You are currently browsing the category archive for the ‘what if’ category.

Un mondo senza uomini. No, non è un delirio separatista iperfemminista o una sciagurata evenienza che ci priverebbe per sempre dei nostri amatissimi compagni di lavoro, amici, mariti ed amanti.
Qui ci riferiamo agli uomini come specie. All’Uomo, quindi.
Devono esserci rischi proprio gravi se si sono decisi a sedersi attorno ad un tavolo a discutere di ambiente, riscaldamento globale e cambiamenti climatici. Compresi coloro che hanno sempre svuotato i portacenere senza rispetto fuori dal finestrino, gli americani, e gli attuali maggiori inquinatori mondiali, sia per numero che per quantità di sostanze tossiche, i cinesi.
A proposito, mi piacerebbe sapere se c’è ancora e se non c’è più dove è finita quella famosa gigantesca nube tossica che aleggiava nel 2005 sul continente asiatico.

Se vi è sembrato scioccante – a me è parso solo una paraculata con uso furbetto di bambini – il corto presentato all’inaugurazione della conferenza di Copenhagen allora guardatevi questo bellissimo documentario di History Channel, “La terra dopo l’uomo”, i cui argomenti sono trattati anche dal libro “Il mondo senza di noi”, di Alan Weisman.
Cosa succederebbe al pianeta Terra nella malaugurata (per noi) evenienza che un cataclisma o un virus mortale – altro che suina, eradicasse la specie umana?

Il documentario illustra, su base scientifica e dati preesistenti su zone spopolate del pianeta, cosa accadrebbe 1 – 10 – 100 – 1000 e più anni dalla scomparsa dell’uomo.
Da un punto di vista antropocentrico sarebbe una catastrofe. Pressocché tutte le nostre opere architettoniche, tranne paradossalmente quelle in pietra dell’antichità come le piramidi egizie, verrebbero distrutte. La nostra cultura, affidata a supporti deperibili come la carta stampata, la pellicola cinematografica, i supporti magnetici, verrebbe perduta per sempre, anch’essa corrosa dagli agenti atmosferici. Anche in questo caso sopravviverebbero i geroglifici egizi e non i film di Kubrick. La nostra civiltà, dipendente quasi interamente dall’energia, non sopravviverebbe allo spegnimento delle centrali ed alla mancanza di manutenzione.

Per la natura sarebbe solo un riappropriarsi del suo spazio. La vegetazione coprirebbe le città, gli animali si riadatterebbero ad un ecosistema basato sul binomio preda-predatore e ripopolerebbero l’ambiente.
Gli animali domestici, dipendenti dall’uomo per il procacciamento del cibo, a parte il caso dei cani di taglia piccola che non sopravviverebbero, avrebbero modo di adattarsi ad un mondo human-free. I gatti, ad esempio, potrebbero tornare al loro antico status di predatori, cibandosi di topolini e uccelli. I cani di razza più simile al lupo non solo sopravviverebbero ma, incrociandosi con i lupi, riprenderebbero possesso dei territori di caccia di un tempo.
Il mare trarrebbe solo beneficio dalla scomparsa di navi, pescherecci e rifiuti umani. In pochi anni pullulerebbe di vita come non mai.

La conclusione angosciante che si trae dalla visione del documentario è che la scomparsa dell’uomo sarebbe una tragedia solo per noi. Il pianeta andrebbe avanti ed anzi, ne avrebbe vantaggio.

Forse aveva ragione l’agente Smith, il personaggio di Matrix, nel definire l’essere umano come virus. Una forma di vita dannosa che, se non troverà il modo di convivere con l’ambiente rispettandolo, verrà da esso distrutta e della quale, una volta sparita, non resterà nemmeno un brutto ricordo.

Flickr Photos

onlookers

Renzistein Junior

Von Trierweiler's Nymphomaniac

Eurodeliri

Altre foto

Blog Stats

  • 82,961 hits

Categorie