You are currently browsing the category archive for the ‘vaccinazioni’ category.

Si erano fatti scudo persino di un innocente simbolo dell’infanzia dei quaranta-cinquantenni, il mite Topo Gigio, fatto passeggiare sulle spalle dei bravi (nel senso manzoniano) Bonaiuti e Fazio nel corso di una pantomima di presentazione della campagna di vaccinazione contro il virus-spauracchio H1N1. Fazio, il compare del ministro e marito della caporiona di Federfarma, Sacconi, non aveva giurato sui suoi figli che il vaccino era sicuro, aveva fatto di peggio. Aveva promesso addirittura di vaccinarli tutti. Questo nel momento in cui qualunque medico ti diceva di lasciar perdere questo vaccino realizzato in quattro e quattr’otto e potenzialmente affatto sicuro ma di limitarsi ad usare quello tradizionale stagionale.

Dopo averci scassato la minchia con l’influenza pandemica minaccia mondiale per mesi, avete notato che adesso, sui media prostituiti ai voleri del mercato, non si parla più di influenza suina? Non dovremmo essere nel pieno del famoso picco? Non dovremmo essere tutti a letto non in piacevole compagnia ma accasciati dal virus killer?
Nessuno si chiede dove cazzo è finita la pandemia? Siamo davvero così inscimuniti dai saldi e dai recenti bagordi natalizi da non renderci conto della buggeratura che ci hanno dato? E’ così difficile fare il passo successivo e chiedersi chi ci ha guadagnato e se per caso ci sono delle responsabilità governative in questo enorme spreco di denaro?
Perchè si parla di una cifra enorme: 184 milioni di euro spesi dal governo (a carico delle casse regionali) per una pandemia che non è mai arrivata. Va bene, direte voi, se la pandemia ci fosse stata il governo si sarebbe dimostrato previdente. Giustissimo. Però un conto è tenere alla salute dei cittadini e un altro firmare dei contratti capestro ad esclusivo vantaggio di quella moderna Grande Meretrice che è BigPharma. Il governo polacco, ad esempio, non ha fatto scorte di vaccini perchè non era abbastanza convinto della gravità della minaccia.

C’è un articolo pubblicato sul Fatto Quotidiano che parla dei costi italiani dell’operazione “influenza maiala” e delle milioni di dosi che sono rimaste inutilizzate e che finiranno probabilmente per andare a male. Descrive i contratti, gli accordi, i sospetti di favoritismi e soprattutto rafforza l’impressione che lo scassamento dei mesi scorsi sia stato parte di una grande operazione di marketing virale con l’aggravante di terrorismo a mezzo stampa e diffusione di notizie false e tendenziose.

Ed è qui che capisco sempre meno i miei connazionali. Quando si parla di Sanità pubblica si lamentano in continuazione che non funziona, che ci sono gli sprechi, che è tutta inefficienza, anche quando non è vero. Sempre pronti a maledire medici e infermiere se non scattano sull’attenti per ogni fisima soprattutto dei parenti dei malati.
Va bene che il popolo che ama farsi sodomizzare sempre più a fondo dai nani non saprà mai nulla di questa enorme truffa ed estorsione ai danni della Sanità pubblica, cioè di tutti noi, visto che nessun telegiornale e giornale servo gliela racconterà.
Però costerebbe troppo, a volte, tirare la cordicella e mettere in moto il cervello e farsi delle domande, anche le più semplici: “E la famosa influenza??? Ma non dovevano esserci migliaia di morti?” “I nostri soldi spesi per i vaccini dove sono finiti?”
Macchè, gli italiani non fanno e non faranno una piega.

Ciò che mi manda in bestia è che negli ospedali mancheranno i guanti di lattice e le traverse assorbenti per i letti dei vecchi perchè si sono dovute pagare 24 milioni di dosi di un vaccino inutile al doppio del prezzo normale e indovinate di chi sarà la colpa? Non del conflitto di interessi della moglie di Sacconi; non della remissività dei governi Berlusconi nei confronti delle voglie da ninfomane di BigPharma e nemmeno della sorte che ha sventato la pandemia.
Se mancheranno i pannoloni e staremo mesi in lista d’attesa per la mammografia sarà ancora colpa dei comunisti.

P.S. Non c’entra niente ma è una domanda che mi faccio dall’altra sera. Tutte le alte cariche dello Stato hanno condannato l’attentato mafioso al tribunale di Reggio Calabria. Il presidente Napolitano, il presidente Fini, la vicepresidente della Camera Bindi, il presidente della regione Loiero. Da Berlusconi, presidente incerottato del consiglio, nulla. Non pervenuto. Perchè?
Solo una curiosità.

P.S.2 Sono andata per curiosità, ancora, a cercare sul sito dell’antibufalaio ad honorem, Attivissimo, qualche notizia sulla bufala dell’H1N1. Nulla. Forse è solo questione di tempo. Attendo con ansia.

Annunci
Il terrorismo globale non svolazza più con aeroplani sui grattacieli minacciando sfracelli e controlled demolitions ma si insinua più comodamente nelle nostre case utilizzando il portale di quella Grande Cloaca alimentata a propaganda che è diventata la televisione.
Che le notizie sulla Pandemia influenzale siano una di queste belle psyops create ad arte per spaventare i consumatori e spingerli ad acquistare il Nuovo Grande Prodotto, ovvero il vaccino miracoloso contro la Pandemia, non vi sono dubbi. Lo dice il modo schizofrenico con cui se ne parla: un uso sapiente del bastone e della carota.
Un giorno titolone a tutta pagina e quello seguente, trafiletto in cronaca. Oggi apertura del TG a tutto strillo, domani servizietto dell’esperta in marchette farmaceutiche con intervista al medico che sdrammatizza. “Il virus non muta”, “il virus non è pericoloso”. E allora, dico io, perchè cazzo dovremmo correre tutti a vaccinarci?

