propone a Genoveffa di passare con loro e mandare nel casino la Bip e il suo vetusto contratto. Calcoli alla mano, la bolletta dovrebbe dimezzarsi grazie all’intercom gratuito, al rimborso delle tasse governative, all’assenza di scatto alla risposta ecc. Detto fatto, Genoveffa firma il nuovo contratto.
L’agente di Burp la avverte però che Bip la contatterà proponendole di restare con loro ma faccia attenzione che, nel caso dovesse rinunciare al passaggio, sarebbe tenuta a pagare la penale con Burp. “Le faranno un’offerta vantaggiosa per trattenerla, vedrà.”

Nulla però accade fino a tre giorni dall’annunciato passaggio al nuovo operatore quando il capo di Genoveffa riceve una telefonata al suo domicilio fisso (!), dove Bip gli propone un contratto “a prezzi stracciati” ma rifiutandosi di specificarne i dettagli. Il succo è: tu rinuncia al passaggio a Burp, firma con noi e poi eventualmente ti diciamo che cosa hai firmato. Il capo manda gentilmente la signorina interlocutrice affan…
Genoveffa invece riceve su tutti i cellulari dell’azienda un primo SMS che recita:

“Da Bip , le stiamo per inviare un SMS che dovrà restituire al seguente numero 01011110o111 digitando il tasto inoltra”.

Poi un secondo:

“Per Miranda srl, in qualità di legale rappresentante, revoco la MNP vs. Burp per le linee del contratto n° 01100000110”.

Genoveffa si guarda bene dal rispondere all’SMS e il giorno dopo viene informata che il passaggio a Burp è previsto per il giorno x.
La storia continua, sperando in un lieto fine.
Ho lasciato poco fa Genoveffa un po’ preoccupata. Non è che inizieranno ad arrivarle chiamate come in quei film coreani tipo “Phone”?

Anche se sembra una favola satirica, il racconto è pura cronaca vera. Lascio a voi i commenti. Così, a lume di naso, a me sembra che questo modo di trattare i clienti e tentare di costringerli a non recedere da un contratto sia da filibustieri, da pirati dei Caraibi.
E se uno distrattamente beccava e rispediva l’SMS? Che valore legale può avere una disdetta via SMS?

Capito perchè non vogliono la class action?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Nel paese di Troppo Troppo Vicino c’è una piccola azienda, la chiameremo Miranda srl, che ha un contratto aziendale con una grossa compagnia di telefonia mobile, la Bip. Un contratto risalente al 2001 per il quale ogni bimestre paga 450-500 euro di bolletta. Volendo ottimizzare i costi aziendali e approfittare delle nuove tariffe ed offerte vantaggiose che vengono presentate sul sito del suo operatore telefonico, la nuova responsabile amministrativa della Miranda srl, Signora Genoveffa, contatta una prima volta il numero verde dell’assistenza clienti di Bip.
“Vorrei aggiornare il mio profilo tariffario.” “Non c’è problema, signora, la faccio contattare in giornata dall’addetta che segue il suo contratto.”
Nessuno si fa vivo e passa un mese. Genoveffa richiama il numero verde.
“Ci scusi, la facciamo richiamare subito.”
Nisba. Passa un bimestre ed un’altra bolletta da 490 euro. Questa volta Genoveffa fa la voce grossa con il call center e riceve un’ennesima promessa di contatto nel giro di due giorni.
Il suo ultimo disperato tentativo di farsi modificare ed attualizzare il contratto risale a quindici giorni fa, quando invia una email piccata alla signorina Cunegonda, dell’Assistenza Clienti Bip, nella quale minaccia di passare senza indugi ad un altro operatore di telefonia mobile se non fosse stata contattata nel giro di 48 ore. L’avete ricevuta voi, la risposta all’email? Genoveffa no.

Caso vuole che il giorno dopo si presenti in ufficio un agente della compagnia telefonica Burp che, ascoltata la triste storia, propone a Genoveffa di passare con loro e mandare nel casino la Bip e il suo vetusto contratto. Calcoli alla mano, la bolletta dovrebbe dimezzarsi grazie all’intercom gratuito, al rimborso delle tasse governative, all’assenza di scatto alla risposta ecc. Detto fatto, Genoveffa firma il nuovo contratto.
L’agente di Burp la avverte però che Bip la contatterà proponendole di restare con loro ma faccia attenzione che, nel caso dovesse rinunciare al passaggio, sarebbe tenuta a pagare la penale con Burp. “Le faranno un’offerta vantaggiosa per trattenerla, vedrà.”