I motivi di questa campagna vergognosamente terroristica sono plurimi. Il più basso e infimo di grado in assoluto possiamo chiamarlo “al lavoratore non è permesso ammalarsi e mettersi in malattia” e nasce dal fatto che chi si ammala si assenta dal lavoro e tocca pagargli lo stesso le giornate. Una cosa che al capitale sta proprio qui, sul gargarozzo, come un rospo che non va né su né giù. Addirittura, il loro idolo Brunetta, dall’alto della sua efficienza, aveva pensato di punire i malati di cancro che rimangono a casa in occasione della chemio. Cosa volete che sia un pò di vomito. Su, su, a lavorare, pelandroni!
Figuriamoci se milioni di impiegati, operai e stipendiati misti dovessero restare a casa una settimana in inverno per un pò di febbre e costipazione. Chi lo manda avanti il “Sistema Paese”?

Così Big Pharma, il braccio armato di siringa del potere si inventa il bisinissi del vaccino antinfluenzale, una delle più colossali stronzate di tutti i tempi. Che, da una parte, masturba il padrone promettendogli manovalanza immune da ogni male come un esercito di termiti e dall’altra promette a sé stessa miliardi di dollari di guadagni.

Dice: “Ma i vaccini sono utili, hanno debellato le malattie più terribili”. Eh, passò quel tempo, Jenner!
Le malattie di cui si parla: poliomielite, difterite, scarlattina, vaiolo ed affini, sono scomparse solo in parte grazie ai vaccini. Senza dimenticare che le malattie spariscono anche per un processo evolutivo naturale, (chiedetelo a Yersinia Pestis), il vaccino del vaiolo, ad esempio, fu abolito, nell’ormai lontano 1977, perchè si era dimostrato più dannoso del vaiolo stesso.

Le vaccinazioni sono un fatto relativamente recente. Nel mondo circolano ancora milioni di persone che non sono state mai vaccinate e potrebbero essere contagiate, eppure certe malattie sono scomparse ugualmente.
Ancora un esempio: le persone immuni alla poliomielite sono coloro che non hanno più di cinquant’anni. Sono quelli circa della mia età, che furono sottoposti alle vaccinazioni nei primi anni sessanta, la prima volta con il vaccino Salk (alcune partite del quale erano contaminate con virus di scimmia, simili a quello che è poi diventato famoso e famigerato come HIV), e la seconda, dal 1964 in poi, con il vaccino Sabin, preparato con virus non accoppato come nel Salk, ma vivo (anche se attenuato). Se ne deduce che le persone oltre i cinquant’anni non siano coperte dalla vaccinazione antipolio. Eppure la polio non è più ricomparsa a colpire le persone non coperte dall’immunizzazione.

Per quanto riguarda le altre malattie attualmente trattate con vaccinazione preventiva: epatite B, meningite, morbillo, rosolia ecc., si tratta di vaccini che comportano una certa percentuale di rischio “effetti collaterali”. E ciò vale anche per i vaccini antinfluenzali, comunemente ritenuti innocui come caramelline Zigulì, tanto da essere somministrati alla carlona anche alla nonnina già con il passaporto pronto per l’aldilà.
Non si parla di effettucci così, di un pò di rossore cutaneo e di febbre, si parla di seri danni neurologici.
In un post precedente ho raccontato cosa accadde negli Stati Uniti nel 1976 in occasione di una campagna di vaccinazione antinfluenzale di massa condotta in fretta e senza valutarne le conseguenze: un’epidemia di casi di sindrome di Guillain-Barré, una sindrome neurologica altamente invalidante.

A parte la “Spagnola”, che uccise milioni di persone per una concatenazione di sfortunate circostanze, l’ultima grande pandemia influenzale è stata quella del 1968-69. Tutte le statistiche epidemiologiche suggeriscono che l’influenza è una malattia in calo. E’ però quella che si presta maggiormente a fungere da spauracchio per operazioni di marketing “virale” (è proprio il caso di dirlo) su scala globale.
Proprio il terrore inconscio che ispira il vaghissimo ricordo di un morbo che spazzò via milioni di persone nel 1918 permette oggi di terrorizzare le masse con minacce di altrettante micidiali sciagure in arrivo.
Eppure, chi appartiene alla classe d’età che sopravvisse la Spagnola o che contrasse le influenze del 57-58 e del 68-69, non ha mai più avuto l’influenza da allora. Tosse, raffreddore, si, ma influenza vera no.
Perchè anche l’influenza, come tutte le malattie virali, una volta contratta, ci rende immuni ad un secondo contagio. Loro, i venditori di fialette, sono pronti a dire che il virus muta, ma è una sciocchezza. Un virus muta si ma entro certi limiti e le caratteristiche base sono quelle che vengono riconosciute dall’immunità natuale, che è in grado di debellare anche le varianti del prototipo.

Il sistema più efficace di crearsi un’immunità contro la malattia provocata da qualunque tipo di antigene è di ammalarsi della malattia stessa.
Anche i sassi sanno che chi ha avuto il morbillo non lo avrà una seconda volta.
Se la medicina si concentrasse nella ricerca su come potenziare, riparare ed ottimizzare il sistema immunitario avrebbe la chiave per sconfiggere tutte le malattie, compreso il cancro.
Tutti noi conosciamo persone che non si ammalano mai, che hanno contatti intimi con portatori di malattie sessualmente trasmissibili ma non ne vengono contagiati, che superano infezioni con appena due-tre giorni di malessere, che sconfiggono il cancro e ne guariscono ripetutamente.
Queste persone non sono superuomini o superdonne, sono individui dal sistema immunitario perfetto.
Andrebbero studiati dalla mattina alla sera, impegnando mezzi, ricercatori e denaro e invece Big Pharma preferisce insistere sulla strada del vaccino per ogni cosa. Tradotto in bigpharmese significa: milioni di dosi=milioni di dollari.

Big Pharma non fa guarire la gente, non ha interesse a che il cancro sparisca (sparirebbero anche i chemioterapici) vuole solo appioppargli dei farmaci ed altri prodotti costosi o costosissimi e possibilmente inutili, così le malattie continueranno a colpirci e loro a guadagnare. Se poi gli intruglietti sono anche dannosi, chi se ne frega. Si può sempre dare la colpa a qualche virus concomitante che ti ha provocato la diarrea emorragica.
Non scandalizzatevi di questo assalto frontale alla medicina tradizionale ed all’industria farmaceutica. Qualcuno mi spieghi perchè ogni giorno sconfiggiamo il cancro in situ semplicemente con un buon uso delle cellule K e non si potrebbe trovare il modo di far funzionare le cellule K evidentemente difettose dei malati di cancro senza ammazzarle con i chemioterapici.

La cosa più triste, come vediamo dal battage pubblicitario atto a vendere ai governi milioni di dosi di un vaccino dagli effetti collaterali sconosciuti perchè non ci sarà il tempo di scoprirli e catalogarli, è che la salute pubblica diventa un dettaglio di fronte alla prospettiva di guadagno.
E’ vero che la Sanità ha un costo e per questo si giustificano le vaccinazioni di massa ma la Malattia è soprattutto business e la contraddizione si gioca sulla nostra pelle.
Big Pharma si comporta come una Wanna Marchi imbonitrice di acqua fresca e l’informazione è il suo Do Nascimiento.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Capita sempre più spesso di volgere lo sguardo al passato politico e rimpiangerlo per motivi che allora non avremmo mai immaginato.
Vedi Mastella e Giulio Andreotti ti appare un Marco Aurelio di augusta nobiltà; di fronte ai Cirini Pomicini e compagnia democristiana che ritornano, tra rose bianche e biancofiori più o meno appassiti e che sanno di morto, Aldo Moro svetta sempre di più come un everest della politica.
Guardi a Veltroni, D’Alema e Fassino e chissà perchè ripensi ai Berlinguer, ai Lama, ai Libertini, con una lacrima che ti riga la guancia.

Anche i giornalisti del passato ti fanno questo effetto. Montanelli l’hai sempre considerato un reazionario, un campione del conservatorismo borghese. Poi riascolti le sue ultime interviste e pensi che in fondo se proprio lui si scandalizzava del berlusconismo arrembante, allora il problema era proprio serio. Peccato che la borghesia italiana per opportunismo si sia fatta irretire dal cantante da night dalla voce di velluto.

In previsione di una nuova tornata elettorale, giova riproporre questo memorabile duetto tra i più grandi giornalisti italiani: Enzo Biagi e Indro Montanelli, appunto, argomento Silvio Berlusconi.
E’ la famosa intervista del “vaccino”, dove Montanelli afferma che dalla malattia Berlusconi l’Italia sarebbe guarita sono con una bella immunizzazione, con qualche anno di governo berlusconiano. Tra parentesi, questa intervista per “Il Fatto” sarebbe secondo molti la causa principale dell’allontanamento di Enzo Biagi dalla RAI, a seguito del famigerato editto bulgaro. Un esempio di uso criminoso del mezzo televisivo.

Nella seconda intervista ad Alain Elkann, Montanelli parla di censura, di fascismo, di cosa è la satira, della destra italiana che non sa andare oltre al manganello.
Ogni paese democratico rispetta la satira, dice il filoanarchico Indro, lui che ricevette un’onorificenza dagli anarchici spagnoli, e che sorride all’idea di essere considerato dal becerume della Libertà un comunista. Lui.

Peccato che sulla questione del vaccino la profezia montanelliana non si sia avverata. Ora dobbiamo stare pronti e scoprire il braccio per una dose di richiamo (altri cinque anni?) che ci inoculeranno presto, con le nuove elezioni. Indro aveva troppa fiducia negli italiani, che come elettori a volte sanno essere peggiori dei politici che votano. Rivoteranno Berlusconi, magari non come la prima volta, un richiamo appunto, meno potente ma lui andrà ancora avanti, macinando bugie, promesse, furbate e fellonie varie.
Ci immunizzeremo stavolta? Non chiedetelo a me. Non ho alcuna fiducia nei vaccini.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Capita sempre più spesso di volgere lo sguardo al passato politico e rimpiangerlo per motivi che allora non avremmo mai immaginato.
Vedi Mastella e Giulio Andreotti ti appare un Marco Aurelio di augusta nobiltà; di fronte ai Cirini Pomicini e compagnia democristiana che ritornano, tra rose bianche e biancofiori più o meno appassiti e che sanno di morto, Aldo Moro svetta sempre di più come un everest della politica.
Guardi a Veltroni, D’Alema e Fassino e chissà perchè ripensi ai Berlinguer, ai Lama, ai Libertini, con una lacrima che ti riga la guancia.