Nulla però accade fino a tre giorni dall’annunciato passaggio al nuovo operatore quando il capo di Genoveffa riceve una telefonata al suo domicilio fisso (!), dove Bip gli propone un contratto “a prezzi stracciati” ma rifiutandosi di specificarne i dettagli. Il succo è: tu rinuncia al passaggio a Burp, firma con noi e poi eventualmente ti diciamo che cosa hai firmato. Il capo manda gentilmente la signorina interlocutrice affan…
Genoveffa invece riceve su tutti i cellulari dell’azienda un primo SMS che recita:

“Da Bip , le stiamo per inviare un SMS che dovrà restituire al seguente numero 01011110o111 digitando il tasto inoltra”.

Poi un secondo:

“Per Miranda srl, in qualità di legale rappresentante, revoco la MNP vs. Burp per le linee del contratto n° 01100000110”.

Genoveffa si guarda bene dal rispondere all’SMS e il giorno dopo viene informata che il passaggio a Burp è previsto per il giorno x.
La storia continua, sperando in un lieto fine.
Ho lasciato poco fa Genoveffa un po’ preoccupata. Non è che inizieranno ad arrivarle chiamate come in quei film coreani tipo “Phone”?

Anche se sembra una favola satirica, il racconto è pura cronaca vera. Lascio a voi i commenti. Così, a lume di naso, a me sembra che questo modo di trattare i clienti e tentare di costringerli a non recedere da un contratto sia da filibustieri, da pirati dei Caraibi.
E se uno distrattamente beccava e rispediva l’SMS? Che valore legale può avere una disdetta via SMS?

Capito perchè non vogliono la class action?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Questa sera vi propongo un viaggio nel trash seguendo la parola chiave: telefono. Vedremo se alla fine risulteranno più atroci le associazioni video subculturali che mi sono venute pensando alla telefonata tra Agostino Saccà e Silvio Berlusconi intercettata dalla magistratura e pubblicata su Repubblica, o la telefonata stessa.
Berlusconi si è incazzato tanto per la divulgazione della telefonata ma, dei due, quello che fa la figura di merda è Saccà. “Ciao, sono io… amore mio” , sembrava Claudia Mori in “Buonasera dottore”.
Lui, il presidente, cosa vuoi, non faceva altro che star lì a farsi leccare ed adulare come è abituato. A chi non piacerebbe sentirsi dire “sei il più amato dagli italiani”, come le signorine delle hotline che ti dicono “chissà che maschione sei… mmh”. Sicuramente non si sarà fatto le matte risate come quella volta con Marcello, ma meglio che farsi telefonare da Pierpaolo.

In fondo i due di cosa parlavano poi, di signorine da piazzare in RAI perchè il presidente Scavolini stava facendo campagna acquisti e gli serviva il voto del satiro arrapato. Poi, sempre Silvio, si faceva carico di una richiesta di Bossi, che poverino in fondo si sarebbe accontentato di guardare una fiction sul Barbarossa, magari con la borsa dell’acqua calda sulle ginocchia. Oops, non parliamo di borse dell’acqua calda, per carità.

Io temo che, pensando al suo povero inventore che inorridirà vedendo quali miserie la sua amata invenzione si sia ridotta a veicolare, al telefono non resti altro che piangere.

Questa sera vi propongo un viaggio nel trash seguendo la parola chiave: telefono. Vedremo se alla fine risulteranno più atroci le associazioni video subculturali che mi sono venute pensando alla telefonata tra Agostino Saccà e Silvio Berlusconi intercettata dalla magistratura e pubblicata su Repubblica, o la telefonata stessa.
Berlusconi si è incazzato tanto per la divulgazione della telefonata ma, dei due, quello che fa la figura di merda è Saccà. “Ciao, sono io… amore mio” , sembrava Claudia Mori in “Buonasera dottore”.
Lui, il presidente, cosa vuoi, non faceva altro che star lì a farsi leccare ed adulare come è abituato. A chi non piacerebbe sentirsi dire “sei il più amato dagli italiani”, come le signorine delle hotline che ti dicono “chissà che maschione sei… mmh”. Sicuramente non si sarà fatto le matte risate come quella volta con Marcello, ma meglio che farsi telefonare da Pierpaolo.

In fondo i due di cosa parlavano poi, di signorine da piazzare in RAI perchè il presidente Scavolini stava facendo campagna acquisti e gli serviva il voto del satiro arrapato. Poi, sempre Silvio, si faceva carico di una richiesta di Bossi, che poverino in fondo si sarebbe accontentato di guardare una fiction sul Barbarossa, magari con la borsa dell’acqua calda sulle ginocchia. Oops, non parliamo di borse dell’acqua calda, per carità.

Io temo che, pensando al suo povero inventore che inorridirà vedendo quali miserie la sua amata invenzione si sia ridotta a veicolare, al telefono non resti altro che piangere.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Flickr Photos

Blog Stats

  • 85,215 hits

Categorie