Anche i giornalisti del passato ti fanno questo effetto. Montanelli l’hai sempre considerato un reazionario, un campione del conservatorismo borghese. Poi riascolti le sue ultime interviste e pensi che in fondo se proprio lui si scandalizzava del berlusconismo arrembante, allora il problema era proprio serio. Peccato che la borghesia italiana per opportunismo si sia fatta irretire dal cantante da night dalla voce di velluto.

http://www.youtube.com/v/i1cRuGnP30Y&rel=1

In previsione di una nuova tornata elettorale, giova riproporre questo memorabile duetto tra i più grandi giornalisti italiani: Enzo Biagi e Indro Montanelli, appunto, argomento Silvio Berlusconi.
E’ la famosa intervista del “vaccino”, dove Montanelli afferma che dalla malattia Berlusconi l’Italia sarebbe guarita sono con una bella immunizzazione, con qualche anno di governo berlusconiano. Tra parentesi, questa intervista per “Il Fatto” sarebbe secondo molti la causa principale dell’allontanamento di Enzo Biagi dalla RAI, a seguito del famigerato editto bulgaro. Un esempio di uso criminoso del mezzo televisivo.

http://www.youtube.com/v/UV6Go1wP9zE&rel=1

Nella seconda intervista ad Alain Elkann, Montanelli parla di censura, di fascismo, di cosa è la satira, della destra italiana che non sa andare oltre al manganello.
Ogni paese democratico rispetta la satira, dice il filoanarchico Indro, lui che ricevette un’onorificenza dagli anarchici spagnoli, e che sorride all’idea di essere considerato dal becerume della Libertà un comunista. Lui.

Peccato che sulla questione del vaccino la profezia montanelliana non si sia avverata. Ora dobbiamo stare pronti e scoprire il braccio per una dose di richiamo (altri cinque anni?) che ci inoculeranno presto, con le nuove elezioni. Indro aveva troppa fiducia negli italiani, che come elettori a volte sanno essere peggiori dei politici che votano. Rivoteranno Berlusconi, magari non come la prima volta, un richiamo appunto, meno potente ma lui andrà ancora avanti, macinando bugie, promesse, furbate e fellonie varie.
Ci immunizzeremo stavolta? Non chiedetelo a me. Non ho alcuna fiducia nei vaccini.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

Leggo sul Corriere: “Boom dipendenze a Milano. In Usa vaccino allo studio. In tre anni i pazienti in cura per disintossicarsi aumentati del 26%. In America è all’esame della Fda una sostanza che agisce sul sistema immunitario.”
Un vaccino?! Sistema immunitario?
Vado ad approfondire, cerco i nomi del Dottor Frankenstin e della gentile consorte e trovo quest’altro trafiletto, se è possibile ancora più assurdo.

Due ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston sono al lavoro per trovare un vaccino contro la cocaina. Sono convinti che diventera’ il primo farmaco capace di arrecare davvero aiuto alle persone che vogliono smettere di farne uso.
Tom Kosten, professore di psichiatria, e sua moglie Therese, psicologa specializzata in neurologia, hanno reso noto che il vaccino da loro messo a punto (che sta attualmente superando i test clinici) quando viene assunto stimola il sistema immunitario in modo tale che il paziente non sente piu’ il bisogno di assumere coca.
Il sistema immunitario, che e’ incapace a riconoscere la cocaina o le molecole di altre sostanze stupefacenti perche’ sono troppo piccole, non puo’ produrre anticorpi per aggredirle.
Cosi’ per aiutare il sistema immunitario a riconoscere le molecole di droga, Kosten ha pensato ad una procedure affatto innovativa: attaccare cocaina ‘inattiva’ all’esterno di proteine (a loro volta inattive) di colera, che devono essere ingerite.
Queste proteine sono perfettamente ‘riconoscibili’ dal sistema immunitario, e immediatamente producono stimoli. Di fronte a questo stimolo, il sistema immunitario non solo e’ in grado di produrre anticorpi, ma arriva anche a’ vedere’ la presenza della molecola di droga, e di impedire che la molecola raggiunga il cervello, dove si generano gli effetti tipici della sostanza.
‘E’ un’idea molto brillante -ha commentato il neurologo David Eagleman-. I ricercatori hanno passato gli ultimi anni cercando di capire come riuscire a rintracciare la cocaina nel cervello e come la coca riesce a nascondersi nel sistema. Questo tipo di vaccino e’ come se aggirasse il problema’.
Kosten ha gia’ avanzato alla Federal and Drug Administration la richiesta di sottoporre il suo vaccino ai test multi-istituzionali previsti affinche’ venga riconosciuta la ‘patente’ di farmaco.

Mah, sarà che ho studiato biologia parecchi anni fa e forse non sono aggiornata ma mi pare di ricordare che le sostanze stupefacenti siano molecole e non antigeni e agiscano perchè vi sono recettori sui neuroni che si legano a queste sostanze. Esiste già da tempo immemorabile una sostanza, il naloxone, che legandosi ai recettori per la morfina è in grado di contrastarne l’effetto. E’ il farmaco che ogni tossicodipendente da morfina ed eroina dovrebbe sempre tenere in tasca perchè è in grado di salvarlo dall’overdose.
Quindi il principio è semplice e noto da tempo: per ogni sostanza agonista si trovi quella antagonista, che ne occupi i recettori.

Che cazzo c’entra con questo meccanismo il povero sistema immunitario, che è preposto ad altri compiti, come quello di riconoscere antigeni, cioè cellule (non molecole) potenzialmente dannose all’organismo, qualcuno per favore me lo spieghi.
Il meccanismo è semplice anche qui. Ogni cellula del nostro corpo è provvista, sulla sua superficie, di un marchio di riconoscimento, l’antigene di istocompatibilità (la parola antigene qui è usata in senso diverso). Ogni mia cellula ha scritto sopra Lameduck. Semplificando allo spasimo, il mio sistema immunitario, attraverso cellule specializzate, pattuglia l’organismo e se incontra una cellula sprovvista del marchio Lameduck l’attacca e altre cellule dovranno quindi produrre anticorpi che si legheranno alle cellule non-Lameduck. Il tutto sarà pappato dai macrofagi, gnam gnam.
Si parla di cellule, non di molecole: cellule neoplastiche, che nel loro dismorfismo perdono gli antigeni di istocompatibilità e vengono quindi recepite come estranee e attaccate dalle cellule k; virus, batteri.

Non riesco proprio a capire dove vogliano andare a parare i due coniugi Frankenstin. Nessun tossico si è mai disintossicato grazie al naloxone, che gli ha solo ripulito i recettori dall’eroina.
La dipendenza è un fatto anche psicologico, come ben sanno gli ex-fumatori che, pur essendo ormai disintossicati fisicamente dalla nicotina ogni tanto hanno la lampadina che si accende e dice “ora vorrei fumare”. Il sistema immunitario andrebbe potenziato nelle sue funzioni, non stimolato a fare cose che non gli competono altrimenti il prezzo da pagare sono le malattie autoimmuni, in continuo aumento, guarda caso.

Se poi c’è qualcuno che è in grado di spiegarmi che la ricerca del Dottor Frankenstin non è una stronzata ma una cosa seria, ho già pronto il mucchietto di cenere da spargermi in testa.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Leggo sul Corriere: “Boom dipendenze a Milano. In Usa vaccino allo studio. In tre anni i pazienti in cura per disintossicarsi aumentati del 26%. In America è all’esame della Fda una sostanza che agisce sul sistema immunitario.”
Un vaccino?! Sistema immunitario?
Vado ad approfondire, cerco i nomi del Dottor Frankenstin e della gentile consorte e trovo quest’altro trafiletto, se è possibile ancora più assurdo.

Due ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston sono al lavoro per trovare un vaccino contro la cocaina. Sono convinti che diventera’ il primo farmaco capace di arrecare davvero aiuto alle persone che vogliono smettere di farne uso.
Tom Kosten, professore di psichiatria, e sua moglie Therese, psicologa specializzata in neurologia, hanno reso noto che il vaccino da loro messo a punto (che sta attualmente superando i test clinici) quando viene assunto stimola il sistema immunitario in modo tale che il paziente non sente piu’ il bisogno di assumere coca.
Il sistema immunitario, che e’ incapace a riconoscere la cocaina o le molecole di altre sostanze stupefacenti perche’ sono troppo piccole, non puo’ produrre anticorpi per aggredirle.
Cosi’ per aiutare il sistema immunitario a riconoscere le molecole di droga, Kosten ha pensato ad una procedure affatto innovativa: attaccare cocaina ‘inattiva’ all’esterno di proteine (a loro volta inattive) di colera, che devono essere ingerite.
Queste proteine sono perfettamente ‘riconoscibili’ dal sistema immunitario, e immediatamente producono stimoli. Di fronte a questo stimolo, il sistema immunitario non solo e’ in grado di produrre anticorpi, ma arriva anche a’ vedere’ la presenza della molecola di droga, e di impedire che la molecola raggiunga il cervello, dove si generano gli effetti tipici della sostanza.
‘E’ un’idea molto brillante -ha commentato il neurologo David Eagleman-. I ricercatori hanno passato gli ultimi anni cercando di capire come riuscire a rintracciare la cocaina nel cervello e come la coca riesce a nascondersi nel sistema. Questo tipo di vaccino e’ come se aggirasse il problema’.
Kosten ha gia’ avanzato alla Federal and Drug Administration la richiesta di sottoporre il suo vaccino ai test multi-istituzionali previsti affinche’ venga riconosciuta la ‘patente’ di farmaco.

Mah, sarà che ho studiato biologia parecchi anni fa e forse non sono aggiornata ma mi pare di ricordare che le sostanze stupefacenti siano molecole e non antigeni e agiscano perchè vi sono recettori sui neuroni che si legano a queste sostanze. Esiste già da tempo immemorabile una sostanza, il naloxone, che legandosi ai recettori per la morfina è in grado di contrastarne l’effetto. E’ il farmaco che ogni tossicodipendente da morfina ed eroina dovrebbe sempre tenere in tasca perchè è in grado di salvarlo dall’overdose.
Quindi il principio è semplice e noto da tempo: per ogni sostanza agonista si trovi quella antagonista, che ne occupi i recettori.

Che cazzo c’entra con questo meccanismo il povero sistema immunitario, che è preposto ad altri compiti, come quello di riconoscere antigeni, cioè cellule (non molecole) potenzialmente dannose all’organismo, qualcuno per favore me lo spieghi.
Il meccanismo è semplice anche qui. Ogni cellula del nostro corpo è provvista, sulla sua superficie, di un marchio di riconoscimento, l’antigene di istocompatibilità (la parola antigene qui è usata in senso diverso). Ogni mia cellula ha scritto sopra Lameduck. Semplificando allo spasimo, il mio sistema immunitario, attraverso cellule specializzate, pattuglia l’organismo e se incontra una cellula sprovvista del marchio Lameduck l’attacca e altre cellule dovranno quindi produrre anticorpi che si legheranno alle cellule non-Lameduck. Il tutto sarà pappato dai macrofagi, gnam gnam.
Si parla di cellule, non di molecole: cellule neoplastiche, che nel loro dismorfismo perdono gli antigeni di istocompatibilità e vengono quindi recepite come estranee e attaccate dalle cellule k; virus, batteri.

Non riesco proprio a capire dove vogliano andare a parare i due coniugi Frankenstin. Nessun tossico si è mai disintossicato grazie al naloxone, che gli ha solo ripulito i recettori dall’eroina.
La dipendenza è un fatto anche psicologico, come ben sanno gli ex-fumatori che, pur essendo ormai disintossicati fisicamente dalla nicotina ogni tanto hanno la lampadina che si accende e dice “ora vorrei fumare”. Il sistema immunitario andrebbe potenziato nelle sue funzioni, non stimolato a fare cose che non gli competono altrimenti il prezzo da pagare sono le malattie autoimmuni, in continuo aumento, guarda caso.

Se poi c’è qualcuno che è in grado di spiegarmi che la ricerca del Dottor Frankenstin non è una stronzata ma una cosa seria, ho già pronto il mucchietto di cenere da spargermi in testa.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Il presidente americano Gerald Ford si fa vaccinare contro l’influenza suina durante la campagna di vaccinazione di massa del 1976, voluta dal governo americano per fronteggiare il rischio di una pandemia paventata simile a quella catastrofica del 1918, passata alla storia come la “Spagnola”.
Tutto era cominciato con la morte di un soldato a Fort Dix, una base militare nel New Jersey, per una polmonite fulminante attribuita ad un virus simile a quello dell’influenza suina.

La pandemia del 1918 aveva avuto principio proprio dall’infezione di un gruppo di militari che stazionavano nei pressi di un allevamento di suini.
Quella pandemia, estesasi dagli Stati Uniti a tutto il mondo, provocò la morte di 50 milioni di persone, 500.000 solo negli Stati Uniti e 650.000 in Italia. Era una malattia che colpiva e uccideva soprattutto i giovani con impressionante rapidità. Non era infrequente che chi cominciava a tossire la mattina, a sera tardi fosse già morto. Vi furono casi in cui furono decimate intere platee di spettatori teatrali e cinematografici.

Le ipotesi più recenti sull’origine dell’infezione fanno supporre che i maiali dell’allevamento famoso fossero stati infettati da un ceppo di influenza aviaria portato da uccelli migratori. Il virus si sarebbe ricombinato nei suini e, in seguito all’incendio dell’allevamento, una nube tossica avrebbe portato sull’accampamento militare il virus mortale. Tutto sommato una concatenazione di eventi sfortunati piuttosto difficile da riprodurre.

Ad ogni modo, memori della tragedia del 1918, le autorità sanitarie americane, appena sentono parlare di soldati morti per un qualcosa che assomiglia all’influenza premono sull’amministrazione Ford affinchè venga avviata una campagna di vaccinazione di massa.
Il Congresso approva quindi lo stanziamento di 135 milioni di dollari per vaccinare 200 miioni di americani, quasi il 95% della popolazione.
Preparare il vaccino non è però cosa facile e tanto meno rapida. Da un lato, prendendo tempo, si rischierebbe di arrivare alla somministrazione a pandemia già iniziata. Dall’altro, affrettando la preparazione di un vaccino si correrebbe il rischio di sottovalutare eventuali effetti collaterali.
Si propende per mettere a punto il vaccino il più presto possibile, anche contro il parere di diversi ricercatori. Gerald Ford è in campagna elettorale e se riuscisse a diventare il candidato che ha salvato un popolo da una pandemia la rielezione sarebbe sicura.

Iniziano le somministrazioni del vaccino, compreso il presidente cavia consapevole, ma iniziano anche i guai.
E’ noto che tra le reazioni avverse a molti vaccini vi sono sindromi neurologiche anche gravi, provocate pare da uno scompenso del sistema immunitario.
Nel 1976, a seguito della campagna di vaccinazione contro la paventata pandemia di influenza suina, negli Stati Uniti si ebbero almeno 535 casi di Sindrome di Guillain-Barre, una grave forma di paralisi periferica, 23 dei quali mortali. Un bilancio ben più pesante di quello della malattia che doveva combattere.
Le autorità furono accusate di aver nascosto il rischio di insorgenza della sindrome di Guillain-Barre nonostante pervenissero le notizie di sempre nuovi casi intervenuti dopo la vaccinazione. Il programma fu annullato, mentre iniziavano ad arrivare le richieste di risarcimento.
La pandemia, per fortuna, non si verificò. Altri casi di infezione riscontrati nel paese ed erroneamente attribuiti al virus dell’influenza risultarono dovuti invece a legionella, un batterio.
Questo episodio è passato alla storia come il grande fiasco della vaccinazione di massa del 1976.
Si disse che, a causa di questo disastro, il presidente Ford perse le elezioni.

Ho ricordato questo precedente perchè abbiamo in Italia alcuni casi di meningite da meningococco e le autorità di Treviso stanno predisponendo una vaccinazione di massa della popolazione. Ieri è stato intervistato in TV il ricercatore che ha messo a punto il vaccino, il quale ha gridato “vaccinatevi, vaccinatevi!”. Va bene, ma ricordiamo che i vaccini possono provocare sindromi neurologiche anche gravi, come dimostra il caso americano sopra esposto e la relazione ipotizzata tra vaccinazione contro l’epatite B e l’aumento di relapses di sclerosi multipla.

Gli interessi che gravitano attorno ai vaccini sono enormi per Big Pharma. La vaccinazione antinfluenzale, somministrata a tappeto a milioni di anziani, la vaccinazione contro il papilloma virus alle ragazzine e ora questa profilassi antimeningite. Tutte cose buone (io personalmente sono contraria ai vaccini ma è una posizione che non pretendo sia condivisa) ma esigiamo informazione anche sui possibili effetti collaterali.
Si parlava prima di risarcimento alle vittime di neuropatie iatrogene. Cito da una puntata di “Report” del 2006 dedicata all’argomento pandemie :

Nel 1976, quando il governo decise di somministrare il vaccino a tutti (donne, uomini, bambini) le assicurazioni si rifiutarono di stipulare polizze a coloro che avevano preso i vaccini, non vollero quindi prendersi nessuna responsabilità in merito e le case produttrici minacciarono di non produrre più il vaccino. Allora il governo si prese la responsabilità.
Furono quattro mila i danneggiati che chiesero al Governo risarcimenti astronomici.
Il 50% di chi fece causa al governo ottenne un risarcimento.
Oggi, con il provvedimento firmato lo scorso dicembre [2005] nessuno potrebbe più pretendere nulla e l’amministrazione Bush non ha destinato un dollaro per coprire i danni per ora sono le industrie farmaceutiche a beneficiare di una pandemia che forse mai ci sarà. Questo, grazie soprattutto alla compattezza della maggioranza repubblicana… e grazie al leader repubblicano al senato Bill Frist.

Ci si riferisce ad una legge dell’amministrazione Bush che libera le multinazionali del farmaco dalla responsabilità di dover risarcire le vittime di eventuali effetti collaterali di farmaci e vaccini. Un bel regalone per Big Pharma e tanta sicurezza in meno per noi consumatori.

La meningite è una malattia molto grave ma se un medico è in grado di riconoscerla dai sintomi inequivocabili e non la liquida come la solita “influenza” dimettendovi e consigliando solo un Efferalgan come capitò a me (e per fortuna la mia era di tipo virale), è curabilissima con gli antibiotici.

Speriamo che le autorità che ordinano la puntura generalizzata perchè alcuni casi si sono concentrati in un bar siano a conoscenza degli eventuali rischi vaccinali e, a differenza degli Stati Uniti, siano in grado di risarcirci in caso di danni collaterali.

Il presidente americano Gerald Ford si fa vaccinare contro l’influenza suina durante la campagna di vaccinazione di massa del 1976, voluta dal governo americano per fronteggiare il rischio di una pandemia paventata simile a quella catastrofica del 1918, passata alla storia come la “Spagnola”.
Tutto era cominciato con la morte di un soldato a Fort Dix, una base militare nel New Jersey, per una polmonite fulminante attribuita ad un virus simile a quello dell’influenza suina.

La pandemia del 1918 aveva avuto principio proprio dall’infezione di un gruppo di militari che stazionavano nei pressi di un allevamento di suini.
Quella pandemia, estesasi dagli Stati Uniti a tutto il mondo, provocò la morte di 50 milioni di persone, 500.000 solo negli Stati Uniti e 650.000 in Italia. Era una malattia che colpiva e uccideva soprattutto i giovani con impressionante rapidità. Non era infrequente che chi cominciava a tossire la mattina, a sera tardi fosse già morto. Vi furono casi in cui furono decimate intere platee di spettatori teatrali e cinematografici.

Le ipotesi più recenti sull’origine dell’infezione fanno supporre che i maiali dell’allevamento famoso fossero stati infettati da un ceppo di influenza aviaria portato da uccelli migratori. Il virus si sarebbe ricombinato nei suini e, in seguito all’incendio dell’allevamento, una nube tossica avrebbe portato sull’accampamento militare il virus mortale. Tutto sommato una concatenazione di eventi sfortunati piuttosto difficile da riprodurre.

Ad ogni modo, memori della tragedia del 1918, le autorità sanitarie americane, appena sentono parlare di soldati morti per un qualcosa che assomiglia all’influenza premono sull’amministrazione Ford affinchè venga avviata una campagna di vaccinazione di massa.
Il Congresso approva quindi lo stanziamento di 135 milioni di dollari per vaccinare 200 miioni di americani, quasi il 95% della popolazione.
Preparare il vaccino non è però cosa facile e tanto meno rapida. Da un lato, prendendo tempo, si rischierebbe di arrivare alla somministrazione a pandemia già iniziata. Dall’altro, affrettando la preparazione di un vaccino si correrebbe il rischio di sottovalutare eventuali effetti collaterali.
Si propende per mettere a punto il vaccino il più presto possibile, anche contro il parere di diversi ricercatori. Gerald Ford è in campagna elettorale e se riuscisse a diventare il candidato che ha salvato un popolo da una pandemia la rielezione sarebbe sicura.

Iniziano le somministrazioni del vaccino, compreso il presidente cavia consapevole, ma iniziano anche i guai.
E’ noto che tra le reazioni avverse a molti vaccini vi sono sindromi neurologiche anche gravi, provocate pare da uno scompenso del sistema immunitario.
Nel 1976, a seguito della campagna di vaccinazione contro la paventata pandemia di influenza suina, negli Stati Uniti si ebbero almeno 535 casi di Sindrome di Guillain-Barre, una grave forma di paralisi periferica, 23 dei quali mortali. Un bilancio ben più pesante di quello della malattia che doveva combattere.
Le autorità furono accusate di aver nascosto il rischio di insorgenza della sindrome di Guillain-Barre nonostante pervenissero le notizie di sempre nuovi casi intervenuti dopo la vaccinazione. Il programma fu annullato, mentre iniziavano ad arrivare le richieste di risarcimento.
La pandemia, per fortuna, non si verificò. Altri casi di infezione riscontrati nel paese ed erroneamente attribuiti al virus dell’influenza risultarono dovuti invece a legionella, un batterio.
Questo episodio è passato alla storia come il grande fiasco della vaccinazione di massa del 1976.
Si disse che, a causa di questo disastro, il presidente Ford perse le elezioni.

Ho ricordato questo precedente perchè abbiamo in Italia alcuni casi di meningite da meningococco e le autorità di Treviso stanno predisponendo una vaccinazione di massa della popolazione. Ieri è stato intervistato in TV il ricercatore che ha messo a punto il vaccino, il quale ha gridato “vaccinatevi, vaccinatevi!”. Va bene, ma ricordiamo che i vaccini possono provocare sindromi neurologiche anche gravi, come dimostra il caso americano sopra esposto e la relazione ipotizzata tra vaccinazione contro l’epatite B e l’aumento di relapses di sclerosi multipla.

Gli interessi che gravitano attorno ai vaccini sono enormi per Big Pharma. La vaccinazione antinfluenzale, somministrata a tappeto a milioni di anziani, la vaccinazione contro il papilloma virus alle ragazzine e ora questa profilassi antimeningite. Tutte cose buone (io personalmente sono contraria ai vaccini ma è una posizione che non pretendo sia condivisa) ma esigiamo informazione anche sui possibili effetti collaterali.
Si parlava prima di risarcimento alle vittime di neuropatie iatrogene. Cito da una puntata di “Report” del 2006 dedicata all’argomento pandemie :

Nel 1976, quando il governo decise di somministrare il vaccino a tutti (donne, uomini, bambini) le assicurazioni si rifiutarono di stipulare polizze a coloro che avevano preso i vaccini, non vollero quindi prendersi nessuna responsabilità in merito e le case produttrici minacciarono di non produrre più il vaccino. Allora il governo si prese la responsabilità.
Furono quattro mila i danneggiati che chiesero al Governo risarcimenti astronomici.
Il 50% di chi fece causa al governo ottenne un risarcimento.
Oggi, con il provvedimento firmato lo scorso dicembre [2005] nessuno potrebbe più pretendere nulla e l’amministrazione Bush non ha destinato un dollaro per coprire i danni per ora sono le industrie farmaceutiche a beneficiare di una pandemia che forse mai ci sarà. Questo, grazie soprattutto alla compattezza della maggioranza repubblicana… e grazie al leader repubblicano al senato Bill Frist.

Ci si riferisce ad una legge dell’amministrazione Bush che libera le multinazionali del farmaco dalla responsabilità di dover risarcire le vittime di eventuali effetti collaterali di farmaci e vaccini. Un bel regalone per Big Pharma e tanta sicurezza in meno per noi consumatori.

La meningite è una malattia molto grave ma se un medico è in grado di riconoscerla dai sintomi inequivocabili e non la liquida come la solita “influenza” dimettendovi e consigliando solo un Efferalgan come capitò a me (e per fortuna la mia era di tipo virale), è curabilissima con gli antibiotici.

Speriamo che le autorità che ordinano la puntura generalizzata perchè alcuni casi si sono concentrati in un bar siano a conoscenza degli eventuali rischi vaccinali e, a differenza degli Stati Uniti, siano in grado di risarcirci in caso di danni collaterali.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Tempo ancora una settimana e vedrete che comincerà in tutti i telegiornali l’annuale campagna per la vaccinazione antinfluenzale e avranno il coraggio di rivenderci ancora l’aviaria, un vero flop tranne che per i disgraziati uccelli che sono stati sterminati a migliaia.

La cosa che inevitabilmente ogni anno di questi tempi mi chiedo è la seguente: ma poi questa influenza, questa terribile pandemia è arrivata ed è stata virulenta come dicevano?

L’anno scorso a marzo le circolari dell’OMS mettevano in guardia contro pandemie spaventose, tra le quali proprio l’aviaria che si sarebbe propagata agli umani con conseguenze peggiori della famigerata Spagnola.
A fine settembre iniziò il battage pubblicitario e come risultato di una vera e propria campagna “de paura” corredata ogni giorno da immagini di uccelli gasati da uomini in tute anticontaminazione, si registrò il 20% in più di vaccinazioni per i soggetti a rischio e il 30% per quelle persone che non presentano gravi patologie e che normalmente non fanno uso del vaccino. Un successo.
Teniamo presente che nel 2004 si erano vaccinati circa 13 milioni di italiani: 11 milioni tra le persone a rischio, ovvero anziani oltre i 65 anni, persone e bambini con malattie croniche, medici e operatori sanitari di assistenza, per le quali il medicinale è gratuito, ovvero a carico del SSN e gli altri 2 milioni che decisero autonomamente di vaccinarsi acquistando il vaccino nelle farmacie.

Ma allora come è andata l’epidemia influenzale? Secondo l’annuale circolare del ministero della Salute la stagione epidemica 2005-2006 è stata quella con la più bassa incidenza degli ultimi sei anni di sorveglianza.
Gli esperti dichiarano che, durante la seconda settimana del 2006, vi è stata un’incidenza totale pari a 1,52 casi ogni 1000 assistiti dai medici sentinella. Per quanto riguarda la sorveglianza virologica, solo il 4% dei campioni clinici è risultato positivo per il virus dell’influenza vera e propria, il che vuol dire che nel 96% dei casi si trattava di banale sindrome influenzale. Shakespeare avrebbe detto “molto rumore per nulla”.
Beh, meno male, forse merito proprio del vaccino? Difficile saperlo, non avendo sotto mano dati relativi al numero totale di casi in Italia, non sapendo quanti erano i medici sentinella ecc. In ogni caso la popolazione generale italiana comprende quasi 59 milioni di individui, 46 milioni dei quali non si vaccinarono.

Quest’anno come andrà? Ci dicono che l’influenza ha andamento biennale, quindi se quest’anno ha colpito poco, andrà male il prossimo. E poi c’è sempre lo spauracchio del ritorno del pollo assassino e della Spagnola (che comunque si verificò nel 1918 per una sequenza piuttosto eccezionale di condizioni) .

Nella circolare del ministero viene infine indicato l’obiettivo ottimale di copertura vaccinale, ovvero quanti di noi dovrebbero vaccinarsi quest’anno contro l’influenza: minimo/massimo 19.800.000/26.500.000 soggetti.
Che tradotto in cifre significa tra i 166 e 223 milioni di euro di incassi per le case farmaceutiche (calcolando il prezzo medio di 8 euro a confezione). Una bella cifra.

Flickr Photos

Blog Stats

  • 85,215 hits

Categorie